Torniamo puntuali come ogni mercoledi in compagnia del collega ed amico, Alessandro Marinai. Con Alessandro proviamo ad analizzare il momento degli azzurri.

Ciao Alessandro. Gara particolare e dalla molteplici interpretazioni quella di domenica con il Napoli, due frazioni di gioco molto diverse tra loro…

“Sì, è vero, è stata una partita particolare e in quanto tale ognuno ha dato la sua lettura. E’ un discorso di prospettive, un po’ come la storia del bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto visto che molti hanno parlato di un Napoli che ha smesso di giocare favorendo il recupero dell’Empoli, ma altri hanno sottolineato l’impegno degli azzurri che hanno clamorosamente “rischiato” di pareggiare una gara ampiamente compromessa. Nel primo tempo la differenza è stata imbarazzante, poi nella ripresa i ragazzi sono stati bravi a rimanere compatti e trovare la reazione giusta. Il Napoli ha smesso di giocare? Sinceramente non me ne frega nulla, vuol dire che non hanno la mentalità da grande squadra. Mai dare per scontato nulla nel calcio, ho visto perdere una finale di Champions League dopo che il primo tempo si era chiuso 3-0… A me interessa di più come si è comportato l’Empoli perchè nell’intervallo erano molti quelli che avrebbero firmato per una disfatta”.

Al di la del risultato, impensabile far punti alla vigilia, gli azzurri hanno saputo trasformare i fischi in applausi…

La salvezza si ottiene facendo punti e l’Empoli non ne ha fatti, ma dal secondo tempo bisogna ripartire. Non mi riferisco al fatto di aver fatto due gol ma alla voglia, alla determinazione, al coraggio, al voler provare a gettare il cuore oltre l’ostacolo e scrollarsi di dosso le paure. Sono stanco ormai di ripetere ogni settimana che sono stati commessi errori macroscopici quest’anno e a nove giornate dalla fine non ha nemmeno più senso. Questa è la situazione, questa è la squadra e per arrivare alla salvezza c’è bisogno di tutti. Mi ha fatto molto piacere l’empatia finale tra la squadra e lo zoccolo duro della tifoseria. Questa deve essere l’arma in più in questo finale, i tifosi vogliono vedere quello che si è visto nella seconda parte del secondo tempo di domenica scorsa“.

Due gol su palla inattiva, tanto per (ri)cominciare va bene…

Le palle inattive sono un aspetto ormai importante del calcio moderno. Anche il Napoli ha segnato due dei tre gol su palla inattiva… A livello di pericolosità quella di Sarri non è certo stata la squadra che ha messo più in difficoltà l’Empoli, anzi, è stato più l’Empoli a crearsi problemi da solo che non il Napoli a crearne. Rigore parato a parte, molto dubbio tra l’altro, non ricordo molte altre parate di Skorupski. Sono contento che abbia segnato El Kaddouri, nella speranza che possa essere stata la scintilla giusta per fargli prendere sempre più fiducia“.

Adesso pero’, come dicevamo anche settimana scorsa, è dietro che si balla un po’ troppo. Soprattutto alcuni singoli stanno proponendo prestazioni al di sotto dei loro standard…

“In effetti i due centrali stanno attraversando un periodo decisamente no. Difficile dire se entrambi siano in calo oppure se uno dei due influisce negativamente sulla prestazione dell’altro, ma serve una sterzata immediata. La prossima gara a Roma mancherà Costa e quindi gioco forza giocherà un altro. L’Empoli ha nella rosa alcuni elementi in grado di sostituire gli attuali titolari, adesso servono freschezza fisica e mentale perchè più andiamo avanti e più gli errori saranno pesanti”.

Mi dai il tuo podio, con motivazione, di domenica?

“Per me il migliore è stato Thiam. In campo a sorpresa dal primo minuto si è battuto, ha pressato, ha corso ed ha tirato in porta almeno tre volte. In più ha servito l’assist a Maccarone per quello che poteva essere il clamoroso 3-3. E a proposito di Maccarone, 100° gol a parte, mi è piaciuto molto com’è entrato. Secondo me è meglio utilizzarlo in corso d’opera anzichè dall’inizio per perderlo dopo nemmeno un tempo. Infine Skorupski nonostante non abbia fatto grandissime parate nel corso della gara ha avuto il merito di aver parato l’ennesimo rigore stagionale”.

Adesso la sosta che, forse, arriva nel momento giusto…

Una sosta che deve servire per ricaricare le pile dal punto di vista nervoso, che deve servire per fare quadrato, una specie di patto per fare due mesi di fuoco. In genere serve alle squadre che sono in difficoltà e l’Empoli lo è“.

Alla ripresa un’altra gara da bollino nero…

“Non mi aspetto molto dalla partita di Roma, altra sfida proibitiva e storicamente difficile per gli azzurri. Coloro che hanno voluto sottolineare la sesta sconfitta di fila dopo la vittoria del Napoli, come se fosse fuori da ogni logica perdere questa gara, possono prepararsi alla probabile settima consecutiva. E’ chiaro che andrà giocata al massimo delle possibilità ma quella da non fallire assolutamente sarà quella successiva contro il Pescara”.

A Roma non avremo con certezza Diousse ed in mezzo si giocheranno una maglia Buchel e Mauri. A chi la darebbe Alessandro Marinai?

“Mi riallaccio al discorso precedente, adesso servono freschezza fisica e mentale e chi dei due garantirà questo al tecnico scenderà in campo. Mauri non mi è piaciuto domenica scorsa quando è entrato e comunque c’è ancora tempo per valutare”.

E poi, nella speranza di ritrovare Levan, in attacco sono tutti in ballottaggio a questo punto…

“Non è necessario affrettare i tempi per il rientro di Levan se questo dovesse significare metterlo a rischio di ricadute. E’ troppo importante per il finale di stagione e a Roma può tranquillamente rigiocare Thiam qualora il georgiano non offrisse ampie garanzie. Come spalla potrebbe giocare Marilungo, non farebbe certo peggio del Pucciarelli visto contro il Napoli. A proposito, non è stato un bel vedere la sua uscita dal campo. Anche per questo potrebbe rimanere in panchina all’Olimpico”.

Anche l’ultimo turno di campionato ha lasciato l’Empoli a +7 dal Palermo. Domenica i rosanero attenderanno al “Barbera” il Cagliari, se anche quella (come ci auguriamo) non dovesse vederci perder punti…

“Ormai lo abbiamo detto in tutte le salse che questo è un campionato particolare, atipico, sempre più mediocre e con una forbice sempre più ampia tra le squadre di vertice e quelle di coda. Se pensiamo che l’Empoli nelle ultime otto partite ha fatto un solo punto ed ha ancora sette punti di vantaggio sulla terz’ultima la dice lunga sulla consistenza delle squadre sotto agli azzurri. Nella prossima giornata è probabile che il distacco diminuirà, ma non dobbiamo pensare a questo, non deve diventare un’ossessione il guardarsi dietro. L’Empoli deve pensare a chiudere al meglio questa stagione, fare il possibile per raggiungere la salvezza e poi il 28 maggio ognuno trarrà le proprie conclusioni”.

73 Commenti

  1. Ciao Alessandro. Ti faccio due domande. Parto dalle ultime parole di Carli, ancora questo malumore che il pubblico avrebbe riversato su questa squadra fin dall’inizio, eppure io ricordi da parte della gente discorsi diversi.
    Poi volevo chiederti se il vero Thiam è quello visto col Napoli o quello visto col Chievo.
    Grazie

    • Lo scetticismo da parte di alcuni fin dalla prima giornata non deve costituire un alibi per una stagione che ha presentato mille difficoltà. E’ normale che non venendo i risultati il numero dei critici sia cresciuto settimana dopo settimana fino a sfociare nei fischi del post Genoa e la contestazione del post Chievo. I discorsi diversi, improntati al grande entusiasmo, vanno collocati nell’arco temporale tra il ritiro a Sestola e le presentazione della squadra in Piazza dei Leoni dettati, come detto più volte, dall’onta del decimo posto e dall’ingaggio di Gilardino in primis. Per il vero Thiam occorrono altre riprove perchè è anche vero che fino alla partita con il Napoli aveva giocato soltanto spezzoni di gara. A me è piaciuto tanto domenica scorsa, al netto di margini di miglioramento ancora grandi, ma una rondine non fa primavera anche se ho visto un giocatore volitivo.

  2. Ale, sembra anche a te che El Kaddouri sia tecnicamente e fisicamente superiore a Saponara, ma sia privo del senso dell’assist che aveva invece Riccardo? Grazie.

    • perdona l’intromissione
      ma alla tecnica non so resistere
      quando le punte si muoveranno in profondità
      arriveranno anche i suoi assist

    • El Kaddouri dobbiamo ancora scoprirlo, difficile farsi un’idea dopo poche partite e in una situazione oggettivamente di difficoltà generale. Ci andrei parecchio, ma parecchio cauto nel dire che è superiore tecnicamente a Saponara. El Kaddouri è meno inquadrato tatticamente, più “cavallo pazzo”, ma non c’è dubbio che per forza fisica offra qualcosa in più rispetto a Riccardo. Per la versione assist-man concediamogli ancora un po’ di tempo per assimilare al meglio gli schemi che, mi risulta, ripassa anche la sera a casa in forma cartacea 😀

      • Io ho visto il solito gioco con le punte larghe e il treq. dentro per tutto l’anno.
        Fondato però su un palleggio del tutto inefficace.
        Raramente ho visto le due punte vicine e puntare dentro tra centrale ed esterno difensivi come con il Napoli (tranne a Pescara).
        Ma questa è solo la mia constatazione.

  3. Ciao Alessandro, leggo di Gabriel per il dopo Skorupski ma per te c’è una speranza minima che il polacco resti con noi anche il prossimo anno?
    Secondo te tra Bellusci e Costa chi sta facendo peggio, magari come dicevi anche te trascinando l’altro nel baratro?

    • No. Zero possibilità. Tra Bellusci e Costa chi sta facendo peggio in questo momento? E’ una bella lotta ora come ora. Mi pare che tra i due quello più in difficoltà sia Bellusci, ma veramente siamo alla ricerca del particolare per trovare una differenza marcata.

  4. Alessandro secondo te questa squadra è prigioniera del suo gioco che ormai non è piu nelle corde di questa squadra visti gli interpreti? Ti chiedo anche se per il prossimo anno ti piacerebbe Semplici come allenatore?

    • Io credo che questo modulo sia arrivato al capolinea. Ma dal prossimo anno, non ora. Semplici non mi ha mai fatto impazzire, son sincero, per quella che può essere la mia conoscenza della persona però sta facendo un gran campionato e credo che se dovesse riuscire nell’impresa di riportare la SPAL in Serie A non si muoverebbe da lì.

  5. Caro Alessandro, lasciamo perdere la questione se il Napoli nel secondo ha rallentato (per la verità l’Empoli si è un pò ripreso negli ultimi 20 minuti…),credo però che una persona come te che segue da anni il calcio non possa non essere preoccupata per la prestazione del primo tempo, che si poteva concludere con 4 goal di scarto e nella quale la squadra ha evienziato una pochezza caratteriale e una innocuità offensiva incredibili….

    • Non avevamo mica bisogno del primo tempo contro il Napoli per accorgersi di questi difetti… Se sono preoccupato? Certo che lo sono, non esserlo sarebbe un peccato di presunzione imperdonabile. Però credo anche che con l’unità si possa riuscire ad arrivare a centrare la salvezza.

  6. La gestione di una società come l’Empoli è complessa e costosa (giovanili, trasferte, staff etc), ed i conti devono tornare. Con il nostro bacino di utenza dobbiamo necessariamente ogni anno inventarci una squadra (prestiti, svincolati, etc). Certe volte ci si indovina altre volte no. Ma questa è la nostra realtà e fino ad oggi la Dirigenza ci ha regalato anni di permanenza in categorie che per noi sono un lusso – segno che sono capaci. A quei quattro – cinque (sono sempre i soliti) scialoni – con i soldi degli altri – che criticherebbero anche Conte o Guardiola, dico che se hanno possibilità mettano mani a tasca e si prendano la Società gestendola cone sono capaci, altrimenti stiano zitti che hanno già stufato abbastanza.
    Non abbiamo bisogno di Cassandre ma di persone che amano la squadra.

    • complessa e costosa ahahahahahahha

      i soldi degli altri?? guarda billy che i soldi non sono di corsi, non lo sono mai stati, lui non ha mai tirato fuori una euro per l’empoli per cui fai più bella figura a stare muto. chiedi al tuo padre padrone dove ca22o ha messo i soldi che ha intascato, piuttosto.

  7. Ormai “il punto” è diventato il copia incolla della settimana precedente …. niente di nuovo …. stampa e commentatori tutti inclini al volere della società, le critiche non si possono fare e se si retrocede è colpa dei tifosi che non hanno sostenuto abbastanza. Tifare contro e campare sulle disgrazie altrui è di una tristezza infinita che esiste solo in Italia e non ha niente a che fare con la cultura sportiva. Per me giocate con il fuoco, attenti a non bruciarvi.

    • Riccardo ha ragione. Niente di nuovo all’orizzonte. Il senso critico è inesistente. Tutto normale. Avanti così, nessun problema. E se proprio c’è un problema, a noi non interessa. E poi non possiamo farci niente. Come se fosse normale perdere 6 partite di fila, aver segnato meno goals di qualunque squadra europea, produrre il gioco più brutto e sterile di tutta la serie A, avere più ammoniti di tutti, avere una caterva di infortunati (di cui il più misterioso è Levan che non si capisce come uno possa stare fuori 2 mesi per un mal di schiena…. mah!), non aver vinto nemmeno una partita giocando veramente bene e meritandosela nettamente, aver dilapidato un patrimonio societario fatto di soldi ma anche di attaccamento dei tifosi (record di abbonati negli ultimi due anni, e con l’ultimo anno con prezzi raddoppiati), … ecc….
      E con tutto questo, non muovere una critica tecnica che sia una al principale responsabile di questo mestissimo epilogo. Complimenti vivissimi.

      • Muovile te le critiche Nostradamus. Avete tutti quanti libertà di parola, ancora devo trovare uno che sia uno che mi spieghi per quale razza di motivo io dovrei rispettare la vostra opinione quando voi non rispettate la mia…

    • Veramente gravissimo quello che sta accadendo all’ambiente, e la stampa che dovrebbe essere il barometro della situazione, è completamente appiattita su posizioni, nella migliore delle ipotesi, sterili e ridondanti. Veramente, l’invasione degli ultracorpi. Io non so più cosa dire.

      • Concordo con voi in tutto e per tutto, però ricordatevi quanto ho scritto qualche giorno fa: a salvezza acquisita, motli di quelli che ora criticano saliranno sul carro del vincitore. A giugno, invece, anche se saremo in serie A. bisogna criticare a partide dalla campagna acquisti. Quando in estate io o altri avevamo criticato gli acqusti di Gilardino, Pasual, Bellusci eravamo stati presi per pazzi. Proposi Lazzari dell Spal e Ciciretti del Benevento e la gente mi diceva “è gente da serie C, vuoi mettera con Gila e Pasqual”? E ora vanno all’Uidnese e al Napoli….. Il punto è che o si conosce il mercato o ci si affida agli scarti, alle proposte e ai suggerimenti dei procuratori. Ripeto: vorrei che a giugno molti criticassero gli acquisti. Quando dissi Livaja SCANDALOSO il 31 di Agosto mi presi gli insulti di chi diceva “prima vediamolo”. ma cosa vuoi vedere?

    • Entriamo nel merito di questo “Punto”. Facciamo un’intervista basata sulla gara della domenica precedente e cerchiamo di analizzare il momento. Cosa non ti torna? Ho criticato i due centrali di difesa, Pucciarelli per prestazione e atteggiamento, ho detto che non mi è piaciuto Mauri, che nel primo tempo c’era una differenza imbarazzante… Cos’è che ti aspetti di leggere? Forse “Corsi vattene” o “Martusciello incompetente dimettiti”? Ti risparmio di ricordarti le critiche che in questi mesi ho rivolto alla società, come già detto nel pezzo sono stanco di dover ripetere sempre le stesse cose. E’ un copia incolla? Anche i vostri commenti sono un copia incolla, i soliti da mesi e mesi e quindi? “Inclini al volere della società”. Ma di che parli? Ma quale volere?E soprattutto, ma come ti permetti? Io non ho mai parlato sotto dettatura e/o minaccia di nessuno. Se qualcuno dice che è colpa dei tifosi se l’Empoli retrocede vai a chiedere conto a chi lo dice, non a me. “Per me giocate con il fuoco, attenti a non bruciarvi”. Cos’è, una minaccia?

  8. Alessandro volevo chiederti se non credi che questa squadra in virtù delle caratteristiche dei suoi uomini non potrebbe dare il meglio con un 4-2-3-1?
    Come giudichi la stagione di Pucciarelli ed anche la brutta reazione alla sostituzione di domenica scorsa?
    Grazie

    • Non sono favorevole ad un cambio di modulo, non lo sono mai stato e a maggior ragione non lo sono adesso a nove giornate dalla fine. Qualche accorgimento lo si può provare, ma cambiare del tutto no. Almeno secondo me. Pucciarelli, ad oggi, rappresenta la più grande delusione nel rapporto tra quelle che erano le aspettative (quanto meno di conferma del rendimento della passata stagione) e quanto prodotto. La reazione mi è piaciuta meno di zero. Di tutto c’è bisogno meno che questi atteggiamenti.

  9. ciao Alessandro , 2 domande ; 1) non credi che in difesa stiamo pagando le prestazioni insufficenti di costa ( impresentabile per ora ) e pasqual (1 vs 1 viene saltato sempre ) 2) esprimi un tuo parere sull’atteggiamento di Pucciarelli alla sostituzione di domenica si capisce ormai che questo ragazzo ( e mi dispiace ) non è più sereno e non è il Pucciarelli dello scorso anno

    • Beh, anche Bellusci non è che stia brillando in questo momento… Il reparto che è stato uno dei punti di forza che hanno permesso alla squadra di rimanere a galla sta avendo qualche difficoltà dettata dalla scarsa forma e serenità dei singoli. A Roma ci sarà la possibilità di cambiare interpreti vista la squalifica di Costa, come detto nel pezzo occorrono forze fresche mentali e fisiche. E serve grande lucidità. Su Pucciarelli ho appena risposto sopra.

  10. Io credo che questa rubrica,invece,sia sempre interessante,sempre che a domanda avvenga risposta,perchè è questo che si è sempre fatto da quando è nata,invece sempre più spesso sta diventando un battibecco continuo e non certo per colpa di Alessandro Marinai e quando leggo che il punto è diventato il copia incolla della settimana precedente mi viene da pensare che chi l’ha scritto sono mesi che continua con la stessa tiritera(altro che copia e incolla) e non si capisce come mai continui imperterrito ad attaccare tutti….giornalisti,giocatori,allenatore,dirigenza e probabilmente anche il lattaio o chiunque gli capiti attorno.Una sana critica è più che bene accetta perché il tifoso ha tutto il diritto di farla quando occorre,ma quando dalla tastiera escono SOLO critiche continue(anche pesanti e direi anche da denuncia penale visto le frasi rivolte a Saponara)ti chiedo Alessandro….non sarebbe meglio che certi tifosi cambino squadra e facciano il tifo per lei invece che per gli azzurri?Con questo nessuno o quasi nessuno è contento del campionato di quest’anno,del gioco,degli acquisti,ne tantomeno di un allenatore che non ha ancora la giusta esperienza per fare ,almeno ora,bene in A,ma mettiamoci il cuore in pace e non dimentichiamoci che non tutti gli anni sono uguali….arriviamo alla salvezza tutti unitiHo visto retrocedere squadre che esprimevano un gran bel calcio,come ho visto retrocedere anche squadre che si chiamavano Napoli,Bologna,Milan per i risultati ottenuti e non per “fallimenti vari” ………. e quanta fatica hanno fatto alcune di queste squadre per ritornare nel calcio che conta.E ti rinnovo i complimenti per il tuo modo di fare il giornalismo,dove non vedo assolutamente una tua inclinazione al volere della società,ma tanta competenza nello svolgere la tua attività!E chi ha sempre da ridire sulle tue risposte,secondo il mio modesto parere potrebbe anche cambiare rubrica e fare domande da qualche altra parte!

    • Se il “vigliacco” a Saponara è da denuncia penale, molte delle parolacce espresse da molti di voi dopo Empoli-Genoa sono da pena di morte. … Tra l’altro “vigliacco” può essere sinonimo di “codardo”, a Roma dicono “chi si estrania dalla lotta è un gran fio di mi….otta”, ed è quello che Saponara ha fatto, di sabato, quando la squadra il giorno seguente doveva giocare una partita importante, annuncio che poteva arrivare lunedì se non ci fosse stata la volontà del calciatore di accelerare.

      • Da me non di sicuro….critico quando c’è da criticare,ma parolacce MAI!Poi vigliacco è solo il finale della tua frase….dovresti sapere che se uno scrive: ” UOMO DI MERXA, IN UNA SQUADRA E UNA CITTA’ DI MERXA!!!!…la cosa non è proprio inoffensiva e tu lo hai scritto.Ora io non voglio e non sono in grado di giudicare nessuno per carità….ma ricordiamoci comunque che stiamo parlando di calcio…..ma davvero Riccardo e non mi pare che sono il primo che te lo dice,cerca di vedere anche qualcosa di positivo in questa annata davvero piuttosto negativa…..ma sempre con 7 punti di vantaggio….segno che qualcuno ha fatto anche peggio di noi.E rilassati un po’!

        • Mork, te e Claudio avete ragione: sono troppo “negativo”, dovrei guardare il bicchiere mezzo pieno. Seguo l’Empoli da 33 anni circa e non ho mai “dico mai” assistito ad una stagione dove la mia squadra del “cuore” fa di tutto e “dico di tutto” per non confermarsi nella categoria: squadra che gioca al 50% delle sue possibilità, certo per vari motivi, tra cui l’allenatore, ma si sta facendo di tutto per mantenere in vita Palermo e Crotone. Questo “immobilismo” non l’ho visto nemmeno nell’anno del playout per rimanere alla storia recente, oppure sotto la gestione Orrico per chi ha qualche anno di più!!! E il clima rispetto a 12 mesi fa è cambiato: allora accettai anche 12 partite senza vittoria non battendo ciglio.

          • La squadra fino ad ora ha dimostrato di essere da quartultimo posto.Punto!Che discorso sarebbe che sta facendo di tutto per non riconfermarsi in categoria?Ha 22 punti perché di meglio non ha saputo fare non perché non ha voluto fare di meglio!Probabilmente ha un allenatore che forse non la fa rendere al meglio e ne siamo tutti convinti,ma come in tutte le cose ci vorrebbe la riprova….alla fine chi ti dice che con un altro allenatore facevi meglio?Lo possiamo pensare tutti,ci mancherebbe,ma non è scritto da nessuna parte che poi sarebbe stato così.Alla fine pur avendolo anch’io contestato abbastanza non credo che comunque la società abbia dato il timone del comando ad uno sprovveduto….magari e mancata la squadra e l’esperienza del bello guaglione…ma magari chissà,potrebbe anche venir fuori anche qualche aspetto positivo di questo allenatore con l’andar del tempo,come magari farà come Boniek e capirà che forse è meglio andare a fare il commentatore televisivo!

    • Ti ringrazio per i complimenti Mork. La domanda infatti che mi faccio spesso è proprio questa: ma se non hai stima del sottoscritto, e ci mancherebbe mica si può piacere a tutti, cosa mi leggete e soprattutto commentate a fare? Sono sincero, non mi piace la piega che ha preso questa rubrica, sarà una cosa sulla quale riflettere a lungo a fine campionato.

      • A me non piace neanche la piega che hanno preso alcuni tifosi che ormai criticano solo per partito preso.Aspettano solo la retrocessione per allargare il petto e dire….Io l’avevo detto e comunque son sempre quelli a cui non andava bene niente nemmeno con Sarri e con Giampaolo.

  11. Mork il Saggio. Invece di fà le domande a i’Marinai, si sfrutta anche questo spazio pè vomità i’veleno che uno ha dentro. C’è una violenza verbale, in rete, che ha dell’inaudito.

    • Claudio non vorrei che tu fraintendessi le mie critiche, per niente velate e magari sarcastiche, che muovo nei confronti di marinai (e più in generale a PE, ma è un discorso che vale anche per la maggior parte dei giornalisti sportivi empolesi) per la difesa ad oltranza di martusciello, con il vomito di veleno a cui alludi. Io non ho bisogno di vomitare nulla e sopratutto mi ritengo una persona civile e rispettosa. Io non offendo nessuno, tanto meno da dietro una tastiera. Al più dileggio, anche per sdrammatizzare. Detto questo, ormai tutti a Empoli non scommetterebbero più un centesimo su martusciello, a parte te, mork e pochi altri. E scommetto che neppure il marinai lo farebbe, con soldi suoi. Ma non lo vuole ammettere (chissà poi perché!?) e preferisce mantenere su questa linea una rubrica che prima era interessante (perché marinai è persona capace) e che ora invece è veramente un copia e incolla come scrive Riccardo. Fateci caso. Il cocchi fa le stesse domande a cui riceve le stesse risposte ormai da mesi. Contenti voi. Io non sono contento. Ma non per far polemica gratuita ma perché penso che per migliorare le cose sia necessaria anche una critica (costruttiva e civile) da parte del pubblico pagante e del mondo giornalistico che con quello sport ci campa. Non dico di diventare come le nane che al minino punto perso fanno partire polemiche feroci, ma nemmeno essere così babbei da accontentarsi di tutto quello che passa il convento (a maggior ragione dopo che il vitto e alloggio ha raddoppiato i prezzi).

      • Guarda che io Martusciello l’ho criticato parecchio e soprattutto anche la società azzurra che ce lo ha messo….ma credo che non si possa tutti i giorni continuare con questa tiriterà del non gioco etc.etc.,questo è il vero copia e incolla.Riguardo alle domande del Cocchi e le risposte del Marinai,sono esattamente quelle che si sentono in tv da anni,da tutti i giornalisti e da tutti i campi….Il gioco del calcio è quello,cambiano gli uomini o le squadre,ma si parlerà sempre in una certa maniera a secondo se si è giocato male o viceversa.Chissà forse lui(Marinai) ha ben presente cosa sia Empoli e l’Empoli…alcuni tifosi forse no.Se poi si vuole domande o risposte,tipo quiz,alla Mike Bongiorno o alla Sgarbi,tipo “capra”si è sbagliato “programma”….E poi cosa dovrebbe ammettere? Quello che pensi tu?Leggi nel pensiero?Mi pare che i suoi concetti ad inizio campionato siano sempre stati chiari e non mi sembra che li cambi solo perché le cose potrebbero andare meglio di come vanno.Ha un pensiero e l’ha sempre sostenuto fino in fondo al contrario di chi esalta se le cose vanno bene e fa pollice verso quando vanno male.Ha sempre detto che questa rosa è inferiore a quella dell’anno scorso e i risultati lo confermano.Ha sempre detto che Gilardino era stato un acquisto sbagliato ed è stato così…etc.etc.Con questo non voglio dire che non si possa cambiare idea su qualcuno o qualcosa….ci mancherebbe o che Marinai ci azzecchi sempre su tutto,ma bisogna dargli atto che il suo pensiero lo porta fino in fondo e se sbaglia mi pare che non sia quello che non lo ammette.Questa rubrica è sempre uguale,perchè è il calcio che non cambia mai e se le domande e le risposte sono sempre quelle è perché è evidente che da inizio campionato non è cambiato niente se non i 22 punti attuali!

  12. O mamma mia Claudio, la violenza in rete! Aggiungerei la pace nel mondo, i bambini li portano le cicogne, ecc. ecc. Basta con i lughi comuni please!

  13. Alessandro come giudichi la gestione del caso Buchel? Ti aspetti anche tu una grande prova da parte di Barba a Roma?
    Grazie

    • E’ stato multato, non convocato per Verona, “cazziato” e non sta ancora giocando. La gestione non è stata severissima ma nemmeno si è fatto finta di nulla come in altri casi passati. Il problema è che bisognerebbe non arrivarci a queste situazioni, al giorno d’oggi il fuori campo è importante e va monitorato costantemente. Vediamo intanto se sarà Barba il giocatore che sostituirà Costa.

  14. Alessandro ciao, buongiorno? Si è esaltato molto il secondo tempo degli azzurri ma io vorrei tornare su quel primo in cui sembrava di assistere ad un allenamento, preoccupante no? E poi ti chiedo un pronostico su Palermo-Cagliari

    • Il confronto tecnico tra le due squadre è imbarazzante e non lo scopro certo io. Una squadra in difficoltà come lo è l’Empoli contro una squadra che è tra le più forti in assoluto nel palleggio può non vederla mai come realmente accaduto per lunghi tratti del primo tempo. A me ha preoccupato molto di più la prestazione di Verona rispetto al primo tempo contro il Napoli. Palermo-Cagliari? Vince il Palermo.

  15. Alessandro due domande: Levan in coppia con Thiam è proponibile secondo te? Poi vorrei sapere il tuo pensiero sul fatto che quest’anno si possa essere chiuso un ciclo con il bisogno di ripartire quasi da zero il prossimo anno. Grazie

    • Thiam è un attaccante di movimento, me lo immaginavo più statico e quindi perchè no? Potrebbero anche giocare in coppia ma è una soluzione da verificare chiaramente sul campo. Sì, sono d’accordo con te; come ho già risposto ad altro commento penso che questo modulo sia arrivato ai titoli di coda. Per il prossimo campionato serviranno interventi decisi e corposi.

  16. Due palle giocate in verticale anno dato il via alla punizione e al rigore
    tra l’altro difesa del Napoli bucata piena.
    E’ una vita che glielo diciamo a Martuscello attaccare la profondità.
    Un si sarà allenatori. Ma nemmeno ciechi.
    Comunque mi fa piacere che l’abbia messo in pratica.
    Perchè tutto questo tempo?
    Altra domanda..i giornali web e catrta stampata..hanno la forza di far riflettere un’allenatore sul suo operato?

    • Un allenatore di calcio si confronta quotidianamente con il proprio staff, la propria dirigenza, la stampa, i tifosi, l’opinione pubblica in genere. Legge, ascolta, ma poi alla fine decide. Molti pensano che Martusciello sia uno sprovveduto, io non lo penso e pretendo che venga rispettato il mio pensiero. Ha sbagliato? Certo che ha sbagliato, chi non commette errori? Ma le analisi vanno fatte a tutto tondo e bisogna considerare tantissimi aspetti. Rimango dell’idea che abbia lavorato in condizioni molto, molto difficili. Non è la prima volta che l’Empoli gioca le palle in verticale, la differenza è che stavolta ha segnato e lo si mette in evidenza.

  17. Salve Alessandro, volevo chiederle un suo pensiero sulla cessione di Saponara a gennaio e sulla gestione generale del ragazzo che spesso in stagione è stato criticato. Scelta giusta per le parti? Possibile che a Firenze abbia ritrovato maggiore serenità? Forza Empoli

    • Ho le idee molto chiare su questo: Saponara andava ceduto a giugno. Con questo non voglio entrare nel merito sul perchè non sia stato ceduto, non è questo il punto, ma le prestazioni offerte da Riccardo fino a gennaio sono figlie di una scarsa serenità e di un celato malcontento che albergavano dentro all’anima del ragazzo. La storia dell’Empoli insegna che quando un giocatore importante è rimasto un anno di troppo ha sempre fatto fatica. La scelta delle parti è stata giusta ma, ripeto, in tempi sbagliati per la pianificazione della stagione da parte della società. Volenti o nolenti questa gestione è costata molto in termini di punti e di rendimento complessivo. Non so come si stia trovando a Firenze ma a giudicare dalle cronache e dai filmati sembra più sereno e la serenità per un calciatore è elemento indispensabile.

  18. Comunque finisca ‘sto campionato, porterò sempre addosso questo indegno comportameno messo in piedi da società, media e parte dei tifosi (i leccac…), atto a far passare in secondo piano le nefandezze d’altri. C’è gente che per questa maglia ha dato tutto, e si vien tacciati di irriconoscenti, polemici e sobillatori. Mi fate pena, aveste solo dato un quarto di quanto abbiamo dato noi (in termini di passione, amore, moneta) nemici dell’Empoli in una vita dietro la squadra, e SOPRATTUTTO…….A SPESE NOSTRE……….

    • E meno male che te a questa squadra dai amore e passione…sennò!Dai tuoi commenti non sembrerebbe!Ahhh “abbiamo dato”,STRApassato presente….adesso ho letto meglio!Le squadre hanno bisogno dei tifosi soprattutto quando le cose vanno male,quando vanno bene son tutti boni a sorridere a 32 denti!E sta a vedè che hai speso solo tu(o quelli come te).Con questo nessuno dice che sia stata un’annata positiva,anch’io qualche critica l’ho fatta e non sono contento,ma non tutte le ciambelle riescono sempre con i buchi….magari l’anno prossimo arriviamo in uefa,giochiamo come il Real Madrid e anche i più scontenti ritroveranno parole di encomio per tutti e Corsi sarà un grande e Carli lo stesso e i giocatori tutti bravi e da A!

          • ….mettila sulla grammatica vai, è meglio. Perchè sul senso del discorso non c’hai chiappato una sega. Ti voglio bene uguale perchè alla fine tu sei un tifoso dell’Empoli anche te, magari troppo accondiscendente, ma non possiamo esse’ tutti uguali.

          • A me pare che il tuo sia un senso UNICO,ma senza uscita e non pensare che io ti voglia male,ti voglio molto più bene di quello che dici di volere a me,anche se di tifoso in te,almeno quest’anno ci vedo poco E NON PER IL SOLO COMMENTO QUI SOPRA….Dato che reputi il comportamento di Società,media e di parte dei tifosi INDEGNO,mi auguravo intanto quello che ti ho scritto sopra cioè : “magari l’anno prossimo arriviamo in uefa,giochiamo come il Real Madrid e anche i più scontenti ritroveranno parole di encomio per tutti e Corsi sarà un grande e Carli lo stesso e i giocatori tutti bravi e da A!”Almeno l’anno prossimo sarai più sollevato….poi se riesci a spiegare meglio a cosa ti riferisci con le tue parole “atto a far passare in secondo piano le nefandezze d’altri”…..non sarebbe male…non tutti magari sono in grado di chiapparci più di una sxga…..e magari capiscono al volo!

  19. Marinai lei che ha sempre cercato di vedere il bicchiere mezzo pieno nel lavoro di Martusciello, crede che sia opportuno per il bene della squadra e della piazza ripartire ancora con lui? Lo chiedo senza malizia, parliamo del meglio per la maglia

    • Nel calcio, spesso, bastano sette giorni per passare dal disfattismo totale all’esaltazione esagerata ma in questo caso il solco che si è creato in questi mesi tra una fetta importante di tifoseria e la posizione del tecnico è piuttosto evidente. Ad oggi, pertanto, la risposta è no perchè le parti vivono male questo connubio. Ma ci sono ancora nove giornate di campionato e potenzialmente si potrebbe rovesciare tutto perchè alla fine, si sa, sull’emotività del momento conta molto quello fatto ieri e molto poco quello fatto l’altro ieri. Non ho mai nascosto (basta rileggersi i vecchi “Punto”) il mio stupore iniziale per le cattiverie ricevute dall’allenatore quando avrebbe avuto bisogno del supporto e dell’appoggio della propria gente e probabilmente nemmeno lui se lo aspettava. Magari sarà lui stesso a lasciare chissà.

  20. Alessandro, ormai quest’hanno è così e sperando nel rientro di levan ammettiamo di rimanere in A.
    In prospettiva del prossimo hanno io credo che dovremmò continuare con Giovanni in panchina e sostenerlo perchè lui rappresenta un pezzo di storia pre noi.
    Facendo un analisi sulla squadra e considerando che Krunic è valido, El Kaddouri è un buon giocatore, Laurini infortuni a parte è un buon terzino, il portiere è fortissimo (speriamo che rimanga), credo che con pochi interventi potremmo migliorare la rosa.
    Nello specifico servirebbe un centrale difensivo forte (anche in ottica infortuni), Un regista con caratteristiche adatte al nostro gioco (se non ci fosse la possibilità confermerei assan che è comunque bravo anche se verticalizza poco), e in qualche modo una punta che riesca a far movimento e a far salire la squadra visto che levan non da garanzie, con pochi innesti mirati penso che risolveremo molti problemi. Te che dici?

    • Io invece interverrei in maniera massiccia e manderei in archivio questo modulo. L’unica cosa sicura è che non sarà Skorupski il portiere del prossimo anno. Ma non è ancora il momento di parlare di queste cose.

  21. Qualcuno ha scritto di sopra che c’è una grande violenza verbale su questo sito. A dirla tutta, non mi pare tanto. E comunque c’è anche tanto paraculismo, da parte di alcuni, perché la maggior parte fa critiche sensate, sincere e non offensive. A averne tifosi così. Ma neanche i giornalisti, a parlar chiaro, quedst’anno mi sono piuaciuti. Dopo ilo Genova hanno cominciato a tirar fuore qualche critica, ma le cose che non andavano si vedevano già da prima. E’ un problema etico: ognuno deve fare la sua parte: la società, i tifosi, i giocatori, i giornalistri e il pubblico. A me pare che il pubblico azzurro si sia comportato in modo maturo, e i commenti – tranne rarissimi casi – sono sempre stati seri. Poi ognuno ha il suo carattere, più pessimista, un po’ meno…qualcuno un po’ paraculo però lo è stato.

      • Mi sembra che di problemi etici ce ne siano pochi. Ma fino a che si continuerà ad incensare chi regge le fila di tutto il teatrino con discorsi del tipo: vent’anni di serie A e B grazie a tanti sacrifici fatti senza mai ricevere niente…… si andrà poco lontano. Personalmente mi son rotto i “gabbazizi” di sentirmi dire: “…..se mi fanno arrabbiare vendo tutto….”. Vende tutto e dove va e che fa? Ho dei grossi dubbi. Quando occorre un pò di critica, anche feroce ed impopolare, va fatta! Tutti vedono che di adeguato alla serie A quest’anno c’è stato solo l’aumento del 60% degli abbonamenti, di giocatori niente! E se c’è da dire che l’allenatore è inadeguato, perchè non si può dir di peggio, bisogna dirlo anche e sopratutto dalle pagine dei giornali. Non aggiungo altro, il discorso sarebbe molto più lungo e toccherebbe altri aspetti poco simpatici e non marginali (che non riguardano te, Alessandro), ma preferisco salutare e terminare qui.

        • E’ inutile logan, tanto non te lo dirà mai che Martusciello è inadeguato. Anche a giugno, quando saremo retrocessi, dirà che la colpa è di gilardino e che il mister ha fatto tutto quello che poteva con gli ingredienti a disposizione. Ingredienti che ad agosto venivano nel complesso incensati (da tutti, pure da marinai) come almeno sufficienti a fare un campionato dignitoso. Anche perché moltissimi giocatori che avevano fatto la storia recente dell’Empoli erano rimasti (compreso quelli che garantivano la famosa continuità del modulo) e quelli nuovi sulla carta non dispiacevano. Invece di dignitoso in questo campionato non ho visto niente. Ma non si può dire. Altrimenti si destabilizza l’ambiente, e il mister poi si impermalosisce e quasi quasi anche se gli offrono di rimanere il prossimo anno (in serie B) lui rinuncia (marinai dixit).

      • Se lei Marinai legge in fretta capisce male. Quando ho parlato di paraculismo stavo parlando di tfosi sul web, come è chiaro. Quando dicevo che anche i giornalisti mi sono piaciuti poco intendevo dire che non hanno fatto delle critiche al momento giusto, quando molti tifosi vedevano che le cose stavano andando male e si ponevano il problema di chi ha colpa e di come si poteva rimediare. Quando ho scritto che “è un problema etico” intendevo nell’unico senso che in italiano è possibile esprimere il concetto; e cioè: fare la propria parte senza concedere nulla per opportunismo o per quieto vivere è un rispetto dell’etica. Comunque in italiano – lingua che io conosco poiuttsto bene – non si può dire che “tizio o caio ha un problema etico”. Lei invece mi chiede “chi ha un problema etico?”. Domanda assurda se vede bene quello che ho scritto sopra.

        • Ho posto due domande proprio perchè avevo capito poco. Quella sul paraculo per chiarire chi erano i soggetti e sulla questione etica la domanda era per capire quale delle componenti da lei citate fosse venuta meno sotto l’aspetto etico.

  22. Ciao Alessandro,ho sentito che avete Big Mac in studio stasera,se lo ritieni opportuno, vorrei che tu gli facessi questa domanda: ” E’ consapevole che i suoi ingressi nell’ultima mezz’ora possono essere fondamentali da qui alla fine del campionato,o ritiene di dare un contributo maggiore a partire dal primo minuto??”. Grazie!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here