Marcello Carli: ” Di perdere ci poteva stare. Adesso testa bassa e pedalare”

Marcello Carli: ” Di perdere ci poteva stare. Adesso testa bassa e pedalare”

All’indomani del KO interno contro il Novara, arrivato dopo un’ottima striscia positiva, ma soprattutto dopo il lungo stop imposto dalla Lega, ha parlato il Ds Marcello Carli. Lo ha fatto attraverso i taccuini de “Il Tirreno” nell’intervista raccolta dal collega David Biuzzi che vi riportiamo. &nbs

Commenta per primo!

All’indomani del KO interno contro il Novara, arrivato dopo un’ottima striscia positiva, ma soprattutto dopo il lungo stop imposto dalla Lega, ha parlato il Ds Marcello Carli. Lo ha fatto attraverso i taccuini de “Il Tirreno” nell’intervista raccolta dal collega David Biuzzi che vi riportiamo.   Dopo il lungo stop è arrivata la sconfitta interna con il Novara che interrompe una striscia positiva di due mesi e mezzo… Quella con il Novara è una sconfitta che ci sta. Ci ha lasciato l’amaro in bocca, è vero, ma senza esagerare. Sapevamo di non essere imbattibili, ed ora, siamo si incavolati ma anche sereni.”   Anche Sarri ha detto che non ha niente da rimproverare alla squadra… Concordo, la nostra non è stata una prova drammatica. Non ci siamo espressi al meglio, questo è chiaro, ma abbiamo anche trovato il peggior avversario che potesse capitarci.”   In che senso? Che il Novara ha poco a che fare con la classifica che ha. E’ figlia di un avvio difficile ma, da quando c’è Aglietti, sta facendo bene. Loro sono stati bravi, questo va detto, ma anche gli episodi sono girati a favore loro nel corso del match.”   L’impressione è che l’Empoli abbia tenuto bene il campo ma giocando sotto ritmo? Una sosta lunga come questa puo’ togliere qualcosa sotto il profilo dell’intensità agonistica. Va poi detto che l’Empoli è una squadra che ha bisogno di girare a mille per raccogliere i frutti di quanto prodotto. Delle difficoltà potevano starci, ne eravamo consapevoli.”   Ma quanto tempo servirà per ritrovare lo smalto del periodo d’oro? Difficile dirlo. Però sappiamo che d’ora in poi per noi sarà tutto più difficile. Molti avversari, come ha fatto il Novara, verrano qui per principalmente a chiuderci gli spazi, e quando capiterà, come sabato scorso, di avere qualche singolo sottotono, tutto sarà più complicato.”   E ora, come se non bastasse, ci sono le prime due della classe… Già, ma sono partite che a livello di motivazioni si preparano da sole. L’importante adesso è che non cambi niente nella mente dei ragazzi, questo campionato ci ha insegnato che ch sta sul pezzo e lavora bene, viene premiato. Quindi la ricetta è quella di stare a testa bassa e pedalare.”   E sul mercato cosa succederà? Negli ultimi giorni di trattativa, si sa, puo’ sempre succedere di tutto. Per quanto riguarda noi, nello specifico, non mi stupirei se acadesse l’esatto contratio, ovvero, niente. Con l’arrivo di Casoli, che si sta integrando bene, ed ha già iniziato a darci una mano, siamo apposto, direi che siamo anche troppi.”    

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy