All’indomani della brutta sconfitta interna con il Modena (diciannovesimo ko stagionale), ha parlato il DS della società azzurra Marcello Carli, per provare a fare il punto della situazione e guardare al futuro, un futuro da non sbagliare.

ha raccolto le sue dichiarazioni il collega Carlo Salvadori nel pezzo riportato questa mattina da “La Nazione”

 

«La serie B è un patrimonio di tutti — afferma il dirigente dell’Empoli — e abbiamo intatta fiducia di giocarci anche nella prossima stagione».
Siete però caduti in zona play-out dopo le ultime due sconfitte consecutive…
«E’ vero, ma nel turno precedente avevamo battuto la capolista Torino. Il torneo cadetto è questo, non esistono gare scontate e la classifica cambia in modo rilevante da una giornata all’altra».
Inoltre avete perso a Nocera e in casa dal Modena con parecchi rimpianti…
«Lo so bene. Però non servono a darci quei punti che avremmo meritato. Col Modena, dopo aver subito sbloccato il risultato, siamo stati bravi a creare diverse occasioni per il 2-0. Invece abbiamo preso gol sulla loro prima offensiva a pochi istanti dall’intervallo».
Incassare una rete allo scadere del primo tempo è un duro colpo per il morale…
«Sì, ma quest’anno stiamo vivendo una stagione davvero sfortunata. In ogni caso, i ragazzi avevano cominciato la ripresa con la stessa intensità dei primi 45’, visto che Lazzari ha sfiorato la sua doppietta personale».
Al contrario, è stato Cellini a metterla a segno…
«Purtroppo il calcio è talvolta crudele. Però ritengo che avremmo potuto fare qualcosa in più dopo essere andati in svantaggio. Mancavano ancora parecchi minuti al termine, ma non abbiamo forse creduto alla rimonta come avremmo dovuto. E’ così arrivato il terzo gol dei modenesi, anche se viziato da un’evidente scorrettezza su Mchedlidze in avvio dell’azione».
In poco più di un mese gli arbitri hanno pure concesso tre rigori alle vostre avversarie…
«E’ la realtà, ma sarebbe un errore sottolineare certe decisioni poiché rischieremmo di trasmettere una tensione negativa ai nostri giocatori, che hanno invece bisogno di serenità».
All’orizzonte c’è il confronto esterno con una grande quale il Verona…
«Siamo coscienti delle insidie che dovremo affrontare per far punti, ma ricordo che il campionato non finisce venerdì al ‘Bentegodi’».
Dopo, infatti, inizieranno gli scontri diretti…
«Ne avremo quattro consecutivi, in base alla classifica attuale. Ma non restringerei troppo la zona retrocessione: chi adesso pensa di essere già al sicuro potrebbe sempre incappare in qualche passo falso…».

CONDIVIDI
Articolo precedentePrimavera: chi passa e chi va ai play off
Articolo successivoPunti di Svista | " Non vogliamo retrocedere!"
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

10 Commenti

  1. la B è un patrimonio e noi certamente vogliamo restarci. Comunque vada però tu te ne devi andare assieme ad altri dirigenti…in maratona sono in molti convinti del fatto che il disastro stagionale sia solo responsabilità vostra, gente ormai distante da Empoli e dagli empolesi (avete fregato anche i bambini). Forza Empoli fino all’ultimo secondo ma il prossimo anno repulisti di DG DS AD e se anche Corsi (per me sarà sempre il mio presidente) non ha più voglia, a casa anche lui

  2. ha ragione carli,occhio anche ad altre squadre…
    per esempio il cittadella che deve venire al castellani
    all’ultima giornata…

  3. La serie B e’ un potrimonio per empoli, infatti i giocatori devono capire che bisogna sudare per questa maglia, anche noi bisognerebbe fare come gli ultras del genoa.. Invece noi perdiamo e cominciamo ad applaudire….
    Una retrocessione sarebbe un dramma calcistico che si estenderebbe per 30 km…perché per prima cosa andrebbe a puttane tutto il settore giovanile(dove l’Empoli in passato ci ha vinto vinto i campionati) e poi anche persociologa ortive piu’ piccole non avere vicino una grande
    società’ e’ triste la cosa..

    Poi sono convinto che se retrocediamo non faremo la lega pro ma ripartiremo dall’eccellenza o promozione….perché nella situazione che siamo adesso non ce la faremo a contenere una retrocessione…

    Ancora niente e’ finito e per ora il tempo e’ sempre dalla nostra parte perciò svegliamoci e gia’ da Verona facciamo vedere che l’EMPOLI SI MERITA DI STARE IN QUESTO CAMPIONATO!!!!!!

    PER SEMPRE FORZA EMPOLI!!!!
    retrocessione

  4. **per le società sportive**

    E sotto ” PER SEMPRE FORZA EMPOLI” c’e scritto ” retrocessione”, e’ stato un’errore di battitura..

  5. Via tutti, Carli, Vitale, Melis, Cappellini….prendiamo gente giovane, vogliosa e che non appartenga alla schiera degli “amici di” Please!!!

  6. Ma Cappellini non era vostro amico? La verità è che siamo una delle tifoserie più ridicole d’Italia. La squadra e la società saranno anche modeste ma mai quanto la tifoseria. C’è gente in maratona che fischia al primo passaggio sbagliato. Altro che a Zurigo, a Forcoli vi dovevano mandare!

  7. Sono d’accordo anch’io………..co vorrebbe un bel “Beppe Grillo all’Empolese” e mandare a casa chi non ne ha + voglia ed entusiasmo. Vogliamo gente motivata sia in campo che dietro una scrivania……a buon intenditor poche parole!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here