Ecco le pagelle inerenti le prestazioni degli azzurri, del posticipo di questa sera al Castellani contro il Bari redatte come di consueto dalla redazione di PianetaEmpoli.it.

 

BASSI: 6  Mai chiamato in causa, se non per interventi di ordinaria amministrazione. Poi arriva il missile terra-aria di Romizi sul quale crediamo niente potesse fare. Assiste i compagni faticare per tutto l’arco del confronto.

 

LAURINI: 6 Fa molta fatica il francese ad arginare la catena di destra Rossi-Ghezzal, nella ripresa appare il piu’ proposito e voglioso, nel generoso, quanto confusionario, forcing degli azzurri.

 

TONELLI: 6 Crediamo sia giusta l’espulsione di Iunco per un brutto intervento sulla sua caviglia. Per il resto gara sufficiente la sua, riesce a limitare un cliente pericoloso come Ghezzal. Bello l’assist con cui pesca Pucciarelli davanti a Lamanna, peccato che il numero 20 azzurro spedisca a lato.

 

ROMEO: 5.5 Meno preciso e puntuale rispetto alle precedenti uscite. Un suo errore innesca una pericolosa ripartenza dei galletti  con De Falco che si presenta davanti a Bassi.

 

ACCARDI: 5.5  In sostituzione di Hysaj che come stra-noto era impeganto con la propria nazionale, fatica a tenere a bada Iunco e Caputo che si incrociano nella sua zona di competenza. In fase offensiva si affaccia poche volte, a inizio ripresa alza bandiera bianca visto che la sua autonomia è terminata.

 

SIGNORELLI: 5 Male il venezuelano, non riesce assolutamente a entrare in partita, a dare il suo contributo, si perde nei meandri del centrocampo non dando nessun segnale della sua presenza. Peccato i mezzi ci sono, ma ci deve essere anche maggior personalità e continuità per emergere.

 

VALDIFIORI: 5,5 Anche il romagnolo, non riesce a prendere le redini del centrocampo. Troppi errori, numerose palle perse, e non riesce quasi mai a far girare la squadra. La manovra si dipana con troppa lentezza.

 

CORALLI S.V La mossa di Sarri si avvicina di molto a quella della disperazione: il Cobra appare nei pochi minuti giocati in condizioni fisiche davvero precarie, lontane da quelle di un calciatore che possa incidere tra i professionisti.

 

MORO: 6,5 Meno devastante rispetto a altre occasioni, tuttavia e uno dei pochi a crederci fino all’ultimo, non rinunciando mai alla verticalizzazione verso i compagni e ripiegando dietro facendo una miriade di Km. Tuttavia il capitano si rimboccherà le maniche e caricherà i compagni a credere in questi play-off.

 

CROCE: 6 Qualche buono spunto nella prima frazione dove cerca la profondità e si mette al servizio degli avanti. Se la cava anche da terzino cercando di arginare e spingere anche se qualche difficoltà la trova.

 

PUCCIARELLI: 5.5 Il «Puccia» va a corrente alternata, qualche buono spunto nella prima frazione, e anche una buona occasione non sfruttata di testa. Dall’altra parte pero’ c’è la palla persa nella propria metà campo che origina l’incredibile gol di Romizi. Per il resto il numero 20 azzurro si concede troppe pause, e avvolte appare un po’ confusionario.

 

SHEKILADZE: S.V Anche il georgiano ci mette tanta buona volontà, ma non riesce a emergere. Viene sistematicamente francobollato dagli avversari.

 

TAVANO: 5.5 Un paio di conclusioni verso la porta, ci regala anche un ultima illusione nel 2′ di recupero, ma è inevitabile che da Ciccio ci aspettiamo molto di piu’.

 

MACCARONE: 6  Tutte o quasi le azioni degli azzurri passano dai suoi piedi, come al solito fa molto movimento, cerca di aprire spazi per i compagni. Anche lui pero’ ha le polveri un pò bagnate. Quando nel finale di gara una sua percussione si conclude con un tiraccio capiamo che non è serata.

 

MISTER SARRI: 5.5 E’ un Empoli stanco, poco lucido quello che ha perso questa sera contro il Bari, anche se i tre punti per i galletti sono parsi un premio troppo elevato. Con le assenze dei nazionali si è manifestata la rosa corta che ha disposizione, senza voler polemizzare ancora per le assenze di questa sera. Ha lasciato un po’ perplessi l’inserimento di Signorelli per l’infortunato Accardi per un passaggio ad un 3-4-1-2 che ha prodotto il risultato di autolimitarsi in fase offensiva, con Croce che era costretto ha fare molti chilometri, non potendo dare il suo contributo sull esterno. Ad ogni modo la squadra non deve pensare che ad oggi i play-off non ci saranno, pensiero rivolto a aVercelli   per riscattarsi subito della sconfitta di stasera, e credere ancora in questo sogno di poter giocare questi play-off che questo gruppo meriterebbe di giocare.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAzzurri beffati dal Bari: 0-1 sotto i riflettori del Castellani
Articolo successivoTV | Sintesi Empoli-Bari 0-1
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

22 Commenti

  1. I veri voti: Bassi 6; Laurinì 5, Tonelli 6, Romeo 5, Accardi 5,5; Signorelli 5, Valdifiori 5, Coralli non pervenuto, Moro 6,5, Croce 6,5, Tavano 4,5, Pucciarelli 5, Shekiladze 5, Maccarone 6; Sarri 5;

  2. Io avrei una considerazione: ma in panchina non si ha Gigliotti??!?? O perché spostare Croce a fare il terzino che è l’unico in grado di saltare l’uomo e quindi dare il giusto apporto al reparto offensivo? Magari mi sbaglio ma avrei messo il francese a fare il terzino e croce il trequartista….

  3. Ormai è evidente, come si dice, 4 indizi fanno una prova: Sassuolo, Hellas, Europeo U21, arbitri …. Tradotto i play off non s’hanno da fare con la buona pace di tutti in particolar modo di noi. Che bisogna fare per meritare un rigore? Ciò nonostante ieri abbiamo fatto una partita sotto le nostre possibilità con diversi elementi meno in palla del solito in particolar modo in difesa, ma non c’è da risparmiare centrocampo e attacco …. Comunque se ci davano il rigore su Croce la partita sarebbe cambiata e non poco. Ma gli arbitri italiani dove fanno i corsi: a paperopoli o in Confindustria?

  4. Col senno di “poi” tutti sono bravi…
    È vero, il cambio di modulo è stato altamente controproducente e Sarri ha sbagliato.
    È altrettanto vero però che in quel momento della gara era doveroso “provare” a cambiare l’inerzia della partita e il Mr. c’ha provato.
    Credo che non ci riproverà più, ma vorrei far notare che comunque anche la partita di ieri è stata frutto di episodi, i più eclatanti sono stati il tiro di Moro sullo 0-0 di poco a lato con metà stadio che ha gridato al goal e subito dopo l’incrocio dei pali “pescato” da Romizzi che mai aveva neppure sognato un tiro del genere…
    Che poi si sia meritato di perdere, giocando un’ora 11-10, è indubbio, ma al momento in cui un po’ di sano culo ci avrebbe aiutato a vincere immeritatamente… abbiamo avuto, invece, sfortuna…
    P.s. a Vercelli sarà durissima, loro hanno ricominciato a crederci, non sarà la squadra remissiva di qualche domenica fa!

  5. Partita brutta quella di ieri.
    Non credo che la nostra squadra abbia accusato flessioni fisiche o mentali come qualcuno di voi ha detto.
    La questione è molto più semplice.
    C’è mancato più di tutti Saponara, ossia un giocatore che facesse da collante fra centrocampo e attacco. Regini è mancato, si, ma alla fine dei conti se si guarda il tabellino, loro hanno fatto gol da 30 metri e regini sarebbe servito a poco.
    La nostra manovra era affidata a lanci lunghi che partivano spesso dai piedi di moro e valdifiori, cosa che, quando c’è saponara non accade.
    Mi aspettavo di più da pucciarelli (insufficiente la sua prova) e da Tavano.
    Ho trovato senza senso mettere croce terzino invece che spostarlo dietro le punte, togliere pucciarelli e mettere signorelli. A quel punto poteva essere un cambio più opportuno, fermo restando che signorelli non è croce. Almeno però, si sarebbero mosse un po’ le carte sensa però togliere certezze tattiche ai nostri giocatori.
    Comunque per me questi i voti: Bassi 5,5, Laurinì 6, Romeo 5,5, Tonelli 6, Accardi 5 (Signorelli 5,5), Croce 6, Valdifiori 4,5 (Shekiladze 5), Moro 6,5, Pucciarelli 5 (Coralli s.v.), Tavano 5, Maccarone 6

    Detto ciò ripeto: campionato falsato alla grande.

    • Hai ragione in pieno Ighli, l’unica cosa che mi sento di aggiungere è che partite come quella di ieri, in un campionato comunque “di vertice” come il nostro (escluse le prime 9 giornate ovviamente), capitano eccome e per poter raggiungere certi obiettivi (playoff?), anche se insperati, occorre attingere a RISORSE ulteriori rispetto a quelle canoniche (gioco, brillantezza, scambi, uno-due…).
      Cosa voglio dire? è che partite come quelle di ieri a volte le si VINCONO in maniera SPORCA, ovvero con qualche mischia, di fisico, buttando palloni dentro l’area anche da lontano.
      Per capirsi, il Modena con noi, benchè in 10 e senza una parvenza di gioco, alla fine della partita manca poco pareggia solo grazie a “mischie e lanci lunghi”.
      Non si può, ed è statisticamente provato, vincere le partite giocando sempre bene!
      E’ provato anche dalle grandi squadre: Juve in questi due anni, Milan, Inter… per parlare della A oppure Sassuolo pensando all’attuale BWin.
      Il problema, e ieri è venuto fuori in pieno, è che noi NON abbiamo i giocatori per giocare SPORCO!
      Sarri l’ha detto ha più riprese: escluso LEVAN (che però si autoesclude da solo…) questa squadra non ha giocatori di peso davanti che possano farci variare il gioco.
      Anche ieri era così: eravamo uno in più, stavamo perdendo, mancavano pochi minuti alla fine ed invece di “buttare il cuore oltre l’ostacolo”, pensavamo al fraseggio… pensavamo di entrare in area triangolando al limite dell’area: bello, ci mancherebbe, ma senza velocità, con le gambe appesantite e con una squadra avversaria arroccata dietro e con difensori anche bravi, sembravamo del tutto IMPOTENTI.
      Ripeto una constatazione che ho già fatto:
      la differenza più grande fra noi e le tre davanti è la ROSA: ci mancano giocatori in panchina in grado di non far rimpiangere i titolari.
      Ma non potrebbe essere diversamente, Verona, Sassuolo e Livorno hanno speso molto più di noi d’estate ed in più noi, nel nostro piccolo, ci dobbiamo mettere pure le assenze x infortuni e nazionali.
      Un’ultima cosa: Sarri ha detto in conferenza stampa pregara, ribadendo una sua idea già precisata più volte, «SE IO FOSSI IL PRESIDENTE DI GROSSETO, BRESCIA O EMPOLI (che guarda caso hanno raccattato 1 punto in tre ieri, n.d.r.) MI INCAZZ3REI E NON POCO CON LA FEDERAZIONE PER I GIOCATORI CHE MI HANNO PORTATO VIA LE NAZIONALI IN QUESTA SETTIMANA». Ovvero: “Corsi muoviti e dì qualcosa, visto che la mia parola non conta niente!”, “facciamoci sentire!”. Forse però Sarri non ha capito:
      1) che era il caso di farsi sentire “prima” dell’inizio del campionato e non ora;
      2) che il Corsi, in questo momento, valuta comunque la vetrina dell’under 21 più importante di una vittoria col Bari!
      Amen

      • Siamo d’accordo Usua, ma non è nelle nostre caratteristiche cercare questi tipi di arrembaggi. Per altro, aggiungo, non essendo abituati a tale gioco, s’è proprio notata una confusione nella manovra e un disordine veramente eccessivi.
        Il punto è che noi per caratteristiche abbiamo molte meno probabilità di segnare con situazioni sporche, tipo palla in mezzo o cross dalla tre quarti, percui ci dobbiamo per forza affidare al gioco, al fraseggio per creare occasioni da goal. Ieri ci sono stati due fattori importanti che ci hanno impedito di fare questo fraseggio (tipico nostro): 1. mancanza di saponara (mafia) 2. abbiamo secondo me sentito un po’ il peso della responsabilità di essere l’unica che può mantenere in vita i play-off.
        Poi abbiamo l’arma delle palle inattive, che quantomeno ci consente di poter colpire anche in questo modo.. e devo dire che fino ad ora l’abbiamo sfruttata benone… il problema è che nelle ultime partite valdifiori ha iniziato a calciarle veramente male.
        Poi aggiungiamoci anche il fatto che Levan, che è difatto l’unico giocatore fisico della nostra rosa, ha una maledizione percui ogni 20 minuti sta fuori 4 giornate ed il gioco è fatto!

        Il problema, fino ad ora non era venuto fuori più di tanto, anche perché il calendario non ci aveva messo di fronte ancora squadre all’ultima spiaggia o invischiate nella zona playout, e in generale fino ad ora eravamo una mina vagante, una sorpresa mentre adesso una realtà consolidata e studiata.

        Quel che mi preoccupa è che le prossime partite le andremo a disputare contro squadre che sicuramente non giocheranno a viso aperto….
        Provercelli  penultima
        Crotone  a tre punti dai playout
        Grosseto  ultima
        Vicenza  terzultima
        Juve stabia  si gioca ad empoli, dubito che verranno a giocare con tre punte
        Cittadella  a tre punti dai playout
        Spezia  piena zona playout
        Cesena  5 punti dai playout
        Verona  ultima partita.. chi lo sa come siamo messi, magari gli basta un pareggio.
        … e questo potrebbe rappresentare un vero problema.

        Ho fiducia in sarri e spero che studi un atteggiamento in modo da ovviare a questo problema..

        • riguardo all’ultimo punto, quello delle convocazioni, è un argomento spinoso.
          Corsi non dirà mai una parola, oppure lo farà con una diplomazia al limite del tollerabile, perchè a lui conviene così, per Regini (per saponara importa na cippa) che cosi vedrà alzarsi la quotazione economica.
          Noi si prende nell’ano in ogni caso.
          inoltre mangia, prossimo allenatore del verona guarda caso, non ha pensato a niente e , aggiungo, mi sembra che anche jorginho (che ha scelto la nazionalità italiana) non sia stato considerato..

          casualità??

          giocatori del crotone che svengono dopo il 2-0… casualità??

  6. Secondo me ci è mancato non poco anche Hysaj, perché la squadra è ormai abituata a spingere molto sulla sinistra, e ieri sera Accardi lo poteva fare molto poco (non voglio dare le colpe a lui, sia ben chiaro, non sta nemmeno bene). Poi non ce ne andava bene una … a un certo punto mi sembrava di essere tornato alle prime partite, quando noi si prendeva il palo, e gli altri facevano gol.
    Ma per giovedì tutti i nazionali ci sono, vero?

    • Si, ma potrebbero essere + stanchi dei calciatori rimasti a casa… a conti fatti le nazionali avranno giocato 2 partite molto ravvicinate…

  7. Per prima cosa vorrei dire che abbiamo perso una battaglia non la guerra….poi entrando nello specifico,dal campo si è visto benissimo che se non giochiamo con la dovuta velocita’ d’esecuzione,noi non saremo mai la squadra che il goal lo trova in maniera sporca….sicuramente sbagliato l’approccio alla gara quando i Baresi sono rimasti in dieci….tutti i giocatori devono aver pensato “E’ fatta” E SI E’ GIOCATO SENZA LA GIUSTA DETERMINAZIONE PER SBLOCCARE IL RISULTATO….tanto prima o poi il goal l’avremmo trovato……MA FRA IL PENSARE E IL FARE….C’E’ DI MEZZO POI….LA SCONFITTA!Oggi ha sbagliato anche Sarri,perchè inutile continuare con il solito modulo per così tanto tempo….dopo l’espulsione si doveva cambiare subito….ma soprattutto sono mancati i cross dalla linea di fondo e questo non è concepibile soprattutto quando hai un uomo in piu’!Comunque un passo falso dopo tante belle soddisfazioni ci sta e non deve andare a compromettere tutto quello che di buono è stato fatto….facciamo l’ultimo sforzo e andiamo a prenderci i 3 punti a Vercelli…..fino a che la matematica non ci condanna dobbiamo credere nel “sogno”…abbiamo perso noi….puo’ succedere anche al Livorno e al Verona…..noi dobbiamo dare come sempre il massimo ……se non ce la facciamo…pace…non è che solo noi avremo la colpa di non aver fatto disputare i play off….ci sono tante squadre ben piu’ titolate come Padova,Brescia,Novara,Spezia etc. che hanno fallito in pieno la loro stagione……

    • Daniele hai centrato in pieno la causa della sconfitta.Non dobbiamo però rammaricarci tanto della sconfitta che, come hai detto tu, abbiamo perso una battaglia ma non la guerra.Rimbocchiamoci le maniche e continuiamo con sempre maggior entusiasmo, che il mondo non è finito ieri..Forza sempre Azzurri!!!!!!!!!!!!

  8. quoto la gestione delle sufficienze/insufficenze ma credo che la prestazione di Romeo sia stata pessima. male anche Tavano al quale si poteva avere il coraggio di dare il 5 pieno.

  9. Male Tavano, gli si poteva dare anche qualcosa in meno. Moro anche ieri è stato strepitoso, un grande, spero vinca il Leone d’argento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here