Nuove da Livorno…

Nuove da Livorno…

Risucchiato nell’anonimato. Le due sconfitte consecutive hanno prodotto i loro effetti in classifica. Il Livorno è nella pancia del gruppo e deve assolutamente tornare quello visto con Ascoli, Torino e Reggina per rialzare la testa e le sue quotazioni in chiave playoff. La ripresa. Trascorsa

Il grande ex TavanoRisucchiato nell’anonimato. Le due sconfitte consecutive hanno prodotto i loro effetti in classifica. Il Livorno è nella pancia del gruppo e deve assolutamente tornare quello visto con Ascoli, Torino e Reggina per rialzare la testa e le sue quotazioni in chiave playoff. La ripresa. Trascorsa la domenica a meditare sul ko dello ‘Scida’ la truppa si è ritrovata ieri per iniziare l’avvicinamento al durissimo derby con l’Empoli. Come sempre è stata analizzata la partita precedente alla ricerca delle cause che hanno fatto salire la squadra sul charter da Crotone senza neanche un punto. Lavoro leggero per la prima seduta settimanale. Riscaldamento, schemi in fase di possesso palla e partitella finale soft a ranghi misti. Gli acciaccati. Si sono allenati fuori dal gruppo gli infortunati di lungo corso Bernardini, Pieri e Tavano. Gli ultimi due potrebbero abbandonare il lavoro differenziato in settimana. Ma siamo nel campo delle ipotesi. Il colmo della sfortuna è che tutti e tre gli amaranto si sono fermati nel loro momento di forma migliore. Il male oscuro. Al di là del bollettino medico e delle assenze le ultime due sconfitte impongono qualche riflessione. Il Livorno ricorda certi studenti diligenti e irreprensibili. Si impegnano, capiscono cosa devono fare, hanno pure 9 in condotta perché sono perfettini. Il problema è quando arriva il momento della verifica. In sostanza quando c’è il compito in classe, la partita, c’è sempre qualche sbavatura, qualche distrazione che vanifica tutto e tarpa le ali. A Pillon cercare l’antidoto al male oscuro di questo gruppo affiatato, bello a vedersi, ma assai poco concreto rispetto alle sue reali potenzialità. Problema attacco. Tavano è ai box, Dionisi sta faticando. Cellerino e Tomas hanno segnato un gol su rigore in due in 738 minuti. Il reparto offensivo ha i fari spenti e le polveri bagnate. Per ora si è sopperito a questa mancanza con i gol segnati da centrocampisti e difensori. Ma ora è il momento che là davanti qualcosa inizi a muoversi altrimenti diventa difficile rimanere nella scia delle pretendenti ai playoff. Calendario nemico. Arrivano due partite molto complicate: il derby con l’imbattuto Empoli e la trasferta nella tana dell’Atalanta. C’è bisogno di un’impennata d’orgoglio altrimenti si corre il rischio di soffrire anche nelle prossime due settimane. Con gli azzurri rientrerà Perticone ma sarà fermo (squalifica) Barusso. Calcio e solidarietà. Iera sera una delegazione della squadra ha presenziato alla serata di beneficenza al teatro 4 Mori in favore della Ccsvi nella lotta alla sclerosi multipla.

 

fonte: iltirreno

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy