Abbiamo evitato, come giusto che sia di fare le consuete pagelle del dopo gara, relativamente al match con il Pescara, dando un simbolico ma veritiero dieci a tutto l’ambiente Empoli FC per il traguardo raggiunto.

Arrivati però a fine stagione, come ogni anno, andiamo a redigere il pagellone finale che terrà in considerazione l’andamento globale di tutta la stagione.

 

BASSI 8: Evidentemente Empoli aveva bisogno di lui e lui di Empoli, nonostante il matrimonio a tutti sembrava più che finito. Una stagione importantissima, ad alti livelli, dove i miracoli hanno superato le pochissime incertezze. Una serie A ritrovata con la maglia, lo diciamo, più inaspettata.

 

PELAGOTTI SV: Mai impiegato.

 

emp_pe (518)PACINI SV: Mai impiegato.

 

LAURINI 8: E’ diventato da un buon aereo charter ad essere il “Concorde” azzurro. Cresciuto ancora rispetto alla già straordinaria stagione passata, soprattutto nella fase di spinta visto che dietro ringhiava da già da grande. Qualche piccola ingenuità durante l’anno c’è stata ma un terzino cosi se lo sognano in molti.

 

MARTINELLI SV: Mai impiegato

 

PRATALI 6 : La stagione del “Pampa” è stata purtroppo vissuta più da spettatore non pagante che da protagonista. Nello spogliatoio è stata comunque elemento importante ed il suo ingresso a Pescara, determinante.

 

ACCARDI 6: Vale quanto scritto sopra, un lavoro più oscuro, interno alle segrete stanze dello spogliatoio, ma fondamentale.

 

HYSAJ 7: Stagione importante, di confermerme. Pesa però su di lui, ed il pesa deve andare tra virgolette grandi come case, il paragone con la passata stagione dove, da esordiente, ha fatto stropicciare gli occhi. Soprattutto la prima parte di stagione non è stata all’altezza. Resta però un bellissimo finale che ci conferma il fatto che sia un giocatore da A.

 

RUGANI 9: Da debuttante tra i professionisti gioca una stagione pazzesca. Si contano sulle dita di una mano gli errori di una stagione, dove oltre a dimostrare grandi qualità tecniche dimostra anche di avere carattere nonostante il garbo che sempre lo accompagna. Difficile trovare un aggettivo per identificarlo se non quel soprannome che gli abbiamo affibbiato: “Golden Boy”. Si porta a casa anche il “Leone d’Argento”

 

TONELLI 8: Ottima stagione per “The Wall” che compie un altro importante passo nella sua crescita professionale. Gioca ogni gara con grande autorità iniziando a far valere anche l’esperienza nonostante i soli 24 anni. Ogni tanto la sua irruenza lo porta anche a sbagliare ma chi non osa non potrà mai trovare la gloria.

 

MARIO RUI 7: Una bella sorpresa quella del Portoghese. Un Mario Rui che soffre all’inizio il fatto di essere il secondo del più giovane Hysaj ma le occasioni non gli mancano e le sfrutta sempre al meglio. Qualche rosso di troppo, li si dovrà migliorare.

 

BARBA 6,5 : Difficile trovare spazio in mezzo a due come Tonelli e Rugani. Federico però, seppur giovanissimo ed alla prima vera esperienza nel calcio che conta, si fa trovare pronto. Ovviamente è un giocatore che deve maturare ancora e su di lui è stato fatto un bell’investimento proprio in prospettiva.

 

CASTIGLIA 6,5: Non lo aiuta il fatto di arrivare nell’ultimissimo giorno di mercato e non lo aiuta il fatto di dover chiudere la stagione anzitempo per un infortunio. Le sue occasioni però non le spreca e se escludiamo la debacle collettiva di Bari rimangono impresse partite discrete giocate con buona qualità e piglio.

 

MORO 7,5: Stagione sfortunata la sua con quell’infortunio della parte finale del girone di andata dal quale non si è mai ripreso a pieno. Fin quando dentro, trovando anche la presenza numero 300 con la maglia azzurra, gioca su altissimi livelli, a tratti devastante. Il resto purtroppo lo si conosce.

 

VALDIFIORI 9: Abbiamo sempre detto che il miglior Valdifiori è stato quello della stagione 2010-11, beh questo lo ha superato. Un giocatore fondamentale, imprescindibile, l’uomo più tatticamente più temuto da tutti gli allenatori avversari (guardatevi le conferenze pregara). Dai suoi piedi partono poesie per chi la deve mettere dentro. Se in stagione ha sbagliato 20 passaggi paghiamo una pizza a tutti.

 

SIGNORELLI 7: Ha giocato per molto tempo contro tutti, ma alla fine ha avuto ragione lui. Cresciuto tantissimo soprattutto sotto il profilo mentale anche se qualcosa ha sbagliato il suo lavoro in campo è stato prezioso ma soprattutto si è fatto trovare pronto nel momento del bisogno andando a coprire al meglio la posizione lasciata vuota da Moro.

 

CROCE 8: “Il Prestigiatore” trova la serie A passati i trent’anni ma è tutta guadagnata e meritata. Non si offenderà se diciamo che nella parte iniziale della stagione, soprattutto guardando l’anno passato, la bacchetta magica è stata lasciata un po’ troppo nella custodia ma nel finale sale maggiormente in cattedra risultando ancora una volta l’uomo perfetto per lo scacchiere del suo mentore, Sarri.

 

RONALDO 6,5: Resta impressa nella mente la bellissima gara di Novara, dove a vederla, ci si è chiesti perchè non impiegato un po’ di più. Se però, come si dice, è il sostituto naturale di Valdifiori, la risposta vien da se. Comunque se il buongiorno si vede dal mattino…

 

ERAMO 6,5: Non era per niente facile arrivare dopo 6 mesi lontano dalle gare e fare benissimo. Alla prima, col Palermo impressiona tutti, poi qualche prova un po’ più opaca ma il giocatore lo si conosce e non ha fatto in passato quello che ha fatto per caso. Sa aspettare il suo momento dando nel finale sempre contributi molto importanti finendo per far partire dai suoi piedi il pallone della liberazione per la promozione.

 

SHEKILADZE SV: Un paio di veloci apparizioni che non possono dar luogo ad un giudizio.

 

MCHEDLIDZE 6,5: Beh, con la fortuna ha un conto aperto che prima o poi dovrà essere saldato. Al di la di questo aspetto deve anche fare i conti con i due che giocano la davanti però quando chiamato in causa offre sempre prove generose diventando poi nel finale anche un po’ più ciniche. La prossima stagione dovrà consacrarlo.

 

PUCCIARELLI 8: Grande annata per “El Nino”. Doveva essere la stagione della definitiva crescita e lui non se l’è fatto dire due volte. Impiegato da prima come trequartista e poi nel finale maggiormente da seconda punta, Manuel offre sempre grandi prestazioni, coronate da gol importanti e belli come quello segnato a Reggio che gli da anche il relativo premio stagionale.

 

VERDI 8: Questo voto lo potremmo giustificare come una media tra le non poche difficoltà della prima parte di stagione e la superba, maestosa seconda parte di campionato. Dopo il mercato si gennaio, quando la società punta maggiormente su di lui, sembra come rinato e torna ad essere quel fenomeno ammirato nel settore giovanile del Milan. Anche per lui arrivano poi gol importanti.

 

emp_pe (1296)TAVANO 9.5: Dargli dieci vorrebbe dire definirlo arrivato, ed invece sappiamo che per lui, nonostante i 35 anni, la voglia di nuove sfide è viva. L’Uomo dei Record è semplicemente leggendario. Era già nella storia azzurra ma segnare il centesimo gol (ricordo ormai lontano di mesi) e sacrificarsi come ha fatto lui per questa maglia è un qualcosa di più. Un giocatore unico, un campione, di quelli che a volte ti chiedi se c’è in campo e poi con una magia accende il mondo intorno a se. Impagabile.

 

MACCARONE 9,5: Stesso discorso per la scelta del volto fatta per Ciccio. Massimo è uomo-squadra, non ha caso, anche per via del nome di battesimo, ribattezzo nel “Gladiatore”. Uno che non si finisce mai, uno che per questi colori ha fatto rinunce importanti, uno che ha questa città e questa maglia tatuata dentro. Le sue partite sono delle lezioni da far vedere ai piccoli calciatori.

 

MISTER SARRI 10: A lui invece il dieci lo diamo, e potrebbe anche essere per il mister un punto di arrivo (gli auguriamo di fare sempre meglio con l’Empoli e magari anche con altri quando tra mille anni se ne andrà) visto che trova la massima serie dopo 21 anni di lavoro, cavalcando tutte le categorie dalla seconda in su, senza tralasciarne una. E’ stato l’uomo giusto al posto giusto. Una persona vera, di quella che dice quella pensa, di quelle che guarda al calcio con occhir omantici, ignorando (il prossimo anno bisognerà un po’ limarsi) anche tutto il carrozzone che oggi forse, ahinoi, tiene vivo questo mondo. Ha saputo tener botta nei momenti difficili, ha saputo caricare l’ambiente, ha saputo trovare il modulo e le posizioni giuste per tutti. Empoli si è innamorata subito di lui, perchè incarna quello che dovrebbe essere il tecnico di una squadra come la nostra e siamo contenti che la scommessa, perchè due anni fa questa era, sia stata stravinta.

CONDIVIDI
Articolo precedenteProgramma play off/out serie B 2013/14
Articolo successivoRiccardo Saponara esulta per la promozione azzurra
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

23 Commenti

  1. Una precisazione: che Empoli si sia innamorata subito di Sarri è una megabugia bella e buona. Dopo Empoli-Sassuolo 0-3 e Empoli-Ascoli 0-3 non erano frasi di amore quelle che si sentivano nei suoi confronti da parte dei tifosi della tribuna centrale e nemmeno da alcuni giornalisti che si allontanavano dalla tribuna stampa a fine partita. Tanto di cappello a Carli e a Corsi che contro tutto e tutti hanno dato fiducia a mister 33. L’avvicendamento di 4 tecnici della stagione precedente probabilmente aveva portato consiglio. Io aprirei alcuni dibattiti piuttosto.
    A) era più forte l’Empoli di quest’anno o quello dell’anno scorso? Quello dell’anno scorso chiuse con un punto in più. Aveva un Saponara e un Regini in più ma anche un Moro. Quest’anno Rugani ha sostituito bene Regini, ma il miglior Verdi non è stato all’altezza di Saponara. Voi che ne pensate?
    B) Quali sono i giocatori che secondo voi non sono ancora pronti per la serie A (se ce ne sono)?

  2. Forse mezzo voto in più per Laurini e Tonelli,per il resto sono d’accordo.Ma mi permettete di dare un 10 anche a voi di PE che come la squadra avete fatto una stagione straordinaria,piena di sacrifici ma penso anche piena di soddisfazioni,inoltre oltre che ad essere giornalisti validissimi siete persone straordinarie che(e io lo so per certo)aiutano i propri tifosi e fanno un LIVE per la vendita dei biglietti lunga 5 giorni,poi il settore giovanile,il punto,le interviste del dopo-gara,i punti di svista,il leone d’argento,PENALTY e potrei andare avanti all’infinito,5 anni fa quando ho scoperto questo sito mi avete dato una speranza per seguire l’Empoli più da vicino nonostante la grande distanza che ci divide,e per questo non posso che dirvi GRAZIE!FORZA EMPOLI E FORZA PIANETAEMPOLI!

  3. Invece io ricordo un amichevole estiva, al suo primo anno, parlo di Sarri, con cori subito per lui. Ed anche dopo la sconfitta con l’Ascoli io non ho sentito situazioni contro di lui. Poi che c’entra alcuni singoli soggetti pensano che sia scarso anche dopo questa promozione ma questo è un altro discorso.
    Mi piacciono i due 9,5 dati a Tavano e Maccarone, voti geniali

  4. Giusti i voti…tranne che per Laurini…se avete dato a Pucciarelli e Verdi 8…anche Vincent l’8 se lo merita e come!!

  5. Per la redazione grazie …..

    Bel lavoro ….

    Teneteci sul pezzo di una realtà piccola ma vogliosa di farsi notare semplicemente per le cose … semplici …

    Non ho aggettivi per Empoli se non essere una squadra primavera che gioca tra i grandi … grande Corsi … da Anni tra A & B ….

    E chi non da importanza a questo è un folle che non vuol vedere ….

  6. Siamo andati in A e questo vale un’indulgenza per 2-3 voti un pò alti a giocatori che in realtà hanno fatto solo pochi goal inutili a partite già chiuse, sul 2-1 a tempo scaduto o quasi per intenderci…

  7. Ma polemizziamo anche sul pagellone dopo una promozione in A?! Via, evitiamo…aggiungete piuttosto un bel 10 e lode per tutto lo staff di PE: magnifici e ormai insostituibili!

  8. dai ragazzi un po’ di generosità in più per Ronaldo,davanti ha avuto il miglior Mirko di sempre,quando ha giocato,(Novara e spezzone col brescia,determinante il suo recupero palla e lancio per Macca per il 3-1)è sempre stato determinante, 7 pieno !

  9. – chi non ricorda il tonelli del dopo
    empoli-ascoli 0-3?
    a mio avviso la crescita maggiore e’ la sua
    sia tecnica che caratteriale?
    e comunque andate a rivedervi le formazioni
    delle prime giornate dello scorso anno e
    capirete la differenza..giocare con ferreira,cristiano
    Spinazzola, cori ecc…e’ tutta un’altra cosa!!
    croce debutto’ in empoli ascoli 0-3,ciccio era
    infortunato da inizio campionato,macca un po’
    fuori forma e arrivato l’ultimo giorno di
    agosto,regini giocava sulla fascia ecc…

  10. Be’ se vogliamo finire a tarallucci e vino va bene e mettiamo voti anche con 10 e lode, se vogliamo essere realisti con voti veritieri bisogna perfoza dare delle valutazioni più consone alle prestazioni degli azzurri, perche’ in diverse partite i voti da dare a qualcuno abbassano la media qui sopra e di molto.E’ chiaro che son voti dettati dall’ entusiasmo per la promozione.Credo sarebbe stato più realistico fare la “vera” valutazione finale con la media dei voti dati da P.E. durante tutto l’anno…magari veniva fuori un 6, 5 per Bassi e un 7-7, 5 per Ciccio o SuperMac che son fior di voti, ……se si vuol fare un paio di esempi……Se poi si vuol giocare……giochiamo.

  11. A mio parere il voto a Bassi è assolutamente giusto, anche se ha preso 3 goal per per sue colpe, sono Molto di più quelli che ha salvato, mi ricordo una parata su Rocchi che ha del miracoloso. Comunque Buffon pur essendo il numero uno dei portieri ha sbagliato in alcuni goal che a preso la Juventus, a conferma che tutti sbagliano. Certo a voler dare un 5/6 a Bassi……
    Il voto al Mister è Meritato, il suo rombo del centrocampo è diventato un marchio di fabbrica, una identità di squadra, un senso di appartenenza dove le altre squadre sono riuscite a imbrigliare solo con un sonoro catenaccio, “è giusto che ognuno pratichi quel che vuole” ma soprattutto perchè la squadra ha avuto un periodo di appannamento fisico. Il mio elogio a Sarri lo devo, perchè se penso alle partite vissute in questi 2 anni, vedo che sono moltissime quelle che ci hanno resi felici, perchè non solo abbiamo vinto, ma abbiamo vinto giocando bene, ed al contrario sono poche quelle perse.

  12. 10 a Pianeta Empoli.
    Molto del ritrovato entusiasmo e’ merito vostro; l’annuncio delle formazioni, il nome di chi fa il gol, notizie in diretta, ecc ecc.
    A Empoli siamo un po’ freddini, a volte, ma se scaldati a dovere si risponde con i 15000 del Castellani.
    Si può ancora migliorare; non so quante volte quest’anno mi sono incazzato con alcuni (pochi) personaggi della Tribuna Inferiore, per i quali, nei primi mesi dell’anno :”… e ‘un ci vogliano andate in serie A, lo fanno apposta’.
    Ma con questi ‘un ci si fa.

  13. Hai ragione Don …. è incredibile sentire gente che pensa ancora che questa società non voglia andare un A di proposito …. pazzia pura !!!

  14. In alcune partite dello scorso anno asfaltammo letteralmente gli avversari, tipo a Brescia, a Cesena, a Reggio,così come il secondo tempo a Bari e in casa col Verona.Quest’anno quel tipo di dominio assoluto del campo lo si è visto di meno ( a Spezia e Novara ) ma è normale perché la squadra, pur giocando nello stesso modo aveva alcuni interpreti diversi.Inoltre, conoscendoci già, tutti son sempre venuti a fare il catenaccio, tutti difesa e contropiede. La partita del Cesena qui in casa nostra fu una roba che non si vedeva dai primi anni ’80, con marcature a uomo anche sul terzino laterale. Nel pagellone di fine anno i migliori sono stati Ciccio, il Macca, Valdifiori, Laurini e Rugani, un predestinato.

  15. la stagione di bassi e’ sicuramente sopra la media dei portieri della categoria ma non solo credo che possa fare bene anche in a, per il resto i voti sono alti ma ritengo che poi il campionato sia stato mediamente di livello superiore a quello precedente e se sono ai playoff squadre come modena bari ecc…. e fuori il siena mi sembra di non cercare troppo il pelo nell’uovo….

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here