Come raccontato nell’articolo di ieri mattina, si attendevano per la serata di ieri i responsi clinici su Pratali, per poter capire meglio il suo stato ed iniziare a stilare il piano di recupero con la quantificazione del tempo in cui dovrà star fermo.

Ed infatti, Francesco Pratali, ieri pomeriggio si è sottoposto regolarmente alla risonanza magnetica che darà delle risposte. Risposte che però non sono arrivate ieri.

 

Abbiamo ovviamente sollecitato lo staff sanitario azzurro per cercare di capire qualcosa in più ma, giustamente, senza le carte in mano, nessuno ha voglia di sbilanciarsi. I risultati dovrebbero quindi arrivare quest’oggi, nel primo pomeriggio. Chiaramente la speranza è quella che non si tratti realmente della frattura del bacino, una situazione (la peggiore) che potrebbe mettere seriamente a rischio tutta la parte finale di campionato del difensore.

Certo è che comunque grande ottimismo, ci ripetiamo rispetto ad ieri, non c’è, anche nell’avvertire i sintomi che Pratali sta riportando. Difficile quindi, in ogni caso, che lo si riveda prima di un mese.

 

Chi invece sta davvero migliorando con dei passi da gigante, tanto da scongiurare la stagione finita, è Cristiano Camillucci. Camillucci era andato, in compagnia del fisioterapista Capaccioli, nella ormai famosa Villa Stuart di Roma per dei controlli dal Prof. Mariani. Sta andando tutto per il meglio, il ginocchio risponde bene, il dolore è scomparso ed anche nei movimenti più complessi (il giocatore già da giorni lavora con la palla) sembrerebbe che l’articolazione facesse il suo dovere. Ci sono dunque buone probabilità che il giocatore possa tornare in gruppo nel giro di un mese e che possa essere tra i protagonisti del rush finale.

 

Situazione stazionaria per Casoli. Questo ovviamente vuol dire che le cose vanno bene. L’astragalo non è rotto, l’operazione è scongiurata ed anche lui va ad attestarsi sul mese di stop, niente più. Abbiamo raccontato che ieri era assente Riccardo Saponara ma, confermiamo, che l’assenza era dovuta soltanto al fatto (come scritto nel reportage dell’allenamento) che era impegnato in una visita di controllo presso il Dott. Guaglio, nella sua sede di Figline Valdarno. Niente quindi che possa aver peggiorato la sua situazione ed oggi, dovrebbe essere regolarmente in campo.

Oggi al campo sono previsti anche i rientri di Regini e Laurini, fuori a scopo precauzionale da lunedi dove si sono limitati ad alcuni esercizi ma non alla parte tattica con i compagni.

 

Prosegue il lavoro differenziato di Mchedlidze, anche lui seguito dagli specialisti di Milan Lab che, come per Saponara, lo hanno dotato di una particolare bite per la postura che potrebbe essere al centro dei suoi continui problemi. Il georgiano dovrà continuare il lavoro separato per tutta la prossima settimana, e non sarabbe da escludere la sua presenza, in panchina, nel turno infrasettimanale di Modena.

Operazione OK per Tonelli che adesso “si gode” la convalescenza: settimana prossima dovrebbe tornare al campo con una maschera protettiva.

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedenteNei recuperi vince il segno 2
Articolo successivoTV | L'ultimo match dei prossimi avversari
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

6 Commenti

  1. ….anch’io oramai sono in fase di completo recupero fisico. Per Ascoli non sono ancora pronto, ma le successive, Lanciano, Modena(fuori) e Bari ritornerò al mio posto !!! 😉

  2. io penso che non ce la faccia neanche MilanLab a risolvere i problemi di Levan, quello deve smettere di andare a …….

  3. Bassi
    Laurini-Regini-Accardi-Hisay
    Moro-Signorelli-Croce
    Saponara
    Tavano-Maccarone

    Se ci sono le disponibilità io Sabato giocherei così…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here