Eccoci all’appuntamento settimanale in compagnia del collega Alessandro Marinai per la rubrica di approfondimento “Il Punto”.

Come ormai sapete, con Alessandro proviamo ad analizzare il momento degli azzurri a cavallo tra l’ultimo match giocato e quello a venire.

 

marinaiAlessandro ben trovato. E’ freschissimo il ricordo del match con il Palermo. Iniziamo cosi, raccontaci che gara hai visto?

“Troppo fresco forse per poterne parlare serenamente perchè non ho ancora accettato del tutto il verdetto del campo anche se alla resa dei conti le occasioni migliori le ha avute il Palermo. A volte è incredibile come una sintesi di due minuti possa dare una verità diversa rispetto al reale andamento della gara. Vero, verissimo, che a questo gioco conta chi la butta dentro ma, supremazia territoriale e possesso palla a parte, è l’atteggiamento spesso che fa la differenza nelle sensazioni che ricaviamo e a me, in tutta sincerità, quello dei siciliani non è piaciuto affatto”.

 

Togliamoci il dente subito, anche se tu non ami toccare l’argomento specifico. Nasca, un arbitro arrivato tra mille dubbi e sospetti che, puntualmente, ha confermato in pieno…

“Ma la colpa mica è di Nasca, è di chi ce l’ha mandato! A prescindere da quello che è successo in campo, a monte non doveva verificarsi una simile circostanza perchè se si affrontano la prima e la seconda in classifica è doveroso pretendere il miglior arbitro della cadetteria e se questo è impossibilitato per alcuni paletti che esistono si passa al secondo miglior arbitro. Nasca non è parte interessata nè per il primo nè per il secondo caso. E’ stata sbagliata la designazione, punto. Essere inadeguati non può essere una colpa, questa ce l’ha chi fa le valutazioni. Se ripenso che l’autore del gol dei siciliani doveva essere cacciato nel primo tempo…”.

 

Che Empoli esce da questo match?

“Un Empoli forte, cosciente dei propri mezzi e spero affamato, ma non avevo bisogno di questa partita, ero sicuro di una immediata reazione dopo la sconfitta di Latina. Il Palermo, invece, è stata per me una grossa delusione, una squadra brutta da vedere sebbene sia molto granitica e forte fisicamente. Perderà poche partite, di questo ne sono quasi certo, ma non cambierei l’Empoli con il Palermo però: la mia idea di calcio è lontana anni luce da quello che ha fatto vedere al Castellani la squadra di Iachini soprattutto nel primo tempo. Beh, dirà qualcuno, sono andati in vantaggio, hanno colpito due traverse… Vero, ma per fare un paragone il Palermo di lunedì sera non lega neanche le scarpe al Pescara di Zeman. Mi rendo tuttavia conto che i commenti di sponda rosanero possano essere totalmente diversi, fa parte del gioco”.

 

Sarri continua a dire che questa situazione la potremo vedere solo in casi sporadici e per non molto tempo, ma quando la si applica si vedono sempre cose discrete: parlo di Levan in campo con Tavano e Maccarone…

“Se lo dice Sarri per me è sufficiente… Non credo che il mister ami farsi del male, se non gioca con quei giocatori contemporaneamente vuol dire che non è convinto. In genere quando entra Mchedlidze qualche schema in campo è già saltato o è pronto per farlo e sicuramente ci saranno anche quelli che potrebbero essere stanchi. Io non vedo di buon occhio un tridente simile dal primo minuto”.

 

Come hai visto la prima di Eramo in maglia azzurra ?

“Molto bene, si vede che è un giocatore di sostanza, un po’ di fisicità la dovrebbe portare anche se non è un gigante. Nel secondo tempo ha pagato una condizione forse non ottimale e giustamente Sarri lo ha tolto. Ci farà comodo”.

 

Da una siciliana all’altra. Sabato si va a Trapani contro una squadra in forma che viene da un successo importantissimo…

“Viene da un successo importante ma non solo. Potremmo dire che è reduce da quattro vittorie nelle ultime cinque gare oppure potremmo sottolineare che il Trapani non perde da dieci turni e l’ultima volta, guarda caso, a  Palermo lo scorso 9 novembre. Più o meno una vita fa… Sarà una tappa importante”.

 

Boscaglia, lo dicevamo anche prima del match di andata, è tecnico che tu stimi molto. Quanto c’è di questo tecnico nella più che buona stagione degli amaranto?

“Direi tutto. Ad un tecnico che prende una squadra nei dilettanti e la porta in Serie B a ridosso della zona promozione puoi dirgli poco, puoi solo fargli tanti complimenti. Conoscerà ogni angolo dello stadio, degli spogliatoi, del manto erboso; vive da anni con quelle alchimie che evidentemente riesce a trasmettere bene ai propri giocatori. E poi è persona umile e rispettosa, ne abbiamo avuta contezza in occasione della gara di andata”.

 

Per chiudere, come sempre, promossi e bocciati dell’ultimo turno di B…

“Bocciato senza appello il designatore di Serie B e subito a ruota, ma non troppo, Nasca. Promuovo l’Empoli perchè sono convinto che ha divertito la gente a casa che stava seguendo il posticipo in tv. Anche il Trapani dobbiamo promuovere per forza di cose, basta leggersi il riepilogo dei numeri per farsi un’idea di che tipo di squadra è e poi pensare che vincere a Pescara non è cosa semplicissima. Promosso anche il Carpi, mentre boccio l’Avellino… Anzi, il suo presidente che ha creato grosse aspettative e in una piazza del genere potrebbe essere deleterio”.

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedenteVIAREGGIO CUP – Le gare della 2a giornata Gruppo B
Articolo successivoPRIMAVERA – Domani Empoli / Verona LIVE
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

43 Commenti

  1. Alessandro ma dopo un arbitraggio come quello di lunedì, palesemente erroneo (e faccio finta che non ci sia stata malafede) come si fa a non tenere fermo questo sciagurato di arbitro fino alla fine dell’anno?

    • Non lo so cosa faranno con Nasca, credo nulla… Forse avrà dei santi in paradiso perchè secondo me non è il migliore della B. Ad un certo punto è andato in confusione totale.

  2. Alessandro, hai praticamente già riposto però volevo approfondire la domanda su Eramo in questo senso: con il rientro di moro per Signorelli è praticamente finita?

    • Non posso saperlo, sono però curioso di vedere come Sarri intenderà far giocare la squadra con tutte le pedine a disposizione. Non credo sia finita per nessuno.

  3. Certo che la categoria degli arbitri, mi da molto da pensare….ammettendo la buona fede di Nasca (cosa su cui ho molti dubbi), non si capisce perche’ un arbitro designato per cosi importante partita, invece di cercare di mettersi in luce agli occhi della sua federazione, anche per un eventuale carriera nel campionato superiore, arbitri in maniera cosi scandalosa una partita che ad un certo punto sembrava, almeno vista dal campo una partita di rugby…..Anzi….si capisce il perche’…..La classe arbitrale Italiana fa acqua da tutte le parti e gli errori son dovuti alla totale incompetenza dei singoli……Ora pero’ mi faccio una domanda e ti faccio una domanda Alessandro…..Passi il fatto di non vedere un rigore,passi il fatto di una punizione invertita, passi il fatto di una certa sudditanza degli arbitri quando arbitrano le grandi contro le piccole……Ma come si fa a permettere falli continuativi e violenti, quando tutti vedono dagli spalti senza pensare che “hai visto ma non sanzioni”….Per me si tratta solo di malafede…..anche di una federazione che manda ad arbitrare una partita Empoli-Palermo un arbitro meridionale e non uno settentrionale come di solito succede quando si incontrano una squadra meridionale contro una dell’Italia centrale……e Bari mi sembra sia piuttosto in basso sulla cartina…..

    • La designazione è stata sbagliata e l’ho detto ancora prima della partita. Il mettersi in mostra agli occhi della Federazione non è una scelta che si fa… Uno può cercare di fare del suo meglio ma se questo soggetto più di tanto non può fare non è nemmeno colpa sua, non siamo tutti uguali e non abbiamo eguali capacità. L’arbitraggio non è stato adeguato per il valore della gara, non tanto negli episodi quanto nella gestione, ma dobbiamo andare avanti, sperando di essere più fortunati in futuro da questo punto di vista.

  4. Anche pet Lei Marinai allora un centravanti pet una squadra che fa un gioco simile cpstruisce 3OO azipni a partita senza praticamente tirare quadi MAI in porta n è necessario?

    • Sarebbe l’Empoli questa squadra? Presumo di sì… Ma non ho capito bene la domanda perchè non mi risulta che l’Empoli non tiri quasi mai in porta. Serve un centravanti? Ormai è tardi perchè il mercato è chiuso, ma eventualmente al posto di chi? Questa squadra è stata costruita con Tavano e Maccarone ed io, in tutta sincerità, non mi sforzo neppure di pensare ad un’eventuale sostituto di uno dei due. A gara in corso è un altro discorso, ma Levan dà il suo contributo anche se non sempre.

  5. Alessandro ma secondo te, Obbiettivamente, nel girone di ritorno l’Empoli sarà in grado di fare quei minimo 35 punti che potrebbero garantirci la A diretta, ammesso che bastino

    • Quest’anno è difficile fare proiezioni, vanno tutte a due all’ora. Intanto, rispetto al girone d’andata, dobbiamo già recuperare 5 punti…. 35 saranno troppi forse, aspettiamo ancora qualche partita.

  6. Alessandro, a Latina si è giocato bene e si è perso, col Palermo è stato dominio puro e si è pareggiato. Non credi che a questa squadra manchi quella dose di cattiverie e qualche elemento, magari nei ricambi, che possa dare maggiore incisività, penso a Levan che si, fa il suo, ma non è MAI decisivo

    • Juri, credimi, è difficile essere decisivi quando si gioca 10-15 min a partita e non sempre. E’ vero che Levan deve dimostrare tutto, ma in questo modo è veramente, veramente difficile. Ti chiedo scusa se mi sono intromesso nella tua domanda. ora la risposta di Marinai.

    • Una buona dose di cattiveria ce l’aveva il Palermo, ma io mi tengo stretto l’Empoli. Sono state due partite strane e quando in un campionato sono gli episodi a farla da padrona può succedere qualsiasi cosa. Su Levan sono abbastanza d’accordo con Empoloide.

  7. Concordo in toto o quasi con il tuo punto.
    Tante persone mi parlano di un Empoli che ha trovato grandi difficoltà contro questo Palermo; sento dire che ci vuole una punta di peso in campo dal primo minuto (come se avessimo dei terzini che sanno crossare..), o che si deve giocare con tre punte (come se non sapessimo che Maccarone e Tavano non possono fare gli esterni e esterni significa rincorrere i terzini avversari per 90’ ) o meglio ancora che si deve giocare a lancioni stile Palermo (come se avessimo centrali abili ad impostare, come se NON avessimo uno dei centrocampo più forti tecnicamente, a mio avviso, della cadetteria).

    Io credo che l’Empoli avesse preparato la sfida nel modo in cui poi la ha interpretata. Non ho visto un’Empoli che ha trovato difficoltà. Cioè tutte le volte che l’arbitro non ha sanzionato la miriade di falli tattici subiti dai nostri, quelle sarebbero state potenziali occasioni, oltre che potenziali ammonizioni. E da questo uno deduce che dopo un tot di falli un giocatore venga ammonito e poi espulso, proprio come, ad esempio, successo a noi con Tonelli a Pescara.
    Cioè a mio avviso non riescono a capire in molti, come sarebbe cambiata la partita con un arbitro normale, con Morganella, Andelkovic e Lafferty ammoniti quando dovevano esserlo, proprio come dice il regolamento.

    Vorrei sapere cosa ne pensi di questa analisi e da che parte ti schieri.

    Grazie Ciao!

    • Sono perfettamente d’accordo su tutto. Incredibile, ma vero :-). Sono mesi che dico che se si vuol giocare con Tavano e Maccarone (e io sono uno di questi) non ci sono molti altri moduli convincenti e applicabili, indi per cui non si può inserire un terzo attaccante. Io non ho affatto visto un Empoli in difficoltà, anzi… Di sicuro fare catenaccio e picchiare agevola, rispetto a chi la partita la deve fare. Nasca doveva usare più cartellini perchè ad un certo punto ha rischiato fortemente di farsi sfuggire di mano la gara.

  8. Ciao Alessandro, provo a farti questa domanda anche se mi rendo conto che col senno di poi….ma perchè nel mercato invernale non siamo tornati su quel Gasbarroni tanto inseguito in estate??

  9. Ale sei d’accordo che col Trapani l’Empoli dovrà per la prima volta snaturarsi? Soprattutto la difesa dovrà evitare di stare troppo alta, concedendo campo a quella freccia vivente che si chiama Mancosu? Grazie.

    • Non credo proprio che l’Empoli si snaturerà e penso giocherà ancora con la difesa alta. Ma poi dico, la troveremo prima o poi una squadra che decide di giocarsela senza fare catenaccio o roba simile? A Trapani ci sono le condizioni per fare bene.

  10. Temi di più la trasferta di Trapani o la gara interna con il Carpi. Per me sono le due gare della reale maturità, con 6 punti siamo da A senza se è senza ma, con 4, siamo li, con 3 o meno credo che allora il discorso promozione diretta vada rivisto

    • Non sarei così tranchant ma ho capito il senso del ragionamento. Questo campionato (più degli altri) ci ha detto fino ad ora che si può vincere e si può perdere con chiunque. L’equilibrio è quasi imbarazzante, basti pensare che l’anno scorso, dopo 23 gare la prima aveva 51 punti e la seconda 48; oggi 42 e 40 ovvero 9 e 8 punti in meno. Mica noccioline…

  11. Nessuna polemica in questo caso con Marinai che mi fa piacere riconosca quanto meno che le cattive designazioni arbitrali condizionino in modo negativo le gare.
    ……………………………………………………..
    Mi domando invece come sia possibile per alcuni utenti non notare la differenza tra i primi 70 minuti e i successivi 20 con Levan in campo.
    …………………………………………………………
    Allora pongo una domanda:
    quanti di voi sotto di una rete nonostante la pressione esercitata non avreste fatto entrare la terza punta di peso?
    e ancora
    quanti passaggi vincenti sono riusciti ad eseguire i nostri trequartisi?
    ………………………………………………………….
    Ragazzi ce ne vuole per non vedere la differenza è…..

    • non so a chi ti riferisci e scusa l’intromissione.
      Ad ogni modo, il modulo a 3 punte come ha detto Sarri (testuali parole) ““E’ una situazione da special team di football americano da utilizzare in qualche momento della gara”.
      Giocare con quel modulo espone i nostri centrocampisti ad un lavoro massacrante di copertura, cosa che puoi fare per 10 – 15 minuti e soprattutto quando non hai niente o quasi da perdere, quindi quando sei in svantaggio..
      Oggettivamente non è un modulo equilibrato. Puoi farlo con degli attaccanti mobili, che si sbattono e corrono, cosa che non sono Tavano e Maccarone.
      Ti porgo una domanda. Sei contento di Tavano e Maccarone di averli ad Empoli e credi che siano i migliori attaccanti della B o comunque sul podio? Se la risposta è si, allora l’unico modo per giocare con questi due punteros è quello che stiamo attuando ora, o comunque non facendoli giocare sugli esterni.
      Scusa l’interruzione

      • Ma in fatti per rispondere alla domanda Sarri ha il dovere di trovare un compromesso e si potrebbe optare per questa sistemazione:
        4-3-2-1 Levan centroavanti e 7 metri più in dietro Maccarone e Tavano che saprebbero tranquillamente sfruttare le sponde e gli spazi in appoggio creati dalla presenza di Levan.
        ………………………………….
        Tanto igli la coperta è corta tutte le squadre sanno cosa devono fare per bloccare l’Empoli.
        Il trequartista purtroppo è l’anello debole appunto quello che Carli voleva rafforzare pesantemente in modo da dare a Sarri quella qualità ma non solo anche passo e gamba con Missiroli.
        …………………………………..
        Con la coperta corta e tenuto conto dei punti persi vedrai che Sarri dovrà sempre più spesso ricorrere a questa soluzione altrimenti è probabile che ci raggiungano e si sia costretti ai playoff che mi sembra chiaro possono essere evitati.
        …………………………………..
        Comunque la tua interruzione non mi fa affatto dispiacere è bene che tutti portino la loro visione e poi sei uno degli old boys come Usualemi e Daniele e
        altri quindi anche “scannandosi” sulle idee bene fai ad “entrare”.
        …………………………………
        Lo sai come è il mio punto di vista descrivere cosa succede in campo guardarne la ripetibilità trovare i punti comuni e continui alla fine fa statistica e si mette agli “atti”.
        D’altronde anche Marinai ha dovuto riconoscere che l’arbitrato può farti perdere punti.

        • Io non ho affatto detto che “l’arbitrato può farti perdere punti”, certo può capitare se vengono prese decisioni sbagliate per situazioni importanti o palesi. Su Nasca ho semplicemente detto che è stata sbagliata la designazione e che la prestazione non è stata all’altezza della situazione. Da qui a dire che sono stati tolti punti ce ne corre. Dillo pure tu se vuoi, ma gradirei che non mettessi in bocca a me cose che non ho detto. Mi è venuto da sorridere quando ho letto Levan centravanti e Tavano e Maccarone sette metri indietro… Cioè, leggo spesso che dovrebbero rifiatare e tu me li fai correre di più… Questi due “animali” devono stare vicini alla porta non allontanarsi! Anche in questo caso sono d’accordo con Ighli per quanto ha scritto nel suo post.

          • heehehehhe
            va bene vai hai ragione te….se ne riparla quando Sarri dovrà vincere se poi non li rimette tutti e tre.

          • A me interessa poco avere ragione, ho semplicemente risposto alla tua riflessione… E continuo a sostenere che Sarri difficilmente metterà in campo tutti e tre dal primo minuto…

      • Giusta osservazione, però potremmo anche provare,in qualche partita adeguata, a schierare Tavano con Levan dal primo minuto e magari far entrare Maccarone nel secondo tempo se è il caso. Oppure Maccarone con Pucciarelli, che farei 1000 volte giocare come punta molto larga e lasciare Cicciuzzo fresco per il secondo tempo dove può entrare e fare ancora di più la differenza. Se non proviamo mai non scopriremo le reali potenzialità di alcuni giocatori!
        Non sono un allenatore ed ho giocato poco a calcio ma sono solo sensazioni personali.

  12. sono ancora sconvolta dall’arbiraggio – dopo tanti anni di tifo, vedo che , come disse Guidolin anni fa, non siamo tutelati; mi chiedo sempre – chi è che ci deve tutelare? Della squadra elogi per il bel gioco – non abbiao sofferto il parlermo che sembrava piuttosto una suqadra di rugby – Michelidze prima in partita – si – anche perché maccarone rischiava di fratturarsi la gamba!!!

  13. Alessandro secondo te quanti punti ci vogliono quest’anno per andare in serie A diretti. In caso di playoff qual’è la squadra che temi di più, anche politicamente?

  14. Ciao Alessandro, secondo me Eramo ha fatto una ottima partita, è davvero un giocatore di categoria, secondo te al rientro di tutti gli effettivi di centrocampo sarà relegato in panchina? Per me sarebbe uno spreco, manca tanto la sua fisicità in mezzo al campo, non a caso quando è calato il Palermo ha preso coraggio ed ha cominciato ad attaccare.

    • Ha fatto una buona gara, è vero. Cosa succederà al rientro di Moro non lo so, ho già risposto ad altro utente che sono curioso di vedere come gestirà la cosa Sarri che, a quel punto, avrebbe un bel ventaglio di soluzioni.

  15. Ciao Alessandro. Tra le squadre viste ad Empoli quest’anno, fino ad ora, reputo quel Palermo una delle peggiori: come cavolo fa ad essere primo ?????

    • Non esageriamo… Non è tra le peggiori viste, è una squadra solida, rognosa, molto fisica ed ermetica e in avanti ha giocatori che possono trovare il gol in qualsiasi momento. A me non piace come filosofia, come idea di calcio, trovo ridicolo che una capolista debba interpretare le gare come quella di Empoli ma sicuramente sbaglio io nel giudizio, sono troppo duro. Come faccia ad essere primo? Giocando così forse, non lo so. Perderanno poche partite loro.

  16. Ciao Alessandro, 6.200 spettatori (quasi tutti empolesi) di lunedì sera mica male ! stiamo crescendo nel nostro piccolo… non ti sembra?
    Grazie e buon lavoro.

    • Un bel colpo d’occhio, non c’è che dire. Peccato che in partite “normali” preferiscano stare a casa. Se il pubblico è cresciuto è merito della società che si è riavvicinata alla gente e di questa squadra, questo allenatore, che hanno fatto e fanno in modo che la gente si diverta. Pensa che palle a veder giocare il Palermo un anno intero… 😀

  17. Ciao Alessandro, partendo dal presupposto che non si puo’ prescindere dall’attuale modulo, come lo vedresti un centrocampo cosi composto : Moro ormai vicino al rientro, Valdifiori, Eramo con Croce trequartista. Io dico che il “Prestigiatore” puo’ giocare anche li’……..tu che ne pensi, al limite lo possiamo alternare con Verdi e il Puccia.

    • Un paio di giovedì fa, a Penalty, parlai di questa ulteriore possibilità… Vediamo, potrebbe essere una soluzione in più.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here