Le pagelle di Empoli-Varese 2-0

Le pagelle di Empoli-Varese 2-0

Ecco le pagelle relative alle prestazioni dei giocatori azzurri inerenti la gara del Castellani di questo pomeriggio vinta dagli azzurri contro il Varese.  Pagelle redatte come di consueto dalla redazione di Pianetaempoli.it.   BASSI: 6.5  Il portiere azzurro si fa trovare pronto quando vie

Commenta per primo!

Ecco le pagelle relative alle prestazioni dei giocatori azzurri inerenti la gara del Castellani di questo pomeriggio vinta dagli azzurri contro il Varese.  Pagelle redatte come di consueto dalla redazione di Pianetaempoli.it.   BASSI: 6.5  Il portiere azzurro si fa trovare pronto quando viene chiamato in causa: nel primo tempo sbarra la strada a Ricci e nelle ripresa la sua uscita è provvidenziale per chiudere la porta a Pavoletti. Per il resto da sicurezza a tutto il reparto svolgendo l’ordinaria amministrazione in maniera ottimale dimostrando che quello di Reggio si era trattato di un episodio sfortunato.   LAURINI: 8 La prestazione del francesino rasenta la perfezione. Cancella dal campo Calil che non lo salta mai. Ottima la sua prestazione in chiave difensiva dove dimostra di esser cresciuto molto, non disdegna di seguire la manovra offensiva azzurra andando a sovrapporsi con continuità sulla fascia destra.   TONELLI: 6.5 Parte decisamente male Lorenzo con un rinvio da brividi verso il centro della nostra area. Con il passar del tempo il suo rendimento cresce riuscendo a limitare il capocannoniere Pavoletti al quale viene concesso solo una occasione. Chiude in crescendo proponendosi addirittura con un sontuosa discesa in fase offensiva con uno slalom che ricorda il Tomba dei giorni migliori e fermato solo in area avversaria da un difensore.   RUGANI: 7 Prestazione sui livelli di eccellenza assoluta per il ventenne centrale azzurro, bravo a mantenere la lucidità e la calma anche nelle situazioni più complicate. Senso della posizione e capacità di lettura delle situazioni gli permettono di arpionare sempre il pallone e togliere le castagne dal fuoco anche quando deve se la deve vedere con avversari più agili di lui.   HYSAJ: 6 Non bene nel primo tempo quando fatica a più riprese a contenere le incursioni di Zecchin e dove con un rilancio che farebbe rabbrividire anche una scuola calcio, rimette in gioco gli avanti rossi. Nella ripresa le cose vanno decisamente meglio anche grazie ai raddoppi di Croce. Parte da una sua bella iniziativa il gol del 2-0 di Tavano. Da lodare la sua prestazione per generosità e abnegazione.   VALDIFIORI: 8 Prestazione strabiliante del ravennate che dirige la manovra con grande autorità, dando geometria e qualità al centrocampo azzurro e giocando con una lucidità disarmante. Fondamentale anche in fase di non possesso dove ruba una quantità enorme di palloni, corre sempre in aiuto dei compagni e raddoppia quando occorre. Prestazione semplicemente sontuosa.   abbraccioMORO: 7 Il capitano da il suo contributo di generosità ed intelligenza, lotta su tutti i palloni dando il suo apporto nelle due fasi, andando a leggere le linee di passaggio altrui attaccando la profondità con intensità e cercando le verticalizzazioni quando se ne presenta la possibilità. Nel finale alza bandiera bianca per i crampi.   SIGNORELLI: s.v   CROCE: 7 Torna a far brillare la bacchetta magica l’illusionista. Bravo a cogliere alla perfezione l’assist di Pucciarelli con un perfetto inserimento senza palla. Appare più tonico rispetto ad altre prestazioni, ottimo il suo apporto anche in fase difensiva dove va a raddoppiare su Hysaj che talvolta soffre le incursioni di Zecchin.   PUCCIARELLI: 7 Conferma il suo brillante momento Manuel con una grande giocata che va a sfondare la linea “maginot” predisposta dal Varese,. Mette lo zampino anche sulla rete del raddoppio. Entra nelle principali azioni dell’Empoli non dando quasi mai punti di riferimento alla difesa lombarda.   TAVANO: 6.5 Torna a segnare Ciccio un gol che lo porta a una sola lunghezza dal traguardo di 100 reti in azzurro e in serie B. Punisce gli avversari con un gol che testimonia il suo innato fiuto di bomber trasformando in oro come tutto quello che la squadra aveva costruito in maniera impeccabile.   VERDI: 6 Entra quando L’Empoli è in vantaggio di due reti, e con lui Sarri cambia modulo,  esperimento che potrebbe essere riproposto in futuro. Non sfrutta al meglio gli spazi a disposizione tuttavia da il suo contributo.   MACCARONE: 6.5 Manca qualcosa a livello di esplosività negli ultimi 16 metri. Partecipa moltissimo alla manovra azzurra accorciando la squadra quando occorre, dando un preziosissimo aiuto in fase di non possesso dove fa valere la sua altezza come avviene in un paio di situazioni nella ripresa.   MCHEDLIDZE: 6.5 Gioca solo 13′ ma sono di qualità. Entra subito mentalmente in partita nonostante i suoi compagni fossero in vantaggio per 2-0. Lo dimostra immediatamente con un ottimo spunto che obbliga il brasiliano Ely a una affannosa chiusura. Devastante quando entra in area e coglie il palo. Levan ha straordinari mezzi fisici e qualità tecniche insospettabili per un giocatore della sua stazza, Pare che sia più cattivo agonisticamente rispetto alla scorsa stagione.   MISTER SARRI: 7 20 ottobre 2012-19 ottobre 2013 è la metamorfosi di questo Empoli, che da squadra in crisi (non di gioco però) e in penultima posizione a una formazione che si è guadagnato il rispetto degli avversari che quando giocano contro mettono le barricate o quasi. Dal Famoso 20 ottobre del 2012 a oggi la squadra ha ottenuto 89 punti in 46 partite. Frutto di 30 vittorie 14 pareggi e sole 6 sconfitte con 82 gol fatti con una media che sfiora i 2 gol a partita. Tornando a oggi il mister si aspettava una risposta della squadra soprattutto a livello mentale dopo la sconfitta peraltro immeritata di Reggio Calabria. La squadra ha risposto fornendo davvero un ottima prestazione battendo una formazione poco malleabile come il Varese con un 2-0 che non ammette repliche. Squadra corta con una linea difensiva che attuava il fuorigioco in maniera precisa e sistematica, centrocampo che ragionava con pazienza senza mai perdere la testa riuscendo a far saltare il bunker avversario. Interessante il passaggio al 4-3-2-1 (o 4-3-3 mascherato) con Levan punta centrale con alle spalle Verdi e Pucciarelli. Ora come ha detto il mister valdarnese c’è bisogno di una prestazione di livello in trasferta a partire dalla delicata trasferta di sabato sul campo della Juve Stabia che potrebbe cambiare allenatore in settimana, indipendentemente da questo sarà una gara non semplice in un ambiente molto caldo come quello di Castellammare di Stabia.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy