Marcello Carli, direttore generale dell’Empoli, prossimo avversario della Lazio nel weekend di campionato. Ai microfoni di Radiosei, il dirigente toscano prosegue con un’analisi sull’ultima prestazione degli uomini di Martusciello:

“Non siamo contenti dell’approccio nella gara di ieri, non è stato da squadra coraggiosa. Voglio vedere undici matti con la voglia e le idee per vincere. Spero che la squadra ha capito che serve coraggio, sia con la Lazio, sia nella prossima con la Juve. Con queste squadre al 90% perdi, però se fai una partita coraggiosa magari la spunti. Se sei troppo timorosa è un atteggiamento che poi paghi anche con le piccole . Se noi aspettiamo sappiamo di rischiare di prendere gol. A me la Lazio piace, due anni fa secondo me era pronta a far parte delle big. Quando giocammo in un Olimpico con 50 mila persone mi è sembrato una squadra fortissima. L’anno scorso poi non c’è stata una crescita, ma si deve essere anche pazzi per crescere. I giovani ogni tanto ti danno qualche delusione, ma le loro soddisfazioni le regalano. Bisogna sempre pensare a un calcio propositivo”.

E sui rapporti con la dirigenza biancoceleste: “Io ho stima di Tare, persona seria e competente. Non conosco Lotito, ma so che ha uno staff importante. Inzaghi è uno moderno, giovane. E’ successo qualcosa tra l’allenatore e la squadra lo scorso anno. Non prendo come alibi il mercato, non è il mio modo di pensare. Se non ci sono i risultati vuol dire che qualcosa all’interno non ha funzionato. Le responsabilità sono di tutti. Roma è un ambiente difficile. Inzaghi per noi? Non abbiamo mai pensato di ingaggiarlo. Quando abbiamo saputo che Giampaolo non sarebbe rimasto, abbiamo puntato subito su Martusciello. Simone è un profilo che stuzzica, come Oddo o De Zerbi, ma la nostra scelta è stata quella giusta. Con Lotito ci ho fatto una chiacchierata qualche anno fa per Hysaj, trattavamo sul prezzo tra i tre e i quattro milioni, Tare ci aveva visto giusto. Ma Lotito in trattativa è un duro. Tutti erano convinti che fosse bravo solo con Sarri, nessuno ci ha puntato veramente, così come Sabatini”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here