Mario Rui a PE: “Felice di essere in azzurro”

Mario Rui a PE: “Felice di essere in azzurro”

In attesa di conoscerlo meglio nel giorno del raduno , in cui verrà presentato ufficialmente, abbiamo contattato il neo azzurro Mario Rui. Il lusitano si sta godendo gli ultimi giorni di ferie nella sua nazione.   Salve Rui, allora adesso possiamo parlare di te come di un nuovo elemento dell’E

Commenta per primo!

In attesa di conoscerlo meglio nel giorno del raduno , in cui verrà presentato ufficialmente, abbiamo contattato il neo azzurro Mario Rui. Il lusitano si sta godendo gli ultimi giorni di ferie nella sua nazione.   Salve Rui, allora adesso possiamo parlare di te come di un nuovo elemento dell’Empoli. Quali sono le tue prime sensazioni? Sono contento, è un club che conosco e di cui si sente parlare un gran bene. So che potro’ lavorare bene per crescere sempre di più.”   Si pensava ad un certo punto che il tuo futuro fosse in Portogallo? Ho letto anche io su internet ma non c’era niente, anzi ai dirigenti del Parma io ho sempre detto che volevo restare in Italia. Ripeto quindi la mia soddisfazione per la scelta che poi la società (il Parma, ndr.) ha fatto.”   Si parla di te come di un terzino sinistro puro ma sappiamo che puoi giocare anche sulla mediana… Diciamo che di certo c’è che sono un esterno sinistro. Il mio ruolo naturale è comunque quello del terzino anche se amo molto la fase offensiva, spingendomi avanti e cercando il traversone. Se di bisogno però posso fare anche il centrocampista.”   Che cosa ti aspetti per la prossima stagione? Come ti ho già detto di continuare il mio percorso di crescita. Mi allenerò ogni giorno con grande professionalità e dedizione cercando di potermi mettere in mostra e giocare, giocare il più possibile. Quella dell’Empoli è una buona squadra, con ottimi giocatori e dovrò davvero dare il massimo per essere all’altezza.”   Hai già avuto modo di parlare con il tecnico, Sarri? No, ancora no. Ormai ci conosceremo personalmente nel ritiro. Mi hanno però parlato un gran bene di lui, sia come uomo che come allenatore. Non vedo l’ora di iniziare.”   Alessio Cocchi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy