Parte l’operazione “Big Mac III”

Parte l’operazione “Big Mac III”

A bocce ferme, in questo momento di standby, o di silenzio radio, abbiamo voluto individuare le priorità della società verso le scelte che andranno a fare l’Empoli che verrà. Sarri (allenatore) e Carli (diretore sportivo) sono obbligatoriamente le prime due. Ma a ruota si passa al campo, alla sq

Commenta per primo!

A bocce ferme, in questo momento di standby, o di silenzio radio, abbiamo voluto individuare le priorità della società verso le scelte che andranno a fare l’Empoli che verrà. Sarri (allenatore) e Carli (diretore sportivo) sono obbligatoriamente le prime due. Ma a ruota si passa al campo, alla squadra, alla sua costruzione, ed ecco che (al di la di alcuni nomi mercato come quello fatto ieri di Verdi) il primo tassello si chiama Massimo Maccarone.   Il giocatore, per il terzo anno, si trova nella situazione di essere tornato alla base e di poter però rivestire la maglia azzurra, con uno scenario che dovrebbe essere diverso dai due precedenti, ovvero l’arrivo a gennaio prima ed all’ultimo minuto dell’ultimo giorno di mercato, poi. C’è da dire che, mettendosi nei panni dell’attaccantante novarese, per lui c’è una pre-priorità,  ovvero il matrimonio: tra pochi giorni infatti il bomber convolerà s nozze con la compagna che gli ha già regalto la primogenita Ginevra. E quindi cogliamo subito l’occasione per porgerli i nostri auguri.   LO SCENARIO – Maccarone, al 30 giugno tornerà ad essere un calciatore della Sampdoria, squadra con cui è sotto contratto fino al 2015. Ma Big Mac ( e non diciamo niente di nuovo) in maglia blucerchiata non giocherà mai più. Ora, guardando al pratico ed andando al di la di quanto con grande orgoglio Maccarone stia dicendo da diverso tempo a questa parte, ovvero che lui vuol terminare la carriera ad Empoli, senza indossare altre maglie, c’è da capire come le società potrebbero muoversi. Empoli e Samp si dovranno vedere a breve, si dice ci sià già una data in cui Carli ed Osti (ds Samp) si metteranno a sedere l’uno davanti all’altro. Ovviamente il piatto forte dei loro discorsi sarà quello di Regini, ma da li si partirà per arrivare a Maccarone.   Il nodo centrale sarà quello dell’ingaggio, un ingaggio che considerlo fuori dalla portata della società azzurra è un eufemismo. Vero che Massimo sarà il primo, da qusto punto di vista, a fare un sacrificio per poter permettere e permettersi che tutto vada a a buon fine, ma di certo si dovrà trovare una soluzione che non scontenti nessuno. Ecco che le soluzione che potrebbero venire fuori sono due.   LE SOLUZIONI – La prima potrebbe essere quella di andare a mettere Maccarone dentro l’affare Regini, anche se, per dovere di cronaca, dobbiamo dire che questa risulta poco praticabile, soprattutto perchè, al momento, azzurri e blucerchiati non viaggiano sulla stessa lunghezza d’onda riguardo la valutazione del giocatore. Ci torneremo poi a suo tempo, però vi anticipiamo che non sarebbe cosi fuori dal mondo che alla fine possa essere addirittura l’Empoli a riscattare il difensore. Ecco che allora, la soluzione più praticabile, potrebbe essere quella di un passo, forte, da parte dell giocatore e del suo entourage, andando a “contrattare” una buona uscita con relativa rescissione del contratto. A quel punto Massimo, svincolato, potrebbe accordarsi con l’Empoli nei termini più congrui a lui e società azzurra.   Le sensazioni sono assolutamente positive, il giocatore si è già espresso, e la società ha voglia di farsi questo regalo che poi sarebbe un regalo anche per Maccarone stesso e tutta Empoli. Difficilmente non si dovrebbe quagliare, l’incognita, semmai, potrebbero essere i tempi, ma anche qui si farà di tutto per far si che Big Mac possa fare la sua prima preparazione (da quando ando’ via nel 2002) ad Empoli.   Alessio Cocchi  

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy