L’avvicinarsi della fine del campionato, inevitabilmente, da luogo alle prime voci, per lo più indiscrezioni, sul mercato estivo che tra non moltissimo inizierà. Nessuno ovviamente ne è esente.

 

Accade quindi che anche mister Aglietti finisce nel mirino dei primi gossippari di mercato, che da Genova, sponda rossoblù, vedono nel suo nome uno dei papabili allenatori per la prossima stagione del Genoa di Preziosi.

Tali voci vorrebbero il tecnico azzurro, assieme ad altri suoi giovani colleghi, in una speciale lista che proprio il presidentissimo genoano starebbe compilando per la scelta del dopo Ballardini in un ottica di ringiovanimento della sua formazione quasi sulla scia dell’Empoli. Va da se quindi, alla stregua di un calcolo matematico, che proprio l’allenatore scelto dall’Empoli per dar vita al nuovo ciclo dalla verde linea, sarebbe un’indiziato principe per dar luogo a quel preciso modello in una città, anche se nell’altra parrocchia, che lo ha visto far bene con i giovani.

 

La domanda, al sentire queste voci è stata una: Ci sono confereme o è davvero gossip da pre-mercato?

 

Già il quotidiano “Il Tirreno” con un pezzo a firma Biuzzi, aveva parlato della situazione, primo indizio certo che proprio bufala non era, ma noi, non contenti, abbiamo in mattinata fatto alcune telefonate a colleghi che seguono da vicino le faccende di casa Genoa, che in coro ci hanno detto che il nome di Aglietti è circolato veramente a Pegli, quartier generale del Grifone.

Ovviamente, lo sottolineamo anche noi, contatti tra le parti non ce ne sono stati e sicuramente la società azzurra, che ha già sotto contratto anche per la prossima stagione Aglietti, qualora dovesse mai arrivare una telefonata, valuterà molto bene se lasciare andare o noi il tecnico, visto che con lui c’è un programma a non breve scadenza per far crescere la squadra, una squadra che in estate non verrà smantellata proprio per quel progetto che sta tanto a cuore soprattutto al presidente azzurro Corsi.

 

Nel frattempo, il diretto interessato, stuzzicato dalle domande della stampa empolese, risponde con una battuta in pieno stile toscano: ” Non mi ha cercato soltanto il Genoa, ma anche Barcellona e Real Madrid, adesso vediamo chi vince la Champions, perchè se non posso fare l’intercontinentale è inutile che mi muova.”

 

Al. Coc.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAtalanta-Empoli: le probabili formazioni
Articolo successivoLa conferenza pregara di mister Aglietti
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

7 Commenti

  1. Questa squadra di giovani in mano ad un allenatore esperto come Cagni sarebbe minimo entrata nei play off.
    Facciamola salvare ad Aglietti, che vada pure al Genoa, e l’anno prossimo torniamo in A con Gigi.
    Tutti contenti
    Tutti felici

  2. magari ce lo portassero via davvero…
    a scanso di equivoci gli spiego anche anche la
    strada:
    superstrada fi-pi-li fino a pisa centro
    poi autostrada tutta diritta fino a genova..
    con divieto assoluto di fermata e inversione di marcia..
    non posso crederci,e’ una delle notizie piu’belle
    degli ultimi tempi..oh mica ssra’ una bufala??
    vada pure sig.aglietti a deliziare i tifosi
    del grifone con il suo calcio spettacolo e
    gli faccia vedere il suo 4-3-3- pieno di spettacolo..

  3. ah dimenticavo,probabilmente se a genova una partita
    tu smetti di giocare a 20 minuti dalla fine rinunciando
    anche a vincere probabilmente non te la fanno passare
    liscia come ad empoli…magari occhio che ti
    addirizzino il ciuffo..

  4. siiiiiiiii! vai al genoa per favore!!! cosi ti levi di torno! non se ne pole piu.. per fare la fine di baldini!!! daidaidai!!

  5. OK tutti daccordo che gli ultimi 20 minuti col Padova hanno demoralizzato anche il tifoso piu’ acceso e anche io non ne sono rimasto immune….però non dimentichiamoci che nel calcio e naturalmente anche ad Empoli i pastrocchi sono sempre esistiti.Chi non ricorda Empoli -Genoa l’anno della promozione alzi la mano….chissa perchè smisero di giocare tutte e due accontentandosi del pareggio(anche se poi servì a tutte e due per andare in serie A.Poi magari si fa tutti i puritani,però mi ricordo un ultima partita in casa con il Cosenza,che dopo lo svantaggio iniziale ando’ a realizzare 2 gol che gli servirono per salvarsi!Oppure il pareggio sempre al Castellani con l’Arezzo,che servì all’Empoli per salire in serie A e all’Arezzo per salvarsi….con Spinesi che sbaglio un colpo di testa davanti alla porta che voleva solo sottintendere:”Io sbaglio il gol però non facciamoci male”.Quindi voglio dire: ci si indigna perchè si smette di giocare col Padova…ma perche’non ci si indigna per aver salvato il Cosenza a scapito di un’altra squadra?Ci si indigna perchè si smette di giocare col Padova….ma perchè non ci si indigna per non aver nemmeno provato a giocare con l’Arezzo?Solo perchè il pareggio ci è servito per andare in A allora va bene salvare l’Arezzo sempre a scapito di un’altra squadra?Il vero problema è che in Italia esiste solo un calcio malato dove gli interessi non vanno a braccetto con la sportivita’e tutto questo sta portando la gente lontano dagli stadi,perchè tu non puoi andare allo stadio,gioire ,patire,stare male magari il lunedi per una sconfitta e poi vedere certe cose in campo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here