Il Premio della Critica 2012/13 va a Davide Moro, il capitano azzurro. Già nel 2007 aveva ricevuto questo riconoscimento, anno in cui a vincere il Leone fu Francesco Pratali, nella serata in cui in pratica si celebrava la qualificazione degli azzurri in Coppa Uefa.

 

Dunque Moro vince questo premio per la seconda volta, a distanza di sei anni, e succede in una stagione in cui tutto è ancora da scrivere, e dove ciò che potrebbe essere scritto sarebbe importante al pari della famosa qualificazione alla competizione europea, vista la situazione, il momento e la circostanza.

 

Il Premio specifico, come noto, arriva attraverso una votazione effettuata dai soli addetti ai lavori, giornalisti locali e nazionali, ed ex calciatori ed ex allenatori azzurri, qualcuno di loro ancora in attività.

 

Un premio quindi che va a sottolineare la stagione di Davide Moro, capace oltretutto di caricarsi addosso il peso della fascia da capitano che ha saputo portare con grande autorevolezza.

Un premio che, va detto, è meritato, per un giocatore che non si è mai tirato indietro e che sul rettangolo verde ha saputo, giornata dopo giornata, far vedere il suo grande valore: umano, tattico e tecnico.

 

Moro è giocatore ed uomo cresciuto moltissimo negli anni, rimasto fedele alla causa azzurra, un colore che indossa fin da ragazzino, essendo anche lui, uno dei tanti prodotti dell’immenso vivaio empolese.

 

Il Premio è arrivato per mano di Alessandro Marinai

 

Alessio Cocchi

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteL'dA | Riccardo Saponara realizza il "Gol+Bello" 2012/13
Articolo successivoMassimo Maccarone è il Leone d'Argento 2013
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here