di Gabriele Guastella

 

Gabriele GuastellaNon potevamo non fare un regalo “ferragostano” a tutti i tifosi dell’Empoli, nei giorni in cui la società azzurra compie “ufficialmente” i 90anni di vita calcistica.

 

Il regalo più grande che potevamo fare in questo momento era quello di rivivere insieme forse gli anni davvero più esaltanti di tutta la storia calcistica empolese, o forse gli anni più esaltanti per chi come me ha avuto la fortuna di viverli o almeno gli anni più esaltanti della recente storia. Parliamo dell’Empoli di Luciano Spalletti, una squadra che è entrata nella storia del calcio italiano nel giro di neanche 700 giorni, passando dalla serie C1 alla serie A, conquistando una straordinaria salvezza nella massima divisione, e vincendo la Coppa Italia di Serie C. Pensate che nella stagione 1995/96, l’anno della promozione dalla C1 alla B, gli azzurri tra campionato e coppa giocarono 56 partite ufficiali perdendone solo 7 e vincendo quasi 40 volte… numeri straordinari… non credete??!!

 

L’uomo simbolo di quell’Empoli è a nostro avviso Carmine Esposito autore di qualcosa come 40 reti in 89 partite di campionato, colui che ha segnato il gol decisivo per la conquista della Coppa Italia di Serie C contro il Monza su rigore; è ed sempre lui a segnare a Modena contro il Como il gol decisivo che riporta l’Empoli in serie B dopo sette anni di attesa, così come suo è il gol decisivo a Cremona contro i grigiorossi che riporta l’Empoli un anno più tardi in serie A.

 

La Curva Nord, dove erano sistemati gli ultras azzurri ai tempi della Serie C, poi la Maratona cantava “…e segna sempre lui…si chiama Carmine Esposito…“, un coro che ha fatto il giro d’Italia grazie ad una squadra record… una squadra che ci ha fatto esaltare e sognare. Attraverso questo video che vi proponiamo rivediamo tutti, ma proprio tutti, i gol di Carmine Esposito con la maglia azzurra e alcuni momenti da “lucciconi agli occhi“: i 7mila empolesi nella finale di Coppa, i 3mila di Monza, i 6mila di Modena…gli oltre 8mila a Cremona, sembrano fantasticherie, invece è tutto vero… una storia che riguarda Empoli di appena poco più di dieci anni fa…

 

Buona visione e… emozioniamoci ancora… tutti insieme!

 

                                                                                                 Gabriele Guastella

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here