La settimana che sta per chiudersi è stata quella della celebrazione del ritorno al gol, con i quattro segnati a Pescara che rappresentano il doppio di quelli fatti nelle undici precedenti giornate. Una situazione importante e fondamentale perchè se non segni non vinci ed al massimo non vai oltre lo 0-0. Ma la settimana, con la gara di Pescara a far proprio da ciliegina, deve essere anche quella della certificazione di una grande difesa, reparto sul quale Giovanni Martusciello ha investito e sta tutt’ora investendo molte energie. Già dai primi giorni di ritiro a Sestola infatti lo stesso mister aveva sottolineato come la priorità fosse proprio oliare al massimo la linea mantenendola ai livelli di perfezione degli anni precedenti nonostante un paio di partenze non da poco.

A Pescara, al di la del poker messo a segno, l’Empoli non ha subito gol, fatto questo che accade per la sesta volta, quindi per il 50% delle gare giocate. L’Empoli in totale ha subito soltanto 13 gol ed è al momento la quinta miglior difesa alla pari con Napoli, Lazio ed Atalanta. Se pensiamo che gli azzurri anche prima di Pescara erano dentro il limite di guardia nonostante i soli due gol segnati in un’unica partita questo la dice lunga su quanto la difesa avesse tenuto a galla i risultati sportivi della squadra, aggiungendo poi che quei due gol erano stati segnati proprio dai due centrali difensivi. Un dato questo che non deve certamente adagiare, anzi deve essere da ulteriore stimolo per continuare a fare bene, mantenendo una standard di alta qualità che unito ai gol adesso ritrovati permetterà di dare una svolta netta al nostro campionato. Si dice che la miglior difesa è l’attacco, beh permetteteci di rivolate il detto e fare grandi complimenti per quanto dietro si sta facendo a partire da un super portiere.

1 commento

  1. …infatti se riusciamo ad essere incisivi davanti la salvezza la raggiungeremo serni anche con un gioco meno spumeggiante ma conta l obbiettivo finale

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here