Puntuali come sempre, al giovedi, torniamo in compagnia del collega Alessandro Marinai nella nostra rubrica settimanale. Con Alessandro proveremo ad approfondire alcuni temi, legati alla squadra azzurra, a cavallo tra il match giocato e quello a venire.

 

Alessandro, ci troviamo dopo una settimana che ci ha visto in campo due volte e che per due volte ci ha visto vincere. Torniamo velocemente a Grosseto. La classica vittoria di peso, dove con il minimo sforzo abbiamo portato a casa tutta la posta?

“Minimo sforzo soltanto nel risultato perchè nel secondo tempo il Grosseto, pur non creando grossissimi pericoli, spingeva molto. Sono però quelle vittorie significative in un campionato, gare trappola che andrebbero chiuse per non crearsi poi qualche apprensione come di fatto è successo in Maremma. E poi abbiamo visto il Varese a Vercelli…”

 

Martedi con la Juve Stabia però ci sono state sensazioni diverse. Un punteggio roboante, una prestazione sopra ogni più rosea aspettativa ma soprattutto una condizione mentale e fisica positiva, sorprendente e ritrovata…

“Martedì è stato tutto quanto meraviglioso, nessun appunto da fare ma soltanto la soddisfazione di aver visto questo gruppo pronto per il rush finale. Vedere la squadra esprimersi su questi livelli migliora l’umore e regala benefici psico-fisici alle persone. Ringraziamo anche Braglia per l’atteggiamento tattico suicida, pur non volendo affatto sminuire la prestazione super degli azzurri”.

 

Come ha detto mister Sarri, nel quarto gol, la fotografia del match. Un gruppo fantastico che sta facendo grandi cose…

“Per la gran parte degli empolesi, per noi e per tutti quelli che seguono da vicino le vicende dell’Empoli non c’era bisogno di attendere l’assist di Maccarone a Tavano per capire che uno dei segreti di questa squadra è proprio il gruppo e la sua unità, anche se fa immensamente piacere arricchire il bagaglio degli esempi per sottolineare questo aspetto. Sono quelle situazioni che andrebbero inculcate nelle scuole calcio per far capire cos’è il gioco di squadra. Per gli allenatori sono vittorie silenziose: non regalano punti ma immenso orgoglio e soddisfazione che restano dentro per sempre, più di un risultato importante, perchè hanno radici umane”.

 

Tra l’altro, nel post partita di martedi, mister Sarri si è per la priva volta sbilanciato sull’obiettivo playoff, andando a polemizzare sull’orario del match che ci vedrà in campo con il Cesena. Un mister che dunque adesso lo vuole questo playoff? Polemica giusitificata?

“Mancano cinque partite, vorrei vedere se non ci credesse ora! Mi sembra anche normale dopo un campionato del genere, sarebbe come andare a Roma e non vedere il Papa come si suol dire. Io stimo Sarri, credo di essere stato tra i primi ad appoggiare il suo ingaggio e a sostenere la sua conferma nel momento difficile, ma quando si lancia in queste polemiche non lo seguo. Lo dico col sorriso sulle labbra, ci mancherebbe, ma son discussioni inutili che non trovano terreno fertile in me. Gli orari, le Nazionali, gli arbitri… Queste sono le regole, questo è il format e non ho mai creduto a complotti predefiniti. Rispetto comunque la sua opinione, pur non condividendola. Aggiungo, a margine, un parere del tutto personale: giocare alle 12.30 della domenica è l’orario migliore per chi ha famiglia! (ride)”.

 

Tornando al match con le vespe. Una prestazione maiuscola da parte di tutti, ma quanto è stato importante per i “tre tenori” trovare il gol cosi, tutti assieme?

“Non è stato importante solo per loro ma per tutti. E’ evidente che un attaccante vive per il gol, ma spesso riescono a farli perchè c’è un gioco di squadra dietro. Penso per esempio ai centrocampisti, a Croce che pure lui meriterebbe qualche gol; oppure alla difesa che all’imperforabilità aggiunge buone basi per le ripartenze. E’ un aspetto, quello del gol, che non mi ha mai impensierito a parte le prime nove giornate. Sono contento per Saponara che finalmente è riuscito a segnare una doppietta anche in casa, raggiungendo la doppia cifra che era il suo obiettivo personale e lanciando al tempo stesso un messaggio a quelli che pensavano avesse già la testa a Milanello”.

 

Al Castellani, sempre martedi, è successa una cosa rara da sentire: un coro tutto per il mister. Un mister già eletto dal pubblico come artefice di questo miracolo…

“L’ultima volta che avevo sentito un coro per il mister, se non ricordo male, è stato con Aglietti ma… di tenore completamente opposto. Il tifoso empolese è di palato fine, non contesta apertamente ma magari mugugna, però quando deve riconoscere dei meriti non esita a farlo. E’ stata una bella cosa da sentire perchè dietro a quel coro non c’era il 5-0 alla Juve Stabia ma il lavoro di una stagione. Altrettanto bella la risposta di Sarri a fine partita che, oltre a sottolineare la soddisfazione per il coro ricevuto, ha detto di sentirsi ancora in debito con loro per il fatto di non essere mai stato contestato nonostante la miseria di soli quattro punti nelle prime nove gare .”

 

In genere si chiude con uno sguardo alle altre, però voglio parlare adesso del doppio stop del Verona e della cocente scofitta interna del Livorno. Intanto playoff sempre più alla portata, un Livorno però che non scappa ed un Novara sempre più da temere. Che scenario ti immagini per il rush finale?

“Non è facile perchè possono esserci ancora delle sorprese. Quando si fanno pronostici si ha tutto da perdere in genere, ma è ovviamente importante aver accorciato su entrambe le squadre che si giocano la seconda promozione. Chi di noi avrebbe scommesso sul fatto che il Verona non avesse vinto in casa con il Cittadella? Niente contro la formazione di Foscarini, per carità, ma in sede di pronostico era lecito puntare sugli scaligeri. Il Novara è una bella squadra, ha giocatori importanti, sta molto bene fisicamente e non a caso ha battuto nettamente il Livorno. Bisogna vedere se arriverà così brillante anche ai play off. Sta venendo fuori un bel finale dove niente è scontato, conteranno molto le energie che si hanno”.

 

Ovviamente, guardando avanti, nelle nostre cose, c’è un match importante da giocare sabato con lo Spezia. E li andremo a ritrovare due personaggi come Cagni e Vitale….Che gara ti aspetti, che ambiente ti aspetti?

“Gara difficilissima contro un avversario con l’acqua alla gola in un ambiente presumo caldo. Ma se mi fermo un attimo e penso che l’Empoli ha vinto 10 volte su 18 in trasferta mi rassereno. Sarebbe importante mantenere inalterate le distanze in classifica perchè Spezia rimane una trasferta insidiosa, se poi dovesse andare ancora meglio che ben venga. Cagni e Vitale farà piacere salutarli ma non abbiamo tempo per pensare al passato, dobbiamo scrivere il futuro”.

 

Spezia, squadra partita per fare grandi cose, ma poi?

“Ma poi ha prevalso una legge non scritta ma sempre presente: quando cambi troppo dopo una promozione smarrisci la strada maestra. E’ successo allo Spezia così come al Pescara in Serie A. Non bastano i grandi nomi per vincere, soprattutto in Serie B, ci vogliono le basi e un progetto credibile che possibilmente segua il filo conduttore della stagione precedente. Se crei aspettative elevate, quando incontri le prime difficoltà rischi di andare in confusione specialmente in una piazza che ti mette pressione”.

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedenteL'arbitro di Spezia-Empoli
Articolo successivoWeek end azzurro giovani – Le gare del 20 e 21 aprile
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

52 Commenti

  1. Ciao Alessandro, scusa ma mi sfugge il senso della polemica di Sarri per la gara con il Cesena. Senti, una curiosità, ma secondo te si rischia il sorpasso del Novara o dovemmo essere tranquilli?

    • In poche parole Sarri lamenta il fatto di giocare contro il Cesena alle 12.30 quando farà caldo, mentre il Verona giocherà con Brescia e Pro Vercelli in posticipo serale con temperature più accettabili in questo periodo. Non è che io vivo sulla Luna e non capisco il senso della lamentela che trovo anche condivisibile per certi versi, ma personalmente non ho mai dato peso a queste cose. Posso sbagliare io, non ho la pretesa di essere nel giusto… :-). Il Novara se le vince tutte è chiaro che rischia di arrivare davanti, se ciò dovesse accadere faremo loro i complimenti ma per il momento sono dietro…

  2. Ale da 1 a 10 quanto temi la gara di sabato? Rietieni che potrebbe essere l’ultimo vero scoglio per essere certi del playoff? Ma Vitale che valore ha dato al suo lavoro a Spezia? Grazie

    • Da 1 a 10? Se dicessi 1 passerei per sbruffone, dicessi 10 rischierei gli sfottò postumi e allora dico 5. La considero una partita da tripla ma l’Empoli ha le carte in regola per metterli in difficoltà. Se sia l’ultimo scoglio non lo so, c’è anche la trasferta a Vicenza che potrebbe essere delicata, dipende da quello che succede in questi due turni. Per non parlare dell’ultima a Verona… Vitale non ha la bacchetta magica. Arrivato in un ambiente difficile in cui lavorare perchè Spezia non è Empoli, si è trovato a fare il mercato di gennaio, che è già difficile di per sè, preso per il collo perchè erano gli unici che potevano spendere. Il lavoro lo si vedrà nella prossima stagione, se il rapporto non si interrompe prima.

      • Hai proprio ragione Alessandro a temere la trasferta a Vicenza! Personalmente, per molti aspetti, mi viene da accomunarla a quella di sabato prossimo a Spezia e ciò in forza di un piccolissimo filo conduttore chiamato… “vendetta playout”: di Cagni da una parte; dei vicentini tutti dall’altra.
        Per questo, da martedì sera scorso ho già cominciato a fare il tifo per la ProVercelli anche se, in tutta onestà, non credo che il Vincenza, anche qualora fosse quasi retrocesso nella partita con noi, potrà mai regalarci qualcosa in nome della “vendetta” di cui sopra…
        P.S. complimenti per la Tua rubrica su PE che, nata in sordina, mi pare sia diventata davvero un appuntamento da non mancare per tutti noi tifosi azzurri

  3. Buongiorno a tutti e ad Alessandro Marinai. So che si chiede sempre, ma non si parla più del rinnovo di Saripri. Tutti dicono, voi compresi, che è un proforma, ma allora perché non si finalizza? Su Regini ci sono novità? Ti chiedo anche questo, 5-0 con la JuveStabia, nella prestazione, ma loro come li hai visti, nel senso, mi è sembrato tutto troppo facile.

    • Del rinnovo di Sarri non si parla, su Regini non ci sono novità di rilievo. Che sia un proforma il rinnovo di Sarri non lo so, per me è da rinnovare ma credo non sia poi così automatico. Dipenderà anche da come finirà questo campionato e dalle aspettative/programmi delle due parti. L’ho specificato nell’intervista ringraziando Braglia per il suicidio tattico. Ce ne fossero di Juve Stabia… Forse erano anche più rilassati del dovuto dopo il successo sullo Spezia. Detto questo, cinque gol non si fanno facilmente (e potevano essere di più) e quindi mi piace rimarcare la prestazione dell’Empoli.

      • Ovviamente Sarri, scusate, maledetto T9. Si ma Alessandro, scusa, non si parla perché? In maratona sono i diversi a scommettere sul fatto che non rinnoverà. I sospetti così si alimentano 🙂

        • Non lo so perchè non se ne parla, ma non vorrei focalizzare troppo l’attenzione su questo discorso distogliendo energie per ciò che l’Empoli sta rincorrendo. Io sarei contentissimo se il rapporto dovesse proseguire, ma se dovesse interrompersi per sua decisione, a fronte di un programma non di rafforzamento o di richieste importanti, lo capirei da un punto di vista professionale. Lo capirei meno se la decisione di non rinnovare fosse della società, ma in questo caso credo avrebbe anch’essa, credo, i suoi buoni motivi. Quando sarà il momento ce lo diranno e faremo le nostre considerazioni, non ci fasciamo la testa.

  4. Salve Marinai, la mia forse è una domanda da fanta calcio ma lei crede possibile che l’Empoli possa arrivare secondo? Quando tornerà antenna 5 a fare una trasmissione sugli azzurri il giovedì sera? Buon lavoro.

    • Seconda posizione la vedo durissima. Su una squadra si poteva fare anche la corsa, ma su due è un compito arduo. Sulla seconda domanda non so rispondere, mi spiace, non dipende da me. Posso solo dire che non mi risultano novità in tal senso.

  5. Intanto grazie per la spiegazione sul discorso della partita col Cesena, anche a me non era chiara la polemica. Ma il rinnovo di Sarri? No dite più niente.
    Il fatto di conoscere Cagni ci può aiutare?

    • Sul rinnovo di Sarri ho già risposto prima. Anche Cagni potrebbe essere agevolato nel conoscere gli azzurri, forse quando vedrà passare accanto a lui Tavano, Maccarone ecc… gli torneranno in mente gli spettri dello scorso giugno…

  6. Ciao Alessandro, una curiosità: come hai visto Accardi nelle ultime uscite, è un giocatore che rinnoveresti per la prossima stagione? Coralli come sta, potrà rientrare per i playoff?

    • Accardi l’ho visto molto bene. Sul rinnovo non lo so, bisognerebbe conoscere in maniera precisa la sua condizione, capire quanto e cosa potrà dare e, più in generale, se ci saranno i presupposti giusti anche in base a chi sarà l’allenatore, all’ingaggio ecc… Coralli sta sempre uguale credo… E’ lì, in attesa di recuperare al meglio ma non lo so se ci sarà per i play off. Presumo di sì comunque.

  7. Ciao a tutta la redazione. Ad Alessandro volevo chiedere questo, con la Juve Stabia, come avete anche sottolineato, la squadra è apparsa più fresca ed in palla rispetto alle ultime uscite. Da questo punto di vista come vedi Verona, Livorno, Novara, Brescia e Varese. Chi arriva più tonico alla fase finale?
    Possibilità di andare in A, obiettivamente, ne vedi?

    • Non posso sapere di preciso come stanno le altre perchè non le vivo da vicino, posso affidarmi alle immagini, all’andamento e a quello che si legge qua e là per dire che il Novara è in forma splendida e il Varese a pezzi, ma sono considerazioni che tutti noi possiamo fare. Senza dimenticare che in un mese e mezzo possono cambiare le carte in tavola sotto questo profilo. Possibilità di andare in A? 25% al pari delle altre che faranno i play off. In quelle gare ci sono tante, troppe variabili per stabilire una favorita anche se, con Verona o Livorno e Novara, l’Empoli non sarebbe la favorita. Meglio così, a fari spenti…

  8. Ciao Alessandro, che gara pensi venga fuori sabato, ti aspetti uno Spezia arrembante? Per noi potrebbe essere manna, non credi? Mi togli una curiosità, ma Mori è in comproprietà con l’Udinese?

    • Spezia arrembante? Magari! 🙂 Invece mi aspetto uno Spezia molto accorto, attento a non concedere spazi perchè conscio del valore dell’Empoli. E’ troppo furbo Cagni per fare questo regalo agli azzurri e predisporrà attenzioni particolari per le fonti di gioco di Sarri. Sì, Mori è in comproprietà.

  9. Se no ricordo male la settimana scorsa si diceva di come dal calendario il Verona poteva staccare il Livorno. Ora come la vedi la corsa per il secondo posto? I playoff secondo te possono essere ancora a rischio?

    • Premettendo che nessuno di noi ha la sfera di cristallo e che nel calcio a volte accade l’imponderabile, non ricordo di aver detto io questa cosa. Non ho avuto premura di ricontrollare mentre scrivo, ma mi pare difficile mi sia esposto in maniera così netta dal momento che personalmente ritengo lo abbia il Livorno il calendario (sulla carta) più facile. C’è un punto di differenza, può succedere ancora di tutto anche se il Livorno continua ad essere padrone del suo destino. I play off secondo me si faranno, lo dico da tempo.

  10. Ciao Alessandro, senti volevo capire da te una valutazione su Levan. È vero che ê spesso falcidiato dagli infortuni, ma non credi che a suo tempo lo si sia un po troppo sopravvalutato e che il treno ormai lo abbia perso? E Shekiladze? Anche su di lui si sentivano grandi cose……..

    • A me Levan piacerebbe vederlo 3 mesi interi senza contrattempi fisici, poi potremmo riparlarne. Ha mezzi straordinari e una combattività unica. E’ un vero peccato che soffra di questi problemi. Shekiladze per me rimane un punto interrogativo, non l’ho visto giocare così spesso da potermi fare un’idea. Amichevoli escluse, ma quelle lasciano il tempo che trovano.

  11. buona sera, martedi mi è sembrato di sentire dei cori di stima e affetto nei confronti di maurizio sarri, mi dicono alcuni ben informati che a fine gare il mister fosse veramente emozionato e toccato dai cori, oltre che dalle belle giocate della squadra, tu che eri in sala stampa come lo hai visto?

  12. Ciao Alessandro, per il duo Cagni-Vitale non sarà certo una gara come le altre. Credi che in qualche modo faranno arrivare questo sentimento alla squadra e se questo, per te, potrà essere di maggiore stimolo o meno per i bianchi. Spezia costretto a vincere, il pari non servirà a niente, che ne pensi?

    • Detto molto sinceramente: penso che ai bianchi del passato di Vitale e Cagni non gliene possa fregar di meno e dubito che faranno leva su questo per motivare la squadra. Il loro stimolo dovrebbe essere implicito per lo stipendio che percepiscono e per il rispetto che devono verso i propri tifosi che contribuiscono a darglielo questo stipendio. Oltre a salvare una stagione che doveva avere ben altri connotati. Non sono del tutto sicuro che un pari, per loro, sarebbe un risultato non buono. E’ sempre meglio che perdere… 🙂

  13. Buonasera Marinai.
    Secondo il tuoi punto di vista quanto mancava il gol a Saponara per uscire da una fase che, a detta di molti ma non di tutti, era il leggera flessione ?

    • Buonasera. Riccardo non mi pare si faccia questo tipo di problemi, credo sia rimasto ugualmente soddisfatto in occasione dell’assist vincente di Grosseto, poi è normale che fare gol piaccia a tutti i calciatori. E’ a quota 11 pur non essendo un attaccante puro o un bomber di razza. Sinceramente non vedo cosa si potrebbe chiedere di più.

  14. Ciao Alessandro ,
    Noi parliamo sempre , giustamente , dei tre tenori , che sono grandi , ma non rendiamo merito alla difesa che non prende gol da 4 turni , …..che ne pensi

    • Io ho sempre parlato della difesa, anche in questa intervista ho reso merito ad un reparto che merita solo complimenti. E’ ovvio che negli occhi dei tifosi, della gente, rimangono i gol e le giocate che fanno vincere le partite. Ma per esempio, cospargendosi il capo di cenere, Tonelli meriterebbe qualche elogio in più nei commenti, a fronte delle valanghe di insulti ricevuti in avvio di stagione.

  15. Buonasera Alessandro, come sempre non posso mancare a questo appuntamento.
    Prendo spunto dalle parole spese su Coralli da parte del gruppo, che ne pensi delle condizioni delle ‘riserve’?
    E’ palese che quando manca Saponara non ci sia un sostituto all’altezza, come ad inizio anno è mancato Tavano e l’assenza dei gol del capocannoniere ha condizionato il rendimento della squadra. Come vedi Pucciarelli, che in avvio personalmente mi sembrava dare maggiori garanzie di impiego, i georgiani e il recupero di Coralli? Cinghio vedrà rinnovato il contratto?

    • Sono cose che adesso non mi interessano, nel senso che mancano cinque partite alla fine più eventuali play off… Vedo l’Empoli al quarto posto, se è arrivato fin qui è senza dubbio merito della formazione base ma anche di chi è stato chiamato in causa di volta in volta. Non c’è un sostituto all’altezza di Saponara… Ma Saponara lo ha comprato il Milan mica il Fondi, con tutto il rispetto per la società laziale. Magari ci fosse un sostituto all’altezza! 🙂 Pucciarelli ha avuto meno spazio forse perchè questo è un modulo non propriamente congeniale per lui, ma quando ha giocato ha cercato di fare il massimo oltre a non aver mai aperto bocca. Sui georgiani ho già risposto così come su Coralli. Mi chiedi del contratto ma io non posso sapere quello che vorrà fare la società con Coralli. Lui va in scadenza, in pratica son due anni che non gioca, ci sarà da fare un’eventuale trattativa sull’ingaggio, insomma ci sarà tempo per discuterne.

  16. Ciao Alessandro, buonasera, tornato ora da lavoro e letto subito il punto.
    Senti che la stagione degli azzurri sia da incorniciare a priori è fuori dubbio, ma ovviamente il sempre più forte odore di playoff ci ingolosisce. Hai detto che secondi difficilmente potremmo arrivare, ma un pensiro al terzo posto? Sarebbe importnate poterli giocare con tutti i pareggi a favore. Temi più il Novara o il Verona?
    Grazie

    • Puntare al terzo posto è un altro discorso. Ho detto infatti che fare la corsa su una è un conto, su due è un’altra cosa… Intendiamoci, è difficilissimo arrivare terzi e già oggi metterei la firma sul quarto posto, ciò detto non costa niente provarci considerando che all’ultima giornata ci sarà lo scontro a Verona. Novara o Verona? Sono due belle squadre e non saprei scegliere. Oggi potrei dire di temere di più il Novara per quanto sta facendo, fra un mese e mezzo non lo so. Di sicuro mi piace pensare che anche loro temano l’Empoli.

  17. Buonasera Alessandro, senti io ho una domanda sul futuro. Se dovessimo andare in serie A, quanti della attuale rosa sarebbero idonei? Ovviamente escludendo già Regini e Saponara che no giocheranno x noi.
    Grazie

    • E’ fantacalcio, non vorrei apparire scortese ma preferirei non rispondere perchè mi dovrei immedesimare nella categoria da te citata ed entrare in una dimensione irreale allo stato attuale. Avremo (speriamo) tempo per affrontare questo tema. Inoltre non lo ritengo corretto per chi oggi si sta giocando un sogno…

  18. Ciao Alessandro, buonasera e grazie in anticipo per la tua cortesia. Sei d’accordo se dico che l’unica delusione della stagione è stato Signorelli?
    Mentre vorrei un tuo parere sulla stagione di Bassi, che avrà avuto le sue colpe per come se n’era andato, ma che è tornato alla grande disputando, credo, il miglior campionato in maglia azzurra. Lo vedi lontano da Empoli il prossimo anno?

    • No, non sono d’accordo. Per prima cosa la stagione non è ancora finita, se per assurdo Signorelli dovesse segnare il gol decisivo per arrivare ai play off o per andare in Serie A penseresti la stessa cosa? No. Queste considerazioni, analisi, le faremo a bocce ferme con serenità; avremo tempo ed è più giusto e corretto. Bassi si è comportato da professionista serio, è stato chiamato in causa ed ha risposto presente. Per il prossimo anno vediamo intanto la categoria.

  19. Alessandro si è fatto tardi, dopo una pizza ai funghi ci sta bene un tiramisù? Oppure una panna cotta? Sennò abbiamo anche il classico tartufo bianco, nero, la mattonella con i pinoli, la torta della nonna, la crostata alla crema e nutella… Mchedlidze potrà essere l’uomo in più per l’attacco dell’Empoli in questo finale?

    • Niente dolce, direttamente caffè… :-). Mchedlidze se sta bene sì, la sua tenuta fisica è il solo aspetto che mi rende dubbioso, per tutto il resto di dubbi non ne ho.

  20. Buonasera, vedo che tra pizze e dolci siete apposto 🙂
    Volevo chiedere una cosa al Marinai se possibile:’Ferreira pensi che potrà essere rigirato ancora in prestito all’Empoli il prossimo anno?
    Un giocatore come Brugman, da voi tutti esaltato lo scorso anno, alla fine dei conti, è mancato? Avrebbe comunque potuto far comodo?
    Grazie.

    • Perchè no? Il Milan avrà comunque bisogno di trovargli una sistemazione per farlo giocare, i rapporti sono buoni quindi non lo escluderei.Brugman non è mancato come non sono mancati tutti gli altri che sono andati via. Lo dice la classifica, lo dicono le prestazioni e lo si legge negli occhi della gente allo stadio. Avete sentito spesso rimpiangere qualcuno? Io no… E in questa squadra Brugman non avrebbe giocato se non scampoli di partita.

  21. ciao ale…come sempre la tua analisi non fa una piega e sullo spezia hai azzeccato in pieno il problema principale avuto dalla squadra ligure in questo campionato…per vincere ci vuole programmazione e bisogna lavorare su un gruppo migliorandolo anno dopo anno…le rivoluzioni non hanno mai portato risultati…lo spezia ha una rosa importante ma 20 giocatori nuovi difficilmente riescono a trovare in una sola stagione quel giusto affiatamento che ci vuole per ottenere risultati importanti…scusate se ho invaso il campo parlando dello spezia ma ci tenevo a complimentarmi con alessandro

    • Grazie Daniele, ma non ti devi scusare… Domani c’è Spezia-Empoli ed è naturale parlare dello Spezia. Avrei compreso meno un intervento per parlare, per esempio, di Sassuolo-Bari… 😀

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here