Toto-Allenatore: chi sulla panchina 2013

Toto-Allenatore: chi sulla panchina 2013

Messa agli archivi la stagione 2011/12, almeno sotto il profilo sportivo, da oggi si deve inevitabilmente guardare all’anno che verrà. Ed il primo tassello, sarà quello della guida tecnica, l’allenatore da cui ripartire dopo questa stagione, che si, ci ha visto salvi in una serata da cardiopalma,

Commenta per primo!

Messa agli archivi la stagione 2011/12, almeno sotto il profilo sportivo, da oggi si deve inevitabilmente guardare all’anno che verrà. Ed il primo tassello, sarà quello della guida tecnica, l’allenatore da cui ripartire dopo questa stagione, che si, ci ha visto salvi in una serata da cardiopalma, ma che ha visto commettere tantissimi errori, tra i tanti anche quelli che hanno visto avvicendarsi sulla panchina azzurra tre allenatori in quattro tranches. . Resta su tutte clamorosa la scelta che portò al terzo allenatore di stagione, Guido Carboni, che per ammissione dello stesso DG Vitale, nel giorno della ripresentazione di Aglietti, dichiarò di aver fatto quella scelta solo per una mera scaramanzia. . Guardando avanti, l’identikit del tecnico che siederà dal prossimo ritiro sulla panchina dell’Empoli, sarà molto probabilmente un tecnico giovane ed affamato, con possibilmente carattersitiche di un gioco prevalentemente offensivo. Per capirci non uno alla Pillon. . L’ultima parte di stagione, coronata dalla salvezza, dal modo in cui la squadra si è salvata, ha fatto sicuramente rialzare le quotazioni di Alfredo Aglietti. Le parti dovranno sicuramente incontrarsi nei prossimi giorni, e siamo certi nel dire che da parte della società, adesso, ci potrebbe essere un approccio diverso verso un allenatore che, fino a qualche mese fa pareva non dovesse, indipendentemente dal traguardo, ripresentarsi ai nastri di partenza. Sarà certamente importante capire anche quelle che saranno le scelte del tecnico, sicuramente amareggiato per l’esonero e la non richiamata post-Pillon, e che andandosene adesso lo farebbe sicuramente da salvatore della patria. . Al di la del tecnico aretino, a cui ad oggi va sicuramente data però la pole position, la società si è guardata e si sta guardando intorno, nella ricerca di un allenatore che possa avere caratteristiche ma soprattutto stimoli giusti. Utilizzando sempre un termine motoristico, togliendo però adesso Aglietti dal discorso, la prima fila vede due ex calciatori azzurri: Carmine Gautieri ed Eusebio di Francesco. . Gautieri, nonostante il non simpatico quiproquo della scorsa stagione, quando si era praticamente già accordato con la società di Monteboro per la guida della squadra Primavera ma poi firmò con il Lanciano, sembra essere davvero il candidato numero 1 per l’eventuale successione di Alfredo Aglietti. Il grande campionato fatto quest’anno con il Lanciano (culminato ieri con la storica promozione in B) è stato il suo trampolino di lancio, e la società azzurra parrebbe già essere sulle sue traccie in maniera molto forte. L’alto nome, come detto, è quello dell’ex Pescara, Di Francesco. Eusebio viene da un annata no a Lecce, dove aveva provato a fare il salto di qualità dopo le due buone stagioni nella squadra della sua città. E’ un uomo che è sempre rimasto in ottimi rapporti con piazza e proprietà, ed in Empoli potrebbe esserci quella situazione congeniale per poter ripartire nel migliore dei modi. Ultimamente, Di Francesco, è tornato proprio nella nostra città, per giocare la partita organizzata da Drago che ha visto coinvolte le vecchie glorie azzurre, ed in quella giornata ci sarebbe essere stato un contatto importante. Anche negli ultimi giorni, intervistato da colleghi della stampa nazionale, ha sempre parlato bene di Empoli, e ad una domanda specifica sul suo futuro, rispose: ” Il mio futuro è in B, e saranno importanti playoff e playout.” . Scendendo nella virtuale seconda fila, troviamo due tecnici che hanno vissuto una stagione, quella passata, completamente agli antipodi. Il primo è Renato Buso, allenatore di quel Gavorrano fitto di giovani azzurri in prestito. Il secondo è Francesco Monaco, uno non giovanissimo di età, ma che quest’anno ha cercato di fare tutto il possibile, con un gran lavoro, uscendo (forse l’unico) tra gli applausi dall’amareggiata Piacenza. Soprattutto su Buso gli occhi sono addosso da diverso tempo, ma crediamo che anche gli occhi di Buso si siano voltati spesso e volentieri verso Empoli, e lo dimostrano le tante volte in cui si è visto aggirarsi sulle tribune del Castellani. L’ostacolo, se cosi lo vogliamo chiamare, è proprio il Gavoranno che lo vorrebbe anche il prossimo anno per tentare definitivamente il salto in Prima Divisione. Crediamo però che se l’Empoli dovesse chiamare, difficilmente Buso direbbe di no. . Giusto per dovere di cronaca annotiamo anche un contatto con Foscarini, allenatore ormai da una vita del Cittadella. Le strade del tecnico e della società veneta dovrebbero interrompersi dopo un lungo sodalizio, e il mirino azzurro su di lui si è spostato. Difficile però che possa arrivare per diversi motivi, tra cui anche quello legato all’ingaggio. Si parla di tecnici, ma semmai, un consiglio per gli acquisti, guardando al Cittadella, potrebbe essere quello del Direttore Sportivo, Marchetti, uno che ultimamente ha sbagliato poco o niente. Nelle ultime ore è uscito anche il nome di Elio Gustinetti, esonerato nella stagione appena passato dallo Spezia. Sarebbe un “comeback” quello di Gustinetti, anche se la sua esperienza sulla panchina azzurra non fu felice e non durò nemmeno molto. La pista sembrerebbe molto più percoribile rispetto a quella di Foscarini ed il tecnico bergamasco avrebbe in qualche modo fatto sapere che gradirebbe tornare ad Empoli. . Il nodo dovrebbe sciogliersi entro la fine del mese, ed a breve potremmo saperne di più su chi sarà l’allenatore 2012/13. . Al. Coc

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy