Intervista a Martino Melis dopo gara Empoli – Esperia Viareggio

16 gennaio 2011

 

 

 

Una partita che praticamente è finita nel primo tempo e che abbiamo dominato sempre

Sì…anche se  non era una partita facile, semplice. Mi interessava soprattutto l’approccio mentale e cercare una prestazione che andasse al di là dell’avversario, nel senso che volevo vedere miglioramenti in alcuni aspetti del nostro gioco e perciò volevo che ci concentrassimo soprattutto sui nostri difetto per cercare di migliorarli…cercare di migliorare quelle cose che non sappiamo fare al massimo. Lavorare anche con la testa. Oggi ci siamo riusciti in parte anche se ci sono stati dei momenti nei quali alcune nostre lacune sono di nuovo venute fuori. Noi su quello dobbiamo lavorare

 

Difficile però trovare difetti a questa squadra…anche perché oggi, abbiamo trovato di fronte una squadra che in quanto a gioco non ci ha concesso molto perché anche dopo il tre a zero ha continuato a fare una gara dura, aspra..e non è facile sempre giocare in quelle condizioni lì

Ti dico la verità. Io sono contento se ci capitano questo tipo di partite perché sono sicuro che se dovessimo dopo incontrare squadre con le stesse caratteristiche ne saremmo già preparati. Una squadra che gioca di più al calcio do anche a noi la possibilità di esprimerci al meglio, ma sono queste le partite nelle quali dobbiamo riuscire ad imporre il nostro gioco anche se c’è un “ostruzionismo” un po’ eccessivo da parte degli avversari

 

Oggi non c’era Tempesti, passato alla Primavera. Bene che ci sia questo rapporto di mutualità tra le suadre del Settore Giovanile am ti chiedo: è’ una cosa stabile questa o temporanea?

La Primavera ha bisogno di un attaccante ed in questo momento, a nostro giudizio, lui è l’attaccante più pronto per fare la Primavera. Pertanto se mister Donati vorrà continuare a tenerlo rimane in Primavera. Noi siamo tutti contenti perché comunque vada stiamo dando ad un ragazzo la possibilità di farsi un’esperienza magari un anno prima…

 

…anche due …(Tempesto è del ‘94 e nella Primavera gioca il ’92, n.d.r.)..

beh, sì, anche due anni prima…Ciò darà al ragazzo un’esperienza maggiore e lui stesso avrà la possibilità di crescere più velocemente. Noi cercheremo di portare avanti gli altri che comunque hanno così la possibilità di giocare un po’ di più

 

 

 

 

A cura di Fabrizio Fioravanti

CONDIVIDI
Articolo precedenteAllievi: 3-1 al Viareggio
Articolo successivoI Giovanissimi fanno 2-2 con il Prato
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here