L’Empoli perde a Piacenza per 2-1, perde una gara che forse meritava almeno di pareggiare, ma alcune disattenzioni difensive sono costate care, quanto la poca concretezza sottoporta al cospetto di un Piacenza molto solito e incisivo. Gara spettacolare, la miglior partita del turno infrasettimanale.

 

HANDANOVIC 7,5 – Il migliore in campo, compie un paio di prodezze nel primo tempo; una in particolare dove dice no a Cacia. Nel secondo tempo prodigioso su Piccolo; per noi incolpevole sui gol, fortunato quando Volpi prende l’incrocio dei pali su calcio di punizione.

 

VINCI 4,5 – Una quindicina di anni fa un suo collega terzino destro, che si chiamava Alessandro come lui e anche lui cresciuto nelle giovanili dell’Empoli, un certo Birindelli a destra faceva il bello e il cattivo tempo. Negli ultimi tempi Vinci in quella stessa fascia destra combina un pò troppi pasticci, come quando si fa surclassare da Piccolo in occasione dell’1-1. 

  

TONELLI 5,5 – Entra in campo nel momento difficile del match; quando cioè il Piacenza attacca a testa bassa. Prova sicuramente più convincente rispetto a quella offerta dal compagno Vinci, ma non del tutto sufficiente.

 

MARZORATTI 5 – Raccapricciante il modo con cui si fa infilare nei primi minuti dal piacentino Guzman. Soffre tremendamente Cacia. Lino se vuole tornare ad essere un calciatore da serie A deve tirare fuori la grinta, il carattere, di questo passo rischia di perdersi nell’anonimato. Ammonito, era in diffida, salterà per squalifica la sfida di sabato con il Modena.

 

STOVINI 6 – Anche lui, come il compagno Marzoratti, soffre Cacia, ma a differenza di Lino tira fuori il carattere e cerca di limitarlo. Provvidenziale il suo salvataggio su Guzman nelle battute iniziali del match.

 

GORZEGNO 6 – Con lui in campo a sinistra si balla meno, e guardacaso i pericoli maggiori del Piacenza arrivano tutti da destra.

 

MORO 5,5 – Non al top della forma, stringe i denti e risponde alla chiamata di Aglietti. Bene nel primo tempo, decisamente peggio nel secondo; prova anche la via del gol, ma non era proprio serata.

 

VALDIFIORI 6 – Chiamato a sostituire Musacci nel ruolo di play gioca un buon primo tempo, mentre cala nella ripresa, soffrendo la grande mole di gioco dei padroni di casa. Nel complesso comunque prova sufficiente.

 

SORIANO 6,5 – Oggi Roberto ci è piaciuto perchè ha giocato una gara muscolare; ha commesso alcuni errori giustificabili considerando la sua poca esperienza, ma si è arreso solo dopo il triplice fischio finale.

 

SIGNORELLI sv – Pochi spiccioli di partita.

 

NARDINI 6 – Partecipa soprattutto nel primo tempo al gioco offensivo della squadra, nel gol di Forestieri c’è anche il suo zampino, e fin quando ha fiato nei polmoni attacca e difende nella sua zona di competenza.

 

SAPONARA 6 – Entra quando ormai il Piacenza è in vantaggio e attende l’Empoli nella propria metà campo; tuttavia pur entrando in un momento non facile crea qualche grattacapo ai difensori avversari. Saponara è un pezzo di futuro della nostra squadra.

 

FORESTIERI 7 – Segna il suo primo gol con la maglia dell’Empoli e poco prima sfiora un gol da fuoriclasse con una mezza rovesciata che fa la barba al palo. Colpisce la traversa su punizione e ogni volta che ha la palla tra i piedi manda in confusione la difesa piacentina. Se i compagni iniziassero a cercarlo maggiormente, se Aglietti trovasse la soluzione per farlo giocare più vicino alle aree avversarie… con “El Topa” e il “Cobra” ci sarebbe da divertirsi.

 

CORALLI 5,5 – Per carità si batte come un leone, ma l’occasione che gli si presenta quando ancora il punteggio è di 1-1 e che lui spara in curva grida ancora vendetta. Sfortunato nel primo tempo quando la palla danza nella traversa, bravo nel tocco vincente per Forestieri in occasione del gol azzurro. Finisce la partita zoppicando e toccandosi ripetutamente l’inguine… speriamo che sia solo affaticamento.

 

AGLIETTI 5,5 – Partiamo dal concetto che ha troppo attacco ai box (Mchedlidze, Foti, Fabbrini, Lazzari…), diciamo pure che alla fine non è lui a scendere in campo e non ha colpa se Vinci pasticcia e qualcun’altro si dimentica di marcare il proprio giocatore. La cosa che preoccupa è che a volte sembra non riuscire a trasmettere il proprio carattere alla squadra. L’approccio al secondo tempo riesce a “distruggere” un primo tempo da grande squadra.

8 Commenti

  1. Bisogna giudicare in base alla singola partita e non su l’affetto al giocatore. Coralli per i gol che si e divorato merita la piena insufficienza.

    • Concordo ma questo è quello che passa il convento. Rallegriamoci che sia ancora in piedi e che riesca a giocare.
      Oltre al riposo Coralli ha bisogno di un compagno più vicino.

  2. voti giustissimi, uno per uno…. su coralli (e rispondo a tenerone) 5,5 giusto perchè è una insufficienza e si deve considerare che fa reparto da solo e che comunque ha preso una traversa e ha dato l’assist a forestieri… 5,5 giusto… per la prima volta sono strapienamente daccordo su tutti i voti

  3. Questa volta non sono propio daccordo sul voto a Stovini…..è vero che ha salvato su Cacia nel primo tempo,ma è anche vero che sempre nel primo tempo l’ha fatto girare e tirare in porta e che poi nel secondo tempo ha dormito sul gol del paregguio.Per quel che riguarda poi Nardini,vorrei sapere cosa vuol dire alzare la mano per segnalare un inesistente fuori gioco e così facendo far tirare in porta PICCOLO SENZA NEMMENO PROVARE A CONTRASTARLO!Secondo me il voto per i due puo’essere solo 4,perchè gli errori sui due gol sono stati gravi e imbarazzanti!Non sono daccordo nemmeno sul 5,5 dato ad AGLIETTI,perchè perseverare con questo modulo ridicolo ci sta facendo perdere LE PARTITE!Non capisco perchè non irrobustire il centro campo e farlo giocare a quattro quando si gioca fuori,in modo da non far spolmonare Moro e Valdifiori.Allo stesso tempo non capisco perchè in queste partite non dare piu’ spazio a Signorelli.Per quel che riguarda Vinci mi sono gia espresso diverse volte e credo che visto le sue poche attitudini difensive e le sue grandi doti propulsive,il suo ruolo non puo’ che essere esterno di centrocampo con licenza di inserirsi per scodellare palle in area!

  4. sono daccordo con Daniele per Nardini,meno per Vinci.
    Ha tirato la carretta da inizio anno,senza mai fermarsi.E’ migliorato molto ed oggi sta passando un momento negativo.Concordo sul rinforzare il centrocampo anche per dare più libertà davanti in fase di copertura.Un appunto su Gorzegno:non credo dia più stabilità alla squadra a sx ,a piedi peggiori di quelli di Gotti e 6 anni in più ( in prospettiva…) io lo vedo meglio come centrale di difesa piuttosto che terzino.Gotti secondo me deve giocare con continuità, e quando è successo ha fatto molto meglio di Gorzegno sostenendo anche la fase propositiva della squadra,certo deve migliorare nei cross ma ha dato modo di vedere che ci sono i margini .

  5. sempre bravi i giornalisti di pianeta.
    Vorrei però sottolineare che il troppo “buonismo” nei giudizi a volte non fa bene nè ai giocatori nè alla squadra.
    Allora diciamo chiaro a certi giocatori (vedi Vinci e Marzoratti)che sen on hanno ne piedi nè cervello,nè volontà e meglio farli riposare.
    Come Aglietti che sta portando la squadra diritta in”b” per inesperienza e testardaggine.Anche ad Empoli a volte gli allenatori si cambiano…..

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here