A differenza di qualche giorno fa, sembra molto difficile che la Cremonese abbia intenzione di riscattare l’attaccante Claudio Coralli.

 

In questi giorni, c’è da sottolinerare che sono cambiate alcune cose in seno alla società grigiorossa, su tutte il cambio dell’uomo principe del mercato, il DS, che è Zocchi arrivato da Spezia fresco vincitore del campionato di Prima Divisione.

E se da una prima analisi, sembrava che lo stesso Zocchi avesse interesse nel trattenere in Lombardia il giocatore, adesso questo sta venendo meno, o meglio, stando a quanto ci raccontano alcuni colleghi cremonesi interpellati telefonicamente, il nome del Cobra non esce mai dalla bocca del ds quando interpellato sui nomi del prossimo attacco. Sinonimo di un non interesse verso la potenziale risorsa.

Tra l’altro la Cremonese, qualora non volesse tenere Coralli, non dovrà assolutamente fare niente, il silenzio assenso, farà si che il calciatore, dal 1 Luglio torni ad essere un tesserato dell’Empoli a tutti gli effetti.

 

Anche il Perugia, che avrebbe comunque dovuto aspettare le decisioni di azzurri e grigiorossi, sembra essersi defilata da un primo interesse manifestato proprio nel quartier generale del calcio mercato a Milano. Gli occhi del Grifone sembrano essere su Ciofani del Parma (ex Gubbio), uomo che era rimbalzato anche per il mercato in entrata dell’Empoli.

Tutte situazioni che fanno presagire che Coralli sarà nuovamente nella truppa azzurra con l’inizio del ritiro.

 

E’ però tutto da vedere il fatto che resti o meno.

 

In primis conterà a questo punto una valutazione del nuovo mister azzurro, Sarri. Già da qui si potrà capire se la dirigenza azzurra potrà tirare i remi in barca o si dovrà mettere alla ricerca di nuovi acquirenti, senza contare la volontà del giocatore, che crediamo sia assolutamente felice di tornare nel suo Empoli, nonostate una cessione nel mercato di gennaio che ancora si porta dietro qualche punto interrogativo. Ovviamente crediamo che ci sarà anche da parlare, nel caso di una permaneza, di stipendio, visto che quello che percepisce Coralli sembra essere fuori dai nuovi target che si è data la proprietà.

 

Però alla porta sembra che qualcuno ci sia sempre.

E’ notizia di stamani, riportata da alcuni siti specializzati, che il Trapani abbia chiesto informazioni sul bomber di Borgo San Lorenzo. I siciliani, dopo l’incredibile perdita della promozione in B, sembrerebbero intenzionati a riprovarci, cercando di costruire una squadra ben attrezzata per la categoria.

 

To. Che.

CONDIVIDI
Articolo precedenteNews mercato serie B – Padova occhi su Ze eduardo
Articolo successivoFantacalcio | Ultimi dieci giorni per iscriversi
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

22 Commenti

  1. con tutta la simpatia che mi puo´ fare il trapani ma lo vedi come ti sei ridotto coralli?spero che la storia della competizione con maccarone sia una fesseria..

  2. Nono non ce lo prendiamo..
    ATTENZIONE!! IL MONTELUPO SEMBRA ESSERE VICINO AL COBRA,CORALLI IN MANCANZA DI RICHIESTE SEMBRA CHE ACCETTI!! ahahahahaahah!!!
    Che vigliacco…

  3. Ahaha il cobra non lo vogliano piu nessuno neanche la c1….cobra tu dovrai anda a gioca nel. Calcio dilettantistico…. 😉 !!!!!!ahahahaha

  4. Grande Sam!
    Propongo di cambiare il soprannome “cobra”, di questo vigliacco, in qualcosa di più appropriato: “biscia di padule”!

  5. Infatti, bravo usua…ho sempre odiato il soprannome cobra perchè Coralli è tutto tranne che un cobra.
    Chiamatelo cignale, muflone o come cavolo vi pare ma non COBRA!!
    Coralli per te e per noi, non tornare, non sei degno di questa maglia, ne di quella dei Desperados che hai portato, a mio avviso, indegnamente per troppo tempo!!
    FORZA EMPOLI!!!

  6. …certo che Empoli è strana. Siamo sempre stati comprensivi con un piccolo uomo pelato di nome Baldini, che poi si credeva anche allenatore, che ce n’ha fatte di cotte e di crude, dimostrando, lui si, e SFACCIATAMENTE, nell’autunno del ’92, di mollare tutto perchè il Ravenna gli dava più quattrini. Senza contare gli atteggiamenti avuti dopo nei nostri confronti, tra i quali, quello più clamoroso, quando ci “sputò” in faccia, come un pidocchio saltellante, la sua orgogliosa appartenenza alla squadra romagnola. Chiaramente, quando tornò, fummo anche capaci di dargli la fascia di capitano. Che brutto episodio nella storia azzurra. Però Coralli no, non si perdona, nonostante sfido chiunque a dimostrare al 101% le reali motivazioni che hanno portato all’allontanamento. Meglio Coralli che 1 Baldini.

    • Se posso permettermi, sono due persone e due casi completamente diversi!
      – Baldini
      Daniele lasciò l’Empoli, dove era arrivato comunque da appena un anno, per seguire il suo “mentore”, Guidolin, che l’aveva avuto a Fano (90/91) e poi appunto ad Empoli (91/92), per andare a Ravenna (92/93). Ovviamente, oltre alle richieste di Guidolin, molto contarono i soldi dell’ingaggio praticamente quasi triplicato. E poi a Ravenna si puntava spudoratamente al salto in serie B (che poi avvenne) e quindi c’era anche tanto entusiasmo (stadio pieno ogni domenica).
      Ma cosa dire ad uno che si comporta così: che è un mercenario? forse si, ma deve considerarsi anche la miseria degli ingaggi empolesi… poi, comunque, Baldini reputava Guidolin il suo maestro scopritore, quindi niente di strano che l’abbia seguito anche a Ravenna (del resto da noi c’era venuto perché l’allenatore l’aveva voluto con sé dal Fano!).
      Quando tutto, anni dopo, si è ricomposto, è stato “facile” superare problemi di questo genere, perché appunto, umanamente comprensibili, anche se, per la fede dei tifosi empolesi all’inizio non fu comunque facile accettarlo.
      – Coralli
      Chi è costui? Un attaccante che ha fatto bene in C2 (Cittadella) e poi, l’anno dopo, è stato fermo un anno per infortunio: anno in cui l’Empoli l’ha atteso senza pensare minimamente di venderlo! Poi è tornato a giocare, e lo ha fatto su livelli obiettivamente medio alti: tanti goal, assieme a tanti errori macroscopici, ma, come si dice, l’essere spesso davanti al portiere significa sapersi muovere bene.
      Poi è successo che il primo anno di vera difficoltà – sua – perché falcidiato da problemi muscolare e perché mai in grado di mettere dentro neppure il più facile dei goal (anche un rigore su un palo…) – dell’Empoli – costretto (per tanti motivi che è inutile rivangare) a navigare sui bassifondi della classifica, sperando di non andare il lega pro, cosa fa il buon “cinghiale”? Di fronte ad una dirigenza che a gennaio capisce che non può salvarsi con le sue prestazioni (fino a quel momento scadenti) ed i suoi goal (ZERO!), e decide di affiancare a lui e Tavano il cavallo di ritorno Maccarone… Coralli se ne va!
      Ovvero: nel momento di maggior bisogno, quando davvero bisogna stringersi tutti assieme e diventare una cosa sola, uno spogliatoio granitico… il Cobra, ehm, la Biscia di Padule, chiede di essere ceduto!
      Non me ne frega niente se ci sono colpe anche della società perché comunque il Corsi o Vitale non può avergli certo detto “vattene”! Potrà essere trapelato che sarebbe partito dalla panchina, questo si, ma cosa si aspettava visti gli infortuni muscolari ed i goal, ZERO, segnati?
      Invece di dire: “ok, parto dalla panchina, ma col prosieguo convincerò l’allenatore e sarò titolare”, decide di andarsene, peraltro dopo una “manfrina” di giorni in cui diceva che sarebbe rimasto.
      Cosa dire ad uno come lui? Semplice: che non ci merita, perché non si abbandona la nave mentre sta affondando, soprattutto se sei stato anche il capitano di quella squadra ed hai portato sotto la maglia della squadra la maglietta dei desperados.
      Tornando alla mia opinione personale iniziale:
      Baldini e Coralli, due mondi diversi, non certo paragonabili!

  7. sarei curioso …e non solo io, di sapere come la pensa maccarone di un possibile rinnovo a empoli, ma che non possiamo fare proprio nulla Presidente Corsi ?

  8. è curioso vedere come lo considerate un bidone, cinghiale ecc. ma allora se per voi è un bidone dovreste essere contenti che se n’è andato no?

    USUALEMI FAI FESTA!

    • Personalmente, e mi sembra anche di averlo argomentato, non sono stato contento che se ne sia andato, ma, a questo punto, lo sarò se NON TORNA, visto che si è rivelato x quello che è veramente.
      Quindi, si, se vendiamo Coralli, faccio festa, ma te, alberto, non ti invito…
      😉

      • non mi inviti? ora mi hai rovinato la giornata … 🙁

        p.s. ma cosa pensi di aver argomentato? pare che tu sappia come sono andate veramente le cose.

        • Oh Alberto, ma come fai a non averlo ancora capito?
          A me, come tifoso, non mi interessa “come” sia andata, mi importa in che modo “è finita” ovvero con l’abbandono di Coralli nel momento del bisogno.
          Punto e basta.
          Scoprire di chi siano le colpe, adesso, mi interessa fino ad un certo punto anche perchè di sicuro il Cinghiale “ha concorso” con la propria volontà.
          Adesso smettiamola, peró, di parlare di Coralli.
          P.s. Che bello sapere che l’antipatia è reciproca 🙂

  9. Non voglio infamare Corallone perche’ ci ha fatto gioire un sacco di volte, ma dopo un finale di stagione con Maccarone sarebbe abbastanza grave il ritorno di Soprassata Coralli…

  10. Concordo con AL

    sapete una sega voi perche’ coralli se ne andato e se ce lo avessero mandato vitale e carli in prestito dicendoglie che non avrebbe mai giocato con arrivo di maccarone??? nessuno di voi teste dure c’ha mai pensato???

    coralli sarebbe un gradito ritorno altro che Empoli ti aspetta !

    poi se ancora un avete capito MACCARONE è DELLA SAMPDORIA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here