la Lega di serie B ha incassato quest’oggi il si da parte della FIGC per la messa in atto della nuova formula dei playoff che partirà già dalla stagione in corso, la 2013/14.

 

Cosi come avevamo già scritto ieri, nella nota integrativa, ai playoff potranno accedere fino a 6 squadre (dalla 3a all’ 8a) ma con un criterio di ammissione ben preciso.

Intanto, cosi come per le passate stagioni, il primo punto affinché si possa disputare l’appendice al campionato è che tra la 3a e la 4a non ci siano più di 9 punti di distanza.

Poi, la nuova integrazione prevede che possano prendere parte ai playoff tutte le squadre, entro l’ottava classificata, che abbiano uno scarto massimo di 14 punti con la terza.

 

In questo modo ci potrà essere un playoff composto da un minimo di due squadre fino, appunto, ad massimo di otto.

Ne consegue che le formule di disputa dei playoff siano 5:

 

Vi rimandiamo alla nota ufficiale della FIGC per tutte le casistiche e la composizione dei playoff a seconda di quante squadre vengano ammesse a questi:

.

CLICCA QUI PER IL NUOVO REGOLAMENTO PLAY OFF

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa Scuola Calcio 2013-2014
Articolo successivoDopo la partita, a mezzanotte, "Schiuma Party"
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

13 Commenti

  1. Quoto Sam al 100%
    Questa nuova regola è la prima cosa fatta bene da Abodi da quando è diventato presidente!
    Molti parlano, criticano e neppure hanno capito come funzioneranno i nuovi play off?
    Avete capito cosa è il “perimetro play off”? Bene, questo è rappresentato da 14 punti dalla 3° arrivata.
    Orbene, fermi i 9 punti minimi di distacco fra 3° e 4° (necessari perchè si giochino i play off, ovvero con 10 passano dirette le prime tre), tutte le squadre dalla 5° all’8° CHE SONO ARRIVATE AD ALMENO 14 PUNTI DALLA TERZA (ovvero con 15 sono fuori) vanno ai play off.
    Perchè tutto questo migliora la regola passata?
    1) perchè ancora di più, mutuando dal basket (dove i play off sono una regola consolidata ed apprezzata da tutti da anni ed anni), si riducono ancora di più le partite “regalate” a fine stagione, perchè l’obiettivo di arrivare “anche” ottavi ad almeno 14 punti dalla terza diventa fondamentale fino all’ultima giornata;
    2) grazie al perimetro play off (14 punti, appunto), le squadre che arrivano dopo la 4°, debbono aver fatto un “grande torneo” per potersi giocare le finali! Cosa significa? Applichiamo le regole nuove all’anno scorso: Livorno (3°) 80 punti, Empoli (4°) 73 punti: differenza 8 punti, si fanno i play off, vista la distanza inferiore a 10. Con quante altre squadre? Con NESSUN ALTRA, perchè il Novara (5°) aveva fatto 64 punti ovvero 16 IN MENO DEL LIVORNO, e quindi risultava fuori dal “perimetro play off” (14 punti). In buona sostanza, l’anno scorso ci sarebbe stata SOLO la finale Empoli-Livorno. Vi pare poco????

    • Straquoto, stavo facendo lo stesso ragionamento. In sostanza se una squadra “salva” i playoff non è giusto che ne godano altre squadre solo per il piazzamento. A chi critica a priori dico di leggersi tutto il regolamento. Non è compicato, è logico!!!!

    • Per la precisione, facendo le varie ipotesi legate all’anno prossimo (magari nella speranza di essere “dentro” a questi conteggi):
      1) prima e fondamentale regola (identica a quella dell’anno passato), i play off si faranno solo e soltanto se fra la 3° e la 4° ci sono non più di 9 punti;
      2) se la 5° arriva a più di 14 punti dalla 2° (come accaduto al Novara l’anno scorso sul Torino), di giocherà solo la finale fra 3°-4°;
      3) se la 5° entra nel perimetro play off (14 punti dalla terza), 4°-5° fanno una semifinale e la vincente sfida la 3° in finale;
      4) se anche la 6° entra nel perimetro dei 14 punti dalla 3°, si effettuano i play off “consueti” con 2 semifinali (3°-6° e 4°-5°) e poi la finale fra le vincenti;
      5) se anche la 7° è nel perimetro, viene fatto un “anticipo” con sfida diretta (no andata e ritorno) 6°-7° (sul campo della sesta) e chi vince (delle due) va alle semifinali con la 3° (andata a e ritorno), ferma la semifinale 4°-5°;
      6) se anche l’8°, infine, risultasse entro i 14 punti dalla 3°, verrebbero fatte due sfide dirette (no andata ritorno) 5°-8° e 6°-7° sui campi delle rispettive migliori classificate e le vincente andrebbero alle semifinali classiche (andata e ritorno) contro la 3° (la vincente di 6°-7°) e contro la 4° (la vincente di 5°-8°).
      E’ più difficile a scriversi (e leggersi) che a capirsi…
      Ripeto, a mio avvio, un’ottima idea!

  2. Anche a me piacciono. E’ un modo per diminuire il numero di partite in cui ci sono squadre senza ambizioni e allo stesso tempo per aiutare chi arriva più in alto in classifica, perchè terza e quarta comunque sono già in semifinale come succedeva prima.

  3. per me è ottimo….c’è da considerare anche il fatto che se la 7 e la 8 se arrivano nel perimetro play off sono comunque svantaggiate nei confronti delle altre rispettando i risultati ottenuti nella regular season

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here