Mattinata di rifinitura sia in casa azzurra che in quella lombarda, vediamo le ultime:

 

Nessuna novità dell’ultim’ora in casa azzurra, che come già detto ieri, scenderà in campo contro il Varese con lo stesso undici che ha terminato la prima frazione di gioco al “Picchi.” Conferme quindi per Tonelli al centro della difesa e per Signorelli sull’out di sinistra a centrocampo. Scelte ovviamente obbligate anche per le tante indisponibilità tra nazionali ed infortunati (Saponara, Mori, Mchedlidze, Shekiladze, Brugman, Coralli, Coppola, Ficagna) ai quali vanno aggiunti, se pur solo per motivi precauzionali, i forfait di Lazzari e Fatic che non andranno nemmeno in panchina. Verranno adirittura convocati due Primavare tra cui un ’94, il promettente terzino sinistro Hysay.

Per quanto riguarda l’assetto sarà ovviamente 4-4-2, nel più classico stile di mister Pillon: ancora una volta verrà chiesta grande compattezza e grande sacrificio degli attaccanti, ripartiranno dal primo minuto Tavano e Cesaretti, che inevitabilmente dovranno essere i primi difensori.

Mister Pillon vuole ovviamente la prima vittoria, sa però che non dovrà essere ricercata affannosamente, potrebbe questo poi essere pericoloso, da qui, il suo primo “must” sarà quello di trovare maggiore amalgama tra i vari reparti continuando però a portare punti a casa.

 

Un paio di defezioni ce le ha anche mister Maran, come Pillon alla seconda gara stagionale. Dovrà di fatti fare a meno sia di Momentè che di Terlizzi. Nello speculare 4-4-2 dovrebbero essere ancora Neto Pereira e De Luca i terminali offensivi anche se a centrocampo il neo tecnico dei biancorossi potrebbe cambiare qualcosa avendo fatto per tutti questi giorni di preparazioni alcuni ballottaggi anche se i colleghi di Varese ci dicono che l’undici provato questa mattina è quello che ha iniziato la gara di Vicenza.

Un Maran che sulla falsa riga del collega empolese vuole continuare a far bene, valutando, dopo una precisa domanda, il pari come un buon risultato.

 

Vediamo quelle che dovrebbero essere le probabili formazioni:

 

   
 PELAGOTTI  BRESSAN
 VINCI  CACCIATORE
 TONELLI  TROEST
 STOVINI  CAMISA
 REGINI  GRILLO
 BUSCE’  NADAREVIC
 MORO  CORTI
 VALDIFIORI  KURTIC
 SIGNORELLI  CARROZZA
 TAVANO  NETO PEREIRA
 CESARETTI  DE LUCA

 

Al. Coc.

CONDIVIDI
Articolo precedenteDefinita data ed orario del derby di coppa
Articolo successivoFiorentina-Empoli alle 18? Mandiamoli tutti a casa!
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

6 Commenti

  1. Facile fare le formazioni con soli 11 giocatori disponibili (anzi 10, Cesaretti non lo e’!) Povero Pillon mi dispiace x te, ma sei capitato in un perioduccio a Empoli, niente giovani di qualita’ come una volta e la peggior preparazione di sempre…Speriamo bene…

  2. Ragazzi domenica tiriamo fuori le palle e facciamo 3 punti altrimenti poi diventa un casino… servira una squadra combattiva per portarli a casa. cmq noi siamo sempre al vostro fianco, sempre Forza Empoli!

  3. Mah speriamo bene…l ultima volta che siamo partiti convinti di salire c erano antonio soda e Gigi simoni….tokkiamo ferro!!!!

  4. Con gli indisponibili si potrebbe fare una formazione, vediamo: Shekiladze e Mchedlidze in nazionale, Saponara e Mori in Under21, più Coralli, Lazzari, Brugman, Ficagna, Coppola, Fatic e Camano.

    Contateli sono 11!!!! …e manca il portiere, quindi se aggiungiamo il portiere c’è pure una riserva… quindi ipotizziamo uno qualunque in porta, difesa con Camano a destra, Mori-Ficagna in mezzo e Fatic a sinistra. Centrocampo a rombo con Saponara a destra, Lazzari a sinistra, Coppola vertice basso, Brugman dietro alle punte Mchedlidze-Coralli. Shekiladze pronto ad entrare. 🙂 Allenatori: la coppia Selmi-Sorbello (…i preparatori atletici!)

  5. la panchina dovrebbe essere questa: Dossena, Chara, Guitto, Menegaz (dalla primavera che ha scelto il numero 42!), Pucciarelli, Hisaj (altro primavera che ha scelto il 23…ma attenzione questo ha solo 17anni ma è un gigante se entra vi farà impressione, è una promessa…), chiude la panchina Dumitru.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here