Zè Eduardo: “Ho chiesto scusa ai tifosi del Padova”

Zè Eduardo: “Ho chiesto scusa ai tifosi del Padova”

Giornata di presentazioni in casa Padova e prime parole anche per l’ex azzurro Zè Eduardo. Brevi ma decisi passaggi riportati da calciopadova1910.com:   “Siamo una squadra forte e competitiva, ed è un piacere farne parte. Voglio vincere col Padova! Il mio ruolo? A centrocampo, mezzala o

Commenta per primo!

Giornata di presentazioni in casa Padova e prime parole anche per l’ex azzurro Zè Eduardo. Brevi ma decisi passaggi riportati da calciopadova1910.com:   “Siamo una squadra forte e competitiva, ed è un piacere farne parte. Voglio vincere col Padova! Il mio ruolo? A centrocampo, mezzala o esterno. I tifosi biancoscudati sono passionali, spero di fare un buon lavoro e piacer loro”.   Ze’ Eduardo ha voluto anche chiudere l’episodio che lo vide protagonista di un battibecco all’Euganeo con i tifosi biancoscudati: “I fischi in Padova-Empoli? Tutto passato, ho anche chiesto scusa ai tifosi del Padova. Non vedo l’ora di cominciare, spero di lasciare il segno in questa squadra”   Facciamo un passo indietro. Quel “battibecco” a cui viene fatto riferimento nell’articolo risale alla gara Padova-Empoli dello scorso campionato, la partita che segnò il ritorno di Aglietti sulla panchina azzurra. A seguito di uno scontro di gioco tra Zè Eduardo ed un avversario sotto la gradinata dei tifosi del Padova, questi ultimi iniziarono a fischiare il calciatore brasiliano ogni volta che toccava palla. Fischi,sì, ma anche qualche becero ululato figlio di una sotto cultura umana. Niente di trascendentale, ero presente e sul momento non ebbi nemmeno questa convinzione di stampo razzista. Nelle ore seguenti arrivarono le lamentele dello stesso Zè Eduardo sul proprio profilo Twitter (per gli ululati) e il martedì successivo una multa alla società del Padova da parte del giudice per razzismo. Se non ricordo male di 20 mila euro.   Leggere, oggi, che le scuse le ha fatte Zè Eduardo ai tifosi e non viceversa, mi ha lasciato un po’ perplesso. Ma tant’è, per il quieto vivere si fa questo e altro. . Alessandro Marinai alessandromarinai.wordpress.com

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy