Mercato azzurro: sulle tracce di un regista

Mercato azzurro: sulle tracce di un regista

Il mercato dell’Empoli è tutt’altro che finito con l’arrivo di Marco Gallozzi. La società azzurra ha infatti espressamente dichiarato che dopo aver portato l’ex Chievo in azzurro c’è già un’altra pedina a cui si guarda e che dovrà essere inevitabilmente portata in squadra. Si ce

Commenta per primo!

Il mercato dell’Empoli è tutt’altro che finito con l’arrivo di Marco Gallozzi. La società azzurra ha infatti espressamente dichiarato che dopo aver portato l’ex Chievo in azzurro c’è già un’altra pedina a cui si guarda e che dovrà essere inevitabilmente portata in squadra. Si cerca un regista, un mediano che abbia corsa e visione di gioco.   Per questo il nome di Federico Casalini, classe 1989 in forza da sempre al Bologna di cui è uno dei migliori prodotti del recente vivaio. Casarini, anche a detta dei dirigenti azzurri, incarnerebbe bene le suddette caratteristiche e si sposerebbe bene con il modulo che mister carboni tornerà a fare, ovvero il 4-3-1-2 (congeniale a lui anche il 4-3-3) andando a posizionarsi come vertice basso del rombo.   Una trattativa che però non si presenta però semplicissima perché proprio lo stesso giocatore, che ha fatto capire di non disdegnare la piazza empolese, vorrebbe capire attraverso il suo agente e la società felsinea, si ci fosse la possibilità di accasarsi fino a giugno in un club di A che gli dia le stesse psudo-garanzie di giocare con continuità.   Il nome di Casarini è quindi in cima alla lista degli acquisti del DG e DS azzurri, ma si capisce bene che l’eventuale piano B potrebbe portare ad un’altra pedina che porta il nome dello spezzino Casoli.   Il regista quindi prima di tutto, prima ancora di valutare l’altro nome, molto gettonato in questi giorni ed anche molto suggestivo: quello di Alessio Sestu, che essendo un esterno, anche in virtù della buona prima risposta data da Gallozzi, perde quotazioni.   I prossimi saranno giorni caldi ed in settimana non è escluso di vedere un altro arrivo.   Al. Coc.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy