Soltanto quattro giorni e poi la Serie A riprenderà di nuovo il via dopo il periodo di sosta per gli impegni della Nazionale. La Lazio partirà in direzione Castellani, dove ad attendere i biancocelesti ci sarà l’Empoli di Andreazzoli. Per parlarne ai microfoni di Radio Incontro Olympia è intervenuto il presidente dei toscani Fabrizio Corsi:“Domenica contro la Lazio, anche se la differenza di valori vede i biancocelesti nettamente superiori, l’Empoli non partirà già battuto prima di scendere sul rettangolo di gioco. Gli ultimi tre precedenti in Toscana dicono che il risultato è sempre stato equilibrato e soprattutto in bilico fino all’ultimo minuto, indi per cui sono convinto che oltre ogni parola anche stavolta a parlare sarà unicamente il campo. Le nostre speranze di fare punti si nutrono non solo della classifica attuale ma delle prestazioni convincenti offerte da un gruppo di qualità frutto di un mix fra gioventù ed esperienza in cui spiccano 5/6 individualità già pronte per i grandi palcoscenici pur con ampi margini di miglioramento”.

I TALENTI DELL’EMPOLI – “Krunic su tutti? Non parlo solamente di lui, peraltro già noto alle squadre importanti italiane a tal punto di aver dovuto resistere alle diverse proposte ricevute in particolar modo dal Torino, fino all’ultimo giorno di mercato, rispedite al mittente dato non convincevano nè noi nè il giocatore. A parte gli altri nazionali appena rientrati dopo essere stati protagonisti con le rispettive rappresentative, voglio far due nomi di altri due nostri gioielli: Rasmussen e Di Lorenzo. Senza ovviamente dimenticare La Gumina, il nostro Immobile, soffiato a numerosi club di serie A che gli stavano addosso quando era al Palermo, Sampdoria di Ferrero su tutti”.

LA LAZIO – “Posso serenamente affermare che il team di Lotito in Italia è dietro solo alla grande Juventus. Basti pensare e vedere i 17/18 top player a disposizione di Simone Inzaghi, i quali possono già esser catalogati nel gotha del calcio di primissimo livello nonostante abbiano espresso il 70/80% del loro potenziale”.

CATALDI – “Dopo anni ad inseguirlo, fin dai tempi di Crotone, questa estate l’ho chiesto in prestito al mio amico Claudio che invece voleva cederne definitivamente l’intero cartellino. Purtroppo l’operazione non è andata a buon fine e secondo me ci hanno rimesso tutti. Per Danilo una piazza come Empoli avrebbe rappresentato la soluzione migliore, si sarebbe potuto valorizzare trovando una sua dimensione, non giocando una volta ogni dieci partite come gli capita a Roma, potendo diventare, essendo un classe ’94, finalmente e definitivamente un leader! Un tentativo per il numero 32 capitolino a gennaio? No, non credo, e spero che Andreazzoli non ne avrà assolutamente più bisogno”.

ANDREAZZOLI – “A proposito del nostro allenatore, lui rappresenta la nostra certezza, la nostra garanzia, come lo sono stati sulla panchina azzurra del Castellani in precedenza i vari Spalletti, Giampaolo, Sarri, cogliendo l’opportunità di ricordare con immenso piacere l’Europa League raggiunta da mister Gigi Cagni. Una rivincita del 26 maggio per l’ex tecnico della Roma sconfitto in quella storica finale di Coppa Italia dal gol di Lulic? Lo escludo, per Aurelio quella contro la Lazio sarà una gara come tutte le altre da vivere con gioia ed entusiamsmo con i quali come sempre accoglieremo i tanti sostenitori laziali che ci aspettiamo sugli spalti. Certo è che quella delusione gli costò il posto nella squadra giallorossa…”.

lalaziosiamonoi.it

14 Commenti

      • Chi prova a risponderti ( me compreso)si trova il post rimosso da P.E.
        Sarebbe carino che in rispetto dei suoi annuali e fedeli lettori come me dicessero almeno il perché.

  1. Se è in giornata, la Lazio può vincere con tutti. Anche col Real Madrid. La speranza è che non lo sia, domenica. E che l’Empoli, invece, faccia la cosiddetta partita perfetta.

  2. Se si gioca sulle ripartenze, si vince. Se si vuole fare possesso palla sterile, credendo di essere il Real, si prendono 4 pappine …. Il tutto ammesso e concesso che non segnano loro per primi, altrimenti è dura dura.

  3. Troppo sottovalutato l’Empoli…la Lazio è sicuramente una buona squadra fatta di grandi nomi che solo a sentirli pronunciare potrebbero spaventare.. ma sara’ il campo a parlare e l’Empoli nn è da meno…

  4. Se perdiamo pazienza. Loro sono più forti. Il problema è che si faccia vedere un miglioramento nel gioco dei singoli e in quello di squadra. Se pois i pareggiasse meglio anvora. Ma La Gumina starà ancora molto a digiuno? Non ci credo.

  5. Grande Fabrizio sei un grandissimo presidente hai scritto la storia del calcio Empolese a livelli altissimi. Grazie per questi 20 anni.

  6. Controproducente lasciargli il pallino in mano e cercare il goal solo sulle ripartenze(ma anche quelle ci vorranno perchè è impensabile tenere palla per 65/67 minuti comè stato con Genoa e Chievo)anche perchè come dice sempre il mister ci si difende dagli attacchi avversari anche tenendo palla visto che se la palla ce l’ha te gli altri in porta non ci tirano…..Non si può snaturare il nostro gioco,come sempre ce la giocheremo per vincere,anche se chiaramente da centrocampo in giù dovremo sbagliare il meno possibile.La Lazio è attrezzata per fare un campionato di vertice ma non credo che possa andare più in là di un sesto-settimo posto(credo che anche il Milan gli arriverà davanti),ottima squadra ma se dobbiamo aver timore di loro contro Juve,Inter,Napoli,Roma che si fa non si scende neanche in campo?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.