0
1

 

 

Quasi certamente, non sarebbe servito nemmeno un pareggio; quel che è certo, è che la sconfitta nel posticipo contro il Vicenza ha tolto al Treviso le ultime, residue, speranze di agganciare il treno che porta verso la permanenza nel campionato cadetto.

Desolatamente ultimo in classifica, il Treviso non può permettersi passi falsi nel derby con i biancorossi, ma al termine di 90 minuti vissuti con intensità (e dopo aver sprecato alcune buone occasioni da gol, soprattutto nel primo tempo) i padroni di casa si devono inchinare nel finale a un gran sinistro da fuori area di Botta, sul quale Cordaz non può nulla.

Le due squadre hanno dato vita a una sfida piacevole, giocando a viso aperto e andando più volte vicine al gol fini dai minuti iniziali: il primo sussulto giunge al 10′, quando Musetti davanti a Frison riesce nell’impresa di calciare alto con la porta spalancata. La reazione dei lanieri non si fa attendere, e alla mezz’ora Volta si vede negare la gioia del gol da un salvataggio sulla linea di Frezzotti.

I padroni di casa si spengono nella ripresa, mentre la formazione di Gregucci mette più volte in affanno la retrogrardia avversaria: la rete di Botta (82′) è un premio gradito al Vicenza che festeggia il successo nel derby e in pratica anche la salvezza, mentre il Treviso – adesso è certo – cade nell’Inferno dell’ex Serie C: tanti auguri per una pronta risalita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here