Marcello Carli: “Levan trattato come un delinquente”

Marcello Carli: “Levan trattato come un delinquente”

Tiene banco in casa azzurra il caso Levan. Inutile rifare la storia che conosciamo bene, una storia che se aveva già fatto arrabbiare non poco per una ingiusta espulsione, ieri ha mandato tutti in bestia per l’accanimento del giudice sportivo. Sull’argomento è tornato anche il ds Carli che ha spie

Commenta per primo!

Tiene banco in casa azzurra il caso Levan. Inutile rifare la storia che conosciamo bene, una storia che se aveva già fatto arrabbiare non poco per una ingiusta espulsione, ieri ha mandato tutti in bestia per l’accanimento del giudice sportivo. Sull’argomento è tornato anche il ds Carli che ha spiegato sulle odierne pagine de “Il Tirreno”, il perchè la società andrà fino in fono con il ricorso.   ” Confermo che faremo ricorso e non perchè si voglia permettere a Levan di giocare una partita in più o in meno, ma perchè non è giusto che Levan venga trattato come un giocatore violento, quasi un delinquente. Non ho ancora capito il perchè dell’espulsione, figuriamoci le tre giornate di squalifica. Siamo già passati da una situazione simile con Saponara, in quell’occasione decidemmo di non fare ricorso perchè eravamo tutti convinti, Riccardo in primis, che il giocatore avesse fatto un errore, ma Levan no, non ha fatto niente e dargli tre giornate e soltanto un accanimento nei confronti di un ragazzo che non lo merita. Lunedi sera, alla fine della partita ha pianto per un ora e mezzo, Levan non merita questo, andremo fino in fondo perchè venga fatta giustizia, siamo tutti vicini a Levan.”   carli

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy