Abbiamo contattato telefonicamente questa mattina il Segretario dell’Empoli Stefano Calistri per capire la situazione e soprattutto per capire com’è finito il viaggio “odissea” della squadra azzurra verso Torino.

“Siamo arrivati in hotel alle 3 di notte, – ha dichiarato il dirigente azzurro – ma siamo arrivati e siamo pronti per giocare”.

 

IL CALVARIO – Ricordiamo che ieri, dopo un allenamento di rifinitura, il pullman dell’Empoli si è mosso a fine mattinata per dirigersi verso il capoluogo piemontese, ma dopo circa venti minuti di viaggio, all’altezza di Montopoli Valdarno sulla superstrada FI-PI-LI è rimasto bloccato dalla fortissima nevicata che ha colpito il nostro comprensorio.

 

La squadra a bordo del pullman è rimasta intrappolata tra la neve e il ghiaccio fino alle 18.30, praticamente un intero pomeriggio, a causa di tre camion che si sono intraversati nella corsia Ovest, cioè quella verso Pisa da dove l’Empoli avrebbe proseguito poi in A12.

Ma la situazione è precipitata visto che la nevicata si è intensificata sempre di più ed è terminata soltanto intorno alle 17. Il pullman poi è riuscito solo dopo le 18.30 ad uscire dalla FI-PI-LI e a dirigersi verso la A11. Quindi A12 e la A7 Genova-Torino. Un viaggio infinito e difficile… sperando che gli effetti non si ripercuotano in campo.

 

Per la cronaca a Torino c’è il sole, ma fa freddo, alle 10 di questa mattina -3°C e alle ore 15 previsti 0°C.

 

DISAGI ANCHE PER FROSINONE E PADOVA – La squadra ciociara, in ritiro a Montecatini Terme da martedi scorso e che aveva previsto la partenza per Modena nella mattinata di venerdi, è rimasta intrappolata nella neve in A11 per diverse ore. La società gialloblu aveva previsto l’arrivo in Emilia nel primo pomeriggio invece è arrivata direttamente in albergo alle 21.30.

 

Problemi anche per il Padova impegnato a Livorno. Nella città labronica ieri è nevicato dalle prime ore dell’alba fino alle 15 del pomeriggio imbiancando lo stadio Picchi, ma poi la neve si è trasformata in pioggia rendendo più facili le operazioni agli addetti che hanno completato l’opera questa mattina (grazie anche alla presenza del sole!). Lo stadio livornese è dunque agibile e si può giocare, ma il pullman del Padova ha incontrato numerosi problemi nel tragitto verso la città labronica.

 

SIENA PREVIDENTE – La società bianconera, venuta a conoscenza della grossa perturbazione che avrebbe colpito anche la città del Palio, ha anticipato la partenza per Varese al giorno precedente.

Il Siena infatti già giovedi si è messa in viaggio verso la Lombardia e ieri, mentre in Toscana si è scatenata la “bomba bianca”, si è tranquillamente allenata nei dintorni di Varese.

 

Gabriele Guastella

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here