Se per la prossima sessione di mercato che prenderà il via il 3 gennaio, il primo obbiettivo è quello di regalare a mister Aglietti una punta da affiancare a Coralli per rimpiguare un po’ il bottino delle segnature, si guarda ovviamente anche ad altro.

 

Senza dimenticarci del mercato in uscita, Kokoszka e Fanucchi hanno già le valige pronte, si valuta anche la possibilità di un esterno che possa dare velocità ed imprevedibilità alla manovra azzurra, che ultimamente su quelle zone del campo fa fatica, ed il nome che circola in questo ore è quello di Simone Basso di proprietà del Frosinone, ma che è in rottura con la società e rientra nei piani di cessione dei canarini per questo gennaio.

 

Basso, nato a Chiavari nel 1982 è alla sua seconda stagione in Ciociaria, portato da Moriero con il quale conquistò la promozione in B con la maglia del Crotone disputando uno strepitoso campionato. I tifosi azzurri ricorderanno la sua prestazione, per noi infernale, nel match di Frosinone dello scorso campionato, dove fu una vera spina nel fianco.

 

Sono molte le stagioni passate in Toscana dall’esterno offensivo, che ha vestito le maglie di Livorno, Prato e Sangiovanesse, guardacaso la squadra di casa Aglietti.

 

Il giocatore potrebbe essere una valida alternativa a Nardini ma sa giocare su ambi i lati del campo e da Frosinone sono sicuri che li prenderà farà un vero affare. Gli stessi colleghi che seguono da vicino i gialloblù, adesso in ritiro a Montesilvano in Abruzzo, hanno avuto modo di parlare con il giocatore che ha dice di aver grande voglia e che una piazza come quella di Empoli sarebbe più che gradita. Già altri club, su tutti il Grosseto, si stanno muovendo per prendere informazioni data la certa partenza dal Lazio.

Essendo il cartellino interamente del presidente Stirpe, con il quale c’è un discorso aperto per l’affare Lodi, potrebbe essere anche più semplice per i dirigenti azzurri sedersi ad un tavolo per valutare l’eventuale affare.

 

Il 3 gennaio è alle porte, e noi aspettiamo.

 

Al. Coc.

CONDIVIDI
Articolo precedenteGiovanissimi, in campo il 3 gennaio (recupero)
Articolo successivoIl 6 gennaio si torna a giocare: formazioni entro le ore 12
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

4 Commenti

  1. Nardini dopo un buon avvio sta attraversando un momento non certo esaltante, quindi una alternativa a lui non sarebbe una bestemmia. Comunque la gara con il Vicenza diventa fondamentale, se si perde x me via da subito Aglietti.

  2. Sono stato un sostenitore di Aglietti fin dalla prima ora, e credo che lui abbia davvero poca colpa del pessimo andamento delle ultime gare, credo però che se ( e mi tocco) con il Vicenza dovesse andare male la società a quel punto sia costretta a dare un segnale. Un nome: NOVELLINO

  3. Basso grande giocatore non bisogna lasciarselo sfuggire … è un giocatore di grande spessore forza Corsi spendiamo non facciamo il braccino corto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here