Mercato Azzurro: Il punto ad oggi

Mercato Azzurro: Il punto ad oggi

Con quella di oggi, domenica 29 Gennaio, restano tre giornate piene per chiudere le ultime trattative di mercato e poter cercare di rittoccare la squadra andando anche a sistemare quei giocatori che ad oggi rischiano di non trovare più spazio. Saranno tre giornate, soprattutto quelle di domani e do

Commenta per primo!

Con quella di oggi, domenica 29 Gennaio, restano tre giornate piene per chiudere le ultime trattative di mercato e poter cercare di rittoccare la squadra andando anche a sistemare quei giocatori che ad oggi rischiano di non trovare più spazio. Saranno tre giornate, soprattutto quelle di domani e dopodomani, molto intense, dalle quali potrebbero uscire situazioni interessanti ed anche clamorose. Proviamo a fare il punto della situazione.   In entrata, anche stando a quello che ha detto ieri ai nostri microfoni il Presidente Corsi, dovrebbero esserci un paio di innesti. Uno, quasi scontato, dovrebbe essere quello del mediano, un giocatore che abbia visione di gioco e magari una condizione fisica, soprattutto in termini di velocità, accettabile fin da subito. I dirigenti azzurri si sono incapuniti nelle ultime giornate sul giocatore del Bologna Casarini, e molto probabilmente si cercherà anche nelle prossime ore di far fruttare tutte la avanches fatte verso uno che comunque ha fatto ampiamente capire che non ha molta voglia di vestirsi di azzurro. Resta sempre aperta la pista che porta a Bottone del Frosinone, società con la quale c’è un ottimo rapporto e con la quale si potrebbe parlare anche di Cesaretti (sotto spieghiamo meglio).   Non è a questo punto da escludere che la seconda pedina possa essere un attaccante, questo lo diciamo non per una convinzione ma in relazione al fatto che in questi ultimi giorni di mercato l’Empoli potrebbe addirittura perdere tre attaccanti dell’attuale rosa, anche se, il ritorno anticipato di Tavano ed i due georgiani dovrebbero essere sufficenti assieme a Big Mac. Allora non potrebbe a questo punto essere blasfemo se la società azzurra andasse su un esterno, per capirci una alla Lanzafame che sembrava molto vicino ad accasarsi ad Empoli ma che ora non dovrebbe muoversi da Catania.   In uscita ci sono tre situazioni molto importanti, e come detto sopra che riguradano tutti attaccanti. Il primo è Cesaretti, per il quale si farà di tutto per mandarlo a giocare anche se il giocatore ha fatto capire che se deve scendere di categoria nella sua testa c’è solo il Frosinone, società e città, dove gode di una grande stima. Ecco perchè dicevamo sopra che alla fine potrebbe essere proprio Cesaretti l’ago della bilancia per arrivare a Bottone. Una situazione che alcune settimane fa la società ciociara aveva messo in standbye ma che adesso, con la campanella che sta per suonare, si potrebbe concrettizzare. Da dire che Cesaretti ha rifiutato il Latina proprio per non fare uno sgarbo ai canarini.   Poi c’è Dumitru. L’italo-romeno ha praticamente chiuso la sua esperienza ad Empoli, fallita sotto ogni punto di vista, con quello umano non per ultimo. Su di lui ci sono però in ballo molti soldi, soldi importanti che appartengono all’ambizioso Napoli. Dovranno essere quindi i partenopei ad avere l’ultima parola, ma non è escluso che di comune accordo si decida per mandare il giocatore in un’altra piazza, dove magari abbia anche una continuità di presenza e per questo il Pisa si sarebbe fatto avanti per avere l’ex bomber della Primavera azzurra.   Ultimo ma primo per importanza il discorso su Coralli. Il giocatore è a tutti gli effetti sul mercato, ma per sua scelta e non certo perchè sia la società a volersene privare. Abbiamo già spiegato a grosse linee il perchè di questa situazione, adesso starà al giocatore capire cosa meglio per lui e quindi in questi giorni prendere magari accordi con terze parti per lo spicchio finale di stagione. Non vogliamo fare filosofie in questo pezzo, crediamo solo che la gara di ieri abbia chiarito che non ci sono colpe “ad personam” ed il Cobra dovrebbe quindi capire e rendersi conto di quanto ancora possa fare per il suo Empoli. Detto questo diciamo che la Reggina, annusando la possibile partenza di Coralli avrebbe già aperto la sua porta, come aperta sembra essere quella, in una sorta di operazione-nostalgia, quella del Cittadella. Annoveriamo però anche un paio di richieste da due club ambiziosi della LegaPro (Carpi su tutti).   Chiudiamo dicendo che il discorso Valdifiori è praticamente chiuso fino a giugno: L’Empoli non ha intenzione di darlo in prestito ed il prezzo è molto alto. Moro invece avrebbe attirato le attenzioni del Vicenza di Gigi cagni.   A queste situazioni citate possono ovviamente aggiungersene altre, saranno tre giorni di fuoco, dove a questo punto, tutto è possibile.   Al. Coc.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy