Empoli-Parma, da ormai trent’anni, è un qualcosa che va oltre la partita. Due tifoserie gemellate che rappresentano sempre più uno spot per come dovrebbe essere vissuto questo sport, ma anche due reatà che hanno sempre saputo soffrire, cadere e rialzarsi. Una gara che però nei novanta minuti metterà di fronte l’orgoglio delle due compagini: da una parte la voglia di cancellare le due sconfitte consecutive e chiudere i giochi per la salvezza, dall’altra quella di dimostrare che nonostante tutto il cuore e la voglia c’è. Questa è Empoli-Parma e noi andiamo a vedere le ultime.

 

parma-empoli (6)Rifinitura pomeridiana per gli azzurri. Una seduta che ha dato le conferme che cercavamo e che, a dirla tutta, erano scontate. Mister Sarri sceglie la linea della continuità e con il 4-3-1-2, manderà in campo gli stessi undici che hanno dato il via alla gara di Roma della scorsa settimana. Nessuna variazione, con un Tonelli che però ha una settimana in più di buoni allenamenti rispetto alle condizioni non certo ottimali di una settimana fa. Di fatto resta difficile parlare anche di ballottaggi, i giochi erano fatti fin dal primo allenamento specifico per questa partita, l’unica situazione che poteva, in qualche modo destare curiosità ed attenzione, era quella relativa all’attacco con Pucciareli e Tavano per andare ad affiancare Maccarone: in questo momento però il numero 20 sembra essere il prescelto di mister Sarri. Non è al meglio Levan ma domani sará del gruppo.

In panchina dovremmo trovare: Bassi; Pugliesi; Laurini; Somma; Barba; Signorelli; Diuosse; Brillante; Zielinski; Tavano; Mchedlidze.

Indisponibili per il match di domani Verdi e Guarente.

Mister Sarri alza il muro dell’attenzione verso un match che non dovrà essere assolutamente giocato sulla carta ma, al contrario, necessiterà di grande pazienza e di grande rispetto visto che ci potrebbe essere tutto da perdere.

 

In casa gialloblù Donadoni sperava di poter avere a disposizione Pedro Mendes, ma probabilmente non sarà così. Il difensore portoghese, infatti, dopo aver saltato la trasferta ligure per squalifica, anche ieri si è sottoposto soltanto a terapie per un problema ai flessori della gamba destra: un suo utilizzo sembra totalmente improbabile. Fuori anche Cristobal Jorquera, appiedato dal Giudice sportivo, e Daniele Galloppa, alle prese con un problema al ginocchio destro. Torna Mauri dal primo minuto, confermato Lodi nel ruolo di regista. Probabile una conferma di Belfodil: Donadoni sta cercando di recuperarlo, e spera in un ritorno al gol dell’attaccante algerino, a digiuno in campionato ormai da quasi due anni. Dietro, Costa sembra pienamente recuperato, e dovrebbe prendere il posto di Santacroce: si profila, così, un reparto a tre composto da soli difensori mancini (Costa, Lucarelli, Feddal).

La situazione di classifica ormai, anche dopo gli altri 4 punti di penalizzazione, non è da guardare e cosi il tecnico parmense la butta sull’orgoglio e sulla voglia di regale un’alta gioia ai propri tifosi con tutte le difficoltà nell’andare a  giocare con un Empoli ferito da due sconfitte consecutive.

 

Vediamo quelle che dovrebbero essere le probabili formazioni:

 

logo empoli PARMA
SEPE MIRANTE
HYSAJ COSTA
TONELLI LUCARELLI
RUGANI FEDDAL
MARIO RUI VARELA
VECINO MAURI
VALDIFIORI LODI
CROCE NOCERINO
SAPONARA GOBBI
PUCCIARELLI BELFODIL
MACCARONE CODA

 

Alessio Cocchi

1 commento

    • sono contento che qualcuno cominci a pensare che uno che i gol non li ha mai fatti è più difficile che li faccia di uno che ne ha fatti tanti … Pucciarelli ..lo ripeto e me ne assumo le responsabilità …via da empoli forse titolare in lega pro …ma forse ….

  1. questa era la partita piu che giusta per il nostro ciccio….con tutto il rispetto per la difesa parma,non sono “insormontabili” e si potevano creare i buoni spazi per Francesco come tra l’altro successe all’andata!!!io non mi fido piu tanto del puccia però…se Maurizio è sicuro,fiadiamoci

  2. UNA COSA DI CUI SON SI SCRIVE MAI: Vedendo cosa accade a Roma, Bergamo, Cagliari, Varese etc.etc., e cioè il tifo violento, così come siamo contenti di questa squadra e dell’allenatrore, cerchiamo anche di comportarci degnamente: Empoli è una città civile e degna della sua tradizione anche calcistica e degli appassionati che sono sempre stati non-violenti e civili. Guardate che questa è una cosa importante. Questa è la parte che spetta ai tifosi: essere appassionati ma corretti. Così diamo a tutti un’immagine di grande civiltà. Bisognerebbe parlarne ogni tanto e considerare la non-violenza un merito dei cittadini empolesi.

  3. Tavano può sempre entrare nel secondo tempo, a seconda di come vanno le cose; tanto più che non ha i 90 minuti nelle gambe.

  4. Mio parere personale: la sfida di oggi è decisiva perché se si vince si è salvi al 99%, detto questo è giusto non caricare troppo questa partita e tornare a fare l’Empoli contro una squadra chiusa e che con determinazione e orgoglio proverà a sorprenderci.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here