Marcello Carli: “Il gruppo è da completare. L’idea è di migliorare la squadra”

Marcello Carli: “Il gruppo è da completare. L’idea è di migliorare la squadra”

All’indomani del raduno azzurro ha parlato il direttore sportivo, Carli, rilasciando un’intervista ai colleghi de “Il Tirreno”. Carli parla di questo avvio di stagione e di come sia comprensibile che l’Empoli di oggi sia un cantiere ancora aperto. Ma non c’è fretta, questo su tutto è il messaggio

Commenta per primo!

carli intAll’indomani del raduno azzurro ha parlato il direttore sportivo, Carli, rilasciando un’intervista ai colleghi de “Il Tirreno”. Carli parla di questo avvio di stagione e di come sia comprensibile che l’Empoli di oggi sia un cantiere ancora aperto. Ma non c’è fretta, questo su tutto è il messaggio che lascia il Ds, che con serenità sottolinea ancora di come in questo mercato ci si debba muovere bene e meglio rispetto al passato.   «Intanto partiamo e sicuramente partiamo con una squadra incompleta – sentenzia il ds Carli con la solita franchezza – l’ho detto anche ai ragazzi, negli spogliatoi. È un gruppo da completare».    Come? «Con interventi in ogni reparto, in linea di massima. Questa è l’idea, poi è chiaro che molto dipenderà dal mercato, dalle occasioni che verranno a crearsi e naturalmente dal fatto se saremo bravi a coglierle o meno. D’altra parte completare non è sinonimo di migliorare»   In che senso? «Che l’idea è quella di migliorare la squadra, ma il verdetto lo darà il campo. Se sbagliamo qualcosa potremmo anche finire per peggiorarla»   Per questo state prendendo tempo? «Stiamo prendendo tempo perché ad oggi essere in pochi secondo noi è un vantaggio. Intanto si può lavorare meglio e il mister avrà modo di valutare con attenzione anche i tanti giovani che sono in gruppo, poi c’è la possibilità di cogliere le occasioni senza dover aspettare, magari, di fare una cessione prima di poter perfezionare un acquisto»   Ma c’è qualche operazione che può chiudersi in fretta? «Ad oggi vi dico di no. Ma il mercato ha le sue regole e in pochi minuti può succedere quello che non è successo per giorni, settimana. Ci stiamo guardando intorno, seguendo anche le indicazioni di Giampaolo e cercando di non sbagliare. Di sicuro non faremo operazioni tanto per farle, ma dovremo essere convinti»   E il rischio di perdere altri gioielli? «Quello c’è sempre. L’Empoli non può fare finta di niente davanti a offerte di un certo tipo. Ma abbiamo avuto la forza di dire di no ad una molta importante, quella del Napoli per Saponara, e di sicuro non svendiamo i nostri giocatori. Sono bravi e chi li vuole dovrà pagarli per quanto valgono»

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy