Siamo arrivati al consueto appuntamento settimanale (adesso al mercoledi) in compagnia del collega Alessandro Marinai. Come sempre, con Alessandro, proveremo ad approfondire i l momento degli azzurri a cavallo tra la gara giocata e quella a venire.

 

Alessandro buongiorno. A Reggio è arrivata la seconda sconfitta stagionale, una sconfitta però molto diversa da quella di Avellino…

“E’ una sconfitta che mi ha infastidito molto per come è venuta e che mi ricorda molto quella dell’anno scorso a Crotone. Vivere i novanta minuti di una partita è un saliscendi di emozioni, sensazioni, convinzioni e speranze. Quando ad un certo punto credi di avere in mano la partita e ti aspetti il gol vittoria da un momento all’altro, invece lo subisci a pochi minuti dalla fine e perdi ci rimani male. Ti prende un senso di impotenza difficilmente spiegabile, questo almeno è ciò che ho provato io”.

 

penalty (3)L’Empoli di Sarri ha forse sempre espresso il suo miglior gioco, condito anche da ottimi risultati, in trasferta. Questo doppio Ko (non succedeva da un anno) è solo un caso?

“Non è un caso, nel senso che mi pare di vedere squadre che giocano in maniera diversa quando incontrano l’Empoli. Se prima venivano a chiudersi soltanto al “Castellani” adesso lo fanno anche quando giocano in casa. Gli azzurri non avranno disputato la loro miglior partita a Reggio, ci mancherebbe, ma nel secondo tempo hanno fatto la partita rischiando pochissimo fino al gol. La Reggina, di contro, ha pensato bene di chiudere i varchi a difesa del prezioso vantaggio come del resto fece l’Avellino. Gli avversari temono l’Empoli e su questo mi sento di poter dire che non ci sono dubbi, stante così le cose diventa imprescindibile una maggiore attenzione da parte dei giocatori azzurri sia in difesa che sotto porta avversaria. Come se la squadra dovesse prendere coscienza di un ruolo nuovo in questo campionato, non voluto ma assegnato dagli altri”.

 

Le copertine sono ancora per Manuel Pucciarelli…

“Ha fatto un gol straordinario ed è giusto che sia lui in questo momento a prendere le lodi. Ci hanno fatto una testa tanta con il gol di Osvaldo in Nazionale, guardassero quello di Manuel che, per tecnica, è secondo me più bello. Altro prodotto del florido vivaio azzurro, è giusto ricordarlo…”.

 

Che impressione hai avuto di Barba, alla sua prima da titolare?

“A me non è dispiaciuto, anzi… E’ un ragazzo interessante che sicuramente avrà modo di fare una carriera dignitosa. Certo, adesso con la firma di Pratali l’impressione è che gli spazi si riducano per tutti, ma credo tuttavia che finiranno tutti col dare un prezioso apporto alla causa, il cammino è ancora lungo”.

 

Adesso arriva il Varese, squadra partita con grandi ambizioni…

Il Varese da anni ormai disputa campionati di vertice nonostante cambi spesso allenatore. Questo significa che c’è programmazione, che c’è un gruppo di lavoro importante alle spalle e che ci sono dirigenti capaci che sanno il fatto loro. E’ una di quelle squadre che con tutta probabilità lotterà per traguardi importanti“.

 

I Lombardi, dicono coloro che seguono da più vicino, paiono essere però un po’ troppo Pavoletti dipendente…

Fosse così sarebbe semplice: blocchi Pavoletti ed il gioco è fatto! Ma non è così, non può essere così. Non ci fosse una squadra alle spalle, un’idea di gioco e compagni che chiudono e impostano Pavoletti non riuscirebbe a segnare così tanti gol. Come dicevo prima non è che il Varese improvvisamente si ritrova a giocare per l’alta classifica, ci sono dei valori impreziositi, certo, dalla bravura dell’attaccante livornese… Comunque non dimentichiamo che l’anno scorso ne fece tre qua, mi sembrano ampiamente sufficienti”.

 

In ottica Varese si apre anche un bel duello Hysaj-Mario Rui. Il portoghese ha dimostrato di saperci stare li…

“Meglio avere ballottaggi che non sapere chi far giocare. Sarà una bella lotta tra loro due come lo è e lo sarà tra Pucciarelli e Verdi, le differenze non sono elevatissime in entrambi i casi. Dovesse prevalere ciò che dice il campo allora secondo me, in questo momento, sarebbe Mario Rui il titolare”.

 

Solita chiusa finale con i promossi e bocciati dell’ultimo turno…

“Questo turno ci ha consegnato una netta vittoria, nel risultato, sul Siena che conferma un momento fortunato per la squadra bianconera che sta raccogliendo di più di quanto semina. Ci consegna anche un’altra sconfitta del Pescara, seppur immeritata a Palermo, come immeritata la sconfitta del Bari in casa contro il Crotone. Cosa voglio dire? Voglio dire che in questa fase del campionato risultato determinanti gli episodi che hanno la meglio sul gioco e che probabilmente ci sono squadre che sugli episodi ci speculano. Mi auguro vivamente che alla lunga possa prevalere la qualità rispetto alla casualità. Fa pensare anche l’ennesima sconfitta del Novara di Aglietti, partito con ben altri propositi. Campionato incerto per ora, molto livellato, basti pensare che l’Empoli ha raccolto soltanto quattro punti nelle ultime quattro giornate ed è sempre secondo in classifica”.

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedenteAl via i Mondiali Under 17
Articolo successivoLa storia di Empoli-Varese
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

51 Commenti

  1. Eccolo di buon ora. Via Alessandro, vi rinnovo i complimenti per la trasmissione. grazie e bravi.
    Senti sorpasso Pucciarelli su Verdi ormai definitivo?

    • Grazie. Non credo si possa parlare di sorpasso definitivo, ma di sana competizione sì e tutta a vantaggio dell’Empoli.

  2. Ciao Alessandro. Mi unisco ai complimenti, bella trasmissione, e voi, vabbe i numeri uno. L’unica pecca è che dura troppo poco 🙂
    Senti secondo te il gol fantasma dell Reggina c’era? È quello di Foglio è stato a compensazione?

    • Grazie. Il gol fantasma della Reggina non è secondo me, le immagini parlano da sole a differenza del fuorigioco di Foglio dove qualche dubbio rimane. Non penso assolutamente si tratti di compensazione.

  3. Buongiorno. Senti in settimana si è discusso anche sul fatto che questa squadra, la nostra, pecca sempre in fisicità, ed anche a reggio si è visto. Possibile che in sede di campagna acquisti non si faccia mai conto a questo. Niente contro Carli, anzi, ha fatto in questi due anni un grandissimo lavoro.
    Domani risintonizzati su Penalty

    • La mancanza di fisicità è un dato oggettivo ma questa squadra è stata concepita in questa maniera ed ha fatto grandi cose così com’è. Domando: chi togliamo oggi dalla squadra titolare per mettere uno più fisico? Io avrei qualche difficoltà sinceramente, a meno che non intenda dare un volto diverso a questa squadra ma qui si entra in un’altra dimensione. E’ un problema ma non primario secondo me.

  4. come alternativa a big mac e tavano come vedresti insieme pucciarelli – verdi insieme con tavano o big mac visto che il campianato e’ lungo….io la vedrei bene come a reggio ….tu che ne pensi ??

    • L’idea non mi dispiace, a partita in corso però… Se io ho Tavano e Maccarone integri dal punto di vista fisico giocano loro, non mi parlate di turn over, esperimenti, altri moduli ecc… Su questo sono sempre stato chiaro e non cambierò idea… 🙂

  5. Cioa Alessandro…….Credo che la partita di Reggio,seppur non giocata certo male,abbia evidenziato la NON concretezza negli ultimi 16 metri DEI NOSTRI ATTACCANTI…..perché se è pur vero che nel secondo tempo abbiamo rischiato poco(a parte la respinta di Barba sul tiro ravvicinato di Cocco)ben poco abbiamo costruito a parte il GRANDISSIMO goal del Puccia….Non vorrei che l’alibi che una sconfitta ci puo’ stare dappertutto non ci faccia analizzare ANCHE GLI SBAGLI di una squadra che io,da tifoso ormai trentennale,reputo come organico la piu’ forte del campionato!Credo che vada valutata la nostra posizione in classifica(OTTIMA),I 13 PUNTI IN PIU’ DELL’ANNO SCORSO(d’altronde anche se questo è in altro campionato non vedo perché non valutare la cosa)e l’aver portato alla luce le qualita’ del Puccia quando forse come nel caso di Saponara,in ben pochi credevano…..pero’credo che anche in negativo si veda una certa apatia di alcuni giocatori che invece dovrebbero essere i TRASCINATORI DELLA SQUADRA e forse anche una difesa ricca di TALENTI molto giovani che pero’ forse hanno bisogno IN CAMPO di una chioccia come il Pampa……Tu Alessandro cosa ne pensi?

    • Tavano e Maccarone oggi non sono particolarmente brillanti e questo mi sembra facilmente riscontrabile nelle prestazioni, ma è una situazione che mi preoccupa meno di zero. Anzi, se penso che l’Empoli è secondo in classifica quando saranno in piena forma anche loro ci sarà da divertirsi. Nessun alibi per la sconfitta di Reggio, secondo me non si possono perdere queste partite perchè le hai in pugno ed è stato da polli buttarla così. Meglio sia successo ora e in questo modo perchè, qualora ce ne fosse stato bisogno, è un messaggio ulteriore che la squadra deve recepire per non mollare di un centimetro. Ma siccome trovo molte similitudini con la sconfitta di Crotone e siccome ricordo la reazione positiva a quella battuta d’arresto preferisco rimanere ottimista per sabato prossimo. Certo, dalla prossima trasferta mi aspetto un qualcosa di diverso rispetto ad Avellino e Reggio Calabria. Riguardo all’ultima considerazione mi dovresti però dire chi togli dal campo… Va bene l’esperienza ma questa te la fai giocando e poi ricordo che il Pescara di Zeman vinse il campionato con due centrali Under 21. Se la squadra gira, tutta, il problema a mio avviso non si pone. Il gol vittoria loro è nato da un pallone perso da Valdifiori e da un’errata valutazione di Bassi, due giocatori non di primo pelo…

  6. Scontati anche da parte mia i complmenti per la nuova creatura. Ci mancava e siete tornati alla grande. Bravissimo Alessio Cocchi a dirigere un orchestra spettacolare.
    Domandina facile facile: Siamo sicuro che l’Empoli abbia ceduto il portiere peggiore. Bassi l’ha fatta grossa sabato sera.
    Ciaooooo a domani sera

    • Grazie. Io sicuro non lo sono, ma una decisione andava presa e mi fido delle valutazioni fatte dalla società. In fondo non avremo mai la controprova, sabato l’ha fatta grossa ma col Padova, per esempio, fu decisivo.

    • E’ vero, Bassi ha fatto una stupidaggine sabato sul secondo Gol, ma ti ricordi quante ne ha fatte Dossena l’anno scorso nel periodo in cui giocava con continuità ? Una Valanga !!!

      Quindi direi che è un po’ avventato mettere in discussione Bassi dopo che ha fatto una papera , preceduta , fra l’altro, da una serie di belle partite .

  7. Alessandro buongiorno. Giusto avere i ballottaggi, ma tu dovessi scelgiere per sabato, secco: Hysaj o Mario Rui? So che mi risponderai diplomaticamente ma io ci provo 😉

    • Nessuna diplomazia, l’ho già detto nel pezzo… In questo momento il campo dice Mario Rui e quindi confermerei lui.

  8. Ciao Alessandro, ovvi anche i miei complimenti per penalty.
    Come giudichi che questa prima parte di campionato di Croce, un giocatore strabiliante lo scorso anno ma che secondo me per adesso non ha ancora ingranato la marcia giusta.

    • Grazie. Per prima cosa dovremmo sforzarci tutti quanti di dimenticare quello che è stato il Croce della passata stagione altrimenti non ne usciamo vivi perchè il difficile non è fare bene ma riconfermarsi. In seconda analisi ricordo ancora che in fase di preparazione ha subìto uno stop che lo ha costretto a fare un tipo di lavoro diverso e che forse, e sottolineo forse, oggi sta pagando con alti e bassi nelle prestazioni. Tatticamente rimane uno dei giocatori più importanti di questa squadra.

  9. É la seconda volta, dopo Avellino, che entriamo in campo con presunzione e sufficienza, ci svegliamo sempre dopo il gol subito. A gennaio darei via Signorelli e Levan che sono due corpi estranei a questa squadra… e comprerei due alternative di peso in attacco e centrocampo… che ne dici??? Un ringraziamento particolare a te e a PE per quello che state facendo per i nostri colori… 🙂

    • Non sono d’accordo, ad Avellino fu l’Empoli a fare la partita nel primo quarto d’ora, dopo subì il loro ritorno e cercò di pareggiare la gara seppur in 10 contro un avversario chiuso a riccio. A Reggio è stata una partita strana: graziata, messa male, ripresa, la potevi vincere e invece l’hai persa. Facendo una veloce fotografia del match potremmo dire che all’Empoli è mancato quel pizzico di convinzione in più che la Reggina sembra aver avuto. Sulle cessioni a gennaio non sono d’accordo su Levan che intanto valuterei con attenzione in questi mesi mentre su Signorelli dovremo vedere anche che piega prenderà la situazione contrattuale.

  10. Si chiede sempre le stesse cose, ma io vorrei sapere da te se possono essere maturi i tempi per un Levan con maggiore minutaggio. Ultimamente i due attaccanti mi sembrano un po’ appanati e magari potrebbero anche aver bisogno di un po’ di riposo

    • A Reggio ha avuto ragione Sarri perchè quando ha tolto Tavano dal campo molti si aspettavano Levan e invece ha messo Verdi per dare, secondo me, minori punti di riferimento. Anche in questo caso non avremo controprova ma l’Empoli era riuscita a raddrizzarla la partita. Secondo me manca brillantezza, manca lo spunto, ma come ripeto da tempo io farei fatica a rinunciare a Tavano o Maccarone per scelta.

  11. Laurini non è quello dell’anno scorso: Come vedresti Hysaj a destra e Mario Rui a sinistra? Quando scoccherà l’ora di Castiglia? Tonelli e Rugani riusciranno a bloccare l’incubo Pavoletti? Grazie.

    • Claudio mica sono Paolo Fox eh… :-D. Hysaj a destra e Mario Rui a sinistra potrebbe essere una possibilità, così come Tonelli terzino, così come ce ne possono essere altre, dipende dalla condizione e da quello che decide Sarri. Sulle altre domande non so rispondere, non sono un indovino e tu vedi incubi ovunque… 🙂

  12. Grande penalty, bravi tutti.
    Alessandro sabato col Varese secondo me sarà una partita chiave per capire se l’Empoli potrà ambire a qualcosa di importante o meno. Tu che ne pensi?

    • Grazie. E’ una partita importante perchè l’avversario è tosto, perchè gli azzurri son chiamati ad una reazione e perchè ci sarebbe la possibilità di mantenere posizioni di prestigio. Tuttavia è ancora troppo presto per delineare i valori di questo campionato, personalmente continuo a ritenere l’Empoli una squadra forte e non sarà certo una sconfitta e/o un mezzo passo falso a farmi cambiare idea.

  13. Ciao Alessandro
    Scusa la lunghezza.
    Prima di porti alcune domande vorrei “snocciolarti” alcuni numeri, di cui ovviamente sarai già a conoscenza, ma che sottolineano quanto hai detto.
    Nelle ultime sei partite questi sono stati gli atteggiamenti delle squadre che abbiamo incontrato:

    Reggina: 3-5-2 persa
    Modena: 3-5-2 vinta ma molto sofferta
    Avellino: 3-5-2 persa
    Siena: 4-3-3 dominata
    Padova: 3-5-2 vinta ma sofferta (a dispetto del risultato)
    Carpi: 4-2-3-1 dominata e vinta

    Ormai sembra che le squadre, almeno la maggior parte abbiano capito come si affronta l’Empoli. con 3 difensori riescono a tenere a bada abbastanza bene i due attaccanti che seppur ottimi cecchini non svariano molto, data l’età. Con i 5 centrocampisti invece riescono a bloccare a dovere le giocate di Valdifiori e anche gli inserimenti del trequartista e infine sempre i due esterni di centrocampo gli permettono di poter tenere due ali molto larghe e operare cambi di gioco molto spesso, per eludere la nostra difesa alta.

    Le Domande che ti faccio sono queste:
    – Come dicevi te siamo diventati più prevedibili dell’anno scorso, che non sia il caso di iniziare a pensare ad alcune variazioni, non necessariamente dall’inizio, di modulo, in modo anche da sfruttare gli eventuali subentrati?
    – A proposito di subentrati, non credi che si debba in qualche modo sfruttare di più uno dei plus che secondo me abbiamo rispetto all’anno scorso, cioè i sostituti? Ad esempio a me sembrava che Valdifiori Sabato scorso ad un certo punto della partita fosse in debito d’ossigeno. Non a caso proprio lui ha perso la palla davanti alla difesa che ha dato il via al goal della Reggina. In questa ottica mi sembra che si sia troppo prudenti.
    – Sempre a favore di questa tesi, credo che un cambiamento di modulo in corsa possa favorire di più un giocatore come Levan che, appunto, entra a partita in corso. sei d’accordo?

    grazie

    Ciao!

    • Dunque… Le considerazioni che fai sugli avversari sono senza dubbio interessanti e sicuramente basate su principi di verità, ricordo che l’anno scorso un appunto che veniva mosso a Sarri era quello di soffrire troppo gli avversari che giocavano con il 4-3-3. Non ho detto che l’Empoli è più prevedibile, ho solo detto che quest’anno gli avversari giocano in maniera diversa, più chiusi perchè sanno che negli spazi la squadra di Sarri è devastante. Tutte le squadre fanno fatica contro avversari chiusi, a meno che tu in squadra non abbia eccellenze assolute o non ci sia un divario tecnico talmente elevato che il problema manco si pone. Oppure sei un aspirante suicida come Auteri che si presenta al “Castellani” con 3-5-2 (anche lui) impresentabile. Su un cambio di modulo a partita in corso bisogna lavorarci un po’, non si può improvvisare anche se devo dire che l’ingresso di Verdi al posto di Tavano, da questo punto di vista, ha rappresentato una piccola novità rispetto alle solite sostituzioni operate dal mister: due fantasisti dietro ad una punta per poi tornare ad un atteggiamento più conosciuto con l’inserimento di Levan. Io continuo a ritenere che Sarri voglia inserire i nuovi solo quando avrà la certezza assoluta che possano dare un apporto importante rispetto a quelli che utilizza solitamente. Che poi il mister sia poco incline a far ruotare la rosa e fare un certo tipo di sostituzioni lo sappiamo, rientra nel suo modo di fare calcio e su questo potremmo stare a discutere all’infinito. Quella di Valdifiori credo (spero) sia stata una casualità, mentre Levan lo aspettiamo da tempo; se solo fosse riuscito a segnare su quel cross di Moro…

  14. Sento parlare di compensazione sul gol di Foglio. Compensazione un bel paio di PAL. Era fuorigioco ed andava fischiato. Come mai voi della stampa non avete alzato la voce su questo episodio che ci ha fatto perdere la partita? Credo che anche a voi interessi andare in serie A

    • Io rispondo per me, non per altri. Non alzo la voce perchè non mi interessa perdermi nelle polemiche arbitrali, altrimenti dovrei alzarla anche per il gol non dato alla Reggina. Io sono fatto così, mi dispiace.

  15. Ciao Alessandro, concordo in pieno la tua analisi sulla partita di reggio, ma aggiungerei che la nostra sufficienza nell’affrontare l’incontro ha aiutato molto la reggina, infatti se ad avellino avevamo perso per il furore atletico, le botte e le perdite di tempo (indecenti)degli avversari a reggio tutto questo non è successo, loro hanno fatto la loro onesta partita senza sovrastarci fisicamente, senza picchiare e senza nessuna sceneggiata.
    Io credo che se si continua ad affrontare queste partite senza un pò di sana cattiveria sportiva sarà dura portare a casa il risultato, in un campionato di B scarso come quest’anno se riusciamo ad abbinare alla nostra qualità un pò più di determinazione ne sono certo, avremo delle grandi soddisfazioni.

    • Sono perfettamente d’accordo, anche se rimango dell’idea che senza l’errore in occasione del gol di Foglio loro non l’avrebbero mai fatto con le proprie forze. Questa sconfitta deve essere d’esempio per il futuro.

  16. Salve Alessandro e davvero tantissimi complementi per penalty. Trasmissione che meglio non potevate studiare e complimenti anche per la scelta dei prossimi ospiti.
    Mi piacerebbe farti questa domanda e se possibie poi girarla anche a Manuel. Quanto ha fatto bene l’anno di Gavorrano al nostro numero 20?
    Grazie e buon lavoro

    • Grazie. La domanda su questo tema l’avremmo senz’altro fatta a Manuel (e la faremo), mi offri però l’assist per ricordare che sarebbe meglio fare le domande durante la trasmissione nell’apposita sezione Pianeta Empoli TV alla voce PEnaAlty oppure, in alternativa, inviando una mail a Pianeta Empoli altrimenti si rischia una dispersione. 😀 Credo che quei sei mesi siano stati importanti per lui non fosse altro che per una presa di coscienza delle proprie potenzialità. Ritengo che sia stato bravissimo, Manuel, a non farsi prendere dalla smania la stagione scorsa pur giocando poco… Ma ne parleremo giovedì sera 🙂

  17. Alessandro sei troppo forte, volevo ringraziarvi per avere riportato la trasmissione del giovedi sera. Tanti complimenti anche al giovane Cocchi ed resto della squadra compresi Guastelle ed sempre verde Fioravanti. Gira i ringraziamenti a tutta antenna cinque.
    Come la vedi te sabato?

  18. Buonasera Alessandro.
    A parte l’ultima partita (hai detto che ti ha ricordato, per certi versi, quella di Crotone del campionato scorso, e ho avuto la stessa impressione; l’abbiamo rimessa in piedi e si poteva vincere e invece … negli ultimi minuti l’abbiamo persa), volevo fare una domanda più generale: un pò di giornate sono passate e, incontrandole o vedendole da altre partite, ci siamo fatti un’idea su tutte le squadre. A me non sembra che quest’anno ci siano squadroni o squadre che giocano veramente bene, come solitamente ci sono, e vedo che tutte si chiudono incontrando noi. Che ne pensi?

    • Beh l’ho detto più volte che chi gioca contro l’Empoli si chiude… In generale sono d’accordo, è vero, è un campionato al momento molto equilibrato e l’ho sottolineato dicendo che se l’Empoli si trova ancora secondo in classifica nonostante abbia fatto soltanto quattro punti nelle ultime quattro gare significa che i punti sono stati distribuiti equamente. Può venir fuori un torneo molto combattuto, incerto, che di sicuro attirerà interesse perchè queste prime giornate hanno detto che tutti possono vincere con tutti.

  19. Buonasera Alessandro. Vorrei sapere un tuo pensiero su due squadre che sono partite tra grandi proclami e che adesso stanno facendo molta molta fatica, ovvero Padova e Pescara.

    • Credo sia consigliabile andarci con i piedi di piombo visto quanto successo proprio all’Empoli l’anno scorso. Il Padova, lo abbiamo visto, è una squadra dal potenziale superiore rispetto ai punti raccolti fino ad ora ed il Pescara ho l’impressione che abbia dovuto pagare lo scotto della retrocessione e dei cambiamenti significativi rispetto all’anno scorso. A Palermo ha perso ma non meritava assolutamente, è uscito sconfitto per puro caso e questo sta a significare che la squadra è viva. Certo, fossi stato nel Padova non avrei cambiato Marcolin, ma ognuno fa le scelte che ritiene più opportune in base anche a quelli che sono i rapporti con la società e/o l’ambiente inteso come tifoseria.

  20. Buona sera Alessandro,
    Volevo chiederti una cosa:credo che in troppi abbiamo negli occhi ciò che fu l’Empoli nel periodo migliore dello scorso anno,da metà Ottobre fino alla fine dell’anno,dove letteralmente,dominavamo gli avversari.Io penso che ogni squadra,anche se cambia poco,ogni anno è diversa proprio perchè ogni giocatore ha un suo modo di giocare.E’ ovvio che il tipo di giocatore che è Saponara non potranno mai esserlo nè il Puccia,nè Verdi.Alla luce di questo ti chiedo se Sarri cambierà,con calma,la struttura complessiva del gioco di squadra.

    • Sì è vero, cambia anche perchè cambia la testa dei giocatori, cambiano alcuni interpreti e soprattutto cambiano gli avversari che, come più volte detto, affrontano l’Empoli consapevoli di trovarsi di fronte una squadra importante. Ma il retrocesso Siena con fior di giocatori, con una panchina che giocherebbe titolare in qualsiasi squadra di B che venne a Empoli a fare catenaccio (perchè questo fece) è un segno tangibile che vale più di mille discorsi circa la forza dell’Empoli e la considerazione che hanno gli avversari per gli azzurri. Io sono certo che Sarri lavorerà per ricercare soluzioni, alternative, anche se una forza non indifferente dell’Empoli rimane quella delle palle inattive che non tutti possono vantare. Senza stravolgimenti, sia chiaro, ma su alcuni accorgimenti ci si può lavorare e sono certo che lo farà.

  21. Buonasera Marinai, leggo sempre questa rubrica ed oggi mi volevo permettere di farle una domanda sul dualisimo Pucciarelli-Verdi. Non crede che sia più giusto privilegiare a priori il nostro Pucciarelli, anhe perchè nostro rispetto ad un prestito secco per il quale devo ancora capire la manovra?
    Mi illumina sulla situazione contrattuale di Rugani?
    Grazie e complimentoni a lei e tutta la redazione.

    • Buonasera, secondo me non è giusto farlo a priori, nel senso che nel dualismo dovrebbe prevalere chi merita e chi, sul momento, offre maggiori garanzie tecniche nell’interesse della squadra. In questo momento merita di giocare Pucciarelli ed è giusto che giochi lui anche se Verdi nelle prime gare mi ha trasmesso buone sensazioni. E’ normale che, egoisticamente parlando, la speranza è che esploda Pucciarelli piuttosto che Verdi per un puro riferimento economico, ma non nascondo che se esplodessero entrambi sarei egualmente contento. Il tempo poi può indirizzare certe situazioni, vedremo. Rugani per quanto ne sappia io è in comproprietà con la Juventus. Grazie per i complimenti.

  22. Alessandro, ti voglio porre una mia personalissima riflessione: Levan quando entra non riesce a fare un granchè perché la squadra inizia a mettere cross in area e l’unico che va in area a colpire è lui, quindi per i 2 o 3 centrali avversari è facile marcarlo,questo probabilmente è dato da uno scarso senso dell’inserimento da parte dei nostri centrocampisti e trequartisti e dal fatto che l’altra punta( di solito Maccarone) gira sempre al largo dell’area.
    Secondo me Sarri dovrebbe puntare più su queste situazioni preparandole meglio durante la settimana per risolvere partite bloccate con avversari chiusi, tu che ne dici?

    • Intanto Levan si è di nuovo fermato per un fastidio al ginocchio e questa proprio non ci voleva… Speriamo non si tratti di niente di grave. Chiaramente il suo ingresso in campo spesso è dettato dalla fisicità, dalla forza che può portare quando le squadre iniziano ad accusare un po’ di stanchezza ed anche per l’abilità nel gioco aereo che rimane una sua peculiarità. Ma fino a quando non riuscirà a trovare finalmente la serenità e a scacciare definitivamente i contrattempi che lo affliggono da anni sarà dura fare un’analisi corretta sul suo impiego.

  23. Vorrei tornare sulla partita di Reggio….al loro secondo goal…..Bè io non sono del tutto d’accordo su questa papera di Bassi…..Papera è quando ti passa il pallone fra le gambe,quando smanacci male un cross,quando invece di respingere laterale un tiro,lo metti invece sui piedi dell’avversario,quando esci a vuoto,quando rinvii il pallone sui piedi dell’attaccante,quando ti butti in ritardo nettamente,quando invece di bloccare il pallone quest’ultimo ti sfugge di mano e ti fanno goal……Ma quando prendi goal,anche se è sul tuo palo,e soprattutto il tiro è FORTISSIMO E RASOTERRA,di sicuro FORSE SI PUO’ FARE QUALCOSA DI MEGLIO,….ma da dire che nel tiro di Foglio c’è stata una papera di Bassi….non mi trova davvero d’accordo….SOPRATTUTTO QUANDO SCAGLIATO ALMENO 3 METRI DENTRO L’AREA!

    • A chi lo dici? Io non ho parlato di papera ma di errata valutazione che è diverso… La papera è per me un errore grossolano, errata valutazione significa per me che si poteva fare meglio.

      • Non lo dico a te…chiaramente…..lo dico a chi pensa ad una papera….Invito a rivedere da dove è stato stoccato il tiro e la violenza dello stesso…..

  24. Ciao Alessandro, buonasera. Se l’Empoli dovesse vincere sabato andrebbe a 20 punti. Una media di due punti a partita, una media da serie A. Si dovrebbe in ogni caso parlare ancora di salvezza?

    • Non essendo la matematica un’opinione sì, la media sarebbe da Serie A. Rimane quel piccolo problema di mantenerla questa media :-D. Tuttavia non avverto nè l’esigenza nè il bisogno, in caso di vittoria contro il Varese, di alzare l’asticella e di parlare di altre cose. Come ho già detto in precedente commento questo campionato al momento risulta molto incerto e livellato dove può accadere di tutto. Calma e gesso e avanti!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here