roma empoli (6)Come ogni settimana analizziamo i Più e i Meno della prossima sfida che impegnerà l’Empoli. Stavolta sulla strada degli azzurri ci sarà la Roma, reduce dalla esaltante vittoria interna contro il Palermo e rigenerata dalla cura Spalletti. Maccarone e compagni sono ancora a secco di vittorie nel girone di ritorno e sono reduci dalle due sconfitte – seppur di misura – patite contro Frosinone e Sassuolo. Vediamo, nello specifico, quali potrebbero essere i fattori positivi e quelli negativi del prossimo match, partendo come sempre dai Meno.

 

1) L’EVIDENTE NERVOSISMO IN CASA AZZURRA

Le ultime due partite contro Frosinone e Sassuolo hanno portato zero punti. Ma soprattutto hanno evidenziato parecchio nervosismo da parte di alcuni giocatori azzurri. Saponara e Tonelli, ad esempio, hanno dmostranto di non essere completamente sereni in campo e hanno beccato la squalifica per il match contro la Roma, come successo a Mario Rui la settimana precedente. Questi episodi di nervosismo dovranno essere frenati, visto anche che la squadra naviga in acqua abbastanza tranquille.

 

2) L’EMERGENZA IN DIFESA

Con Tonelli appiedato dal Giudice Sportivo e un Andrea Costa presumibilmente ancora ai box, potrebbe riproporsi l’emergenza difesa che si è vista a Reggio Emilia. Potrebbe essere schierato nuovamente Cosic, che ha ben figurato contro il Sassuolo, ma che forse non garantisce autonomia per tutti i 90′. Tornerà Mario Rui, ma tutto ruoterà intorno al recupero di Lorenzo Ariaudo.

 

3) LA ROMA HA TRATTO GIOVAMENTO DALLA CURA SPALLETTI

Delle qualità tecniche della Roma non stiamo neanche a parlare. La verità è che da quando Spalletti è subentrato a Garcia, i giallorossi hanno avuto un netto miglioramento di risultati: sono ben cinque le vittorie consecutive, frutto degli scontri contro Frosinone, Sassuolo, Carpi, Sampdoria e Palermo. La scossa è stata evidente, i ragazzi affronteranno la squadra più in forma in questo momento.

 

Passiamo ora ai Più.

 

1) MACCARONE ESEMPIO DI PROFESSIONALITÀ

Nei momenti difficili ci sono giocatori che sanno farsi carico delle responsabilità e che risultano decisivi con una loro giocata. In assenza di Saponara questo ruolo potrebbe essere rivestito dal capitano azzurro, sempre pronto a guidare l’attacco e sempre l’ultimo a mollare, anche quando le cose vanno meno bene.

 

2) LA PARTITA NON HA BISOGNO DI STIMOLI

Giocare contro la Roma è sempre un banco di prova severo, ma le motivazioni non possono mai mancare. Quando affronti questi avversari così blasonati si dice spesso che la partita si prepara da sola, e noi crediamo che le motivazioni – di fare uno sgambetto a una squadra più quotata – possano essere decisive.

 

3) LA SQUADRA NON HA MAI PERSO TRE GARE CONSECUTIVE IN QUESTO CAMPIONATO

L’Empoli è reduce da due sconfitte, così come accaduto nel girone d’andata in due diverse circostanze. In entrambe le occasioni gli azzurri seppero rimettersi in carreggiata e ottennero prima il pareggio casalingo col Napoli, poi la vittoria contro il Sassuolo. Magari anche la gara con la Roma gli uomini di Giampaolo potranno evitare la terza sconfitta di fila…

 

Simone Galli

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa storia di Empoli-Roma
Articolo successivoOggi il ritorno di Costa
Empolese DOC e da sempre tifoso azzurro, è un amante delle tattiche e delle statistiche sportive. Entrato a far parte della redazione di PianetaEmpoli.it nel 2013, ritiene che gli approfondimenti siano fondamentali per un sito calcistico. Cura molte rubriche, tra cui i "Più e Meno" e "Meteore Azzurre.

3 Commenti

  1. Io comincerei a tirare fuori i teloni perché sabato e’ previsto forti piogge e vento a 80/90km/h……ti pareva mai una gioia!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here