Puntuali, come ogni mercoledì, ritorniamo con la rubrica di approfondimento “Il Punto” in compagnia del collega Alessandro Marinai.

Con Alessandro proveremo ad analizzare il momento della squadra azzurra a cavallo tra il match giocato e quello a venire.

 

Alessandro rieccoci qua per la nostra chiacchierata del mercoledi. Allora, anche sabato scorso si è ripetuto a grosse linee il solito copione di questo inizio di 2014, ovvero, si gioca meglio dell’avversario ma non si vince…

Alessandro Marinai“Beh non proprio… Nel senso che non è il copione del 2014 ma dell’intero campionato dell’Empoli. L’unica differenza, sicuramente non trascurabile, è che prima gli azzurri vincevano e adesso no. Son periodi che capitano a tutti nell’arco di una stagione, momenti in cui gli episodi sono sfavorevoli”.

 

Ognuno in questi giorni sta provando a capire il perchè di questo momento avaro di risultati. Tu che idea ti stai facendo, sempre senza fare drammi visto che siamo sempre secondi in classifica..

“Appunto, di quali drammi dovremmo parlare? La grande capolista nelle ultime quattro ha fatto due volte 0-0 e pareggiato ad Empoli come tutti sappiamo, l’unica vittoria l’ha ottenuta grazie ad un calcio di rigore nei minuti finali. E a Pescara cosa dovrebbero fare? Non mi pare, insomma, che le altre stiano facendo grandissime cose… Chi se ne frega, dirà qualcuno, delle altre. Giusto, ci mancherebbe, ma era per sottolineare che ci troviamo a commentare uno dei campionati più equilibrati di sempre. I motivi di questi ultimi risultati non eccezionali possono essere tanti e credo che nessuno abbia una verità assoluta. Come dicevo prima penso che si tratti di un periodo un po’ così, di quelli che capitano, un periodo che secondo me non è nemmeno nerissimo come viene dipinto da alcuni. Personalmente riesco a vedere anche non pochi aspetti positivi: il fatto di aver mantenuto la seconda posizione e di non essere mai stato schiacciato da nessuno sotto il profilo del gioco, quello di essere stati capaci comunque di rimontare un risultato negativo nelle due gare casalinghe, i pali subìti contro Palermo e Trapani… Tutto questo dopo un filotto di gare non certo semplici viste le posizioni in classifica delle avversarie”.

 

Tra le buone, anzi ottime, cose di sabato scorso, il ritorno in campo di Davide Moro…

“Tutti noi sappiamo quanto sia importante l’apporto di Davide e vederlo di nuovo in campo, grintoso e bello pimpante come sempre, è sicuramente un’ottima notizia. Lo avevamo definito l’acquisto di gennaio, no? Eccolo, adesso c’è. Assieme ad Eramo che sarà sicuramente prezioso in questo girone di ritorno”.

 

Adesso Padova, una trasferta contro una squadra in difficoltà (al di la delle vittoria di settimana scorsa) che giocherà, crediamo, senza poter fare grandi calcoli. Tradotto?

“Tradotto sarà una partita da affrontare con grande attenzione perchè, classifica a parte, il Padova può vantare un buonissimo organico per la Serie B. Non conosco nei particolari i problemi che possono aver avuto anche dal punto di vista ambientale, ci ricordiamo ancora la contestazione dei tifosi patavini all’andata all’indirizzo della società. Inoltre la vittoria di sabato scorso potrebbe aver regalato ulteriori certezze e serenità alla squadra biancorossa. Io credo che qualche calcolo lo farà, in questa categoria è importante acquisire continuità…”.

 

Tornando anche un passo indietro, ma guardando avanti, c’è chi dice che sarebbe arrivato il momento di cambiare qualcosa a livello tattico. So che tu hai un’idea ben preciso su questo argomento…

“Ho sempre detto e sarò sempre dell’opinione che questa squadra, con questa rosa e queste caratteristiche, non può fare altro modulo al di fuori di questo a meno che non si decida per una grande rinuncia, ovvero privarsi di Tavano o Maccarone che, per quanto mi riguarda, considero un’autentica follia. Non capisco poi cosa ci sia da cambiare, ma veramente è possibile sostenere che concedere un turno di riposo ai due calciatori appena citati possa risolvere le cose? E poi non capisco per quale motivo si dovrebbe cambiare l’identità di una squadra che è seconda in classifica e prima per pericolosità nelle statistiche del campionato. Di una squadra che continua, nonostante tutto, a fare le partite e a costruire palle gol. Ma di che parliamo? Ma cosa dobbiamo chiedere di più a questo gruppo? Davvero a Empoli non si riesce più ad accettare un momento come questo all’interno di un campionato lungo come quello della B? A volte rimango spiazzato da certi commenti che, seppur legittimi e meritevoli di rispetto fino a quando ci sarà libertà di espressione, ritengo troppo severi e ingiusti”.

 

A Padova ritroveremo tre ex. Giocatori che hanno dato cose diverse nella loro permanenza ad Empoli ma oggi tra Rocchi, Pasquato e Musacci, chi temi di più?

“Nessuno dei tre, il Padova è una squadra working in progress e non sappiamo ancora come e quanto verrà metabolizzato il lavoro del nuovo tecnico. A parte il fatto che non sappiamo se saranno tutti e tre in campo, sono giocatori con caratteristiche più alla portata degli azzurri, almeno dal punto di vista fisico”.

 

Come sempre chiudiamo con i promossi ed i bocciati dell’ultimo turno di B…

“Vorrei bocciare l’Avellino ma non lo faccio, boccio il suo presidente per aver creato aspettative esagerate, in un momento poco opportuno, che si stanno rivelando un boomerang. Bocciatissimo il Pescara che sta sprofondando in maniera impensabile e incredibile. Tra i promossi debbo mettere il Modena che sta attraversando un buon momento, mentre mi prendo un po’ di tempo per lo Spezia di Mangia. Bene anche il Lanciano che sta facendo ottimi risultati e si sta mantenendo in una posizione di classifica importante”.

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedenteUFFICIALE | Pucciarelli rinnova fino al 2016
Articolo successivoTV | L'ultimo Padova-Empoli
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

50 Commenti

  1. ACCORDO e DISACCORDO.
    …………………………………………………
    In accordo con Marinai nella visione generale.
    Campionato equilibrato. Periodo poco favorevole.
    E non c’è da far grossi drammi.
    Giusto. A riprova c’è la statistica fino alla 25°giornata.
    …………………………………………………
    In totale disaccordo quando si dice che non c’è o non si può da cambiar gioco per le caratteristiche della squadra.
    Ci sono uomini e sistemi di gioco per attuarlo.
    A riprova c’è anche qui la statistica che non è stata fatta e tralasciata da parte sui gol di Tavano (da chi gli sono arrivati gli assist vincenti) ed è evindente che mancano le palle date dal trequartista. (ribadisco che i due giovani trq. ci danno quel che possono).
    ………………………………………………….
    Del resto non è un caso che sia stato cercato Missiroli.
    Che oltre a saper dare palle vincenti (assist) era anche in grado di dare corsa (gran passo) per la copertura voluta da Sarri perchè si sà che Tavano e Macca non possono anche coprire….come disse Carli gli altri nomi non interessavano.
    Sistemare le cose al meglio valutando le difficoltà sarebbe cosa opportuna può farlo anche Sarri ma deve andare contro se stesso e il suo attuale credo calcistico.
    Legittimo è lui il mister. Ma legittime anche le osservazioni di chi non ci crede.
    ………………………………………………….
    Comunque nessuno in mano ha la verità assoluta ma tutti hanno occhi per vedere.
    Poi non mi sembra che le critiche degli utenti siano così dure….”e per una virgola sbagliata a lavorare vi fare vedere ragazzi…”

    • Sono opinioni, tu hai la tua e io la mia. Tu sostieni che l’Empoli potrebbe cambiare sistema di gioco facilmente e io invece credo che non sia così facile senza fare rinunce importanti. Potremmo discutere all’infinito e già mi sembra troppo ripetere le stesse cose da settimane.

    • Non sta facendo niente di straordinario ma rientra nella logica delle cose e me lo aspettavo. In genere, in queste situazioni, si fa benissimo la prima, bene la seconda e poi due/tre così così per poi tornare su buoni livelli. Capita a quei giocatori che hanno giocato poco negli ultimi mesi e non hanno una condizione accettabile. Niente di preoccupante o strano insomma.

  2. Vorrei parlare di aspettative …. tutto l’ambiente è carico di aspettative, non fosse perchè aprendo questo portale di ieri, trovo il titolo “che numeri” e se i numeri contano, perchè il tifoso empolese dovrebbe avere meno aspettative? Difronte al bel gioco e al 2° posto, io quando vedo l’Empoli ho come obiettivo la vittoria, o no? Questo discorso dei numeri (che nel mio intervento di ieri ho rimarcato profondamente sbagliato) enfatizzati spesso dalla stampa credo che cozzino in modo evidente con il nostro essere Empoli e la nostra filosofia. Che mi dici Alessandro?

    • Beh, i numeri sono incontrovertibili e non dicono bugie, quelli dell’Empoli ci dicono che la squadra sta facendo ottime cose anche se evidentemente non basta. E’ lecito avere delle aspettative ed è normale sognare, com’è normale voler vincere sempre anche se questo non sempre è possibile essendoci pure gli avversari. Enfatizzare questi numeri probabilmente è fuori luogo, ma lo sono anche le critiche troppo severe e ingiuste a mio modo di vedere. La squadra non lo fa apposta a non vincere le partite e l’allenatore non gode nel tirarsi la zappa sui piedi.

  3. Quindi tu a priori non prenderesti nemmeno in considerazione un 4231 con Ciccio largo a sinistra ed un centrocampo ancor più robusto?

    • Chi formerebbe questo centrocampo più robusto? E Croce dove lo mettiamo? A destra chi ci gioca? Ciccio secondo me oggi può fare solo il ruolo che sta facendo.

  4. Ma si potrebbe vedere Moro dall’ inizio gia’ da padova ??? L’ ho visto in buone condizioni quando e’ entrato…domanda extracampo : ho notato su favebook che tutte le squadre della serie B hanno una pag. Ufficiale ma perche’ nn ci pensa nessuna a crearne una farebbe piacere a tanti

    • Non credo che Moro lo si vedrà in campo dal primo minuto e credo sia giusto così. Meglio dare ancora qualche giorno, un inserimento graduale per evitare qualsiasi tipo di rischio. Magari, forse, giocherà titolare a Siena.

  5. Il fatto,che sabato pareggiando con il Padova,la classifica ci troverebbe ancora al secondo posto,la dice lunga su quanto questo campionato sia uno dei campionati di serie B PIU’ EQUILIBRATI,DOVE NESSUNO RIESCE AD ALLUNGARE SULLE ALTRE…..Però probabilmente c’è da “ringraziare” gli azzurri per i punti conquistati soprattutto fino alla partita di Pescara,PERCHE’DA QUELLA PARTITA IN POI,PRESTAZIONI A PARTE(ma tenere palla per 70 minuti e fare la partita non è detto che sia poi una cosa positiva se non concludi in porta con la dovuta pericolosita’ e frequenza……magari giochi di contropiede e di occasioni ne crei anche di piu’),DI PUNTI SE N’E’ VISTI DAVVERO POCHI!In effetti sarebbe riduttivo non accorgersi che le squadre ormai adattano il loro gioco al nostro e caso strano riescono ad annullarci appena arrivati al limite dell’area di rigore…..ma perché non cercare allora le percussioni con i centrocampisti….inutile stare sempre a dire che non è nelle corde dei giocatori(i goals segnati da Eramo e Castiglia l’anno scorso dicono l’esatto opposto)…..Si dice che questa squadra non possa giocare con altro modulo….e qui viene la domanda per te ALESSANDRO…..Ma di un modulo 4-2-3-1,dove la difesa rimane invariata,dove i 2 incontristi sono Moro e Valdifiori,dove i tre dietro al centravanti sono partendo da destra Eramo,Ciccio,Croce, il terminale d’attacco è SuperMac(ma con un Tavano molto piu’ vicino a lui che alle due mezzepunte esterne)tu che ne pensi?Non sarebbe un modo per sfruttare oltretutto fraseggi ravvicinati fra Ciccio e SuperMac e vitando a quest’ultimo inutili spostamenti sulla fascia destra(visto che non si vedono poi inserimenti dei centrocampisti pronti a raccogliere eventuali inviti)?

    • Naturalmente non voglio dire di cambiare modulo per forza,ma che in alcune partite per me si potrebbe cercare di disorientare avversari che ormai ci conoscono…e questo modulo potrebbe essere adattabile ai nostri azzurri…almeno per me!

    • Daniele sono d’accordo con le tue proposte, sarebbe un modulo da provare.
      Però non credi che Sarri lo abbia provato e, non una sola volta, negli allenamenti???
      Probabilmente Macca non è una punta centrale ha bisogno di spazio non ha più la velocità e la rapidità per giocare da prima punta con le spalle alla porta, non vedi che appena lo toccano cade e cerca continuamente gli spazi larghi.
      Non è una critica a Mac lui è ancora un elemento insostituibile, solo che deve giocare in un certo modo.
      Allora bisognerebbe toglierlo e mettere dentro il Georgiano che è una prima punta e nelle mischie si fa largo. Ma tu avresti il coraggio di farlo, attirandoti le critiche di tutta la tifoseria? E poi chi ci dice che sia la soluzione migliore???
      Quindi calma,pazienza e….. speriamo in bene.
      Salutoni.
      Gianca

      • Mi spiace togliere spazio a Marinai replicando a quello che dici(SAREBBE PREFERIBILE CHE NELLA RUBRICA DI MARINAI PERO’ RISPONDESSE LUI ALLE DOMANDE ;)),ma credo che dire che SuperMac non abbia la velocita’ e la rapidita’ per giocare da prima punta non mi trova daccordo….Un SuperMac in forma è buono a far tutto quello che dici…..CREDO CHE PIU’ DI UN VENTENNE DURI FATICA A STARGLI DIETRO,se poi lo toccano e cade è perché gli fanno fallo o no?Inoltre un giocatore esperto come lui”siccome sa anche come “prendere il fallo” ANCHE QUANDO NON E’ PROPIO LIMPIDISSIMO potrebbe far battere diverse punizioni dal limite…..e di testa se gioca centrale è meno peggio di quello che sembra…..riguardati i goal che ha fatto in quella posizione……E poi non ho detto che si deve cambiare modulo,MA CHE IN ALCUNE PARTITE PER DISORIENTARE L’AVVERSARIO SI POTREBBE CERCARE UN’ALTERNATIVA DURANTE O ALL’INIZIO DI PARTITA……..soprattutto perché ormai al nostro gioco hanno trovato un po’ tutti le contromisure….sia che si tratti di Cittadella,sia che si tratti di Palermo…..(a meno che non si tratti di un appannamento generale….ma secondo me quando corri piu’ degli altri e cerchi sempre di fare la partita mi sembra un’ipotesi non proprio realistica…..

        • Rispetto le tue idee, sono pienamente legittime, ma tu fai un torto ad un professionista esperto come Sarri a credere che lui non ci abbia pensato, oppure che lui non ci arrivi come capacità e aspetti noi dilettanti allo sbaraglio, oppure che non cambi per far dispetto a noi.
          Ma che ti devo dire, tutto può essere.
          Ciao e cordiali saluti.
          Gainca

          • Io non ho detto ne che Sarri non ci abbia pensato,ne che non ci arriva,ne che aspetti a me avere le capacita’ per farlo e ne che lui voglia farci un dispetto….IO DICO SOLO CHE NON HA ANCORA PROVATO A FARLO!
            Saluti a te…Gianca!

    • Tavano non è mai stato, non è e mai sarà un trequartista, non scherziamo su! E se mi dici che non deve fare proprio il trequarti ti chiedo come tamponi poi la voragine che si aprirebbe a centrocampo. Davvero tu credi che Ciccio possa fare ciò che faceva Vannucchi? Io no, ma magari mi sbaglio… Tavano per quanto mi riguarda deve stare vicino all’area di rigore, negli ultimi venti metri e anche Eramo esterno mi convince poco. Poi voglio dire anche un’altra cosa: nelle ultime settimane si fa un gran parlare del modulo, di Sarri che non riesce a trovare alternative contro le avversarie che ormai hanno prese le misure agli azzurri… Ebbene, se non sbaglio (e credo di non sbagliare) spesso e volentieri vediamo avversari che si difendono con 10, a volte 11 giocatori dietro la linea della palla perchè sanno di giocare contro una grande squadra. Puoi cambiare tutti i moduli che vuoi ma sempre sarà difficile penetrare le difese, in questi casi conta la qualità e soprattutto la velocità di esecuzione e la rapidità di pensiero. Abbiamo visto in queste ultime gare difficili dal punto di vista del risultato che quando l’Empoli è riuscito a giocare in velocità con fraseggi rapidi è riuscito ad arrivare agevolmente in porta. Manca forse un po’ di brillantezza, ma non si può stare al top tutto l’anno.

      • Bè Alessandro…non capisco la voragine che prospetti,quando in fase di ripiego ti troveresti con Moro e Valdifiori nel mezzo e Croce ed Eramo ai loro lati….a me sembra un MURO di 4 centrocampisti CHE SICURAMENTE NON HAI CON I TRE CENTROCAMPISTI CHE ABBIAMO CON IL MODULO ODIERNO…..Diciamo che Ciccio piu’ che essere il centrale fra Eramo e Croce….sarebbe piu’ il secondo centravanti appena dietro a SuperMac in un ipotetico 4-2-2-1-1…..Con un Mac che all’occorrenza apre anche spazi per le conclusioni di Ciccio…….Mi fermo qui senno’ ti svelo tutta la mia strategia di gioco che potro’ mettere in pratica……solo se …RINASCERO’ 🙂

        • Questo Empoli è strutturato per offendere non per pensare a costruire muri e non vedo in Eramo il Buscè della situazione. Inoltre, nel tuo ipotetico 4-2-2-1-1 le punte sono in verticale, esperimento fallimentare e sotterrato agli albori della gestione Sarri. Sarò più chiaro: Alessandro Marinai non ravvisa l’impellenza di dover cambiare modulo, ma auspica il recupero di quella brillantezza che possa consentire agli azzurri di mettere in crisi le difese avversarie grazie alla rapidità e alla velocità dei movimenti 😀

          • Forse Alessandro non mi spiego bene io…….non sto nemmeno io auspicando un cambio di modulo a prescindere…..sto solamente dicendo che in questo momento, dopo tutti questi pareggi interni, dove non sarei tanto sicuro che manchi solo quella brillantezza che dici, un cambiamento di modulo durante la partita confonderebbe le idee alla squadra avversaria…..non necessariamente questo cambio di modulo deve essere adottato per tutta la partita……..Quando i giocatori sono intelligenti come i nostri, non credo che non si possa pensare di adottare altri tipi di gioco…..Se le altre squadre adattano il loro gioco al nostro per impedirci di giocare, non vedo perche’ non si possa cercare varianti al nostro modo di giocare….magari se vuoi mantenendo anche lo stesso 4.3.1.2 per tutta la partita…..ma variando un modo di giocare che e’ diventato troppo prevedibile……..Comunque quando Sarri adotto’ il 4.4.1.1 gli azzurri giocarono,per la mancanza di pedine importantissime, con giocatori come Cori e similari che con la serie B, non avevano propio niente in comune e che in quel periodo bastava che gli avversari tirassero in porta e Dossena per colpa sua o meno raccattava il pallone da dentro la porta…..Comunque ok per te il mio modulo non e’adattabile ai giocatori che abbiamo….a domanda hai risposto….esaurientemente………..

  6. Ho letto in settimana un commento di un utente che riportava la risposta di Conte all’acquisto di Osvaldo, ovvero anche il creare maggiore concorrenza. Non credi che Tavano e Maccarone si sentanto un po’ troppo intoccabili? Ormai il mercato è chiuso ma credo che si dovesse fare di più in quell’ambito

    • Per creare concorrenza a quei giocatori devi prendere un calciatore di pari livello o quasi… Un giocatore del genere ha un suo costo e per l’Empoli sarebbe stato un investimento importante. Forse troppo in questo momento.

  7. Sono sempre stato zitto, adesso vorrei capire da tutti, Marinai compreso, quali fossero le colpe reali di Signorelli? Marinai, Cocchi non che voi abbiato sparato su di lui, ma vorrei da voi giornalisti che spiegaste al popolo che qui il problema non era Sigmorelli

    • SE DA TUTTI INTENDI ANCHE DA PARTE DI CHI LO HA CRITICATO , ME COMPRESO , LE COSE LE ABBIAMO DETTE E RIDETTE E SCUSA SE TE LO DICO MA NON CREDO CHE NE MARINAI NE COCCHI TI POSSONO DIRE DAVVERO QUELLO CHE PENSANO ANCHE PER RISPETTO DEL RAGAZZO CHE LORO CONOSCONO BENE , D’ALTRA PARTE LE DIFFICOLTA DEL RAGAZZO SONO SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI , FINALMENTE ANCHE SOTTO QUELLI DI SARRI…

    • CARO BAFFO
      SE DA TUTTI INTENDI ANCHE DA PARTE DI CHI LO HA CRITICATO , ME COMPRESO , LE COSE LE ABBIAMO DETTE E RIDETTE E SCUSA SE TE LO DICO MA NON CREDO CHE NE MARINAI NE COCCHI TI POSSONO DIRE DAVVERO QUELLO CHE PENSANO ANCHE PER RISPETTO DEL RAGAZZO CHE LORO CONOSCONO BENE , D’ALTRA PARTE LE DIFFICOLTA DEL RAGAZZO SONO SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI ,EVIDENTEMENTE E FINALMENTE ANCHE SOTTO QUELLI DEL MISTER…

    • Io non devo spiegare niente a nessuno, al massimo posso dirti la mia opinione se me la chiedi 🙂 E’ legittimo che ogni persona abbia un suo modo di pensare, di vedere e di analizzare le cose. Che Signorelli non stia simpatico a una parte della tifoseria è ormai acclarato, come è accertato che nelle ultime apparizioni un suo errore ne valesse dieci di qualsiasi altro giocatore. Su di lui ho letto di tutto, commenti cattivi e infamanti che sono andati pure sopra le righe, è stato spesso usato come capro espiatorio delle sventure azzurre come accaduto ad altri negli anni scorsi. Non deve essere una colpa se uno non riesce a fare determinate cose, sarebbe una colpa se non si impegnasse o se tenesse un atteggiamento indisponente ma non è affatto il caso di Signorelli che si è comportato e si sta comportando da grande professionista.

  8. Ciao Alessandro, secondo te anche col Carpi è stata fatta una grande prestazione? Rispetto a Palermo e Trapani, anche per merito dell’avversario ho visto un mezzo passo indietro

    • Grande è un termine esagerato, direi discreta ma senza necessariamente dover fare paragoni con le altre due gare che hai citato. Come ho detto nel “Punto” in queste quattro gare ho riscontrato anche cose positive contro avversarie di tutto rispetto.

  9. Ciao Alessandro, la partita con il Padova, sia per i numeri impietosi che separano le due squadre (gli azzurri hanno il doppio di punti, gol segnati e subiti sono in pratica i dati invertiti), dal fatto che giochiamo in trasferta con una squadra che ha bisogno di punti, dei tre punti, che infine dal tipo di gioco e dalle caratteristiche dei giocatori del padova (più tecnica minore impatto fisico) mi sembra che lascino oggettivamente lo spazio ad un solo risultato. Penso che se l’empoli non vince a Padova, a questo punto di mezza crisetta si possa cominciare a parlare, anche perchè dopo ci sono due partite ben più difficili e le avversarie, che hanno graziato fino ad ora gli azzurri, nel prossimo turno probabilmente arriveranno in 4-5 sopra la soglia dei 40 punti

    • Qua andiamo già oltre sabato 🙂 Aspettiamo di vedere cosa succede a Padova per poter poi dare credito a quanto affermi successivamente. Non sono così convinto che, dopo la vittoria sul Novara, il Padova sia alla disperata ricerca dei tre punti, si potrebbero accontentare anche di un pareggio. Dici che le avversarie hanno graziato gli azzurri? Forse. Probabile, ma potrebbe essere anche l’Empoli stesso ad aver graziato le avversarie…

  10. E’ assolutamente importante vincere a Padova. La rendita di posizione che s’è venuta a creare nella prima parte di campionato potrebbe finire dopo Padova. Lanciano Avellino Cesena sono lì lì e Spezia Trapani Latina alle porte…
    Sarà meglio stringere il triangolo punte-trequartista e cercare di vincere e non sfiancarli così come si fa ora, il campionato ora accelera, le inseguitrici sono arrivate e agguerrite… sarebbe necessario che rimangano alle spalle.
    Ora ogni passo falso è perdere posizioni e punti preziosi speriamo bene.
    Alessandro sei troppo piccato nel dire
    “A volte rimango spiazzato da certi commenti che, seppur legittimi e meritevoli di rispetto fino a quando ci sarà libertà di espressione, ritengo troppo severi e ingiusti”
    Anche io seguo i commenti nei giornali (oltre a PE) e non vedo nell’accesa passione del tifo giudizi “severi e ingiusti”.
    Preferirei che tu dicessi “libertà di opinione” più che “libertà di espressione” anche perchè leggo delle opinioni calcistiche per niente male su PE…

    • ah… dimenticavo, ti consiglio di leggere la pagina interna del Tirreno di oggi dedicata alla tattica e gli schemi di Sarri in cui si capisce chiaramente che il gioco ispirato dal mister ha bisogno di un rinnovamento, si parla di prevedibilità e di schemi. Non offendono nessuno ed è molto tecnico come ragionamento, dicono esattamente quanto ci diciamo in 3 o 4 allo stadio e ti posso assicurare che non conosciamo chi ha scritto l’articolo.

      • E’ assolutamente importante vincere ovunque e contro chiunque perchè vincere, nello sport, è la cosa che alla fine conta. Sono troppo piccato? Non lo so, ma è quello che penso ed ovviamente non è riferito a tutti. Tra “libertà di opinione” e “libertà di espressione” non vedo alcuna differenza… Non ho letto il Tirreno e non so chi abbia scritto il pezzo, chiunque sia stato avrà comunque espresso un punto di vista, un’opinione come io ho la mia. Non è verità assoluta la mia posizione come non lo è quella di altri.

  11. Ciao Alessandro. Non voglio associare quello che ti chiederò al periodo che stanno passando gli AZZURI nelle ultime gare. Ma secondo te il Corsi in qualche puntata fa a Penalty, dove ovviamente anche tu eri presente, a dato l’impressione, dicendo la verità tra l’altro, che la serie A è un lusso davvero ma davvero oneroso per una società come l’Empoli per lo più, a parte Carli, si tende sempre a parlare di salvezza facile poi si vedrà. Ma noi tifosi cosa dobbiamo sperare??? Perchè sennò tutti dobbiamo stare zitti non pretendere di più. Grazie!!!

    • Non ho bisogno di queste due trasferte per sapere se l’Empoli potrà giocarsi la Serie A. La squadra ha tutti i mezzi per lottare fino in fondo, ma dipenderà da tanti fattori il riuscirci o meno. Quest’anno gli equilibri sono sottilissimi, almeno per ora…

  12. Ciao Ale. L’assenza di Croce di Sabato scorso, ha certificato l’importanza tattica di questo calciatore nel nostro impianto (4312) . Non è affatto facile avere un interno (a 3), in B, che oltre a fare da supporto al catalizzatore Valdifiori, riesce a creare anche superiorità numerica. La domanda è questa: può secondo te, il nostro Pucciarelli, in un futuro breve, assumere questo (doppio) ruolo ? Vedendo gli allenamenti, questo ragazzo è sempre più in evoluzione tecnico/tattica. Ed è sempre più padrone dei propri mezzi. Cosa ne pensi ?

    • Che Croce sia tatticamente uno dei giocatori più importanti della squadra è fuori discussione ed ovviamente quando viene a mancare si sente. Non lo so se Pucciarelli potrà ripercorrere il cammino di Croce, è ancora giovane e forse deve ancora trovare la sua giusta dimensione. Si vede già ora però che è un giocatore duttile, che si adatta a più ruoli e questo è sicuramente un vantaggio. Vediamo… Sai bene che nel calcio non si può mai dare niente per scontato.

  13. Alessandro il Brescia credi sia squadra possa entrare in gioco per la promozione diretta? Non so perché ma gli temo più di tutti

    • Il Brescia andrà ai play-off e sarà una delle finaliste…su questo sarei pronto a scommettere…in finale con lei, nonostante il periodaccio, vedo il Pescara…sfida in equilibrio…ma di Caracciolo ce n’ è uno solo e gioca nel Brescia…quindi…. In A diretti vanno Palermo e Spezia.

      Questo è il mio pronostico. Prima del calciomercato di gennaio davo Pescara in A e Spezia finalista play-off con il Brescia…dopo il mercato invernale lo Spezia si è mosso meglio degli abruzzesi…superandoli.

      • S’ostina te sei fuso, ho copiato il tuo commento. A fine campionato lo posto di nuovo,quando saremo in serie A.
        Ma vai a gagare dai…..

        • Bah…se pensi di arrivare davanti Palermo Spezia Brescia e Pescara…forse un pò fuso sei te.

          Fino ai 30 pt della Ternana puo succedere di tutto e di più.

          Cmq fai il tuo pronostico…a fine campionato vedremo chi ha avuto ragione e chi no…

    • In tempi non sospetti, quando il Pescara volava, dicevo che la Serie A diretta se la sarebbero giocata Empoli, Palermo e Pescara e l’unica che forse avrebbe potuto inserirsi sarebbe stato il Brescia. Non mi aspettavo certo questo crollo verticale del Pescara, ma il Brescia è sempre lì, in agguato… P.S.: intanto abbiamo scoperto che S’ostina si chiama Alessandro… 😀 😀

  14. Ciao Alessandro.. Sarà un caso, non sarà un caso… ma da quando è stata tolta la simpatica canzoncina che c’era prima di ogni conferenza stampa pre-partita di Mr. Sarri (quella che faceva… uno X, X due uno X, uno X… ecc. ecc.) la squadra è calata di rendimento e se non mi sbaglio ha raccolto solo una vittoria..
    E’ stata rimpiazzata, per giunta, da un effetto sonoro (concedetemelo) un po’ tamarrino stile techno-house anni 2000, che nulla ha a che vedere con il calcio..
    Quella canzoncina (seppur di un artista che fondamentalmente non apprezzo per niente) dava comunque una sensazione diversa a tutta l’intervista stessa ed era diventata celebre fra noi tifosi..
    La punizione divina ha voluto che, tolta questa, si sia iniziato a stentare…
    Ti chiedo gentilmente se puoi riferirlo a Guastella.. Se avesse la pazienza e il coraggio di provare a rimetterla, dopodiché tireremo le somme e vedremo cosa succede.. !
    Grazie!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here