L’Empoli “vendica” la sconfitta subita sul terreno amico con l’Ancona andando a vincere al Matusa di Frosinone, proprio come aveva fatto due settimane fa andando a vincere sul campo del Sassuolo dopo l’amara sconfitta nel derby con il Pisa. Questa volta la vittoria, rispetto a quella con il Sassuolo, è sofferta e arriva dopo un’ora di sofferenza. A dire la verità gli azzurri a Frosinone non erano partiti male. L’infortunio di Tosto però ha complicato la vita a Silvio Baldini costretto a ridisegnare la difesa a quattro con tutti difensori centrali. La vittoria azzurra è arrivata al minuto trentadue del secondo tempo quando “Ciccio” Lodi ha ricevuto palla sulla trequarti avversaria, defilato a destra si è accentrato, poi ha caricato il suo portentoso sinistro, ha mirato l’angolo basso sul primo palo e… boom! Lo shot è partito saettante, la sfera ha toccato terra ad un metro dalla porta, vanificando il volo plastico in tuffo del portiere ciociaro Sicignano.

 

Lodi dopo il gol di FrosinoneA quel punto tutti gli azzurri sono corsi ad abbracciare Lodi che alza le braccia al cielo come a dire “grazie ragazzi ma non festeggio”. Cosa doveva fare un calciatore che su quel campo è sempre e solo stato osannato? Persino al termine del match sarà osannato dai tifosi ciociari a cui aveva appena fatto ingoiare l’amara pillola della sconfitta. Ingiusta e immeritata aggiungiamo noi, visto che se c’era una squadra che aveva meritato di vincere quella era il Frosinone. Ma si sa spesso le grandi squadre vincono con i colpi dei propri campioni. L’Empoli ne è stato l’esempio. Già l’Empoli ha vinto e allora si preferisce parlare di Lodi che non esulta, un gesto quello del non esultare che ormai va di moda in molti campi di calcio. Facciamo un esempio: Di Natale non vi dice niente? Dicembre 2007: Udinese-Empoli, che poi finirà 2-2, vede un gol di Totò Di Natale, ma lui non festeggia, un gesto non uguale a quello di Lodi ma molto simile. Nessuno allora si è scandalizzato.

 

E poi Lodi non avrà festeggiato in campo, ma dentro gli spogliatoio e fuori dallo stadio con amici e compagni lo ha fatto eccome. Se n’è andato dal Matusa con un carico di dolci tipici ciociari, e il suo sorriso era tutto un programma. A casa ha festeggiato il suo settimo gol stagionale in campionato, e il primato dell’Empoli.

 

Sì perchè l’Empoli è ancora primo in classifica, grazie proprio al gol di Lodi… ma “giustamente” (?) sui giornali si preferisce parlare della non esultanza di Lodi anzichè scrivere di una squadra, quella azzurra, che vince la sua quinta gara su sette partite in trasferta e, nonostante un rendimento negativo in casa e ampi margini di miglioramento, è prima in classifica.

 

G. G.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here