Eccoci all’appuntamento settimanale in compagnia del collega Alessandro Marinai per la rubrica di approfondimento “Il Punto”.

Come ormai sapete, con Alessandro proviamo ad analizzare il momento degli azzurri a cavallo tra l’ultimo match giocato e quello a venire.

 

marinaiBentrovato Alessandro. Non vuol arrivare la vittoria nel 2014, anche a Trapani, nonostante una buona prestazione, non siamo andati oltre il pari…

“Arriverà, arriverà… E’ solo questione di tempo. Non sono preoccupato, semmai sono amareggiato perchè se metto sulla bilancia le tre prestazioni del 2014 ed i punti conquistati ottengo un saldo negativo. Il pareggio di Trapani, tuttavia, è da cogliere con soddisfazione anche se l’occasione avuta da Pucciarelli è da mordersi le mani. Era una squadra che non perdeva da dieci gare, un gruppo organizzato e ben messo in campo e nonostante tutto la partita l’ha fatta l’Empoli ad eccezione dei primi minuti”.

 

Pesa come un macigno l’occasione di Pucciarelli ma anche loro con Basso ci hanno fatto tremare. A differenza delle altre due gare, forse a Trapani il pari è stato il risultato giusto..

“Basso ha preso il palo, è vero, ma se segna Pucciarelli diventa tutta un’altra storia e quel palo, forse, non sarebbe arrivato mai. E’ vero anche che un paio di occasioni le hanno avute pure loro nel primo tempo e quindi alla luce di quanto successo in campo possiamo dire che il risultato di parità è giusto sebbene a caldo aveva prevalso in me una punta di rammarico per la mancata vittoria”.

 

Abbiamo letto molti commenti, tra stampa e tifosi, in cui si diceva di una squadra stanca. Abbiamo assistito assieme al match al “Provinciale”, ed abbiamo avuto una sensazione diversa…

“Confesso di essere rimasto spiazzato di fronte a certi commenti che parlavano appunto di stanchezza e di ritmi bassi, al tempo stesso mi convinco sempre di più che vedere una partita dal vivo è una cosa e vederla alla televisione tutta altra cosa, quasi fossero due partite diverse. La tv appiattisce, a volte assopisce e poi ti condiziona nel giudizio perchè vedi tutto con calma grazie anche ai replay. Eravamo insieme al “Provinciale”, sì, ma soprattutto eravamo piuttosto vicini al terreno di gioco, tanto da capire che i ritmi non sono affatto stati bassi. Tutto avrei potuto pensare al triplice fischio, tranne che ad un Empoli stanco”.

 

E adesso arriva il Carpi…

“Credo sia arrivato il momento di muovere la classifica in maniera importante, a prescindere da chi sarà l’avversario sabato prossimo. Arriva il Carpi? Bene, almeno misuriamo la loro forza dopo i rinforzi di gennaio. Non sarà una partita come quella di andata (secondo me tra le migliori per autorevolezza e padronanza), ma il coefficiente di difficoltà sarà più alto. Servirebbero i tre punti per continuare a sognare, a patto che ciò non diventi una malattia; anche perchè le altre si muovono con il freno a mano tirato. Gli azzurri hanno la qualità, e la voglia, necessaria per superare brillantemente questo esame”.

 

Mancherà Croce squalificato e si fanno già le ipotesi su come giocare a centrocampo. La tua idea ?

“Per me non ci sono grossi dubbi: giocherà Castiglia, sostituto naturale di Croce e reduce da un buon ingresso a Trapani. Assieme all’ex vicentino e all’imprescindibile Valdifiori credo sarà confermato Eramo. Non credo che Sarri abbia voglia di affidarsi a soluzioni diverse”.

 

Sia chiaro: l’Empoli non ha obblighi, ma se ci vogliamo credere, vincere sarà fondamentale…

“Vincere è sempre fondamentale nello sport perchè vincere è l’unica cosa che conta, l’unica cosa che rimane negli annali, nella storia. C’è ancora tanta strada da fare e può succedere di tutto. Mi conforta il fatto che l’Empoli fornisca comunque la prestazione, non è stata mai messa alle corde ed alla fine la ruota girerà. Di sicuro questo gruppo ce la metterà tutta, ma ci sono anche le avversarie”.

 

Chiudiamo con i promossi e bocciati dell’ultimo turno di B…

“Bocciato, bocciatissimo il Pescara di Marino alla quarta sconfitta consecutiva che rischia di far sprofondare gli abruzzesi in una zona di classifica non pronosticabile fino alla vigilia della gara contro l’Empoli. Da possibile antagonista per la promozione ad oggi che sarebbe addirittura fuori dai play off, questo per sottolineare anche come si deve sempre stare con le antenne dritte. Bocciato anche il Novara che oramai credo debba entrare nell’ottica di rimboccarsi le maniche per non rischiare seriamente; sabato ci sarà Padova-Novara, scontro delicato tra decadute. Promuovo il Cesena anche se non mi piace il modo con cui fa calcio, ma ha preso un passo importante per la Serie B e potrebbe essere una squadra fastidiosa fino alla fine. Sul podio anche il Brescia, la vittoria a Novara è di quelle pese”.

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedentePremio inglese per BigMac
Articolo successivoDal campo | Ok Hysaj e Tonelli
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

46 Commenti

  1. Sono convinto, già lo sento, che il mister dirà che non ci sono obblighi che la squadra si deve salvare e che vincere non sarà obbligatorio. Non credi sia arrivato il momento anche di cambiare mentalità, perchè secondo me la famosa cattiveria che a questa squadra palesemente manca, non arriverà mai.

    • Non credo che cambiando mentalità arriverebbe la cattiveria, non vedo il nesso… Il sogno è a portata di mano, ma non deve diventare una malattia.

  2. Alessandro, le prove di Verdi e Pucciarelli sono sempre sufficentti ma a questa squadra manca un trequartsta. Ormai il mercato è chiuso, quindi inutile dire altro ma una cosa si potrebbe fare, ovvero cambiare modulo passando magari ad un 4-3-2-1 con Ciccio E Macca dietro Levan ma con Un Pucciarelli ed un Verdi che forse potrebbero far ancora meglio giocando un po più larghi.
    che ne pensi?

    • Larghi dove? Se giocano Tavano, Maccarone e Mchedlidze dove li mettiamo Verdi e Pucciarelli? Poi non mi piace l’idea di vedere Ciccio e BigMac più lontani dall’area di rigore.

  3. Ciao Alessandro. Non credi che a Trapani un piccolo passo indietro rispetto a Latina e Palermo si sia fatto? Io credo che a questa squadra abbino preso le misure e bisogna seriamente pensare a qualcosa di nuovo nel modo di stare in campo ma anche di interpretare le partite specie se queste non si sbloccano. Poi ti chiedo, ma di Bassi cosa ne pensi? Ne sta combinando una dietro l’altra

    • A me non sembra che l’Empoli abbia fatto un passo indietro. La squadra ha fatto la partita di sempre, cercando di imporre il proprio gioco e ci è pure riuscita. Le occasioni vengono create, in questo momento manca incisività negli ultimi venti metri ma non vedo motivi per cui preoccuparsi se ripenso alle ultime tre gare. Ho sempre sostenuto che questa squadra non può fare altro modulo di questo senza rinunce importanti (almeno io la penso così) e onestamente non è semplice privarsi di qualcuno. Bassi non mi pare stia attraversando uno dei suoi momenti migliori, ma non siamo all’allarme rosso.

  4. Buongiorno a tutti. Una domanda per Alessandro Mainai: Non credi che meriterebbe un po’ di spazio Ronaldo? A Novara gioco’ una grande partita ed andesso con il centrocampo un po’ d ainventare potrebbe essere l’uomo giusto al momento giusto.
    Graze e complimenti per tutto

    • Per me Ronaldo è l’alter ego di Valdifiori e fino a che c’è Mirko è dura giocare per lui, almeno dal primo minuto. Grazie per i complimenti.

  5. Ciao Alessandro apprezzo i tuoi interventi e li leggo sempre, mi piacerebbe avere la tua opinione sul trequartista che a detta di molti scarseggia.
    Premesso che Verdi e Pucciarelli (questi abbiamo e non ce l’ho con nessuno dei due) sono 2 giovanissimi e che devono maturare calcisticamente ed acquisire quella cattiveria agonistica per farli emergere e fare gol…
    Visto che contro il Trapani i primi 20 min portano 7 disattenzioni del trequartista…
    Domanda: Non sarebbe meglio far giocare nel primo tempo Pucciarelli e fargli fare staffetta con Verdi alla ripresa del secondo tempo?
    Avrei anche una seconda domanda:non trovi che sia uno spreco singolare lo schema di questo raddoppio sul calcio d’angolo con Mirko al cross?
    Non è forse sottrarre senza motivo un nostro giocatore dall’area avversaria?
    grazie per la risposta.

    • Alla prima domanda ho già risposto nelle scorse settimane: se staffetta deve essere, per me è più pronto e indicato Pucciarelli a subentrare rispetto a Verdi. Per la seconda domanda è vero, hai ragione sul fatto che sottrai un proprio giocatore dall’area di rigore, ma sottrai anche un avversario e di conseguenza c’è meno intasamento…

  6. Anche se a parlarne sembra retorica,mi sembra che EVIDENZIARE IL FATTO CHE SIAMO SECONDI non sia cosa da poco e che riconfermare anche quest’anno i risultati avuti dallo 0-3 di Lanciano dell’anno scorso,dice che questa squadra deve essere solo applaudita e amata…..E’ CHIARO CHE CERTI COMMENTI A VOLTE VENGONO FATTI SOLO PER L’AMORE CHE SI HA PER QUESTA SQUADRA……condanno pero’ commenti su scarso impegno,offese ai giocatori e allenatore(inteso come non saper fare il proprio mestiere),il voler a tutti costi dare una colpa a qualcuno se ogni tanto la casella punti guadagnati resta a zero…..Certi pseudo tifosi ,PROBABILMENTE NON RICORDANO PIU’ DOVE CI SIAMO TROVATI 2 ANNI FA NELLO SPAREGGIO CON IL VICENZA…..Meno male che su questo sito si contano solo sulle dita di una mano(massimo 2 mani),ma mi domando come si puo’ esere così disfattisti e poi dire di essere TIFOSI AZZURRI!Tornando ai commenti “critici a fin di bene” ti chiedo ALESSANDRO: “Non pensi che sabato i nostri 2 interni di centrocampo,visto le loro caratteristiche in zona goal(l’anno scorso 13 goals fra tutti e due)debbano buttarsi dentro con maggiore incisività cercando in maniera piu’ frequente il tiro in porta,magari anche con dei tiri da fuori area?Io mi sto accorgendo che alla fine piu’ che un vero trequartista,ci mancano maledettamente i goal “alternativi” dei centrocampisti…….

    • Sulla carta è un bel tridente, anche un bel mix di caratteristiche. Ci vorrà attenzione come in tutte le gare, questi sono giocatori capaci di inventarsi la giocata da un momento all’altro. Nell’ultima trasferta ne hanno fatti quattro al Padova. Dei tre quello che mi impensierisce di più è Acosty.

  7. A trapani ( dal vivo ) ho visto Big mac piuttosto stanco..ma far partire dal primo minuto Levan x far rifiatare big mac come la pensi ????? Ciao Ale e grazie

  8. E’ dall’1981 che vedo le partite dell’Empoli .
    Dal vivo al Castellani sempre.
    In tv la mitica Replica su antenna 5 il lunedi.
    Ho fatto anche mote trasferte. Molte domeniche su quei Pulman che facevano recere…
    Ora le partite esterne le vedo al bar. La vita è diversa da allora.
    Partite poi ufficiali anche se quasi tutte uisp ne ho fatte tante.
    ……………………………………………………
    PRIMO
    Non mi interessa se dal vivo o alla TV.
    Ho visto la squadra lavorare su toni bassi complici due fattori una “concretezza” e quindi accortezza richiesta da Sarri e poi inevitabilmente una stanchezza fisica (rivedetevi Maccarone) dovuta al grande ritmo e dispendio fisico tenuto il lunedì precedente col Palermo.
    ……………………………………………………
    Secondo dalla risposta Marinai dice ““Basso ha preso il palo, è vero, ma se segna Pucciarelli diventa tutta un’altra storia e quel palo, forse, non sarebbe arrivato mai

    • …questa volta Marinai va contro il suo “motto” cioè “…di queste cose non abbiamo la riprova…”
      ……………………………………………..
      Un po’ di contraddizione non fa male.

      • E cmq, aggiungo, a Latina abbiamo segnato…mail risultato è stato capovolto dagli avversari.
        Forse il palo non sarebbe arrivato ma magari arrivavano due gol del Trapani.

        • Su Latina hai pinamente ragone il risultato è stato capovolto perchè nel finale hanno lavorato meglio di noi.
          Ma sapentemente questa cosa è stata messa da parte perchè l’Empoli aveva fatto 25 minuti perfetti nel secondo tempo dove ci sono state in sequenza almeno tre palle gol costruite col gioco a terra…poi i cambi sbagliati hanno fatto il resto.
          Può capitare basterebbe far tesoro degli errori.
          ……………………………
          Discorso diverso per Trapani.
          Non credo che per il lavoro svolto da entrambe le squadre il Trapani potesse farci due gol.
          Toni bassi e troppo controllati da prte di entrambe e quando una squadra vuole segnare il’intenzità deve per forsa salire a meno che non vi sia un caso fortuito.
          …………………………….
          Come sempre la coperta è corta o usi tecnica qualità ed energia per fare una cosa o l’usi per l’altra non per entrambi.

    • Essere belli e meno concreti o meno belli e più concreti non sono scelte che si fanno a tavolino. Questa squadra ha i suoi pregi e i suoi difetti, sarebbe troppo bello poterli variare a proprio piacimento. Fino a quando la squadra riuscirà a costruire e a mettere giocatori di fronte al portiere avversario io non mi preoccupo.

  9. Ciao Alessandro. Si dice spesso, il Cocchi in paricolare esalta sempre questa cosa, che la linea difensiva è perfetta. Col Latina non ne parliamo nemmeno, col Palermo un gol preso che nasce da un errore grossolano dietro ed il Trapani, sempre di testa, ha avuto due ottime occasioni con un Bassi battutto in ambedue i casi. Non sarebbe forse da rivedere qualcosa anche la dietro dove accantto ad un grande Rugani c’è un giocatore in crescita ma mediocre come Tonelli che però con un Pratali in panchina è diventato intoccabile.
    Provare il Pampa ogni tanto che gli da anche un dieci centimetri buoni in altezza? O questo Martinelli che ricordo aver fatto bene a Cittadella? Fosse solo per creare anche un po’ più di concorrenza al giocatore. Cosa che farei anche con Bassi buttando dentro sabato prossimo Pelagotti

    • Fai considerazioni legittime, ma in generale non si può dire che sta facendo male la difesa. Ogni tanto è vittima di amnesie gravi ma credo dipenda da più fattori. Se Sarri non fa giocare determinati giocatori significa che non li ritiene in grado di poter fare meglio, anche se a volte un pizzico di esperienza non guasterebbe.

  10. Salve Marinai, sei d’accordo con me nel dire che se l’Empoli non dovesse riuscire nel miracolo promozione, a discapito di chi ha spero a gennaio, ci sarebbe da mangiarsi le mani?

    • No, non sono d’accordo nel senso che se uno non è in grado di poter spendere non può spendere… Poi bisogna sempre vedere per prendere chi… Fino alla fine l’Empoli ha provato per Missiroli, non è colpa della società se in extremis il calciatore ha detto di no…

  11. Ciao Alessandro, senti ma questa staffetta Verdi-Pucciarelli non credi stia diventado una delle tante cose che Sarri non riesce a cambiare del suo modo di impostare in maniera sempre molto radicale le partite. Sarri è un grande ma sta diventando sempre più dato di fatto che non le sappia cambiare

    • Cosa e chi potrebbe mettere per cambiare radicalmente le partite? Che sia tardivo nei cambi è vero, che sia spesso scontato nei cambi è altrettanto vero, ma mi sfugge cosa potrebbe fare di ciò che già non ha fatto per cambiare le gare in corso d’opera. Ci vuole anche un pizzico di buona sorte perchè, per esempio, se Pucciarelli l’avesse messa dentro e magari l’Empoli avesse vinto oggi saremmo qui a scrivere che il mister ha azzeccato la sostituzione. Sarri ha questa idea di calcio che ha dato i suoi frutti. Quando si prende un allenatore (o un giocatore, è lo stesso) si prende tutto il pacchetto; pregi e difetti, modi di fare e di porsi ecc… Per chi si difende e basta è più facile preparare le partite e leggerle in corsa, Sarri propone un calcio propositivo che può piacere o non piacere, ma su questo potremmo discutere all’infinito. Tra Verdi e Pucciarelli non ci sono enormi differenze, fin dall’inizio della stagione ho sempre sostenuto che la difficoltà del mister sarebbe stata nel capire chi dei due in quel momento poteva dare quel qualcosa in più, cosa non semplicissima da capire sempre.

      • In questo caso mi accosto alla visione di Marinai.
        Differisco solo sulla ragionevole convizione che si possa diversificare la disposizione di attacco.

  12. Alessandro, secondo te come sta giocando Mario rui?per me, con il clamore dell’acquisto più prestigioso di agosto, è una delusione.. Non solo non è quel giocatore in grado di poter potenzialmente fare la differenza in categoria, ma ha dimostrato di essere debole difensivamente e psicologicamente. Laurini sta invece crescendo di partita in partita, è tra i 2-3migliori della B(ho paura che non lo terremo) mentre l’albanese sta soffrendo un po’ quest’anno, ma si sa che confermarsi è difficile

  13. Ciao Alessandro, una domanda che esula dagli argomenti attuali; da ignorante come sono pensavo al Carpi come una squadretta umile che avrebbe fatto, come noi, dell’oculatezza gestionale il suo punto di forza, invece si arriva al mercato di gennaio e mi accorgo che anche questi sono ricchi sfondati come il Sassuolo. Mi chiedo se allora non sussista un rischio concreto che questi si riprendano laurini , gran giocatore cresciuto tantissimo. Onestamente davo per scontato che tanto si vinceva noi contrattualmente, ma ho paura di dover ricredermi. Ciao e, oltre ad i doverosi complimenti, ti ringrazio per la risposta

    • Non so risponderti, non ho idea di quale sia la situazione tra le parti in causa, certo è che se Laurini continua a giocare così non sarebbe una bestemmia pensare di concedergli una chances per affrontare la Serie A. Qua hanno tutti un mucchio di soldi, voglio vederli tra due/tre anni dove saranno… Grazie per i complimenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here