Dopo aver abbandonato, nella parte finale dello scorso campionato, lo storico ritiro pregara (e non solo) dell’”Hotel Alexandra” di Vinci, per migrare verso Artimino, la società azzurra ha deciso di trovare un nuovo ritiro per soggiornare la notte prima del match interno.

 

La dimora stavolta si trova sulle belle colline di Lastra a Signa, e più precisamente la struttura è quella di “Villa Saulina”, un hotel che soprattutto nel periodo estivo trova il piacere di molti turisti stranieri (soprattutto tedeschi ed inglesi) che rimanendo a due passi dalla città di Firenze possono godere di un ottima location per panorama e qualità del soggiorno.

 

Non sappiamo se sarà una scelta definitiva sul medio-lungo periodo o soltanto una cosa passeggera, quello che che ci possiamo augurare è che porti fortuna e con se la prima vittoria stagionale.

 

M. dL.

CONDIVIDI
Articolo precedentePosticipo Serie B | IL Bari gela Varese e strappa un punto importante
Articolo successivoEmpoli Fc – la situazione infermeria
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

15 Commenti

  1. Altro che 4 stelle…
    Non Vi meritate proprio nulla!
    Non solo nessuno Vi rimprovera per lo schifo che fate, ma Vi portano anche in villeggiatura invece che in ritiro punitivo…
    E Ve la darei io una bella pensioncina due stelle dove stare prima delle partite a rivedere a ciclo continuo i vhs dei goal presi in questo campionato…
    Bini e Anconetani, quelli sì che erano tempi… i giocatori se provavano a fare i fenomeni venivano subito zittiti (come fece Silvano con Della Monica…) e se sbagliavano pagavano come un operaio che commette un errore sul lavoro… mentre ora sono tutti per forza sempre buoni e bravi, coccolati e tenuti nella bambagia, perchè, poverini, vanno capiti…

      • Per farne di che della coppa Uefa?
        Per poi farci giocare la primavera?
        Il Bini c’ha portato per la prima volta in serie A, caro il mio “anonimo”, ti pare poco?
        Studiati un pò la nostra storia prima di aprire bocca…
        Mi sa che hai perso un’occasione per stare zitto, ma non importa tanto non hai neppure avuto il coraggio di scrivere un c4zzo di nick qualsiasi…

          • quelli dopo il bini hanno fatto miracoli con la squadra fatta dal bini.

            grazie al bini siamo l’unica squadra toscana che non è MAI FALLITA!

            Grazie Silvano 50 anni di storia e di gloria!

  2. fateli dormire al covo azzurro li non ci piove troppo priveligiati questi fenomeni , bisogna correre fenomeni avete rotto il xxxxx !!!!! romeo – tonelli continuamo con questi 2 si va bene vai !!!!!!

    • E sei parecchio bravo nel contraddittorio, vai, hai argomenti che convincerebbero un muro…
      Poi quanta varietà di idee, di spiegazioni, di vocaboli…
      Hai studiato a Oxford?

  3. E’ risaputo che la verità fa male, e “empolese” c’ha preso in pieno. Cerchiamo, almeno tra noi, di essere obiettivi; i calciatori oggi son stracoccolati, sempre difesi o giustificati. Ai tempi del Bini, pur standomi il personaggio pesantemente sulle paxxe, devo riconoscere che la disciplina era molto ma molto più pretesa, e se non altro, anche se non rendevano, correvano.

    • Commento inutile e retorico.
      A me piace il calcio e mi fanno schifo i giocatori coccolati, divi e smidollati, ma ancora di più i responsabili di tutto questo, dirigenti, procuratori e allenatori, compresi i tifosi come te che come pecoroni vanno dietro ad un ciuffino col gel e gli permettano di sentirsi onnipotenti.
      Guarda un po’ se ora devo cambiare sport perchè me lo dici te… ma datti te all’ippica!

  4. Guarda che ci sono aspirazioni migliori che essere un calciatore caro lino,.ma ancora più che andare a dormire in un albergo a 4 stelle a lastra a signa, non riesco proprio a vedere il nesso tra quello che dice empolese ed il tuo tacciarlo di invidia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here