emp_sas (21)Intervistato dalla redazione di Radio Kiss Kiss, l’ex allenatore dell’Empoli Marco Giampaolo ha parlato dei tre calciatori azzurri maggiormente chiaccherati in questo periodo. Avendoli allenati l’anno scorso, il tecnico abruzzese ha parlato di Zielinski, Tonelli e Mario Rui, tre calciatori che per motivi diversi non vestiranno più la maglia dell’Empoli e saranno destinati – o lo sono già, come Tonelli – a squadre di prima fascia.

 

“Zielinski? Ha tante qualità, tecnica, dribbling, conclusione. Mentalmente è un calciatore importante, senza sovrastrutture, è un calciatore forte e nel suo ruolo ce ne sono pochi come lui. Tonelli? Sarri lo conosce meglio di me che lo ha allenato soltanto per un anno. Il suo acquisto è stato mirato, con dietro un pensiero deciso. Mario Rui alla Roma? Questo significa che ho allenato una signora squadra.

CONDIVIDI
Articolo precedentePer Saponara interesse crescente da parte di Milan e Fiorentina
Articolo successivoConosciamo meglio Sestola
Empolese DOC e da sempre tifoso azzurro, è un amante delle tattiche e delle statistiche sportive. Entrato a far parte della redazione di PianetaEmpoli.it nel 2013, ritiene che gli approfondimenti siano fondamentali per un sito calcistico. Cura molte rubriche, tra cui i "Più e Meno" e "Meteore Azzurre.

10 Commenti

  1. Ha ragione se” la combina sempre Rui”, anello debole della difesa azzurra con nessun cross buono all’attivo, è da Roma vuol dire che avevamo una squadra forte ma anche che il calcio italiano è diventato davvero poco…

    • Bè anche a livello di tifosi improvvisati…..non siamo messi male…in certi casi un bel paio di occhiali per vedere meglio e con la giusta misura,le prestazioni dei giocatori azzurri,non dovrebbero mai mancare nel taschino.

    • problemi di memoria Claudio? empoli-napoli 4-2 non la ricordi?quello era edonismo puro unito al risultato, cosa che quest’anno abbiamo visto solo a bologna e a firenze per un tempo…..

  2. Beh, che Mario Rui ha fatto pochi cross è un dato di fatto.
    Se poi sia dipeso da motivi tattici è un’altro discorso

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here