Giovedi significa “Il Punto”, ed anche oggi siamo in compagnia del collega Alessandro Marinai per provare ad approfondire il momento della squadra azzurra a cavallo tra il match giocato e quello a venire.

 

Alessandro buongiorno. Partiamo da sabato scorso, vittoria interna sul Varese, altra grande prova che consacra l’Empoli tra le grandi di questo campionato…

“Potremmo fare copia/incolla di vecchie risposte per rispondere a questa domanda. Ormai che l’Empoli sia tra le grandi del campionato lo dice la classifica, lo dicono i pareri di molti addetti ai lavori e lo dicono anche i numeri perchè, prime nove giornate escluse, l’Empoli sarebbe primo. Chiudere una settimana del genere, con sette punti contro Padova, Brescia e Varese vuol dire tanto”.

 

Mister Sarri voleva vedere la reazione della squadra in sofferenza, cosa che non lo aveva convinto contro il Padova. Direi che gli azzurri sanno soffrire, e se in serie B sai soffrire…

“In Serie B la cosa più importante è la continuità e la sofferenza è spesso un’alleata. Tre gare contro avversarie dirette per la conquista di un posto play off, ognuna delle quali ha raccontato una storia: secondo tempo di sofferenza contro il Padova dove l’Empoli avrebbe anche meritato di perdere invece non ha perso e questo non è da sottovalutare; tutto facile a Brescia e secondo tempo di sofferenza contro il Varese dove però ha meritato la vittoria. Credo che Sarri sia intimamente molto soddisfatto per quanto visto sabato scorso”.

 

E poi si torna li: in quest’Empoli segnano tutti, sabato scorso è toccato alla doppietta di Maccarone…

“Quando in squadra hai Maccarone, Tavano e Saponara, la gente va allo stadio in vantaggio già per 1-0 per usare una battuta. Non è un mistero, non può esserlo perchè conosciamo il valore di questi tre calciatori incaricati di segnare. Ma il bello è che oltre a questi ci sono i Signorelli che entrano in campo e dopo cinque minuti si fanno trovare pronti e al posto giusto per segnare un gol decisivo. E’ un bel gruppo questo”.

 

Bravi ovviamente anche dietro, su tutti vorrei citare la prova di Romeo, entrato davvero bene e poteva non essere facile…

“Ho appena detto della bontà di questo gruppo. Romeo ce lo ricordiamo ad inizio campionato e ci ricordiamo gli errori, come facevano molti altri perchè era la squadra intera ad avere enormi problemi. Quante ne sono state dette, per esempio, su Tonelli? Eppure non si è buttato giù, ha continuato a lavorare a testa bassa, ha segnato tre gol, si è spesso ritagliato spazi importanti e adesso ci rimane impressa la fotografia della sua faccia sanguinante a Brescia che voleva rientrare in campo, da vero combattente. Romeo, forse, ha impiegato più tempo a reagire, appena arrivato da una categoria inferiore, un posto nuovo, travolto dagli insuccessi, può succedere. Credo tuttavia che in questo momento, con lo stato generale della squadra, l’Empoli possa fare affidamento anche su di lui”.

 

Il punto critico, semmai, è costituito dalle tante assenze a cui purtroppo dobbiamo far fronte. Adesso si aggiunge quella di Pratali che fa solo da eco a quelle dei vari Casoli, Levan, Tonelli etc etc…

“Quella degli infortuni è purtroppo una nota dolente della stagione. Non è fortunato l’Empoli da questo punto di vista perchè stiamo parlando di infortuni quasi tutti non muscolari e quindi non imputabili ad altro se non a scontri o situazioni di gioco. Sono però convinto che in un modo o in un altro si riuscirà a sopperirea  queste mancanze“.

 

Andiamo ad Ascoli, altro campo a cui non stanno simpatici i nostri colori. L’Ascoli viene dal recupero giocato ieri sera, che squadra ti aspetti e se credi che questo possa inficiare per i bianconeri…

“Campo non facile per tradizione, ma ce ne sono pure di peggiori. Ricordo una vittoria non moltissimi anni fa con un gol di Buscè in Serie A. Sono contento che abbiano vinto nel recupero di ieri almeno saranno più sereni, oltre che più stanchi. Non tantissimo però avendo giocato soltanto un tempo sabato scorso. E’ per questo che non credo influirà più di tanto in vista della gara contro l’Empoli”.

 

La domanda è: come si ferma Zaza? Tu che segui attentamente la LegaPro, ti aspettavi questa esplosione?

“Bella domanda. Di Zaza se ne parlava già bene quando era a Viareggio ma non era facilissimo pronosticare la sua esplosione in questi termini. All’andata ho visto veramente un giocatore completo, che fa reparto da solo, non gli manca nulla. Il proseguo del campionato, e la doppietta proprio ieri,  hanno confermato che diventerà un giocatore importante. Non so quando, ma lo vedremo presto in una big del campionato di Serie A. Detto tra noi avrei preferito fosse stato diffidato visto che ieri è stato ammonito… A parte gli scherzi, rappresenta sicuramente il pericolo numero uno”.

 

Ormai, e non dalla vittoria di sabato, il discorso salvezza è chiuso. Si va partita per partita provandoci?

“L’Empoli ha il dovere di provarci e ci proverà fino alla fine esattamente come faranno anche le altre. Sarà un finale tutto da vivere perchè ci può riservare ancora delle sorprese. Sono curioso di vedere come l’Empoli affronterà le gare una volta raggiunto l’obiettivo stagionale. Se si libera mentalmente e non si adagia, contestualmente all’imminente arrivo della stagione preferita dagli azzurri, se ne potranno vedere delle belle”.

 

Come si legge la serie B dopo l’ultimo turno?

“Che per l’Empoli è ufficialmente partita la caccia alla Serie A. Tutto il resto è relativo”.

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedenteL'arbitro di Ascoli-Empoli
Articolo successivoDal campo…verso Ascoli con le idee chiare
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

22 Commenti

  1. Leggo sempre Pianetaempoli e questa rubrica é davvero la migliore anche perché vedo che lei Alessandro risponde a tutti. Allora mi permetto di farle una domanda, volevo chiederle cosa ne pensa di questi problemi che tormentano mechlidze e che addirittura, leggo, bisogna ricorrere al Milan?
    Senta ma secondo lei restituiranno i punti anche a Varese e Novara?
    Grazie

    • Grazie, ma diamoci del tu… :-). Non credo proprio che si debba ricorrere al Milan per Mchedlidze. E’ una squadra di calcio, mica una clinica. Se poi attraverso un consulto si riuscisse (con chiunque) a trovare una soluzione sarebbe meglio per tutti. Sì, credo che al varese restituiranno il punto e che al Novara ne verranno resi un paio.

  2. Ciao Alessandro, vedo con piacere che parli di serie A, il nostro scudetto. Voglio però farti una domanda da avvocato del diavolo, premettendo che spero il contrario di quanto ti chiederò. Secondo te la squadra, la società, vuole andare in A? A sentir loro, vedendo le interviste e quanto ci arriva non sono cosi convinto. Non ë che arrivati ai 52/53 punti vedremo il freno a mano tirato? Ad Empoli non sarebbe l prima volta che succede.

    • Beh, le interviste e quanto viene detto ora non conta nulla. Il motto è “arriviamo a 50 punti”, figurati se si mettono a parlare di promozione. Ed è pure giusto così. Sinceramente non riesco a capire perchè c’è sempre questo dubbio che attanaglia la gente, quello di non voler andare in Serie A. Il calcio è cambiato, non è più quello di 20, 30 anni fa. All’epoca poteva esserci una differenza sostanziale tradotta in maggiore spesa a fronte di un’entrata non elevatissima. Dall’avvento delle televisioni è cambiato tutto: oggi andare in Serie A significa avere entrate come minimo di 20/25 milioni di euro, in Serie B ci sono le briciole. Sarebbe come quello che per far dispetto alla moglie… Insomma ci siamo capiti… :-D. Credo e spero che non venga inserito il freno a mano. Anzi, sono sicuro che non succederà.

  3. Ciao Alessandro, a leggere quanto arriva dagli allenamenti siamo in emergenza dietro. Intanto ti chiedo chi metteresti incollato a Zaza, e poi , sperando nel recupero di Regini, chi accanto a lui tra Gigliotti, Romeo, Morì?

    • Zaza se la vedrà con i due centrali. Credo che sarà Romeo il compagno di Regini, in questo momento mi sembra più pronto degli altri due. Capisco la preoccupazione per Zaza, ma penso che pure i difensori loro saranno un po’ preoccupati… Ci sarebbe sempre da vendicare uno 0-3…

  4. Buonasera, non ho una domand da fare ma volevo fare i complimenti ad Alesandro Marinai ed a tutta la redazione di questi sito indispensabile per noi poveri malati di Empoli. Quello che volevo dire semmai é che dovreste tornare a fare una trasmissione il giovedì sera, ci manca e va rifatta, migliorandola e cambiando leggermente canovaccio e presentatore.
    Grazie, ciao e forza Empoli

  5. Alessandro secondo te chi dovrebbe essere evitato ai playoff? In molti dicono che il Livorno potrebbe avere un peso politico diverso dal Verona. Questa squadra, togliendole già Saponara, di quanto ritocchi avrebbe bisogno in eventuale serie A?
    Grazie

    • Qualora l’Empoli raggiunga i play off saranno comunque difficili perchè Verona e Livorno sono due belle squadre ed avranno con tutta probabilità il vantaggio del piazzamento in classifica. Non capisco perchè il Livorno dovrebbe avere un peso politico diverso rispetto al Verona; ho sempre sentito dire che è la squadra scaligera, semmai, ad usufruire di questo aspetto anche se non credo (o non voglio credere) a queste cose. A Livorno, tra l’altro, l’Empoli ha nemmeno mai vinto… Per la seconda parte della domanda meglio rimandare, già mi sembra di essermi spinto molto parlando di caccia alla Serie A… 😀 P.S.: detto tra noi… ne servirebbero diversi…

  6. Marinai ma secondo te c’é un bel giocatorino in C per sostituire il prossimo anno Saponara? Pronostico per Ascoli?

  7. Non lo so, non si può rispondere a questa domanda in maniera netta. Mi spiego: potrei fare qualsiasi nome anche per arrogarmi una conoscenza superiore di quella che effettivamente posso avere. La scelta di giocatori soprattutto di campionati minori va fatta seguendoli dal vivo e più volte. Io non ho questa possibilità, seguo filmati, notizie, mi documento su qualcuno se la gente ne parla… Ma da qui a consigliare chi potrebbe sostituire Saponara ce ne corre molto. Qualche mese fa feci il nome di Gustavo della Salernitana perchè l’ho visto giocare, si parla poi di questo Carlini della Cremonese che Sarri conosce bene, ma che mi dicono non abbia fatto benissimo da trequartista mentre da seconda punta sì. Pronostici sull’Empoli è difficile ne faccia, spero solo che la squadra non fallisca l’appuntamento perchè la settimana successiva sono in programma Verona-Livorno e Spezia-Varese…

  8. Il Tamai di solito scrive “bischerate” ( 😀 ) ma mi sembrava che a questo giro avesse detto proprio la stessa cosa che stai dicendo te, cioè che il Verona non ha lo stesso peso Politico del Livorno. Era “sottinteso” che si intendesse dire che ne ha di più. Basti guardare quante partite in posticipo fanno giocare al verona e quante alle altre squadre, tanto per fare un’esempio.
    Per la seconda parte, effettivamente vi siete spinti tutti un po’ troppo in la a parlare di Caccia alla serie A, si!
    Restiamo con i piedi per terra e cerchiamo di arrivare almeno ai playoff il chè non sarebbe male. Poi succederà quello che succederà.

    • Sì, può essere… Ma se nel formulare la domanda viene messo prima il Livorno son portato a pensare che sia quella squadra che ne gode di più… Detto questo credo che sia siamo capiti lo stesso. Quando dico che “parte ufficialmente la caccia alla Serie A” non intendo dire che l’Empoli andrà in Serie A, ma che l’obiettivo tangibile e concreto sono i play off. Sappiamo tutti cosa comporta vincere i play off e chi ambisce a farli ha lo stesso desiderio finale. Quindi la domanda è: ci credete ai play off? Chi risponde di sì, automaticamente sposa la mia considerazione. Non vi sono altre interpretazioni… 😀

    • Se sia quella giusta non posso saperlo. Credo però che sarà lui a far coppia con Regini. Accardi centrale potrebbe essere un’alternativa, ma personalmente la vedo poco praticabile.

  9. Ciao Alessandro, senti, in percentuale, quanto merito ha Sarri di questa rinascita della squadra? Con un altro allenatore, ma con gli stessi elementi, sarebbe potuta andare così ugualmente?
    Secondo te Regini lo vendiamo a giugno?
    Grazie

    • E’ sempre difficile fare analisi di questo tipo. Ci sono dieci, cento, mille variabili nell’arco di una stagione per far sì che una squadra funzioni. C’è sicuramente il merito di Sarri, così come c’è quello dei calciatori e della società. Con un altro tecnico… Chissà… Più o meno l’anno scorso i giocatori erano questi, anzi, a detta di molti la squadra dell’anno scorso era più forte eppure la salvezza è arrivata come tutti sappiamo. Chi può dire se per caso fosse stato esonerato Sarri dopo la nona giornata se le cose si sarebbero messe in questo modo? Regini sarà difficile trattenerlo il prossimo anno. Secondo me è destinato ad una carriera importante da centrale difensivo.

  10. Alessandro buonasera, anche io sono curioso di una motivazione tecnica del perchè Romeo possa essere preferibile in mezzo ad Accardi. Ma Mori? ma ci dite perchè non gioca?
    Ti aspettavi una stagione cosi importante di Moro?

    • In parte ho già risposto prima. Più che una motivazione tecnica è una sensazione anche naturale della scelta che farà Sarri. Non so se Accardi abbia mai fatto il centrale di una difesa a 4. A 3 sì, ma a 4 non lo so. Su Mori per quanto ne so io non è ritenuto ancora pronto per scendere in campo. Moro credo stia facendo una delle sue migliori stagioni da calciatore. No, non mi aspettavo un campionato a questi livelli, ma la fascia di capitano lo ha evidentemente responsabilizzato e sicuramente galvanizzato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here