Torniamo in compagnia del collega Alessandro Marinai per la rubrica di approfondimento, “Il Punto” (l’originale). Con Alessandro proviamo ad analizzare il momento degli azzurri a cavallo tra l’ultima gara giocata e quella a venire.

 

marinaiCiao Alessandro, ben trovato. Dobbiamo commentare una sconfitta sicuramente molto particolare e difficilmente preventivabile alla vigilia. Empoli che cede 6 punti su 6 al Frosinone…

“Era una partita che qualche preoccupazione la destava alla vigilia, una sfida che non dava grandi motivazioni e la pancia vuota, il piglio del Frosinone poteva rivelarsi l’arma in più. Questo sulla carta, una teoria possibile, poi il campo ha detto altro e cioè che l’Empoli avrebbe meritato molto di più e che il Frosinone ha segnato due gol con un tiro e mezzo in porta… Aver perso entrambe le partite credo rimarrà una piccola stortura di questa straordinaria stagione. Anzi, di questo straordinario girone d’andata perchè la stagione si deve ancora concludere e mancano diverse partite”.

 

Non tutte note negative, anzi. Un Saponara ritrovato ma anche uno spirito di squadra che nonostante la giornata no non è mai venuto meno…

“Ho letto e sentito giudizi troppo cattivi verso l’Empoli dopo la sconfitta che è arrivata per congiunzioni astrali sfavorevoli. Tanti tiri in porta, una serie infinita di calci d’angolo, un pizzico di sfortuna e tanta imprecisione, questa sì. Possiamo condannare una squadra per questo? Io penso di no… In alcune gare la fortuna ha preso per mano gli azzurri, stavolta non è successo e il calcio è questo. La squadra ha dato il massimo per portare a casa un risultato positivo, evidentemente non è bastato”.

 

Pero’ tanti errori sotto misura e qualche nervosismo di troppo…

“Tanti errori, è vero, ma può succedere una volta ogni tanto. E’ il nervosismo che è più difficilmente comprensibile, non ci sono motivi per esserlo se non, forse, una lucidità che sta venendo meno in questo momento in alcuni elementi. Se qualcuno ha bisogno di riposare è giunto il momento di provvedere”.

 

Sei d’accordo sulla gestione del “caso” Livaja?

“Livaja ha tenuto un comportamento molto grave che a Empoli è rarissimo vedere, non fa parte del modo di essere di questa società e le pochissime volte che si è andati oltre si è sempre intervenuti in maniera netta. Se devo essere sincero dal comunicato del club non sono nemmeno riuscito a capire quale sia il provvedimento… Si parla di una multa ma non se ne conosce l’entità. Fosse dipeso da me avrei valutato anche la possibilità di rescissione del contratto visto che mi pare evidente che a fine stagione il calciatore non verrà riscattato”.

 

In molti, soprattutto tra quelli che non vivono l’ambiente, si interrogano sul cosa stia succedendo alla squadra che ancora non ha trovato la vittoria nel girone di ritorno. Ricordiamo però che abbiamo gli stessi punti del girone di andata…

“Non ravvedo particolari criticità da far suonare il campanello d’allarme, c’è semplicemente un rallentamento dal punto di vista dei risultati e forse, e ripeto forse, un pizzico di lucidità in meno. Le prestazioni non sono state così negative da giustificare questa frenata, ma non dobbiamo abbassare la guardia altrimenti si corre il rischio di non dare il giusto valore a questa stagione. Nel calcio, si sa, quello che è stato fatto ieri lo si ricorda, ma ciò che è stato fatto l’altro ieri già non si ricorda più”.

 

A Reggio col Sassuolo dovremo assistere ad una bella partita tra due squadre che giocano e che certo non devono fare calcoli…

“La filosofia delle due squadre e la classifica delle stesse suggeriscono di pensare ad una partita aperta a qualsiasi risultato e giocata a viso aperto. I neroverdì vorranno anche riscattare la sconfitta dell’andata che impedì alla squadra di Di Francesco di spiccare il volo”.

 

A chi vorresti dare qualche minuto in più tra quelli che hanno giocato meno?

“A Piu. Non è stato ceduto nello scorso gennaio e allora deve avere la possibilità qui di giocare altrimenti il tutto non avrebbe senso”.

 

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedenteNews da Sassuolo
Articolo successivoUn'antipasto davvero bello per la gara di domenica
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

49 Commenti

  1. Ciao Alessandro e ben tornato,
    Spiace tanto e non è facile, ma in questi momenti dobbiamo trovare la forza x andare avanti. Forza !!
    Passando a cose più leggere…
    Tra Zambelli e Bittante io penso sua meglio Zambelli titolare e Bittante più pronto a spaccare la partita a gara in corso.
    Non rischierei Pucciarelli dall’inizio…magari o Piu o Levan.
    Che ne pensi?
    Grazie e forza azzurri!

    • Grazie. Bittante sta bene, sta attraversando un buon momento di forma mentre Zambelli rappresenta una sicurezza ed esperienza. Entrambi potrebbero giocare, credo che dipenderà, oltre allo stato di forma dei due, anche dal come Giampaolo intenderà affrontare il Sassuolo. A me non dispiacerebbe vedere Bittante dall’inizio. Se Pucciarelli sta bene farei giocare lui, lo vedo più adatto come caratteristiche per affrontare i neroverdi.

  2. Bravissimo Alessandro su Piu, condivido al 100%, anche perchè è sicuramente migliore e più di prospettiva di Levan e Livaja.
    Due domande:
    1) non credi che, per evitare alcuni errori dell’ultimo calciomercato (arrivo di Livaja all’ultimo secondo), e visto che siamo VIRTUALMENTE salvi (incrociamo le dita) a febbraio,sarebbe opportuno cominciare a programmare per tempo il calciomercato della prossima estate, quantomeno sotto il profilo dell’individuazione di una serie di obiettivi anche in ordine di preferenza?
    2) quando sapremo qualcosa di nuovo sullo stadio?
    Grazie e buon lavoro

    • 1) Certamente sì, me l’aspettavo anche l’anno scorso una strategia del genere soprattutto sull’attaccante invece di attendere l’ultimo giorno.
      2) Non lo so, adesso mi pare che sia tutto in mano alla burocrazia ed essendo in Italia non ci vuole fretta…

  3. Ciao Alessandro, ben tornato. Anche io proverbi Più….e poi sarei curioso di vedere maggiormente all’opera Bittante. Servono comunque nuovi stimoli e più cattiveria e determinazione. Metterei obiettivi a crescere, cioè 40 punti alla partita con la Juventus, per poi puntare a 50. E come posizione ottava/decima.

    • Non occorre mettere obiettivi, ci sono già. Quello dell’ottava posizione consente di saltare il turno eliminatorio della Coppa Italia e poi quelli personali… Se i giocatori vogliono ambire a club più blasonati non possono permettersi di mollare la presa. In linea generale, comunque, è il compito più difficile per Giampaolo.

  4. Concordo con te, si e’ fatto troppo clamore per un qualcosa che capita nel calcio, se si rigioca 100 volte, con quello spirito, 99 si vince. Ho notato troppo nervosismo, ma secondo te da cosa dipende?

    • Non lo so, ma può essere solo una casualità, una giornata un po’ così forse dettato anche dall’andamento della gara.

  5. Ciao Alessandro ben tornato, sai cosa penso io, che se il frosinone si salva e al suo posto retrocede la sampdoria è anche meglio almeno il prossim’anno c’è una candidata alla retrocessione in più poi su Piu sono d’accordo come gli altri se non gioca per me poteva andare in b a gennaio speriamo trovi spazio magari a salvezza acquisita

    • Teoria simpatica quella legata a Frosinone e Sampdoria, ma nel calcio non esiste nulla di scontato. Su Piu credo di aver espresso il mio pensiero ormai da mesi, per me doveva andare a giocare a gennaio, non è andato e quindi mi aspetto di vederlo maggiormente impiegato in questo girone di ritorno.

  6. Ciao Alessandro. La salvezza è a un passo ma va conquistata mentre l’Europa secondo me è quasi irraggiungibile, riuscirà la squadra dopo aver conquistato la salvezza ad avere le stesse motivazioni del girone d’andata?
    Sulla vicenda Livaja sono perfettamente d’accordo con te, però anche a me è sembrata una scelta strana quella di Giampaolo di preferire Levan a Marko. Secondo te è stata semplicemente una scelta tecnica oppure, visto che Levan a differenza di Livaja è di nostra proprietà, si vuole valorizzare il georgiano visto che poi Livaja se ne andrà?

    • L’Europa è lontanissima, molto. La salvezza, invece, è dietro l’angolo e virtualmente acquisita. Sul discorso delle motivazioni ho risposto ad un precedente commento dicendo che sarà il compito più difficile per Giampaolo. Su Livaja ho risposto con un post più articolato cercando di spiegare il senso delle mie parole. Aggiungo, su quanto dici, che secondo me ha scelto Levan anche per il tipo di terreno che c’era sabato. per impostare un certo tipo di gioco e per potenziare il gioco aereo oltre che immettere fisicità. Non ci trovo niente di clamoroso in questo.

  7. Bentornato e tante condoglianze per il babbo: L’Amore non s’interrompe con la morte….

    I 5 grandi attaccanti del Sassuolo (Berardi, Sansone, Falcinelli, Trotta e Defrel) contro la nostra difesa rabberciata (out Mario Rui e Costa): Prova a convincermi che usciremo da Reggio con un punto.

    • Grazie Claudio. Provo a convincerti? Allora ti ricordo la partita di andata, out Saponara, Croce e Paredes… Empoli spacciato contro un Sassuolo lanciatissimo e… come finì?

  8. Kaushen lo voleva riscattare,Livaya, ehhhh ma lui è’ un vero intenditore,come vede lui le partite non le vede nessuno”………..

  9. Ciao Alessandro,potremmo star ore ed ore a disquisire se la multa x Livaja é giusta o meno,però voglio spezzare una lancia (…….forse sarò l’unico…….) a suo favore.
    Andiamo con ordine……il suo arrivo non aveva destato eccessivo entusiasmo dato i suoi precedenti ,però x me era un nome spendibile x una squadra come la nostra che cercava un giocatore da rilanciare e che avesse esperienza in seria A. Il primo mese lo ha passato smaltire i kili di troppo che si era portato dietro,poi in molti abbiamo detto vediamo di che pasta é fatto questo. I mesi sono passati, invece i minuti che sono passati nel vederlo in campo sono stati veramente pochi……..essendo come caratteristiche simile a Macca, ed essendone il suo sostituito naturale, ha fatto fatica a mettersi in evidenza,dato anche il gran campionato che tuttora sta facendo Big Mac,però dopo il gol contro la Fiorentina in molti al campo, che frequento abbastanza durante la settimana ,dicevano “……..però se lo facessimo giocare un po’ di più molto probabilmente qualche gol lo farebbe anche lui……”,cosa che purtroppo non é avvenuta.
    Tu mi dirai che se non ha giocato molto ,la colpa non può che essere sua………….mi verrebbe da dire che forse hai ragione,però se rifletto un attimo mi viene in mente una considerazione,che é questa. Anche i primi mesi di Paredes non sono stati esaltanti e a qualcuno erano venuti dei dubbi,…..i minuti giocati erano pochi, il ruolo poteva non essere il suo…….poi un bel giorno si prova li nel mezzo e……zack magia!!!!!. Il buon Leandro diventa il perno del nostro gioco tutti ad osannarlo,giustamente dico io, tutti a dire che non si può prescindere da lui……in pratica non esce più ed oggi é il giocatore che tutti vediamo. Pertando e concludo, voglio dire che si fa male a dire che Livaja é stato “un buco nell’acqua ” e voglio vedere chiunque che abbia mai calcato un campo di calcio a non sentirsi “incaxxato” dopo che ti scaldi ,pensi di entrare perché la tua squadra stá perdendo in casa e deve recuperare un gol ,e vedi possare i minuti e tu ancora non entri. É vero tali gesti sono da deprecare,però,proprio perché vuoi dare il tuo contributo alla squadra, devi sfruttare quei pochi minuti che avrai a disposizione. A nessun dirigente verrebbe mai in mente di rescindere un contratto ad un giocatore x un comportamento sbagliato quanto si vuole, ma che si è visto molte volte sui campi di calcio.Nessuna società prenderebbe un provvedimento così intransigente………dunque bravi Carli e company………..e se proprio devo dare un consiglio alla società dico……..provate a farlo giocare di più,lo so che con un riscatto a 6 milioni di euro non lo riscatteremo, ma sono altrettanto sicuro che se troverà la squadra che lo farà giocare con continuità,i suoi tifosi si divertivano sicuramente!!!!!!!!

    • Per quel che conta, condivido in pieno ciò che hai scritto, quindi non sei l’unico a spezzare una lancia per lui.
      I giocatori che non giocano, sono difficili da giudicare e dietro il Macca di quest’anno avrebbe fatto panchina chiunque.
      Ovviamente lui ha il suo carattere ed i suoi problemi e chissà se li risolverà mai.
      Però pensare che doveva essergli rescisso il contratto, mi sembra solo una esagerazione provocatoria: anche per me Carli & C. hanno fatto bene a comportarsi senza lasciarsi andare ad inutili vittimismi pietosi

    • Nella sintesi di una risposta può capitare di essere fraintesi e il punto è proprio questo: non era mia intenzione parlare di rescissione come punizione per quanto fatto sabato scorso, ma per un discorso più ampio per il quale la rescissione poteva essere una soluzione da prendere in considerazione. E lo spiego molto semplicemente: siccome oggi come oggi è, almeno per me, una follia pensare al riscatto di Livaja, a poco più di dieci giornate dal termine un club ha il dovere di iniziare a pensare al futuro, alla propria progettualita e siccome l’Empoli ha la fortuna di aver in tasca la salvezza virtuale farebbe bene a capire se i vari Mchedlidze e Piu (che sono prodotti propri) possono far parte di questa rosa anche l’anno prossimo. Vado oltre, se dipendesse da me, a salvezza matematica, farei fare minutaggio perfino a Tchanturia. È evidente che di fronte a questa scelta politica, che io farei, Livaja diventerebbe quinta scelta come minimo con la conseguenza che giocherebbe sempre meno. Nel chiarimento avrei detto questo al giocatore, per evitare in futuro casi analoghi a quello di sabat. Era solo una riflessione secondo me giusta da fare, poi mica pretendo che tutti la pensino come me… Sapete bene che dici sempre quello che penso e soprattutto cerco di dare una logica a quanto dici.

      • Sono un tuo estimatore, puoi leggere altri miei interventi sul tuo “Punto”,ma questa volta ti sei salvato in calcio d’angolo e x di più dubbio,comunque anche se si avverasse quello che tu sostieni,nessuno può dire a priori chi sarà la prima o la quinta punta,dato che solo il campo da un giudizio oggettivo. Lungi comunque da me far polemica con quello che ritengo il miglior giornalista sportivo empolese.

        • Non mi sono salvato in calcio d’angolo e non deve avverarsi nulla… Ho solo esposto quello che secondo me sarebbe giusto fare in chiave futura e sono pronto a ribadire quanto detto. Liberissimo di pensarla diversamente. Ti ringrazio per il complimento finale.

  10. Mi sembra eccessivo pensare di rescindere il contratto a Livaja, bene ha fatto la società a perdonarlo e non a punirlo eccessivamente. Mi viene in mente Levan quando fece il burbero sia ad Empoli che a Palermo, mi ricordo che scappò varie volte in Georgia( comportamento più grave) ma fu perdonato e gli fu data enorme fiducia. Per me Livaja ha un buon potenziale e spero che la società lo riscatti a fine anno, ma non alle cifre richieste dal Rubin. Ricordiamoci che il prossimo anno Big Mac avrà un anno in più e magari Livaja, ricordando che è un 93 quindi giovanissimo, con una preparazione estiva più adeguata può sostituirlo egregiamente.

    • Duccio scusami se mi intrometto ma vorrei un chiarimento. Hai fatto un paragone con Levan che scappò in Georgia e venne perdonato. Ma quindi la fiducia fu ben riposta, visto quello che (non) ha fatto dopo? Oppure lo dicevi solo a mà di esempio per dire che bisogna trattare con la stessa moneta Livaja?

      • Che bisogna trattare Livaja con la stessa moneta. A Levan, la società ha dato una fiducia che a livello comportamentale è stata egregiamente riposta.Sul campo, per me, un po’ meno anche se ci mette sempre tantissima volontà.

    • Duccio, non ti rispondo perchè la risposta si trova all’interno della risposta che ho dato a Leonard, ripeterei soltanto alcuni concetti.

    • Non ricordo di aver mai letto il tuo nick, quindi li hai condivisi con te stesso… Ho spiegato qual è il mio pensiero e si può essere d’accordo o meno, non credo di averla fatta fuori dal vaso.

  11. Credo che questa squadra non abbia bisogno di stimoli,con premi vari per arrivare poi in una certa posizione di classifica e con un determinato numero di punti.Questa è una squadra che in campo da sempre tutto e che gioca sempre per vincere…..se la leghi ai premi o a tabelle varie si fa un grande errore e sarebbe allora che i risultati e il gioco andrebbero a farsi benedire.I ragazzi devono giocare come sanno e non in maniera preoccupata per dover raggiungere un obiettivo…..gli stimoli a volte possono essere anche controproducenti se ti portano ansia da prestazione o ansia da risultato.Credo che alla fine il loro premio salvezza lo abbiano gia in tasca e se ben ricordiamo l’anno scorso quando si chiese alla squadra di finire il campionato in una posizione consona al gioco espresso….le sconfitte fioccarono una dietro l’altra.Tu cosa ne pensi Alessandro?

    • Sono perfettamente d’accordo con te. Loro stessi se vogliono andare in squadre importanti dovranno giocare sempre al top.

  12. Deunasega come ce l’avete a cane voi di pianetasarri…prima contro Giampaolo e vi è toccato ricredervi “tutti si può sbagliare” ….ora con Livaja….ma lui non può sbagliare vero?

    • Per quanto mi riguarda il punto non è l’errore in sè, ma la situazione in essere che ho cercato di spiegare. Io non ce l’ho a cane con nessuno, dico solo quello che penso. Poi, aggiungo, sei sempre a criticare la linea editoriale di questo sito e ogni giorno sei qui a lasciare commenti…

      • Di sicuro tutti i giorni sono qui a leggere i vostri articoli per tenermi informato, Ma di commenti in verità ne lascio molto pochi, dispiace vedere dei pregiudizi che avevate/avete nei confronti di Giampaolo e Livaja, mentre ad altri giocatori tutto è permesso 🙂

        • Io esprimo opinioni non pregiudizi. E le motivo. Non ho la pretesa che tutti debbano essere d’accordo con me e non capisco sinceramente chi sarebbero questi altri giocatori…

  13. Grande Mariani, fai bene a dire la tua e non credo sia facile dalla tua posizione.
    Il più grande giornalista pisano è roba nostra, orgoglioso del marinai.

      • Luogo comune pensare che chi abita in provincia di Pisa sia Pisano….luogo comune che viene fuori da bocche o penne che lo pensano.Basta cambiare casa e trasferirsi nella Ponte a Elsa Pisana e subito per 4 deficienti(non mi riferisco a Biancazzurro naturalmente)si diventa Pisani.A parte che non ho niente contro i Pisani e in genere nemmeno contro chi è del Sud,del Centro o del Nord,vorrei poi capire e sapere se quei 4,di cui parlavo prima,sono poi Empolesi “schietti” o comunque Toscani.

  14. “Fosse dipeso da me avrei valutato anche la possibilità di rescissione del contratto visto che mi pare evidente che a fine stagione il calciatore non verrà riscattato”

    bel discorso da imprenditorino del quartierino…. tipico di chi un vede l’ora di licenziare la gente.
    questa tu l’hai buttata di fuori marinai.

    • È un’opinione tua, rispettabile, anche se secondo me avresti fatto meglio a leggere la spiegazione del concetto da te copia/incollato. Di sicuro avresti fatto ancora meglio ad evitare di scrivere quella sciocchezza sul quartierino che cela un retro pensiero vagamente politico. Saluti.

      • spiegazione di cosa? piu chiaro di così non potevi essere.
        che ci vuoi fare quando sento la gente che ha la smania di licenziare mi viene da vomitare

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here