All’indomani del buon pari raccolto sul campo di Padova, ha parlato il Presidente azzurro Fabrizio Corsi, facendo il punto della situazione. Ha raccolto le sue impressioni il collega Carlo Salvadori de “La Nazione”.

Questa l’intervista pubblicata sulle pagine del quotidiano fiorentino.

 

E’ arrivato un risultato importante a Padova?
«Credo che il pareggio, sia il meritato premio al grande lavoro svolto dal mister negli allenamenti della scorsa settimana. I nostri giocatori sono infatti apparsi rigenerati anche sotto il profilo atletico e non ritengo di esagerare se affermo che partite di questo genere si possono anche vincere. La strada è quella giusta ma il traguardo della salvezza è ancora lontano».

 

C’è quindi un po’ di rammarico per non aver difeso il gol di Maccarone sino all’epilogo…
«Quando si passa in vantaggio, è chiaro che c’è sempre la speranza di conquistare i tre punti. Ma sono molto contento di questo 1-1 che dovrebbe rappresentare la prima pietra sulla quale edificare la nostra riscossa».

 

Per risalire la china, intanto, nella sfida coi veneti di Dal Canto siete apparsi in evidente difficoltà solo negli ultimi minuti…
«Era pressoché scontato che i biancoscudati cercassero la rete del successo con un arrembaggio finale. Però abbiamo retto bene l’urto grazie pure ad alcuni interventi determinanti di capitan Stovini. In compenso, nel primo tempo, siamo stati di sicuro superiori ai padroni di casa, che hanno infatti trovato il pari pescando un jolly con il tiro di Cuffa finito sotto l’incrocio dei pali».

 

Dopo la sosta arriverà il Livorno al ‘Castellani’: sarà uno scontro diretto malgrado gli attuali sei punti in più degli amaranto?
«Non lo so anche perché occorre pensare soltanto a noi stessi. Nelle quindici giornare che rimangono al termine del campionato, ogni nostra gara avrà comunque riflessi sulla corsa per mantenere la categoria».

 

Anche la vicenda del calcioscommesse e altre eventuali penalizzazioni comminate per problemi societari influiranno nella lotta per restare in serie B?
«Non dobbiamo assolutamente far conto su queste situazioni. Poi è assai difficile che i verdetti siano emessi entro la stagione in corso con ripercussioni nella classifica finale di questo campionato cadetto. Qualche mese fa sembrava il contrario, ma adesso bisognerà salvarci sul campo».

 

Quante formazioni rischiano la caduta in Lega Pro?
«In questo momento sono in lizza per evitare la retrocessione nove squadre e noi dobbiamo risalire una posizione per mettersi in salvo. Ma ora basta con le parole e auguriamoci di dare spazio ai risultati positivi».

CONDIVIDI
Articolo precedenteFrugoli convocato in Nazione Under 17
Articolo successivoZe Eduardo si sfoga per gli insulti razzisti
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

6 Commenti

    • Bravo! E aggiungerei che quest’anno nonostante gli errori, che ha comunque riconosciuto, sta facendo di tutto per mantenere la categoria! Guardate che e’ molto difficile fare calcio dove la squadra e’ seguita da solo 2mila persone!! Grande Fabrizio e grande Pino … vi fa molto onore aver ammesso gli errori!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here