Con il tecnico azzurro Alfredo Aglietti, a ventiquattro ore dal match che ci vedrà affrontare il Padova, proviamo a fare il punto della situazione in casa azzurra presentando il prossimo match:

 

Mister arriva il Padova che tu in tempi non sospetti hai definito da prima fila?

E lo confermo. Il Padova ha un organico importante, forte, una squadra ben costruita con tutti elementi di spessore per la categoria. Un centrocampo robusto ma con grande qualità e davanti hanno di che scegliere. Sarà una gara difficile, una di quelle in cui rischi di pagare ogni piccola imprecisione. Dovremo essere bravi nel palleggio e nella fase di non possesso. Sono forti ma non sono impenetrabili e noi davanti dovremmo essere cinici nello sfruttare lo sfruttabile.”

 

Potrebbe essere a centrocampo la chiave del match?

Loro in quella zona del campo hanno ottime individualità. Sia che giochi Milanetto sia Italiano (partirà il primo, ndr.) è da li che nascono le loro azioni. Quindi va da se che dovremo essere bravi in quella zona del campo a non dargli modo di imporre il loro gioco ma anzi di provare ad essere noi a dettare i tempi.”

 

Nel dopogara di lunedi scorso si diceva che la vittoria con la Reggina doveva fare da iniezione di fiducia per il futuro, come hai visto la squadra nella settimana?

Bene, indubbiamente lunedì scorso era fondamentale vincere per ritrovare un pizzico di sicurezza nei nostri mezzi e convincerci che non poteva girare sempre tutto storto. La vittoria di lunedì  non deve però nemmeno essere vista come la risoluzione di tutti i problemi, anche in quella gara abbiamo fatto diversi errori che in settimana abbiamo analizzato per far si che non si ripetano soprattutto domani contro una formazione, lo abbiamo già detto, che difficilmente perdona gli errori altrui.”

 

Parliamo di formazione: si va verso la conferma di modulo e uomini?

A livello di modulo abbiamo lavorato sempre con lo stesso sistema di gioco quindi non ci sono novità da questo punto di vista. Per quello che riguarda la formazioni mi porto a domani un paio di soluzioni che ho in testa. Sono contento per il recupero di Buscè che se anche non partirà dall’inizio potrebbe darci una mano visto che Ficagna non è ancora al top del condizione. Gli assenti sono i soliti da qualche settimana più Fatic.”

 

Uno dei dubbi, forse poi l’unico riguarda Signorelli. Come stai vedendo la crescita di questo ennesimo prodotto del vivaio azzurro?

Franco non lo scopriamo certo oggi per il gol alla Reggina seppur bellissimo. È un giocatore che ha molta qualità ed una discreta personalità data la sua giovane età. Sicuramente l’aver giocato lunedì, con la prestazione che tutti avete visto, gli ha dato qualcosa in più per cercare quella continuità fondamentale nel suo percorso di crescita. I presupposti per continuare su questa strada ci sono. Per quanto riguarda il dubbio, si, confermo che voglio valutare alcune cose dove Franco potrà darci qualcosa in più ma dove anche Moro potrebbe essere prezioso.”

 

Al. Coc.

CONDIVIDI
Articolo precedente7a giornata serie Bwin: le probabili formazioni
Articolo successivoIn diretta su Radio Bruno
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

6 Commenti

  1. Grande “Aglio”!
    vedi che te lo sei ricordato di come giocavi negli sperduti e impalpabili anni 90′ quando avevi come mister D’Arrigo?
    e batteste la nazionale di Baggio e di Arrigo!
    .
    Ebbene è la prima volta che ti sento parlare di “Palleggio”
    di gestione della palla.
    .
    Ma ti ricordi che una settimana fà parlavi di agonismo di forza fisica di lotta su ogni palla e che ogni scontro individuale sarebbe stato decisivo.
    Giusto ma, quanto abiamo sofferto campando solo su questo aspetto delle attitudini individuali….
    .
    “Aglio” se veramente l’Empoli col Padova si metterà a “Palleggiare = Giocare” e gestirà nel tempo la profondità assisteremo ad una grande partita! una cosa di altri tempi!
    un coraggio da Titani!
    .
    .
    P.S. mai viste quote così 2.90 2.90 2.50
    Ebbene mi vado a giocare 10 euro sull’1!
    .
    “nel ciul alla sfiga e al padan!”

  2. L’importante sara’ partire con il piede giusto con la giusta personalita’ come abbiamo fatto con la Reggina,,,,sarà importante altresì pero’ giocare così per tutta la partita e non solo per 20 minuti e poi dare in mano il pallino del gioco all’avversario….ma se propio dovesse essere così perche ci trovassimo in vantaggio,bisognera’sfruttare adeguatamente il contropiede….cosa non fatta con la Reggina se non nell’episodio del goal di Tavano!Una settimana in piu’per Coralli sara’importante e di sicuro in campo lo vedremo!Io son sicuro che faremo una grande partita,se poi il Padova si dimostrera’ piu’ forte allora tanto di cappello,ma se fossi i Patavini qualche pensiero lo avrei!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here