Eccoci arrivati al consueto appuntamento con il collega Alessandro Marinai, con la rubrica “Il Punto”. Settimana pregna di impegni per gli azzurri che vengono da due match e guardano ad un incontro molto importante.

 

Alessandro ben ritrovato. Ci sono state due gare in questa settimana da rivedere e commentare: il pari interno con il Padova e la strepitosa vittoria di martedi a Brescia. Due gare che ci consegnano un Empoli davvero in salute…

“Quattro punti complessivi sono ottimi considerato chi erano gli avversari ed il tasso di difficoltà. Devo dire che, se vogliamo, sono due risultati capovolti, nel senso che era più facile immaginare maggiori difficoltà a Brescia che non con il Padova in casa. Ma questo è il bello del calcio. Sono state due partite diverse: di sofferenza con il Padova dove il pareggio è da prendere con enorme soddisfazione ed in discesa, fin troppo, a Brescia; due partite che ci regalano tante conferme sul valore dell’Empoli”.

 

Mi voglio soffermare un attimo in più sulla gara di Brescia, provocandoti. Il Brescia ha lamentato due assenze importanti a centrocampo, più (da li la grande contestazione verso la società) un Salomon non più in rosa. Sarebbe stato lo stesso match con questi elementi?

“All’Empoli mancavano Pratali e Valdifiori ma sono stati sostituiti degnamente. Inoltre ha giocato Accardi, che non giocava da tanto, al posto di Hysaj. Se hanno problemi nella rosa sono, appunto, problemi loro, anche se mi pare ne abbiano diversi…”.

 

Che manchi Croce, Moro, Saponara, Valdifiori, Pratali, Hysaj o uno dei portieri, la squadra fa bene con chi va in campo. Questa la grande forza? Anche se, per fortuna, per adesso Tavano e BigMac timbrano sempre il cartellino…

“Sì, come dicevo prima l’Empoli mostra di avere una rosa all’altezza, in difesa e a centrocampo è ormai assodato che i ricambi validi non mancano. In attacco fino a che giocheranno Saponara, Tavano e Maccarone problemi non ce ne sono. Voglio sperare che Coralli e Mchedlidze si rimettano al più presto e che magari possa tornare utile anche Shekiladze prima della fine del campionato, qualora ci fosse bisogno. E non dimentichiamo Pucciarelli che all’occorrenza si fa trovare pronto ed il suo lo fa sempre. Io non riesco a vedere punti deboli in questa squadra”.

 

Una squadra che attacca in 11 e difende in 11… Altra grande cosa, più mentale che tecnico/tattica…

“Quando credi in quello che fai, quando sai cosa devi fare e come muoverti in campo, tutto ti riesce più facile e con meno sforzo. La sensazione che trasmette l’Empoli è proprio questa, che a volte vince in maniera netta con poca fatica. Non è così chiaramente, ma è ciò che almeno io ho percepito per esempio nella partita di Brescia ma anche, tanto per fare degli esempi, in quella di Cesena o di Reggio Calabria”.

 

Una domanda più specifica te la voglio fare su Pucciarelli. Un giocatore in crescita, netta, che si prepara per la prossima stagione…

“E’ un ragazzo serio, umile, che sta al suo posto senza aprire bocca e si fa trovare pronto quando viene chiamato in causa. E’ normale che ogni calciatore speri e desideri di giocare di più, ma sono convinto che in questo anno sia cresciuto moltissimo dal punto di vista caratteriale. Cosa che gli tornerà utile per la prossima stagione. E poi il campionato mica è finito ancora, può ancora togliersi delle soddisfazioni importanti”.

 

Si gioca al ritmo di un match ogni tre giorni e sabato si rigioca. Altra partita niente male, col Varese una posizione e tre punti avanti a noi, ma senza Ebagua…

“Non commettiamo l’errore di pensare che senza Ebagua sono meno forti. E’ normale preferire non averlo contro perchè è un bel giocatore, ma il Varese rimane un’ottima squadra e sarà bene affrontarla a dovere perchè c’è la possibilità di agganciarli al quarto posto. All’Empoli mancheranno Tonelli ed Hysaj, a livello mentale è meglio pensare di essere più penalizzati di loro”.

 

Un match Alessandro, che lo si voglia dire o no, vale un playoff e che, dovesse andare bene per gli azzurri, chiuderebbe definitivamente ogni discorso sulla salvezza?

“Il discorso salvezza è chiuso da un bel po’, siamo seri… A me sta bene continuare ad ascoltare la storiella dei 50 punti, ci mancherebbe, e sono contento perchè tra poche settimane questo refrain finirà. La verità è che l’Empoli è in piena lotta per i play off e volendola dire tutta, se sabato dovesse arrivare la vittoria allora partirebbe ufficialmente la caccia alla Serie A”.

 

Guardando all’ultimo turno di B possiamo salutare, per motivi diversi, Sassuolo e Grosseto? Ma questo Livorno?

“Il Sassuolo può perdere la promozione solo facendo harakiri oppure trasformandosi in undici Tafazzi. Il Grosseto invece dovrebbe ricorrere a qualche stregoneria per mantenere la categoria. Due cose, insomma, per le quali occorrerebbero eventi eccezionali per non farli accadere per come si configurano. Il Livorno sta attraversando un momento non facile evidentemente. Vedremo se riuscirà a riprendersi anche se, a questo punto, potrebbe diventare complicato tener testa al Verona che ormai è vicinissimo”. 

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedenteL'arbitro di Empoli-Varese
Articolo successivoChe bella notizia, per Empoli-Varese c'è il sole… finalmente!
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

36 Commenti

  1. Ciao Alessandro io penso che purtroppo inevitabilmente i punti persi ad inizio campionato ci mancheranno gioco forza per raggiungere un “sogno” senza giocarcela nei play off….ma credo che pero’ tutto ancora sia possibile….soprattutto se inanelliamo un’altra serie di vittorie consecutive….tu che ne pensi in merito?

    • Penso due cose: la prima è che quello che è stato è stato, nel senso che secondo me non dobbiamo rimpiangere troppo l’avvio di campionato. Non abbiamo riprova, ma magari se andavano meglio le prime partite non arrivava qualche vittoria importante fuori casa, chi può saperlo? La seconda è che recuperare 10/11 punti non ad una ma a due squadre è compito assai gravoso. Esagerando ho pronosticato altri 27 punti, comunque pochi per il secondo posto.

  2. Alessandro , ho da dirti una cosina nell’orecchio….certo se a Brescia hanno incoronato l’ex Martina Franca, Picci, come loro idolo….non se la passano benissimo 😉 p.s….nulla contro la graziosissima Cittadina Pugliese.

    • Mi pare che di problemi ne abbiano diversi Angelo. Ripensando alle bordate di fischi ricevute da Caracciolo al momento del cambio, aggrapparsi a Picci è come andare alla ricerca di una speranza per il futuro sentendosi forse traditi dal presente.

  3. Senza ebagua dici che non saranno meno forti. Chi dobbiamo temere? Alessandro mi dici il tuo pare personale su Accardi…giocatore da rinnovare o da lasciare a fine anno? Grazie

    • Aspetta che qua devo fare una precisazione. Non è che sia impazzito al punto di dire che senza Ebagua non sono meno forti. Ebagua è importante, è come se mancasse uno dei tre tenori davanti all’Empoli. Ho detto che non si deve commettere l’errore di pensarlo, cioè “gli manca Ebagua, allora è più facile”. No, questo no, anche se sono certo che non succederà di pensarlo alla squadra. Su Accardi credo dipenderà molto dal finale di stagione, dalle volontà di entrambe le parti e dalle sue condizioni fisiche. A determinate condizioni io, in linea di massima,non me ne priverei.

  4. Ciao Alessandro, ciao redazione di PE. Ci potete spiegare cosa ha combinato Dossena per dover essere cosi ai margini tanto da reinventarsi l’infortunio al ginocchio che anche il mio gatto sa che é fittizio? Grazie e come sempre buon lavoro.

  5. Grande Alessandro, diciamo le cose come stanno, discorso salvezza chiuso. Ti chiedo se paradossalmente non dovremmo sperare nel sorpasso del Verona sul Livorno. Il Livorno lo vedo più abbordabile a livello spareggi.

    • Sì, sono d’accordo. Volevo scriverlo nella precedente risposta a Daniele. Dovessi scegliere sarebbe meglio il Livorno rispetto al Verona per più motivi. Uno dei più importanti il fatto che a livello psicologico ne risentirebbe di più perchè è stato quasi sempre al secondo posto ed il contraccolpo potrebbe essere devastante. Poi per l’organico, la struttura, ecc ecc… Però a quel punto dovremmo cercare di arrivare meglio piazzati in campionato, altrimenti giocare all’Ardenza sarebbe complicato visti i precedenti… 😀 Ma stiamo andando oltre. Troppo.

  6. Salve a tutti. Posso chiedere ad Alessandro Marinai, tanti complimenti, quanti punti bisogna fare per essere sicuri del sesto posto? Ma il rinnovo di Sarri, non si sa niente. Grazie, complimenti per il lavoro che fate.

    • Grazie. Per il sesto posto credo altri 22/23 punti. Del rinnovo di Sarri non penso abbiano già parlato, ma non c’è fretta. Ho già detto qualche settimana fa che secondo me inizieranno a parlarne a primo obiettivo raggiunto.

  7. Ciao Alessandro,
    volevo chiederti alcune cose:

    1- al di là dei motivi extra/campo sui quali è meglio sorvolare e lasciare in pace giocatore e società, che già sono stati parecchio fortunati e, visto che anche te eri fra i più “scettici” quando fu reintegrato Bassi, non credi che la società dovrebbe gestire meglio tali situazioni (Dossena) onde evitare imbarazzanti situazioni. Prima era una scelta tecnica, poi era infortunato, poi gli si riacutizzava il problema, poi è entrato (gioco-forza) ha parato il rigore e ha dimostrato di non avere problemi, e poi addirittura s’è cercato dire che il giocatore calciava male per il dolore al ginocchio. (mi sembrava fosse più il vento che il ginocchio)

    2- Parli di una rosa completa, nonostante come rincalzi abbiamo Signorelli e Casoli, ora non più, a centrocampo e praticamente nessuno in attacco, perché che Levan e Coralli sono di cristallo si sapeva anche prima di iniziare la stagione. Non credi si debba intervenire sul mercato degli svincolati anche solamente per un rincalzo da inserire a Centrocampo, in ottica Playoff (sperandoci)? Perchè lo sappiamo tutti, i playoff sono alla fine di un campionato stremante e l’infortunio, oltre che naturalmente la squalifica, sono dietro l’angolo tutte le volte, specie per noi.

    3- Ultima domanda. Negli anni quando la preparazione è stata fatta da Selmi (grazie a dio, perché l’anno scorso s’è visto che schifezza..) mi sembra che il trend facesse registrare un calo fisico nei mesi di febbraio-marzo per poi tornare con uno sprint finale. Ammesso che la reazione sia la stessa anche quest’anno, ci sarebbe da pensare che fra qualche settimana potremo vedere una squadra ancora più in “palla”. Che ne pensi?

    Grazie

    • 1) Dovrebbe gestirle in maniera diversa se ci fosse qualcosa da nascondere, ma se non c’è niente da nascondere non c’è niente da gestire. Mi spiego meglio: la prima volta che venne fuori il problema al ginocchio per Dossena ricordo benissimo che quasi tutti vi videro dietro un infortunio diplomatico che poi risultò infondato. Ciò non significa che il rapporto Dossena-Empoli non si sia incrinato rispetto all’anno scorso, ma per quanto vedo si stanno comportando tutti da professionisti.

      2) L’infortunio di Casoli, è vero, non ci voleva. Ho parlato di rosa all’altezza perchè è il campo che ha detto questo; nelle ultime settimane seono mancati Valdifiori, Croce, Moro, Saponara… non mi pare che l’Empoli abbia risentito oltre misura di queste assenze, segno che chi è stato chiamato in causa ha fatto il suo dovere. Sull’attacco non sono d’accordo. E’ vero che si sapeva delle situazioni di Coralli e Levan, ma non al punto di immaginare una stagione intera ai box (e non sarà così), ma Shekiladze, Pucciarelli o una mossa di assoluta emergenza per tamponare un’eventuale assenza credo si possa reggere. Intervenire sul mercato per un centrocampista a marzo? In che condizioni sarebbe un giocatore che si trova svincolato quasi al termine della stagione? Ne farei sinceramente a meno, C’è Bationo nel caso o, mal che vada, meglio un Primavera. Per i possibili play off vediamo, magari rientra Camillucci.

      3) Io non lo penso, ne sono certo.

  8. Ciao Alessandro, senti mi farebbe piacere avere una tua considerazione sul problema di Saponara. Nel senso, leggo che lui ora va a farsi vedere a Milanello, bypassando l’Empoli. Ora se il Milan dicesse di non rischiarlo più…non so se capisci quello che voglio dire. Grazie

  9. alessandro una domanda:
    1) pensi che ce la faremo a risucchiare il livorno?
    I labronici sono al di sopra delle loro aspettive da tutto il campionato e stanno passando un momento di appanamento che secondo me perdurerà, giocano bene, ma come collettivo sono secondo me inferiori sia a noi, che al verona che al varese e anche al padova. che ne pensi?

    • Sono d’accordo con te. C’è solo un particolare non trascurabile: hanno 11 punti in più che corrispondono a quattro partite. Non sono pochi. Impossibile non è, ma molto molto difficile sì…

  10. Premesso che il 28 agosto avrei firmato per una salvezza alla penultima giornata…oggi che La salvezza e’ quasi raggiunta non credi che in caso di mancato raggiungimento dei play off sarebbe l ennesimo campionato buttato?

    • Perdonami ma non ti seguo… Dici che avresti firmato per la salvezza e poi parli di campionato buttato se l’Empoli non andrà ai play off… Se vuoi comunque la mia risposta è NO. Bisogna avere memoria storica e ripensare allo scorso luglio/agosto. A me sta bene l’obiettivo 50 punti, quando sarà centrato tutto ciò che arriverà sarà in più. Vivendo giornata dopo giornata con la possibilità di accarezzare un sogno che potrebbe trasformarsi in un miracolo, perchè di questo si tratterebbe. Diversamente rimarrà la consapevolezza di aver fatto un campionato senza sofferenze condito da tante soddisfazioni.

  11. Buonasera Alessandro, senti volevo chiederti una cosa, secondo te, se l’Empoli per assurdo andasse in serie A, potrebbe trattenere un altro anno Sapoanra, magari potrebbe essere meglio anche per lui.? Chi temi del Varese? Grazie mille.

    • Secondo me no. Credo per almeno tre motivi: il primo perchè comunque il Milan ha investito una cifra importante per i tempi che corrono, quindi credendo molto in lui. Il secondo perchè il Milan i giovani li mette in campo e se Saponara dimostrerà in ritiro di meritare quella maglia si può giocare tranquillamente il posto da titolare. Il terzo, credo, perchè se così fosse non credo che lo stato d’animo del giocatore sarebbe ai massimi livelli. Tuttavia lo ritengo un problema secondario, parecchio secondario :-D, rispetto ad andare in Serie A

  12. Guarda dexter che saponara non ha by passato nessuno,perche’ e stato il milan che lo ha voluto vedere,giocando a brescia.stai tranquillo che pensa a giocare al massimo con l’empoli e al milan pensera da luglio.Pare che anche a brescia lo abbia dimostrato.Tu invece mi pari molto prevenuto nei suoi confronti,hai qualche problema? Se uno ha la testa al milan col mal di schiena si accomoda in tribuna e non si fa fare le infiltrazioni alla schiena,e’ difficile da pensare?

  13. Ciao Alessandro, buonasera. Dove si giocherà Empoli-Varese? Nel senso di chiave tattica. Quindi concordi anche te che il Verona ai playoff sarebbe da evitare? La JuveStabia c’è la potrebbe fare ad entrare nelle 6?

    • La gran parte delle partite si decidono a centrocampo. Io ritengo che l’Empoli abbia i giocatori giusti per mettere in crisi una squadra come il Varese. Se Saponara sta bene secondo me sarà lui a fare la differenza. Tra Verona e Livorno preferisco, come già detto il Livorno. Le altre due può venire chiunque, ma se dovessi puntare 1 euro non lo punterei sulla Juve Stabia.

  14. Caro dexter saponara è un giocatore del milan in prestito alla Empoli che nonostante il problema alla schiena gioca lo stesso e neanche tropo male

    • Con Tonelli ed Hysaj squalificati non ci sarebbero altre alternative. Ritengo cmq che giocherà Laurini

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here