Le Pagelle di Empoli-Roma 0-1

Le Pagelle di Empoli-Roma 0-1

Ecco le pagelle inerenti le prestazioni dei calciatori azzurri, usciti sconfitta di misura nell’esordio stagionale al Castellani, redatte dalla redazione di Pe.   SEPE: 6 Si fa sorprendere sul tiro di Naingolan che decide la gara, sfortunato perché’ il pallone dopo aver colpito la sua schiena fi

Commenta per primo!

Ecco le pagelle inerenti le prestazioni dei calciatori azzurri, usciti sconfitta di misura nell’esordio stagionale al Castellani, redatte dalla redazione di Pe.   SEPE: 6 Si fa sorprendere sul tiro di Naingolan che decide la gara, sfortunato perché’ il pallone dopo aver colpito la sua schiena finisce alle sue spalle. Per il resto da sicurezza al reparto facendosi trovare pronto sia sulla conclusione di Florenzi nella prima frazione, sia a chiudere lo specchio della porta a Maicon ad inizio ripresa.   LAURINI: 6.5  Prestazione orgogliosa e gagliarda del “Concorde”. Buono il suo contributo in copertura Su Ljajic al quale offre pochi spazi, leggendo molto spesso le linee di passaggio avversari. Soprattutto nel finale da il suo contributo in fase offensiva,  non Lesina una stilla di energia per dare il suo contributo alla squadra.   TONELLI 6  Va tra alti e bassi il nostro “The Wall” . Alterna buone chiusure acrobatiche ad errori in fase di disimpegno, denotando di subire l’emozione del debutto casalingo con avversari di rango. Nella ripresa il suo rendimento cresce dando maggior sicurezza all’intero reparto.   RUGANI: 6.5 il “Golden Boy” non delude, guidando il reparto anche nei momenti più difficili del confronto, togliendo le castagne dal fuoco. Per lui quella di stasera era la seconda gara tra i professionisti, ma per l’autorità e la sicurezza con la quale ha giocato sembra in questa categoria da molto tempo.   HYSAJ: 6 Comincia con un brutto errore che libera Florenzi, per il resto da il suo contributo nelle due fasi, proponendosi con continuità in fase offensiva, e riuscendo a limitare i danni sulle scorribande di Maicon nella sua zona di competenza.   IMG_6359VALDIFIORI: 6,5 Il direttore d’orchestra azzurro si accende spesso e cerca sistematicamente la giocata di prima verso i compagni per mettere fuori causa i propri dirimpettai. Talvolta fa qualche errore ma ci sta. meno efficace del solito nella battuta dei corner. Buono il suo lavoro in fase di non possesso  dove si applica con abnegazione.   CROCE: 6.5 Buona la prestazione del “prestigiatore” che si mostra sovente il più ispirato dei giocatori offensivi azzurri. Più volte le sue magie mettono in difficoltà gli esperti difensori giallorossi. Ripiega anche in fase di non possesso aiutando e raddoppiando, macinando una quantità innumerevole di chilometri.   ZELINSKI: 6.5 Solo quindici minuti (compreso il recupero) per il polacco, sufficenti per intravedere le qualità di un ragazzo interessante in prospettiva. Qualche buono spunto nei sedici metri avversari, e un delizioso assist verso Tavano che purtroppo trova il muro giallorosso. Possiamo dire buona la prima.   VECINO: 5.5  Passo indietro rispetto alle buone prestazioni di Udine, e nella gara di Coppa conto L’Aquila. Non riesce ad incidere nella manovra azzurra, perdendo qualche pallone di troppo. Mette buona volontà cercando di dare il suo contributo in fase di non possesso, ma complessivamente possiamo dire che l’uruguaiano non era in serata.   MORO: 6.5 Ottimo impatto nel confronto del capitano, riesce a dare intensità alla manovra azzurra, dal suo ingresso la squadra trova tonicità e mette in difficoltà la Roma. Il suo rientro in squadra, e questo tipo di prestazione è sicuramente tra le note maggiormente positive di questa serata, perchè l’apporto del capitano sarebbe fondamentale in questa difficile stagione.   VERDI: 6 “La Lanterna Verde” ha la capacità di attaccare la profondità, si colloca in una zona di campo dove può far male agli avversari. Quando però si tratta di incidere, sia che si tratti di tirare in porta, o di servire il compagno manca di incisività e concretezza.   PUCCIARELLI: 6 Sarri lo fa entrare per dare maggior incisività e un pizzico di imprevedibilità alla manovra azzurra, “El Ninho” ci riesce a tratti, dialogando con i compagni, impegnandosi molto ma trovando nei difensori della Roma una montagna invalicabile.   TAVANO: 6 Ha pochi palloni giocabili “L’uomo dei record” che cerca di dialogare con i compagni, cercando quel fazzoletto di campo ideale per poter colpire, ma nelle due-tre occasioni nelle quali potrebbe farlo trova l’opposizione dei centrali giallorossi. Non lesina tuttavia determinazione e volontà.   MCHEDLIDZE: 6.5 Buona la prestazione del georgiano, che lotta con i dirimpettai avversari, partecipa alla manovra non lesinando energie. La sua prestazione cresce nella ripresa quando obbliga De Sanctis a una deviazione non comoda, su una sua staffilata dai 25 metri. Poi l’azione che ha lasciato molti dubbi, che poteva procurare un calcio di rigore. Comunque la sua prestazione è stata decisamente incoraggiante a dimostrazione che per crescere, questo ragazzo, deve giocare con continuità.   MISTER SARRI; 6.5 Tutti davano L’Empoli nettamente sconfitto alla vigilia, qualcuno pensava ad una goleada della Roma. Il mister aveva chiesto ai suoi ragazzi di giocarsi la partita e coosì è stato. Francamente la grande Roma non ha fatto moltissimo per vincere, e i nostri ragazzi hanno fatto una buona figura di fronte ad una corrazzata come quella giallorossa. Difesa alta, pressing ed aaccelerazioni tutte cose applicate bene sul terreno di gioco. Purtroppo la gara è stata decisa da un ‘episodio sfortunato, il mister ha rimarcato nel dopo gara che i complimenti non fanno punti, e che dovremo essere più arrabbiati nella prossima trasferta di Cesena. Allo stesso tempo questa prestazione deve fare da pieno di autostima, in vista delle prossime partite.  

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy