Fonte: gonews.it

 

Lettera con minacce a Davide Bassi, c’è l’ombra delle scommesse clandestine

Portiere e società azzurra sereni. Subito sporta denuncia a commissariato e procura federale. Coinvolte altre 3 squadre di serie B
13/02/2009 – 15:41
 

Il portiere dell’Empoli Davide Bassi, assieme ad altri tre estremi difensori della serie B italiana, ha ricevuto una lettera anonima con minacce. A rivelare la notizia è il quotidiano ‘La Gazzetta dello Sport’, che nell’edizione di oggi, 13 febbraio, racconta in un articolo l’episodio che, oltre alla società azzurra, coinvolge anche Treviso, Ascoli e Piacenza. Il giocatore ieri si è già rivolto al commissariato di piazza Gramsci a Empoli per chiarire la sua posizione in merito alla vicenda e per sporgere denuncia.

Secondo quanto riportato dalla ‘rosea’, i portieri delle quattro società hanno ricevuto lettere molto simili, tutte con lo stesso intento minatorio. Le società si sono dunque mosse e hanno contattato la Federazione, con il procuratore Stefano Palazzi che ha già avviato le indagini. Anche la magistratura ordinaria, comunque, potrebbe occuparsi della vicenda.

Nella lettera recapitata a Davide Bassi, scritta al computer in un italiano sgrammaticato, si minaccia l’estremo difensore chiedendogli di comportarsi ‘in un certo modo’ nei prossimi incontri. Da qui il tono minatorio: ‘ti seguiamo, ti teniamo d’occhio’, è un po’ il senso della missiva con un chiaro riferimento alle partite future. Dovrebbe esserci anche un riferimento indiretto al match di domani, sabato, contro il Rimini, dove la formazione romagnola è data vincente dalle agenzie di scommesse con una quota di 5.50 a 1. Soltanto oggi il club azzurro, letta la ‘Gazzetta’, è venuta a sapere che anche altre società sono state soggette a minacce a mezzo posta.

Tra i possibili mittenti, dunque, alcuni scommettitori o una vera e propria associazione criminale di scommesse illegali. La società, comunque, è tranquilla come lo stesso portiere e stanno cercando di lasciare la propria concentrazione rivolta al prossimo impegno sportivo.

Del caso, come detto, se ne sta occupando la procura federale che nei prossimi potrebbe inviare ad Empoli uno dei suoi collaboratori per acquisire ulteriori informazioni in merito a questa vicenda.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here