Che quello di Verdi sia ormai un pallino della dirigenza azzurra è cosa assodata, ed adesso più che mai saprebbe di beffa se questa situazione non si dovesse concretizzare.

Le sensazioni e le indiscrezioni, quelle di massima, non sono cambiate rispetto ad ieri, ovvero c’è la convinzione da parte di tutti che il fantasista scuola Milan si vestirà d’azzurro.

 

C’è però un freno Torino.

Proviamo a spiegarci meglio. La società granata non è assolutamente contraria al passaggio di Verdi all’Empoli, anzi il colloquio avuto con la dirigenza azzurra è stato decisamente proficuo per ambo le parti. Il nodo, semmai, è con il Milan, dove ci sarebbe, ad oggi, una differenza importante di valutazione su quello che dovrà essere il premio valorizzazione da corrispondere all’Empoli, società che prenderebbe in prestito secco il giocatore.

Ma non è propriamente tutto.

 

Sempre il Torino, stando ad alcune indiscrezioni che ci sono arrivate nella serata di ieri, starebbe parlando anche con la Juve Stabia, club in cui Verdi ha militato nella seconda parte della scorsa stagione. Le “vespe” vorrebbero ripartire dal pavese classe ’82 per la prossima stagione con Braglia che ha richiesto personalmente la pedina.

Tra i campani ed i piemontesi c’è un canale preferenziale, un po’ come succede tra azzurri e rossoneri, e da Castellamare starebbero facendo pressione verso la società del Presidente Cairo per riavere ancora in prestito Verdi. Il Torino, riferendoci sempre a quelle che sono le nostre informazioni, avrebbe fatto presente della trattativa avviata con l’Empoli ma starebbe però pensandoci.

 

Adesso dovrà essere il Milan, sollecitato da Empoli e dal procuratore del giocatore, a cercare di “forzare” la mano verso i granata, dando una netta accelerata alla cosa che dovrebbe essere, ottimisticamente, chiusa entra la fine di questa settimana.

La volontà di Empoli e Milan è di presentare il ragazzo giovedì 11 in occasione del raduno azzurro, senza protrarre quella che potrebbe diventare una telenovela.

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedenteTV | Con Davide Moro…
Articolo successivoSignorelli, quale futuro…
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

17 Commenti

  1. quando si stanno giorni e giorni a rincorrere
    un giocatore che arriverebbe in prestito secco
    le sensazioni non sono troppo buone…
    ma che veramente sia la nuova stella del
    calcio mondiale???

  2. Neanche fosse pele….io lascerei stare e punterei tutto su ciano che all occorrenza puo fare la second punta… Poi altri nomi buoni falco e correa del bassano… Cmq gasparroni che si aspetta a pre.derlo?! E un grande giocatore….

  3. Considerato che con giocherebbe titolare e che, sia il Milan, che il Toro, guadagnerebbero da questo utilizzo in prestito secco, almeno un premio di valorizzazione “cospicuo” x noi dovrebbe esserci…
    Se per loro non va bene, che si tengano questo “fenomeno” o lo girino alle vespe, alle api, ai tafani… o chi meglio credono…
    Della serie “se viene bene, altrimenti si sopravvive anche senza Verdi (chi?)”

  4. allora prima il problema è il premio di valorizzazione, ora invece è il torino che lo vuol dare alla juvestabia..
    ma che ci pigliano per il cul.o?

  5. Arriverà,stiamo tranquilli.Se non dovesse arrivare,ce ne faremmo comunque una ragione.Per il discorso Gasbarroni,gente ragionamoci su,se serve per la panchina e/o alternativa a Verdi ci può stare.Titolare fisso in un campionato di 42 gare,con 3 partite,spesso,in una settimana,la vedo alquanto difficile,considerando anche i nostri due beneamati punteros hanno già 34 anni.Un terzetto d’attacco titolare tutto ultratrentenne non può andare.

  6. sono troppi giorni che ne parliamo, non viene più facciamoci la bocca e cerchiamo atternative valide.che non si ripeta la storia di olivera. puntiamo su gasbarroni.
    ma forestieri che fine ha fatto?

  7. meno male che boniperti non ha mai giocato con la nostra casacca indosso..che schifo sarebbe stato vedere cotanta gobbaggine in maglia azzurra..

    pero’ verdi e viola mi piacciono (a parte il nome di quest ultimo)..

  8. dice bene ighli, anche se non lo manderanno mai visti gli ultimi affari fatti con la juve e forse abbiamo bisogno di qualcuno anche più maturo e che ogni 3×2 non sia in nazionale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here