carli accardiIl mercato in entrata dell’Empoli vede ancora un solo nome ufficiale, ovvero quello di Pasqual che si è svincolato con la Fiorentina ma, questo va detto, negli ultimi giorni sono successe diverse cose che hanno smosso in maniera netta questo specifico capitolo. Sicuramente lo standby dettato dalla coppia di giocatori del Pescara non ha aiutato (anche nella stessa Pescara erano arrivati all’insofferenza) ed il passaggio definitivo di Lapadula al Milan è il primo mattoncino del domino che va giù. Andiamo pero’ con ordine.

 

In porta i giochi sono ormai fatti anche se si aspetta che venga data l’ufficialità della conferma del prestito di Skorupski. In difesa invece ci sono invece due grandi novità, la prima è quella che l’Empoli ha trovato anche il vice di Pasqual, ovvero Federico Dimarco che è di proprietà dell’Inter ma nella passata stagione ha vestito i colori dell’Ascoli. Arriverà la settimana prossima con la formula del prestito con diritto di riscatto a nostro favore. Perdono invece di consistenza le quotazioni di Bellusci, questo perchè il Leeds di Cellino non vuole scendere di un euro dalla valutazione fatta ed anche perchè l’ingaggio del giocatore, se non limato, non puo’ essere in linea con quelli dell’Empoli. Si cercando almeno due centrali di difesa (da capire bene il futuro di Barba) con il nome di Gagliolo che resta buono ma con anche quello del romanista Gyomberg e dello juventino Magnusson.

 

In mezzo al campo bisogna registrare intanto il riscatto di Buchel, e poi che Tello e Pereira sono ai dettagli e verranno consegnati a Martusciello per il ritiro. C’è sempre grande attenzione per Ionita che pero’ dovrà essere acquistato dal Napoli per poi averlo in prestito, ovviamente anche il nome di Crisetig è tra i papabili mentre salutiamo Cristante che esce dalla lista perchè dovrebbe andare a Pescara. Capitolo trequarti: L’Empoli si è stancato di aspettare Caprari ed in fondo è ormai chiaro a tutti che le possibilità di vederlo in azzurro erano pochissime con il giocatore che alla fine resterà a Pescara via Napoli, allora il nome su cui andare con tutta la forza è quello di Falletti della Ternana con uno sguardo anche a Coronado del Trapani che però è il piano B del piano B.

In attacco c’è un nome chiaro e nitido, quello di Kevin Lasagna. Dovrebbe essere lui il giocatore che arriverà per dare una grande mano in attacco, mettendosi a disposizione anche di una gerarchia netta ma con la consapevolezza di avere una discreta alternativa a Maccarone. Le alternative sono i soliti Petkovic e Dionisi.

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedenteNews mercato serie A
Articolo successivoMercato Azzurro | Per Dimarco riscatto a favore ma contoriscatto per l’Inter
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

23 Commenti

  1. Articolo molto interessante…solo alcune annotazioni: è “standby”, non “standbye”; si scrive Pereira e non Pereyra; il nome corretto è Gyomber e non Gyomberg; ovvero è usato impropriamente…sarebbe corretto in quel contesto “cioè” oppure “ossia”

  2. Dal momento che Pianetaempoli.it è un sito che sta avendo sempre maggiore visibilità a livello nazionale sarebbe opportuna una maggiore attenzione nella stesura degli articoli…lo dico solo perché adoro il lavoro della Redazione e gradirei che fosse impeccabile o quasi

  3. Son curioso di sapere che cosa succedendo e succederà a livello giovanile, ultimamente gli scricchiolii e panchine saltate, come se si fosse aperta una polveriera.

    L’ambiente è sempre stato il punto di forza. Continuiamo a fare a modino.
    Per il bene di tutti.

    Non vorrei si realizzasse quello che ho in mente da ieri.

    Marcello consegna la squadra per il ritiro con gli acquisti che arriveranno tutti insieme o molto ravvicinati (ma questo sarebbe un bene) e poi con Accardi già ds, Carli se ne andrà.

    Spero tanto che sia stato un brutto sogno.

  4. I miei messaggi sono indirizzati al Cocchi, al Guastella, al Raffi e a tutti i componenti dello staff di Pianetaempoli che quotidianamente pubblicano, svolgendo un lavoro encomiabile, articoli indispensabili per chi vuole rimanere costantemente aggiornato su tutto ciò che riguarda l’Empoli F.c. …gli errori nello scrivere nomi (soprattutto di giocatori stranieri) sono indubbiamente dettati dalla distrazione o dalla fretta di postare la notizia (non sono questi quelli che mi fanno storcere il naso)…però alla decima volta che vedo scritto “Standbye” mi sorge il pensiero che l’autore dell’articolo non sappia davvero che quella forma è grammaticalmente sbagliata…non faccio né parte dell’Accademia della Crusca né sono un professore di lingua italiana o inglese, ma semplicemente un appassionato visitatore di questo sito che si sente semplicemente di dare un consiglio a chi lo gestisce per migliorare ulteriormente….se poi voi volete continuare, nelle vostre vite quotidiane, a dire “ma però”, “a me mi”…beh, fate pure

    • E secondo te è peggio dire *a me mi* e *ma però*, così come *mentre invece* che scrivere in inglese (maccheronico o no quel è l’importanza)? Le forme che contesti sono semplici rafforzamenti della frase, *mentre invece* si dovrebbe scrivere in italiano, pur se i termini inglesi sono di gran moda. Ma nella lingua la cosa peggiore, secondo me, è *l’abuso* delle parole straniere, ma anche italiane, quando sono ripetute di continuo. Ad es. *prospetto* *profilo* *pazzesco* *mollare* etc. Altrimenti perché si dovrebbe dire che la lingua italiana è una delle più belle, perché ha tanti sinonimi?
      P.S. Un discorso a parte, meritano gli accenti sui monosillabi, prima di metterli pensate un po’ a come si leggono senza il segno grafico in più? Sia detto per inciso che le note musicali non formano doppioni e infatti nessuno scrive a me *mi* con l’accento*, mentre in molti scrivono *fà* *dò* e non *sò* che altro. 😀

  5. …..a me dell’errori grammatiali un me ne frega nulla, un ci fo manco caso.
    Importante che qlcn s’interessi di pubblicare notizie sull’Empoli forse vi siete dimenticati degli anni che noi tifosi nn avevamo fonti è un si sapeva mai nulla.
    Trovate sempre qlcs da criticare

  6. Sono d”accordo con Francesco : se PE vuole crescere certi errori devono essere evitati. Questo senza nulla togliere allo splendido lavoro che fanno questi ragazzi, che seguo tutti i giorni. Per la passione e la competenza devono solo essere ringraziati, ma proprio per questo riempire gli articoli di errori diventa un vero peccato. Non vi arrabbiate per questo, prendetelo per quello che è : un consiglio da chi vi vuole bene e che, in ogni caso, continuerá a seguirvi

  7. David te puoi pure soprassedere…ognuno attribuisce importanza a ciò che vuole…Pianetaempoli non è più un sito dove un manipolo di persone con l’Empoli nel cuore scrive per un pubblico di qualche centinaio di lettori…si sta notevolmente ingrandendo…vedasi la collaborazione stretta (e ufficiale) con l’Empoli f.c. nel recente passato, il legame con Antenna 5 da cui è scaturito da ultimo il programma Penalty, il rapporto con la Gazzetta dello Sport di cui presto sapremo di più immagino…senza contare il fatto che, da un lato, i membri della Redazione di PE si relazionano ormai da tempo con quelli di testate giornalistiche che si occupano altre squadre e, dall’altro, che gli articoli dei vari Cocchi, Guastella, Raffi, Galli ecc. vengono sempre più spesso ripresi da altri siti specializzati (anche aventi risonanza nazionale)…è forse un crimine consigliare (e ripeto, non lo farei se non apprezzassi tantissimo il lavoro di PE) una maggiore attenzione nella scrittura e nel confezionamento delle news?

  8. Frenzis mi pare manchi il “di” tra occupano e altre squadre….sono in ansia! Mi auguro sia solo
    una dimenticanza!!!

  9. che si occupano DI altre squadre.. Mio caro il professorone Francesco. Non contestare se poi fai gli stessi errori per postare velocemente le tue risposte

  10. Sono d’accordo con Francesco: se ogni tanto si legge un intervento pensato e scritto in modo civile, come fa lui, non si può rispondere in vernacolo: ” a me un mene frega nulla!” (tra l’altro chi scrive così non sa che ” un” è scritto male).

    • Secondo me ti sbagli, perché il toscano è un dialetto che si può anche scrivere, dipende dai contesti e, anzi talvolta è più efficace/ironico dell’italiano. Quello che mi sembra sempre sbagliato è usare la lingua di altri e, peggio ancora, il turpiloquio. Entrambi non sono mai necessari, ma è solo un voler far sapere agli altri che siamo moderni. 🙁

  11. ve lo ridico a presa di ‘ulo:

    …..a me dell’errori grammatiali un me ne frega nulla, un ci fo manco caso.

    ….perché vu siete super-intenditori, super-professori e mega-criticoni e direi anche i primi caldi vi danno a i’capo.

    Ve la voglio di’ tutta, vu mi fate caa’

  12. Al di là degli errori grammaticali…io dico: ma un’operazione senza l’aiuto di una grande si puo’ fare? Se piace Bellusci ma un’offerta che si avvicini a quanto chiede il Leeds si puo’ fare? Anche perche’ a Pescara parlavano bene di Cosic, ma che era dall’infortunio facile e quindi ci voglion 4 titolari in difesa e poi a 2 settimane dal ritiro andrebbe chiarita la questione con Barba…Sul portiere io non sarei così sicuro: se non annunciano il rinnovo vuol dire che proprio scontato non e’!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here