Il tecnico della neopromossa Verona, Mandorlini, lo ha praticamente sbandierato ai quattro venti. La sua squadra, come accaduto a molte in passato, proverà il doppio salto e giocherà per un campionato importante e di vertice.

 

In quest’ottica i dirigenti scaligeri stanno lavorando, su indicazione dell’allenatore, in varie direzioni per consegnare al suo mister ed alla loro gente una squadra la più competitiva possibile.

In un’intervista rilasciata ieri ad alcuni colleghi veneti, tra i tanti, Mandorlini si sarebbe fatto scappare il nome di Musacci, indicandolo come uno dei centrocampisti più forti per la cadetteria, pronto anch’egli per il salto di qualità verso la serie A.

 

A detta dell’ex allenatore di Sassuolo e Cluji, il centrocampista viareggino potrebbe rinforzare un reparto già di per se pronto per affrontare al meglio la serie B, ma Musacci, con grandi visuale di gioco e piedi fatati (parole a detta dei nostri collegi uscite dalla bocca di Mandorlini) sarebbe indubbiamente un’arma in più.

 

Gianluca Musacci, classe 1987, è uno di quei giocatori che la maglia azzurra l’hanno ben cucita addosso, da sempre nell’Empoli salvo la parentesi del campionato 2007-08 in cui fu mandato a farsi le ossa in prestito alla Massese.

Ma il giocatore, in tempi non sospetti, aveva già dichiarato che il rapporto con l’Empoli era alla fine, niente di grave, solo la voglia di migrare in altri lidi, possibilmente nel massimo campionato.

Quella di Verona potrebbe essere una grande possibilità, giocando davanti ad un grande pubblico con una società ambiziosa di tornare nel grande calcio, anche se non facendo da subito la serie A.

 

Per dovere di cronaca sottolineiamo che tale informazione arriva da Verona e che sia il giocatore sia la società azzurra (pronta eventualmente a valutare varie offerte) non hanno ricevuto la ben che minima informazione.

Vedremo con l’inizio del mercato, fissato per il 1° Luglio, se si tratterà di gossip o di reale interesse.

 

Al. Coc.

CONDIVIDI
Articolo precedenteDalle buste torna La Rocca
Articolo successivoCon Alessandro Marinai….
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

10 Commenti

  1. In un’intervista rilasciata ieri ad alcuni colleghi veneti, tra i tanti, Mandorlini si sarebbe fatto scappare il nome di Musacci, indicandolo come uno dei centrocampisti più forti per la cadetteria, pronto anch’egli per il salto di qualità verso la serie A.

    AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHhhhhhhJajagahahahahahhhHhahHh

  2. A Iglhi Vannucchi la benzina l’ hanno già messa da un Po per andarsene bianca azzurro e meme di calcio ne capite poco!!!!!
    Vedrete quest’ anno che bel centrocampo senza Musacci e Valdifiori .
    Dopo si ride veramente!!!!! Hahahahah

  3. Ma nessuno vuole la partenza di Valdifiori. Credo che se vada via Mirko non parta Musacci, ma io sarei ( se mercato ce lo ha ) per mandare via Musacci e tenere Valdifiori.

  4. Forse non capite che entrambi vanno via se hanno richieste importanti cosa credi che Valdifiori si faccia scrupoli ad andare via soli perché vi ha leccato il culo a tutti per tre anni…. Poveri ingenui tutti se hanno mercato vanno via da empoli

  5. Io credo che Musacci sia stato ingenuo nel fare l intervista qualche mese fa dove dichiarava di voler andare via . Credo anche pero che questa sia l ambizione di tutti non per presunZione ma perché Empoli sforna giovani e questa città è un trampolino di lancio per la massima serie alla quale TUTTI ambiscono !!!! Quindi evitiamo noi tifosi di accanirci bei confronti di qualche giocatore che è qua da anni !!!! Musacci è un grande giocatore e lo sappiamo ha contribuito anche lui sempre come tutta la squadra!!!

  6. Penso che musacci sia un giocatore un po’ “strano”.
    Il suo ruolo è quello di regista basso come fino a 2-3 anni fa faceva pirlo nel milan, ma per far questo serve un centrocampo a 3 con altri 2 che corrono per sopperire alla carenza di corsa del regista.
    Un altro punto debole di gianluca è la discontinuità, per l’inserimento fisso e serio in uno schema di gioco dovrebbe giocare 35 partite tutte bene in una stagione.
    Se riuscirà ad avere questa continuità potrà ambire alla serie A,ma se proseguirà sulla falsa riga di questa stagione sarà destinato a rimanere un mediocre giocatore da B.

  7. Io sono sicuramente dalla parte di Valdifiori, le sue dichiarazioni fanno tanto bene ai tifosi dell’Empoli, e secondo me in un mondo calcistico che sta andando sempre più alla deriva è “oro colato”.
    Il tifoso ha bisogno di queste manifestazioni d’affetto verso la propria squadra, mentre Musacci a riguardo non mi sembra abbia dato molto.
    FORZA VALDIFIORI RESTA CON NOI.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here